Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Paradise Lost
Obsidian
Demo

Black Pestilence
Hail the Flesh
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

06/06/20
KULT MOGIL
Torn Away the Remains of Dasein

08/06/20
DIVINE WEEP
The Omega Man

12/06/20
MICHAEL ANGELO BATIO
More Machine than Man

12/06/20
VEGA
Grit Your Teeth

12/06/20
STINKY
Of Lost Things

12/06/20
VALDRIN
Effigy of Nightmares

12/06/20
THE OTHER
Haunted

12/06/20
BPMD
American Made

12/06/20
ELM
The Wait

12/06/20
VISION DIVINE
Send Me an Angel (ristampa)

CONCERTI

09/06/20
PERIPHERY (ANNULLATO)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

10/06/20
IN.FEST
CIRCOLO MAGNOLIA - MILANO

12/06/20
SYSTEM OF A DOWN + KORN + GUESTS TBA (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

12/06/20
GUNS N` ROSES + GUESTS TBA (ANNULLATO)
FIRENZE ROCKS - VISARNO ARENA (FIRENZE)

13/06/20
AEROSMITH + GUESTS (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

16/06/20
STEEL PANTHER + THE WILD (SOSPESO)
ALCATRAZ - MILANO

16/06/20
DEATHLESS LEGACY
CRAZY BULL - GENOVA

17/06/20
SOCIAL DISTORTION + GUEST TBA
CARROPONTE - SESTO SAN GIOVANNI (MI)

18/06/20
GLORYHAMMER
ALPEN FLAIR - BOLZANO

21/06/20
INFECTED RAIN + ANKOR + TBA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Ashbringer - Vacant
( 1910 letture )
Registrato tra il 2013 e il 2014, Vacant è il primo full-length degli Ashbringer, band del diciottenne statunitense Nick Stranger. Il tutto ha origine nel Minnesota, che, grazie alla sua sconfinata natura, ha ispirato la musica e le tematiche di questo giovane progetto musicale. Sicuramente (guardando anche l'artwork) avrete già colto il genere trattato da questo disco: si tratta appunto di atmospheric black metal con una spiccata vena folkloristica e con un discreto gusto per l'epicità. La qui presente edizione è distribuita dalla nostrana Avantgarde Music, label che ultimamente non si lascia sfuggire queste chicche underground che sarebbero probabilmente rimaste sconosciute per più tempo rispetto al dovuto, infatti non credo che la Primal Relic Records (indipendente e con solamente un paio di release all'attivo) sarebbe riuscita a regalare il giusto seguito agli Ashbringer.

Un'altra cosa che colpisce oltre alla giovane età del fondatore del gruppo è anche il fatto che svolge letteralmente il lavoro di tuttofare, infatti si occupa della totalità degli strumenti e soprattutto è artefice di altre fasi della costruzione del disco, come ad esempio il mixing, il mastering e la registrazione stessa. Non a caso la produzione non è completamente perfetta, anche se per il genere trattato e per le sensazioni che gli Ashbringer, vogliono trasmettere il risultato è ottimo, nonostante durante il corso di Vacant si noti qualche lieve errore. A volte può sembrare che la batteria perda di definizione durante gli attimi più concitati, oppure il basso non riesca a trovare la sua esatta posizione all'interno del brano, ma nel complesso si tratta di fattori che intaccano veramente poco la valutazione finale dell’opera.

La musica è affascinante all’ascolto, in particolare è da apprezzare il modo in cui tutte le diverse influenze musicali combacino tra di loro. Traccia dopo traccia osserviamo una continua diversificazione del sound, ovviamente l’elemento portante è sempre costituito dal black metal, ma ogni volta c’è qualcosa di diverso ad accompagnarlo: che si tratti di post-metal, di viking, folk o ambient il tutto è ben strutturato e rende le canzoni varie e per nulla noiose. L’ambient è probabilmente uno dei fattori più importante di Vacant, grazie anche al fatto che non viene utilizzato a sproposito e senza che ce ne sia il motivo. L’atmosfera è sempre carica di qualunque sensazione e stato d’animo stia vivendo il brano: epico, drammatico o naturalistico non fa differenza, ogni elemento (voce e melodie in primis) svolgono il proprio lavoro in maniera impeccabile. Le incursione acustiche sono ben dosate e sono funzionali allo sviluppo delle tracce, non ci troveremo infatti di fronte a degli interminabili stalli di chitarra acustica che ci invitano solamente a passare al pezzo successivo. Nick, oltre ad avere gusti decisamente buoni per quanto riguarda le soluzioni musicali, dimostra anche di essere un valido cantante: lo scream è disperato e pungente al punto giusto, mentre le parti in pulito (a volte corali) costituiscono quel piccolo dettaglio in grado di alzare di molto il livello di un brano (ascoltare With Vacant Eyes per credere). Lo stile adottato dagli Ashbringer, non mi consente di rilevare grandi differenze qualitative tra una canzone e l’altra (probabilmente la conclusiva Bitter è la migliore del platter), ma questo non è assolutamente un problema, dato che tutti i quaranta minuti che costituiscono Vacant sono di alto livello e non c’è assolutamente bisogno di una composizione che spicchi sulle altre.

In definitiva il progetto Ashbringer, merito senza alcun dubbio di essere seguito con grande attenzione. Il disco è di qualità, la musica è raffinata e ha ampie possibilità di crescere e migliorare. Non nego che ogni tanto si sentano alcune imperfezioni che mi ricordano che sto ascoltando un debutto, ma si tratta comunque di momenti sporadici e abbastanza irrilevanti se consideriamo la totalità dell’album. Inutile dire che se apprezzate il black metal atmosferico dovete assolutamente dare una chance a questo gruppo.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
84.28 su 7 voti [ VOTA]
Poss
Lunedì 3 Agosto 2015, 15.18.50
2
Ottimo disco
Remy
Domenica 2 Agosto 2015, 23.36.38
1
L'Avantgarde é sempre la numero uno.
INFORMAZIONI
2015
Avantgarde Music
Black
Tracklist
1. Ethereal Aura Pt. I
2. Ethereal Aura Pt. II
3. Lucid
4. With Vacant Eyes
5. Lonesome
6. Bitter
Line Up
Nick Stranger (voce, tutti gli strumenti)
 
RECENSIONI
80
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]