Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Rome in Monochrome
Away from Light
Demo

Arch Echo
Arch Echo
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/04/18
AETRANOK
Kingdoms Of The Black Sepulcher

27/04/18
FOREIGNER
Foreigner With The 21st Century Symphony Orchestra & Chorus

27/04/18
SINK THE SHIP
Persevere

27/04/18
SPITEFUEL
Dreamworld Collapse

27/04/18
DRAKKAR
Cold Winters Night

27/04/18
BLOOD TSUNAMI
Grave Condition

27/04/18
TOTALSELFHATRED
Solitude

27/04/18
FACING THE ORACLE
Haunted One

27/04/18
CIRCLE OF SILENCE
The Crimson Throne

27/04/18
HOMEWRECKER
Hell Is Here Now

CONCERTI

24/04/18
ROGER WATERS
UNIPOL ARENA - BOLOGNA

24/04/18
DARK TRANQUILLITY + EQUILIBRIUM + BLACK THERAPY + MIRACLE FLAIR
LARGO VENUE - ROMA

25/04/18
DARK TRANQUILLITY + EQUILIBRIUM + BLACK THERAPY + MIRACLE FLAIR
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

25/04/18
CRASHDIET
LEGEND CLUB - MILANO

26/04/18
DARK TRANQUILLITY + EQUILIBRIUM + BLACK THERAPY + MIRACLE FLAIR
ZONA ROVERI - BOLOGNA

26/04/18
ENSIFERUM + EX DEO
LIVE CLUB - TREZZO SULL’ADDA (MI)

26/04/18
SPOIL ENGINE + LOSTAIR
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

26/04/18
DEE CALHOUN + LOUIS STRACHAN
BLUE ROSE CLUB - BRESSO (MI)

26/04/18
GOATH + PRISON OF MIRRORS DEVOID OF THOUGHT
BLUE ROSE SALOON - BRESSO (MI)

27/04/18
TEMPERANCE - Release Party
OFFICINE SONORE - VERCELLI

Motorhead - Kiss Of Death
( 9060 letture )
Motörhead, Motörhead, Motörhead e ancora Motörhead!
Vi giuro che ho appena finito di ascoltare Kiss Of Death e sto per premere di nuovo PLAY’!
Questa sarebbe già una recensione esauriente data la caratura del dischetto di zio Lemmy & Co. Tuttavia generalizzando in questo modo, farei un grandissimo torto alle dodici perle che compongono questo Kiss Of Death, dodici canzoni che trasmettono un solo messaggio: ‘We are Motörhead born to kick your ass’!

Si parte fortissimo con Sucker, un vero e proprio pugno in faccia! Un pezzo che più diretto non si può, infatti, è stato scelto anche come singolo. Tre minuti di fuoco, Mikkey Dee stende un tappeto di doppia cassa che Lemmy calpesta in modo magistrale col suo basso, ma soprattutto con la sua voce ‘sgraziata’, mentre Phil Campbell da subito si mette in mostra con un assolo al fulmicotone. Tre minuti basteranno a farvi capire che qui si picchia duro. Si prosegue con una più cadenzata, ma non meno efficace, One Night Stand. Il pezzo si articola su un riff di Campbell che ha più di qualche richiamo dal blues. Il tutto culmina in un refrain davvero azzeccato che farà più di qualche vittima. Con Devil I Know si alza ancora la qualità dell’album, Dee svolge la sua parte come Campbell, mentre Lemmy sorprende col suo basso, ma sempre più con la sua voce, che sembra ridicolo dirlo per un uomo di 60 anni, ma sembra ancora più matura! D’altronde è stato proprio il sig. Kilmister a dire che su Kiss Of Death è riuscito ancora a migliorare le sue prestazioni vocali. Trigger ci riporta sui ritmi dell’opener Sucker, heavy, veloce, tirata, ma soprattutto dannatamente Motörhead! Si continua con Under The Gun, cala il ritmo ma non la qualità, altro grande pezzo, duro e incalzante, dove Campbell riesce a dare il meglio con due assoli puliti e trascinanti. C’è qualcuno che come me stava aspettando una degna erede di One Fucking Time? Eccovi accontentati da God Was Never On Your Side; giusto per ribadire di cosa sono capaci i Motörhead. Un pezzo ricercato e di classe, con un Lemmy a suo agio anche su territori non prettamente dei Motörhead: Campbell va a ricamare un assolo con la sua chitarrina che chiude perfettamente una canzone da brividi. Si torna a martellare senza pietà con Living In The Past, uno dei punti più alti del platter. Lemmy è sempre più incazzato e viene sorretto alla perfezione dal riffing di Campbell e dalla precisione di Mikkey Dee. C’è ancora spazio per il rock n’ roll, quindi arriva Christine, song allegra e spensierata che ti prende e non ti lascia più. Ancora heavy metal in pieno stile Motörhead con Sword Of Glory. Sembro ripetitivo, ma è così: un’altra ottima canzone e altro assolo notevole di Campbell. Dopo nove canzoni di tale rabbia e potenza vi sanguineranno i timpani, ma preparatevi perché il terzetto finale vi darà il colpo di grazia: parte un riff cattivissimo che altro non è che la spina dorsale di Be My Baby. E’ ancora la voce rauca di Lemmy a farla da padrone, sempre sorretta alla grande da Dee e Campbell. Se il Lemmy di Living In The Past era incazzato, sinceramente non trovo aggettivi da assegnargli su Kingdom Of The Worm. Mikkey Dee pesta come un dannato e Phil Campbell non resta a guardare. Si chiude alla grande con Going Down; Campbell fa ‘piangere’ la sua chitarra, Dee è uno schiacciasassi, e lo zio Lemmy si rende autore di un'altra grande prova dietro il microfono. Il ritmo è frenetico, angoscioso e incalzante. Il titolo Going Down è profetico, perché sembra di andare sempre più giù in una spirale discendente senza fine.

