Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Esoteric
A Pyrrhic Existence
Demo

Prysma
Closer To Utopia
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

11/12/19
THE RIVER
Vessels into White Tides

12/12/19
ALASTOR
Šumava

13/12/19
NIGHTBEARER
Tales of Sorcery and Death

13/12/19
HORRIFIED
Sentinel

13/12/19
VOLTUMNA
Ciclope

13/12/19
SATYRICON
Rebel Extravaganza (rimasterizzato)

13/12/19
MOSAIC
Secret Ambrosian Fire

13/12/19
DEEP AS OCEAN
Crossing Parallels

13/12/19
HALPHAS
The Infernal Path Into Oblivion

13/12/19
COMANDO PRAETORIO
Ignee Sacertà Ctonie

CONCERTI

08/12/19
CORELEONI
DRUSO - RANICA (BG)

08/12/19
AGENT STEEL + FINGERNAILS + MESSERSCHMITT
TRAFFIC LIVE - ROMA

11/12/19
MUNICIPAL WASTE + TOXIC HOLOCAUST + ENFORCER + SKELETAL REMAINS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

11/12/19
LAST IN LINE
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

12/12/19
SKINDRED + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

12/12/19
MARILLION
AUDITORIUM DELLA CONCILIAZIONE - ROMA

12/12/19
MONKEY3 + GUESTS TBA
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

13/12/19
MARILLION
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

13/12/19
GWAR + VOIVOD + CHILDRAIN
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

13/12/19
SCALA MERCALLI
BUFFALO GRILL - CIVITANOVA MARCHE (MC)

Satyricon - Live At The Opera
( 3532 letture )
Autunno, giorni di registrazione e di impegno prolungato, sia mentale che fisico. Più precisamente, settembre, Norvegia, Satyricon, un festival di musica contemporanea a cui il celebre duo viene invitato. Un coro di formazione classica. Un esperimento il cui successo è già stato comprovato, si rammenti la collaborazione dei conterranei Dimmu Borgir con un'intera orchestra, o, spostandosi in ambito avantgarde, dagli Ulver. Una problematica inattesa (o forse no): l'encefalogramma piatto della dinamica delle composizioni, o meglio, delle composizioni, con enfasi, recenti, del gruppo scandinavo.
Appena ricevuto l'incarico di curare la recensione del presente live ero alquanto eccitato. Musica classica, tremolo picking, blast beat, sapore epico di battaglie tardo medievali ed una forte atmosfera che, oscillando tra l'eccessivo intessere del barocco e la solennità di una messa di Bach, esalta i perforanti intrecci degli strumenti a corda. Chi meglio degli autori di Mother North potrebbe, considerando solo i veterani della scena estrema, fornire una prestazione memorabile in un contesto siffatto?
Piccolo passo indietro. Se valutassimo a scatola chiusa il prodotto offerto, scorrendo la tracklist, il voto non sarebbe troppo lontano da una sufficienza risicata, visto l'ampio spazio dedicato ai pezzi tratti dall'ultimo omonimo album, che, valutazioni personali a parte, ad eccezione dell'ottima Phoenix (picco anche dello spettacolo), non si prestano ad una riedizione in cui ci sia da bilanciare la strumentazione moderna con l'impatto emotivo delle voci di un coro. Chi tra i lettori conosce a fondo Satyricon, noterà immediatamente come una The Infinity Of Time And Space navighi senza un carattere definito, costretta a contorcersi nei suoi stessi riff abbastanza vuoti di sostanza, mentre il supporto offerto dai vari registri coreutici impedisce al pezzo di affondare completamente in una monotonia raggelante.
