Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Armored Saint
Punching the Sky
Demo

Lazy Legs
Moth Mother
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/10/20
THEM
Return to Hemmersmoor

30/10/20
AUTOPSY
Live in Chicago

30/10/20
ENGST
Schone Neue Welt

30/10/20
YES
The Royal Affair Tour - Live From Las Vegas

30/10/20
NUCLEAR POWER TRIO
A Clear and Present Rager

30/10/20
STORMBRINGER
Stealer of Souls

30/10/20
LIKE MOTHS TO FLAMES
No Eternity in Gold

30/10/20
ANTZAAT
For You Men Who Gaze Into the Sun

30/10/20
WILDNESS
Ultimate Demise

30/10/20
THE FLOWER KINGS
Islands

CONCERTI

30/10/20
ULVEDHARR + GUESTS
DRUSO - RANICA (BG)

30/10/20
OTTONE PESANTE
INK CLUB - BERGAMO

30/10/20
HELLUCINATION + NEBULAE
TRAFFIC CLUB - ROMA

31/10/20
DEATHLESS LEGACY + DAMNATION GALLERY
CRAZY BULL CAFE' - GENOVA

31/10/20
OTTONE PESANTE
IL CASTELLO - PARMA

31/10/20
CLAUDIO SIMONETTI`S GOBLIN + VICOLO INFERNO
LOCOMOTIV CLUB - BOLOGNA

02/11/20
SCOTT STAPP
NEW AGE CLUB - RONCADE (TV)

03/11/20
FIT FOR A KING + GUESTS
CIRCOLO SVOLTA - MILANO

04/11/20
W.A.S.P. (CANCELLATO)
HALL - PADOVA

05/11/20
W.A.S.P. (CANCELLATO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

DevilDriver - DevilDriver
( 2666 letture )
Accantonato il progetto Coal Chamber il cantante Dez Fafara decide di mettere in piedi una nuova band, dal sound più violento e aggressivo rispetto a quello proposto fino ad allora: nel 2002 quindi forma i Deathride, moniker che abbandonerà presto in favore del definitivo DevilDriver (nome suggeritogli dalla moglie, la quale pare prese spunto da un libro che trattava di stregoneria), mentre per il logo ci si rifece alla Croce della Confusione, rimanendo dunque anche qui nel campo dell'occulto. Si sa, quando il leader di una band ne forma un'altra spesso questa risulta una simil-fotocopia sbiadita della precedente, ponendo dubbi sulla sua effettiva "utilità" ma fortunatamente non fu questo il caso dei DevilDriver: intendiamoci, paradossalmente questo debutto è forse il disco che presenta più analogie con il gruppo precedente (lo stile si affinerà già dal secondo album) ma comunque Dez dimostra di voler prendere una direzione diversa rispetto al passato. Innanzitutto la formula musicale prevede un miscuglio di sonorità nu-metal con il più pesante post thrash, conditi da un'attitudine groove che si palesa chiaramente nelle tracce del platter pur rimanendo in qualche modo quasi latente.

Chiaramente non si tratta di un nuovo genere, si arrivava da anni in cui persino i thrasher più oltranzisti avevano sperimentato un sound in certa maniera maggiormente moderno e spesso con risultati non troppo soddisfacenti; in ogni caso la velocità prende il posto dei ritmi cadenzati, le chitarre intessono un muro sonoro compatto e monolitico con pochissime concessioni agli assoli -qualcosa si può trovare in Meet the Wretched-, la batteria viaggia di doppia cassa a rotazione anche se ogni tanto fa la sua comparsa qualche ripartenza con cambio di ritmo (Swinging the Dead), mentre la produzione non mette mai il basso di Jon Miller troppo in evidenza, sommerso dalle chitarre del duo Kendrick/Pitts. Come accennato la componente nu-metal non viene del tutto abbandonata e così capita che nella tracklist ci si imbatta in canzoni che ne abbiano ereditato l'essenza, come ad esempio Knee Deep e Devil's Son; di contro non mancano esempi di composizioni più dure ispirate al thrash e al groove, come il riffing di Cry for Me Sky (Eulogy of the Scorned) dimostra ampiamente.
Ovviamente per accompagnare queste sonorità Fafara si presenta con uno stile differente rispetto a quello che aveva nei Coal Chamber: il singer stravolge completamente il suo modo di cantare con un vocalismo abrasivo e schizzato che però appare ancora un po' acerbo rispetto a quello che adotterà in futuro, riuscendo ad essere maggiormente incisivo e convincente col trascorrere del tempo; ciononostante non si può certo dire che manchi di aggressività nemmeno in questo album (vedasi The Mountain tanto per citare un esempio).
DevilDriver mostra però anche alcuni limiti strutturali: le canzoni sono composte da linee piuttosto semplici e quindi poco articolate, spesso ripetitive così come i riff chitarristici, i quali non presentano mai particolari picchi (seppur non piatto anche il drumming, date le capacità di Boecklin, avrebbe potuto essere maggiormente valorizzato) e lo stesso si può dire per i testi, volti per lo più a dichiarare l'ostilità di Dez nei confronti del prossimo, se non verso il mondo intero. Insomma non siamo di fronte a un full length che straborda di originalità, ma tra i suoi solchi possiamo scorgere il seme di ciò che sarà in futuro.