Circa 45 minuti di fuoco che vanno a candidare il qui presente Kiss Of Death tra le top release di questo 2006 metallico. Acquisto obbligato.
Chiamatelo come vi pare: heavy metal, hard rock, rock n’ roll, oppure divertitevi a coniare ibridi e intrecci vari, io li chiamo semplicemente: Motörhead… Born To Lose… Live To Win…



VOTO RECENSORE
87
VOTO LETTORI
67.28 su 77 voti [ VOTA]
Fabio Rasta
Sabato 7 Gennaio 2017, 9.49.56
20
La caccarissima copertina di Petagno (tra l'altro sarà l'ultima di una storica collaborazione durata 30 anni), fa presagire che la stanza, con questo disco sul piatto, sarà messa a ferro e fuoco. Così è. A mio modesto avviso, meno ispirato di Inferno, ma con ottime chicche comunque da elargire. A proposito, nella recensione non sono indicati, ma sapevate di questi special guest?: C.C. DeVille, Mike Inez, Zoli Téglás. Le mie preferite sono l'opener, la ballata, Christine x lo stupefacente intro figa-gospel di LEMMY, e la cover di Whiplash che fa tremare Kill'em All (le produzioni del 2000 sono decisamente + potenti rispetto all'83 ma anche i MOTÖRHEAD non scherzano). Non me ne vogliano i fans accaniti dei METALLICA, ma i maestri danno una lezione agli allievi. Tra l'altro, x quello che può valere, la cover di Whiplash vinse un Grammy x il Metal.
Rob Fleming
Lunedì 1 Febbraio 2016, 10.06.51
19
Per me vale un buon 7,5. Non si grida al miracolo, ma non è neppure una insufficienza.
Masterburner
Martedì 15 Dicembre 2015, 12.34.20
18
Me lo sono preso in vinile dopo che l'avevo preso in cd nel 2006, è stato bello 'riscoprire' questo gioiellino recente ma già dimenticato, davvero un disco tra i migliori degli ultimi anni per i Nosti.
Lisa Santini
Mercoledì 12 Marzo 2014, 22.03.24
17
Kiss of Death e' spettacolare!!!!!!!!!!! )))))))
Steelminded
Lunedì 26 Novembre 2012, 22.38.22
16
La numero tredici del digipack (bonus track) è senza dubbio la migliore del lotto.
Steelminded
Lunedì 26 Novembre 2012, 22.35.38
15
La fortuna dei Motorhead nel panorama della musica rock è a mio avviso quanto di più vicino ad un esercizio di ipnosi collettiva. Non riesco a spiegarla altrimenti. Evviva!
blackie
Sabato 15 Settembre 2012, 3.49.14
14
fantastico!lo ascoto spesso,lemmy e dawero immortale!la sua voce sempre piu roca e quel suono di basso UNICO!,mi danno troppe emozioni mitici!unici!
Nu Metaller
Domenica 6 Novembre 2011, 21.44.07
13
Motorhead 4ever!!!!! \m/
Sel 182
Martedì 27 Gennaio 2009, 0.40.41
12
Album fantastico!!! Una canzone su tutte "God was never on your side". Non vedo l'ora di poterli rivedere dal vivo!
Metallaro
Giovedì 29 Novembre 2007, 22.47.37
11
grande lemmyyyyyyyy!! grandi i motorhead!!! vero heavy metal!!!!! anche se ancora nn ho ascoltato il loro nuovo fottuto album!! però penso k è bello!!! HEAVY METAL IS THE LAW!!!!!
plu