Ed è esattamente questa appena evidenziata, riprendendo le file del discorso, la chiave di lettura dell'intera operazione. Il nuovo corso black’n’roll dei Satyricon funziona poco, porta risultati discreti al massimo (K.I.N.G.), accattiva grazie alla professionalità degli interpreti (Repined Bastard Nation), scuote l'animo dei nostalgici (la solita maestosa Mother North), tiene la testa fuori dall'acqua sottolineando qualche limite vocale dello strano personaggio che risponde al nome di Satyr (The Pentagram Burns e Our World, It Rumbles Tonight) il quale sembra aver abbandonato il suo scream violento ed acidulo per un graffiato che, nonostante presenti una timbrica ricca di sfumature velenose e rispecchi la sua maschera nichilista ed edonista, non comunica sovente nessuna emozioni reale, che sfugga anche per un solo passaggio alle regole della rappresentazione teatrale che il polistrumentista norvegese si è cucito addosso, svelando al pubblico l'uomo Satyr e non sempre e continuamente un pupazzo che nei video si agghinda con boa di struzzo.
Comunque Live At The Opera non è un pessimo cofanetto da avere sul proprio scaffale. Essendo diventati più una multinazionale della musica estrema, che artisti nel senso puro della parola (si può credere fiduciosi alle interviste, i dischi parlano però un linguaggio inequivocabile), i Satyricon sfoderano una prestazione quasi eccellente, coadiuvata da una resa sonora, almeno nella versione in doppio cd, piuttosto buona, sia che si scelga un ascolto da stereo e lettore, sia che si preferisca affidarsi ad un riproduttore portatile. L'immagine sonora è restituita fedelmente, con la batteria chiaramente sul fondo della cuffie, il basso orientato verso un lato dello spettro e le chitarre, corpose ma essenzialmente fedeli allo standard black metal, quindi ricche di alti, chiudono il cerchio al cui vertice coro e voce principale si collocano in un rapporto paritario. Non si è nella posizione di affermare che, almeno negli aspetti tecnici, il gruppo non abbia messo a frutto l'esperienza ventennale nel campo. Inoltre sono buone le dinamiche dei singoli strumenti, garantendo la naturalità e la vivacità di una performance dal vivo, che, se assente, avrebbe completamente annientato le speranze di ottenere una votazione positiva.
In conclusione, se emerge l'occasione per far proprio l'elegante edizione digipack con dvd annesso, si consiglia l'acquisto, per lo spettacolo, per la notevole dose di talento, -è doveroso riconoscere che un regista necessita di attori di prim'ordine per essere di impatto- forse “sprecato”, che guida gli ascoltatori durante i novanta minuti abbondanti di durata, per apprezzare gli a volte pregevoli arrangiamenti vocali. Astenersi, tuttavia, se oltre ad una perfezione asettica e formale si ricerca una fiamma, dalle lingue ardenti ed... imprevedibili.



