Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Hamferd
Támsins likam
Demo

Steven Wilson
Last Day of June
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/01/18
VERHEERER
Maltrér

19/01/18
UNSHINE
Astrala

19/01/18
WALKING PAPERS
WP2

19/01/18
ARKONA
Khram

19/01/18
DEATHLESS LEGACY
Rituals of Black Magic

19/01/18
PERFECT BEINGS
Vier

19/01/18
DRUID LORD
Grotesque Offerings

19/01/18
FACELESS BURIAL
Grotesque Miscreation

19/01/18
XENOSIS
Devour and Birth

19/01/18
CLAMFIGHT
III

CONCERTI

20/01/18
BANCO DEL MUTUO SOCCORSO + HAMNESIA + LA STANZA DI IRIS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

20/01/18
FATES WARNING + METHODICA
LEGEND CLUB - MILANO

20/01/18
VEXOVOID + EXPLORER + SHENANIGANS
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

20/01/18
AMRAAM + A TASTE OF FEAR + TRACTORS
ALVARADO STREET - ROMA

20/01/18
SAIL AWAY + GUESTS
PADIGLIONE 14 - COLLEGNO (TO)

20/01/18
RAW POWER + TRUTH STARTS IN LIES
BE MOVIE - SANT'ILARIO D'ENZA (RE)

20/01/18
ALEA JACTA + METHEDRAS + CRUENTATOR
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

21/01/18
FATES WARNING + METHODICA
ORION - CIAMPINO (RM)

21/01/18
ASTRAL FIRE + STINS
BIRRERIA HB - PISTOIA

23/01/18
ACCEPT + NIGHT DEMON + IN.SI.DIA
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

Ghost - Meliora
( 6249 letture )
Puntuali come l’orologio dell’Apocalisse, ecco che gli svedesi Ghost, uno dei gruppi più discussi degli ultimi anni, tornano a fare capolino con un nuovo album, il terzo della loro carriera. Rispetto a qualche anno fa, quando erano un nome di nicchia, è difficile che qualcuno di voi non ne abbia mai sentito parlare: si tratta di un insieme di musicisti che, dietro un rigoroso anonimato e mascherati di tutto punto (anche se il cantante sembra rispondere al nome di Tobias Forge), propongono un mix di hard rock dal sapore retrò e tematiche sataniche: un ideale trait d’union fra Blue Oyster Cult Mercyful Fate, che ha fatto loro guadagnare moltissimi consensi, ma anche una folta schiera di detrattori, che li considerano poco più di un branco di buffoni costruiti a tavolino. Benché le opinioni siano legittime e libere, è tuttavia difficile, a maggior ragione dopo il disco che stiamo per analizzare, ignorare le capacità compositive di questi misteriosi individui mascherati: Meliora, infatti, è un lavoro decisamente maturo e godibile, non tanto dal punto di vista lirico (i testi di matrice occulta sono onestamente un po’ inflazionati), quanto da quello squisitamente musicale.

Limati i difetti che erano emersi in occasione del secondo album, Infestissumam, piacevole ma indubbiamente inferiore rispetto all’esordio Opus Eponymous, i Ghost hanno infatti composto un album impeccabile sotto molti punti di vista. Naturalmente non sono la band più originale che il mondo abbia mai avuto occasione di ascoltare, ma la loro insolita mistura, caratterizzata fra le altre cose dal timbro delicato ed atmosferico del cantante, funziona e diverte. L’album si apre con Spirit, introdotta da una serie di suoni a metà fra un film di fantascienza anni 50 ed il coro di una parrocchia campagnola, prima che chitarra e batteria aprano le ostilità vere e proprie: c’è indubbiamente un po’ di autocitazionismo, dal momento che la progressione iniziale ricorda non poco Con Clavi Con Dio (lasciamo perdere il latino, che non è roba per questi ragazzi), ma la canzone fila via che è un piacere, con un ritornello assolutamente azzeccato sia dal punto di vista musicale che da quello delle linee vocali. Il primo, vero pezzo da novanta del lavoro è tuttavia From the Pinnacle to Pit, introdotta da un riff di basso tagliente e squadrato, che prosegue per un po’ e viene poi accostato con efficacia dalle chitarre; a vincere su tutti, però, è la melodia vocale del Pontefice Nero della band, che si infila letteralmente nel cervello, per non andarsene più. E’ difficile resistere a questi ragazzacci, che saranno pure un collettivo di pagliacci, ma ci sanno dannatamente fare. Decisamente più oscura e meno anni 60/70 è Cirice, che ancora una volta gioca sull’interazione fra chitarra ritmica e voce, probabilmente il vero punto di forza dell’album e della band. Ma i Ghost non sono soltanto riffoni ed oscurità: inaspettatamente, dopo un breve interludio di chitarra acustica quasi ulveriano, gli scandinavi ci sorprendono con He Is, una piccola gemma di rock pulito, con un ritornello arioso e che ci riporta tutti nel passato. E’ soltanto un graditissimo excursus, perché con Mummy Dust i nostri tornano a pestar duro, pur senza rinunciare alle loro amate tastiere retrò, che però stavolta sono lasciate per la conclusione, con un Papa insolitamente malevolo ed un mood più maligno che mai. Un’altra chicca, insomma, seppur di registro totalmente differente rispetto a He Is. Ci avviciniamo verso la fine dell’album ed ecco che l’album mostra un po’ il fianco, con qualche pezzo non riuscito come i precedenti: Majesty, infatti, pur essendo comunque gradevole ed interessante, non tocca le vette compositive di cui abbiamo parlato poc’anzi, forse a causa di un ritornello non eccelso, al pari di un altro intermezzo strumentale che non brilla particolarmente. Si tratta però di un paio di episodi tutto sommato isolati, dato che le ultime due tracce ci riportano su livelli consoni a quanto ascoltato nella prima parte di Meliora: Absolution beneficia infatti di un ritornello dannatamente azzeccato, mentre Deus in Absentia punta maggiormente sull’epicità, regalando un finale più che convincente. Ci sentiamo comunque di consigliare maggiormente la prima parte dell’album, ma anche la seconda regala comunque le sue soddisfazioni.