Mercoledì 12 Settembre 2007, 18.58.33
10
Ottimo disco, divertente e coinvolgente. Voto:85
northwinds66
Martedì 24 Ottobre 2006, 18.08.10
9
Lemmy è sempre garanzia di puro e sano rock'n'roll. Meno metallico del precedente Inferno, pienamente inserito nel solco della migliore tradizione Motorhead con alternanza di pezzi piu' "tirati" e tracce piu' melodiche. Motorhead forever !!
Francesco Gallina
Sabato 16 Settembre 2006, 14.07.58
8
Il solito buon disco di nonno Lemmy, da 75/78. Non epocale, ma da uno della sua età volete rivoluzioni? Magico Lemmy, ad avercene.
Rob
Giovedì 14 Settembre 2006, 14.51.44
7
A Vincè ma nel 2006 è uscito un album che ti gusta? No xkè su 4 dischi commentati, per te fanno tutti skifo! Comunque i commenti (positivi e negativi) sono sempre ben accetti!
Jack
Lunedì 11 Settembre 2006, 16.41.46
6
non sarà il miglior album dei Nostri,ma sono sempre dannatamente dei maestri in quello che fanno!e lo fanno bene! forse non c'è un pezzo che diventerà un classico come Ace of Spades,però è un ottimo album in mezzo a tanta fuffa che si trova al giorno d'oggi...
sol roth
Lunedì 11 Settembre 2006, 11.40.42
5
I vari Maiden,Metallica,Kiss se lo sognano la notte un disco come questoooooo.Per Lammy & Co. solo applausi e giù il cappello
Zagor76
Sabato 9 Settembre 2006, 19.09.07
4
Beh mi sembra esagerato dare 10 a quest'album, in fondo è il solito buon album dei Motorhead, da loro ci possiamo aspettare questo. Forse il 77 che vien fuori dalla media dei lettori è un voto giusto.
Vincenzo
Giovedì 7 Settembre 2006, 11.08.24
3
Allucinante, ma i voti come li mettete in questa webzine? Col paraocchi? Allora mettiamo 10 al nuovo album dei Maiden, 11 a quello degli Slayer e 10 a quest'altra ciofeca
Zagor76
Domenica 3 Settembre 2006, 19.59.13
2
Belle le prime sei e Christine, il resto modesto
Iron-Rock
Mercoledì 30 Agosto 2006, 10.07.43
1
Ottima recensione! ottimo disco!
INFORMAZIONI
2006
SPV Steamhammer
Heavy
Tracklist
1. Sucker
2. One Night Stand
3. Devil I Know
4. Trigger
5. Under The Gun
6. God Was Never On Your Side
7. Living In The Past
8. Christine
9. Sword Of Glory
10. Be My Baby
11. Kingdom Of The Worm
12. Going Down
Line Up
Lemmy Kilmister: Bass and Vocals
Mikkey Dee: Drums
Phil Campbell: Guitar
 
RECENSIONI
84
72
85
74
s.v.
87
80
82
80
72
92
80
80
63
82
98
80
85
s.v.
s.v.
ARTICOLI
31/12/2015
Articolo
MOTORHEAD
Ian Fraser Kilmister - Born to Lose, Lived to Win
02/07/2014
Live Report
MOTORHEAD + PINO SCOTTO
CITY SOUND, Ippodromo del Galoppo, Milano, 24/06/2014
27/09/2012
Articolo
LA STORIA DEI MOTORHEAD
La Recensione
18/07/2009
Live Report
MOTORHEAD + EXTREMA + MERENDINE ATOMICHE
Ippodromo delle Capannelle, Roma, 15/07/2009
03/07/2007
Live Report
IRON MAIDEN + MOTORHEAD + MACHINE HEAD
Stadio Olimpico, Roma, 20/06/2007
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]