Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Exodus
Persona Non Grata
Demo

Wolfmother
Rock Out
CERCA
RICERCA RECENSIONI
PER GENERE
PER ANNO
PER FASCIA DI VOTO
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

01/12/21
DIABLATION
Allégeance

03/12/21
UNANIMATED
Victory in Blood

03/12/21
AQUILUS
Griseus (Reissue)

03/12/21
WOLFTOOTH
Blood & Iron

03/12/21
YE BANISHED PRIVATEERS
A Pirate Stole My Christmas

03/12/21
GREEN CARNATION
The Acoustic Verses (Remaster 2021)

03/12/21
AINULINDALE
Dagor-nuin-Giliath (EP)

03/12/21
GENOCIDE PACT
Genocide Pact

03/12/21
FAILURE
Wild Type Droid

03/12/21
ARCTIC PLATEAU
Songs of Shame

CONCERTI

01/12/21
VOLBEAT - Servant of the Mind Release Party
HEADBANGERS CLUB - MILANO

02/12/21
NANOWAR OF STEEL
ALTERNATIVE MUSIC CLUB - MONTENERO DI BISACCIA (CB)

03/12/21
NIGHTWISH + AMORPHIS + TURMION KATILOT (RINVIATO)
LORENZINI DISTRICT - MILANO

03/12/21
NANOWAR OF STEEL
GARAGE SOUND MUSIC CLUB - BARI

03/12/21
BATUSHKA + BELPHEGOR + GUESTS
REVOLVER CLUB - SAN DONÀ DI PIAVE (VE)

03/12/21
PINO SCOTTO + THE GLAMOUR
SHERATAN LIVE CLUB - CARPI (MO)

04/12/21
THY ART IS MURDER + MALEVOLENCE + KING 810 + ALPHA WOLF + ORBIT CULTURE
LARGO VENUE - ROMA

04/12/21
NANOWAR OF STEEL
MOOD SOCIAL CLUB - RENDE (CS)

05/12/21
ARCHGOAT + WHOREDOM RIFE + THEOTOXIN (POSTICIPATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

05/12/21
BEAST IN BLACK + MISTER MISERY + NESTRUCTION (CANCELLATO)
ALCATRAZ - MILANO

Witchcraft - Witchcraft
( 3230 letture )
Nel 2004 il primo album omonimo dei Witchcraft fu un fulmine a ciel sereno per gli amanti delle sonorità squisitamente retrò.
Il progetto era nato quattro anni prima dalla mente visionaria di Magnus Pelander, che ingolosito dalla voglia di omaggiare i suoi beniamini di sempre, Roky Erickson e Bobby Liebling dei Pentagram, arrivò a pubblicare il singolo No Angel Or Demon nel 2002. Un anno dopo i nostri, spronati dal responso crescente del pubblico, che accorreva sempre più numeroso ai loro concerti, decisero di dare un seguito a quel singolo e si misero all'opera su quello che oggi possiamo definire senza ombra di dubbio il miglior album della pur giovane carriera di questi ragazzi svedesi.
Chi poteva reclutarli se non il funambolico Lee Dorrian e la sua Rise Above Records? C'era da aspettarselo visto che il buon Lee oramai ha le mani in pasta su tutto ciò che di buono si muove tra i rami del doom; un'accoppiata vincente che ha dato i suoi frutti per tre dei quattro ottimi album partoriti dalla fiorente mente di Magnus, visto che il quarto è uscito per la Nuclear Blast, facendo registrare anche un cambio di rotta repentino all'interno di un impalcatura sonora che i fans di vecchia data amavano così com'era.
Witchcraft è un album fantastico, registrato in uno scantinato con strumenti esclusivamente vintage, al fine di ricreare un'atmosfera che sembrava perduta nelle pieghe degli anni settanta, ma che i nostri riescono a far rivivere grazie a canzoni che ruotano attorno al proto doom dei Pentagram e dei Black Sabbath (The Snake, Lady Winter, Your Bury, Your Head, con tanto di pennate sabbathiane), abbracciando il classico retro rock (Please Don't Forget Me, Schyssta Lögner) e soprattutto la psichedelia e il folk rock di chiara estrazione nordica (la conclusiva e stupenda Her Sisters They Were Week ne è l'esempio più lampante).
Insomma un caleidoscopio di suoni e sensazioni, da lasciar stordite le migliori band degli anni ‘70, accompagnato da interpreti eccezionali quali il batterista Jonas Arnesen, Mats Arnesen al basso, e soprattutto accompagnato dal grande amico John Hoyles, che lascerà la band nel 2012, Magnus ha scritto una delle pagine più intense, vere e fondamentali dell'intero movimento retro rock che tanto spopolerà nella successiva decade.
La proposta dei Witchcraft è stata, e si spera sarà, una delle più autentiche nell'ambito, tanto da far gridare quasi allo scandalo anche i fan più legati alle frange del metal, quando nel 2012 la band uscì con un lavoro privato dei suoi tanti orpelli, per favorire una fruizione sì più potente, ma al contempo più lineare e scontata, ma decretando sicuramente un ringiovanimento del suono che alla lunga avrebbe potuto risultare stantio. Insomma i due lati della medaglia, che forse non accontenteranno tutti, ma che sicuramente ci fanno capire che siamo dinanzi ad una band sublime, e ad un lavoro scritto con la testa, ma soprattutto col cuore, e oggigiorno -credetemi- è cosa rara. Sorretti ottimamente dal loro timoniere, se non l'avete ancora fatto andatevi ad ascoltare il suo album solista A Sinner's Child, i Witchcraft sono questo e tanto altro ancora, andatevi ad ascoltare, o semplicemente a riscoprire la bellezza di questo lavoro, un caposaldo del rock vintage, un caposaldo per gli anni a venire.



VOTO RECENSORE
90
VOTO LETTORI
90.2 su 5 voti [ VOTA]
duke
Giovedì 22 Agosto 2019, 22.08.32
4
...disco spettacolare......dal gusto vintage.....
Rob Fleming
Domenica 21 Febbraio 2016, 17.26.00
3
Ho solo questo cd e mi è sempre piaciuto moltissimo
simo
Martedì 28 Luglio 2015, 22.23.12
2
Non vale con questo gruppo sei di parte emiliano
InvictuSteele
Martedì 28 Luglio 2015, 20.53.28
1
Incredibile!
INFORMAZIONI
2004
Rise Above
Doom
Tracklist
1. Witchcraft
2. The Snake
3. Please Don't Forget Me
4. Lady Winter
5. What I Am
6. Schyssta Lögner
7. No Angel Or Demon
8. I Want You To Know
9. It’s So Easy
10. You Bury Your Head
11. Her Sisters They Were Weak
Line Up
Magnus Pelander (Chitarra, Voce)
John Hoyles (Chitarra)
Mats Arnesen (Basso)
Jonas Arnesen (Batteria)
 
RECENSIONI
87
85
80
90
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]