VOTO RECENSORE
72
VOTO LETTORI
88.35 su 17 voti [ VOTA]
Il Marchese Del Grillo
Sabato 6 Maggio 2017, 12.24.00
11
A me l'album omonimo è piaciuto e qui i pezzi hanno una marcia in più. Trovo giusto il voto dei lettori che al momento è sull' 84/85.
Pink Christ
Domenica 21 Agosto 2016, 12.20.44
10
A me piace molto e i pezzi nuovi (che non son del tutto di mio gradimento) ottengono nuova linfa e si ascoltano molto più volentieri. Senza dubbio i Dimmu han fatto molto meglio ma cmq un bell'80 se lo meritano.
Anthares616
Domenica 16 Agosto 2015, 19.13.33
9
Concordo in pieno con il commento di Wonderghio👍👍
wonderghio
Venerdì 14 Agosto 2015, 22.57.23
8
Per me è uno dei migliori live album che abbia ascoltato ultimamente, il coro dona qualcosa di più ai loro pezzi, specie a quelli recenti. Die By My Hand così è spettacolare. Per me voto superiore al 72, mi avvicino al 90. Unica pecca un paio di brani che non mi fanno impazzire in scaletta, per il resto live top.
Doomale
Giovedì 13 Agosto 2015, 12.12.52
7
L'ho ascoltato ma non mi piace e sinceramente li ritengo artisticamente morti dopo l'ultima ciofeca omonima. Purtroppo anche per loro vivrò di ricordi.
Pete
Mercoledì 12 Agosto 2015, 23.52.50
6
non mi piace come è stato registrato, il coro è troppo indietro. L'idea è carina, basta con queste orchestre, almenmo il coro è più drammatico.
Punto Omega
Mercoledì 12 Agosto 2015, 16.37.12
5
Non c'è l'orchestra.
.:alekos:.
Mercoledì 12 Agosto 2015, 12.29.13
4
Esperimento tutto sommato riuscito di cogliere i punti di contatto fra l'epicità dei migliori Satyricon (caratteristica purtroppo non molto emersa ultimamente) e il vasto potenziale, atmosferico, tonale, di un'intera orchestra + coro, che ovviamente arricchiscono e approfondiscono le partiture originali della band, ove possibile, limitandosi altrove al ruolo di comprimari di lusso sullo sfondo. Il rimpianto è che se si avesse osato di più, in termini di cernita delle canzoni, magari offrendo una prospettiva cronologica davvero completa, che abbracciasse ogni uscita della band, si sarebbe ottenuto in controluce un bello spaccato del loro song-writing e della loro crescita... Diversamente mi fermo a 70, come voto numerico.
Punto Omega
Mercoledì 12 Agosto 2015, 12.07.12
3
Mi trovo in disaccordo su molte cose: fortunatamente è stato dato spazio all'ultimo Satyricon che reputo un album molto coraggioso e che pone (quasi - a dire il vero) fine al periodo black 'n roll. Le composizioni dell'omonimo disco guadagnano in questa sede più di qualcosa e risultano molto godibili. La tracklist non è perfetta, anzi (Den Siste, Die By My Hand e Repined Bastard Nation le avrei tolto volentieri per dare spazio a qualcos'altro, inoltre non avrei messo due "mattoni" come The Infinity of Time and Space e To The Mounatins una dietro l'altro). Il risultato finale però è notevole e l'apporto del coro d'opera norvegese dà una nuova stratificazione alla musica del gruppo, rendendo l'album molto appetibile anche a chi i Satyricon li ha visti parecchie volte dal vivo. Altra cosa da dire è che il coro rende molto di più nei momenti più rallentati e mid-tempo che in quelli accelerati e, tornando al discorso iniziale sull'album omonimo, probabilmente è per questo motivo che le canzoni dell'ultimo appaiono arricchite. Concludo con un appunto: il discorso multinazionale dell'estremo è eccessivo, considerato che hanno sempre fatto quello che volevano e, probabilmente con l'ultimo disco, pagandone anche lo scotto, visto il passaggio da Roadrunner a Napalm e considerato che "Satyricon" ha scontentato sia i fan di vecchia data (quelli delle origini) che quelli relativamente più nuovi (abituati a un sound black 'n roll).
enry
Mercoledì 12 Agosto 2015, 7.39.50
2
Operazione più interessante del previsto con alcuni brani fra i più recenti che guadagnano addirittura qualcosa in potenza. Alla fine il difetto più grosso è la track list che pesca quasi tutto dagli ultimi dischi, peccato perché la versione di Mother North ha un suo perché e , senza fare confronti con la versione classica, non suona affatto male.
Ad astra
Mercoledì 12 Agosto 2015, 4.36.13
1
Preso qualche tempo fa. Concordo con te Jacopo su ogni discorso fatto... Detto questo mi aspettavo meno dall'omonimo, ma come giustamente ha fatto notare satyr, nessun album é uguale a prima e da adesso dire che si spera in un ritorno alle origine vuol dire essere bendati e non capire l'essenza dei satyricon. Ottima prestazione e più la ascolti, più Phoenix merita attenzioni. Ne vedremo delle belle nel nuovo album... Forse una delle poche realtà norvegesi che guarda avanti, senza dimenticarsi chi si é realmente.
INFORMAZIONI
2015
Napalm Records
Black
Tracklist
1. Voice Of Shadows
2. Now, Diabolical
3. Repined Bastard Nation
4. Our World, It Rumbles Tonight
5. Nocturnal Flare
6. Die By My Hand
7. Tro Og Kraft
8. Phoenix
9. Den Siste
10. The Infinity Of Time And Space
11. To The Mountains
12. The Pentagram Burns
13. Mother North
14. K.I.N.G.
Line Up
Satyr (Voce, chitarra)
Frost (Batteria)

Musicisti Ospiti:
Sivert Hoyem (Voce in Phoenix)
Gildas Le Pape (Chitarra)
Steinar Gundersen (Chitarra)
Anders Hustand (Tastiere)
Anders Odden (Basso)
 
RECENSIONI
72
55
60
80
72
87
96
90
92
ARTICOLI
22/03/2018
Live Report
SATYRICON
Largo Venue, Roma, 17/03/2018
19/10/2006
Intervista
SATYRICON
Parla Satyr
17/03/2003
Live Report
SATYRICON + KHOLD
New Age, Roncade (TV), 14/03/2003
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]