Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Wardruna
Kvitravn
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

29/01/21
STEVEN WILSON
The Future Bites

29/01/21
ART OF ILLUSION
X Marks the Spot

29/01/21
OCEANA
The Pattern

29/01/21
WOWOD
Yarost I Proshchenie

29/01/21
EXIMPERITUS
Šahrartu

29/01/21
SOULS OF DIOTIMA
Janas

29/01/21
DISEASE
Into the Red

29/01/21
WEREWOLVES
What a Time to be Alive

29/01/21
THE BODY
I’ve Seen All I Need To See

29/01/21
ANCIENT VVISDOM
A Godlike Inferno

CONCERTI

06/02/21
MAGNUM + GUEST TBA (CANCELLATA)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

11/02/21
VENOM INC. + GUESTS
TRAFFIC CLUB - ROMA

12/02/21
VENOM INC. + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

13/02/21
VENOM INC. + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

17/02/21
IMONOLITH + TBA
BARRIO'S CAFE - MILANO

18/02/21
IMONOLITH + LOGICAL TERROR
MK LIVE - CARPI (MO)

19/02/21
THE DEAD DAISIES
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

20/02/21
ANCIENT + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

21/02/21
TURMION KATILOT
LEGEND CLUB - MILANO

26/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

Sinister - Dark Memorials
( 2573 letture )
Dark Memorial è un’uscita d’eccezione nella discografia dei Sinister, una sorta di approfondimento in forma di full album del discorso intrapreso dall’EP The Unborn Dead (che conteneva due cover, rispettivamente di Grotesque e più stranamente, Novembers Doom) o della seconda parte della compilation Years of Massacre (in cui avevano coverizzato Celtic Frost, Possessed, Massacre e altri).

Per festeggiare i 25 anni di carriera, Aad decide di tributare, assieme ai suoi più giovani compagni di band, il passato death e thrash che sicuramente avrà determinato la nascita di Sinister e la pubblicazione del loro primo demo Spiritual Immolation nel 1990, che rientra peraltro nello spirito di rievocazione di questa uscita, essendo incluse le ri-registrazioni di Compulsory Resignation e di Spiritual Immolation.

Ma andiamo per ordine. Innanzitutto la scelta delle band è quasi doverosa, nulla di inaspettato; la scelta dei brani è eccellente, in equilibrio tra l’immancabile del classico che tutti conoscono e il ripescaggio un po’ più personale. Nella prima categoria rientrano Ridden With Disease (Autopsy) o Exhume To Consume (Carcass) (universalmente tra i pezzi death metal più coverizzati), mentre nella seconda si potrebbero inserire una originale Necrophiliac per tributare gli Slayer, o Unleashed Upon Mankind dei Bolt Thrower. Certo, sempre comunque di classici si tratta, ma l’obiettivo era quello.

Parlando invece della qualità del tributo, mi sembra che l’idea sia centrata piuttosto efficacemente. L’identità dei pezzi non è snaturata, ma nemmeno subordina quella del gruppo. L’esecuzione è appassionata e denota non solo maestria musicale, ma anche tanta attitudine e affezione morbosa per il genere, ma ci saremmo stupiti del contrario, soprattutto dai Sinister, soprattutto da un personaggio così coinvolto nella scena come il loro frontman. In particolare, la band gioca anche tra un pezzo e l’altro sulla distorsione e il tono delle chitarre per assecondare il carattere del gruppo (nel caso della cover dei Carnage è palese, forse per rievocare almeno un po’ il suono dell’HM-2). I gruppi thrash sono omaggiati con vigore, mentre i classici death metal dispongono di pesantezza a volontà; inoltre, la produzione delle chitarre è molto ben riuscita, e anche quella della batteria è piuttosto naturale, non invasiva e dona dinamica ad ogni pezzo.

Passando alle ri-registrazioni dei due classici Sinister, sono due vere chicche, considerando che questa roba veniva scritta all’alba dell’ultimo decennio dello scorso millennio (leggasi a cavallo del periodo di crescita del death metal) ed è interessantissimo vedere quanti elementi dei pezzi prima coverizzati convergano in quei due inediti, tra i primissimi composti dai Sinister, a partire da riff, groove di batteria e intenti (sadistici) messi in musica.

Non esprimo chiaramente un valore numerico, ma come disamina è più che sufficiente a scremare possibili interessati, più probabilmente collezionisti o fanatici del gruppo.



VOTO RECENSORE
s.v.
VOTO LETTORI
87.5 su 2 voti [ VOTA]
LAMBRUSCORE
Giovedì 3 Settembre 2015, 18.48.59
1
Validi nelle cover, peccato che ogni tanto facciano dei bidoni nei tour, forse non è colpa loro...comunque il vostro nonno Lambru vi consiglia il loro top, per me è Aggressive Measures, da spaccare tutto, buuuorrrgh....
INFORMAZIONI
2015
Massacre Records
Death
Tracklist
1. The Malicious (Intro)
2. Beneath The Remains (Sepultura Cover)
3. Exhume To Consume (Carcass Cover)
4. Unleashed Upon Mankind (Bolt Thrower Cover)
5. Master Killer (Merauder Cover)
6. Beyond The Unholy Grave (Death Cover)
7. Under The Guillotine (Kreator Cover)
8. Ridden With Disease (Autopsy Cover)
9. Necrophiliac (Slayer Cover) - Slayer
10. Radiation Sickness (Repulsion Cover)
11. Blasphemies Of The Flesh (Carnage Cover)
12. Spiritual Immolation (re-recorded) (Bonus)
13. Compulsory Resignation (re-recorded) (Bonus)
Line Up
Adrie Kloosterwaard (Voce)
Dennis Hartog (Chitarra)
Bas Brussaard (Chitarra)
Mathijs Brussaard (Basso)
Toep Duin (Batteria)
 
RECENSIONI
81
72
60
70
80
85
90
ARTICOLI
20/09/2014
Intervista
SINISTER
Fast, sick and in your face!
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]