Non un esordio epocale, quindi, il vero potenziale della band verrà svelato col successivo The Fury of Our Maker's Hand -forse il miglior lavoro dei californiani- e via via confermato dagli album che seguiranno, ma questo debutto va visto più come l'incipit di una nuova vita artistica per Dez Fafara che non come un'opera seminale in senso assoluto. Qui i DevilDriver, con questo stile piuttosto grezzo, sembrano ancora alla ricerca della propria strada e -fortunatamente- la troveranno come detto già dal prossimo album; il meglio deve ancora arrivare.



VOTO RECENSORE
70
VOTO LETTORI
82.42 su 7 voti [ VOTA]
Acasualdjebtleman
Domenica 22 Ottobre 2017, 22.30.34
7
comunque questo é un gran bel disco.
Acasualdjebtleman
Domenica 22 Ottobre 2017, 22.29.24
6
mah leggo i commenti e mi viene da chiede come si fa a definirli deathcore, io sinceramente di deathcore non ci sento nulla sento solo tanto groove/trash e melodeath.
Havismat
Martedì 27 Giugno 2017, 19.02.34
5
Li seguo da quando è uscito questo disco e, ad eccezione dell'ultimo (Trust No One) non mi hanno mai deluso. Non entreranno mai negli annali della musica, ma li adoro, perché hanno un groove eccezionale ed un cantante fantastico, almeno per me.
manaroth85
Sabato 7 Maggio 2016, 21.00.00
4
Grandissimi! Ottimo disco!mitico dez non smetterò mai di dirlo! Voto 85
Ad astra
Mercoledì 12 Agosto 2015, 16.37.53
3
Bene o male...comprati rivenduti e tenuti li ho avuti tutti... Ma ad oggi the last kind words lo reputo il sigillo... Leggermente sotto pray For villains.. Negli ultimi anni si sono adagiati facendo album fotocopia...il primo,questo, ha ancora troppo coal chamber in certi passaggi.ma risulta sempre una spanna sopra le miriadi di band usa e getta del periodo. Concordo nel giudizio.
Metal Maniac
Sabato 8 Agosto 2015, 14.39.52
2
sostanzialmente d'accordo su tutto, il meglio del gruppo verrà con l'album successivo... in questo a parte le prime 3 canzoni assassine ci sono ancora le influenze nu metal dei coal chamber, ancora non sapevano bene che strada seguire... sul genere però io più che metalcore li definirei deathcore, mi sembra più azzeccato...
Blacksoul
Sabato 8 Agosto 2015, 10.27.40
1
Quando vedo che recensite un disco metal-core, posso stare tranquillo che salvo qualche eccezione non si andrà oltre il 70
INFORMAZIONI
2003
Roadrunner Records
Death Core
Tracklist
1. Nothing's Wrong?
2. I Could Care Less
3. Die (And Die Now)
4. I Dreamed I Died
5. Cry for Me Sky (Eulogy of the Scorned)
6. The Mountain
7. Knee Deep
8. What Does It Take (To be a Man)
9. Swinging the Dead
10. Revelation Machine
11. Meet the Wretched
12. Devil's Son
Line Up
Dez Fafara (Voce)
Jeff Kendrick (Chitarra)
Evan Pitts (Chitarra)
Jon Miller (Basso)
John Boecklin (Batteria)

Musicista Ospite:
Mike Doling (Chitarra nella traccia 12)
 
RECENSIONI
74
74
75
80
80
83
70
ARTICOLI
02/03/2013
Live Report
CANNIBAL CORPSE + DEVILDRIVER + THE BLACK DAHLIA MURDER + HOUR OF PENANCE
Alcatraz, Milano, 26/02/2013
20/01/2012
Live Report
MACHINE HEAD + BRING ME THE HORIZON + DEVILDRIVER + DARKEST HOUR
Alcatraz, Milano, 13/11/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]