Dal punto di vista strettamente compositivo, Meliora è indubbiamente l’album maggiormente ambizioso e maturo composto fino a questo momento dai Ghost; non a caso si intitola così, verrebbe da dire! La band svedese ha infatti sapientemente coniugato tutti gli stili che è in grado di padroneggiare, ribadendo ancora una volta che la sua mistura è davvero efficace. Forse perché ormai siamo avvezzi alla loro proposta, tuttavia, lo strepitoso esordio Opus Eponymous ci appare ancora appena superiore, se non per maturità compositiva, quantomeno per “feeling” e freschezza; ciò nonostante, Meliora resta un lavoro eccellente, che supera il precedente Infestissumam e rilancia prepotentemente i Ghost nel panorama heard ‘n’ heavy internazionale. Saranno pure un carrozzone, ma quando passano loro non ce n’è per nessuno.



VOTO RECENSORE
78
VOTO LETTORI
88.17 su 75 voti [ VOTA]
Sub zero
Lunedì 2 Ottobre 2017, 15.07.47
75
Klostri , la fratellanza ha ragione. Informati
klostridiumtetani
Lunedì 11 Settembre 2017, 18.36.58
74
@La Fratellanza... , ma almeno sai di cosa stai parlando? Il Satanismo spirituale è rispetto , pace e condivisione? AHAHAHAHA! Bella stronzata. Cambia setta... o pusher. E curati!
tino
Lunedì 11 Settembre 2017, 18.26.28
73
Niente dopo numerosi ascolti in loop penso che questo album sia un quasi capolavoro che non ha una nota fuori posto. Cirice uno dei più bei pezzi dei queensryche mai fatto dai queensryche
tino
Venerdì 8 Settembre 2017, 9.01.14
72
I precedenti ascoltati piaciuti poco. Questo molto bello e comprato. Merita veramente
La Fratellanza Del Serpente
Mercoledì 2 Agosto 2017, 2.08.47
71
Una trovata commerciale quella della tematiche a sfondo satanico, che però a mio avviso non é stata escogitata solo per rendere accattivante la proposta musicale; il vero satanismo spirituale non é certo odio e distruzione (vessillo indossato da molti blackster), bensí rispetto reciproco, pace e condivisione. I Ghost dunque a livello musicale sembrano dire 'hey, siamo fieri di essere oscuri, ma la vera oscuritá non é un male come ve la immaginare voi'. Il collidere tra la musica di ispirazione 'Blue Oyster Cult' e i testi 'adulatori', é l'esempio di questo concetto.... Bene, ma non benissimo, comunque... A mio gusto personale a volte nei pezzi c'é una punta di melenso e di giá sentito. Il richiamo é al gruppo giá citato, con una punta di Beatles e un po' di Heavy di sabbathiana memoria. Un calderone pregiato, ma pur sempre una minestra in parte riscaldata. Voto 75
TheSkullBeneathTheSkin
Martedì 18 Luglio 2017, 17.02.06
70
Per me voto 90. Non me ne frega un cazzo che sono costruiti a tavolino, non me ne frega di sapere chi sono, semplicemente ne voglio un altro! Grande album di non so che stile (mettete voi l'etichetta) ma soprattutto la seconda metà del disco ha venature prog classico molto gradevoli.
Riccardo
Venerdì 31 Marzo 2017, 19.43.04
69
Ascoltato per caso perché lo ascoltava mio figlio. Non è metal per un bel tubo di nulla. Ma cazzo sé è un bel disco! Credo che lo comprerò.
Arzachel
Lunedì 19 Settembre 2016, 7.30.28
68
Sinceramente io preferisco il secondo a questo ma cmq é un ottimo album. 78 ci sta tutto. Grande band
Maurone
Venerdì 26 Febbraio 2016, 13.03.45
67
Abbastanza buono
Rob Fleming
Domenica 24 Gennaio 2016, 12.47.12
66
C'è da dire che non sbagliano un disco. 3-su-3. He is è il vertice assoluto del cd. Poi non suonano metal e quindi si beccano un sacco di insulti, ma questo è un altro discorso
Andrrr
Mercoledì 25 Novembre 2015, 9.31.01
65
il live è stato a dir poco eccellente,che si fottano gli haters ignoranti che hanno solo da scrivere senza l'uso del cervello!
The Sinner
Lunedì 9 Novembre 2015, 0.42.49
64
Bravi Ghost...hanno forgiato il loro album migliore...una vera sorpresa in quanto sospettavo un calo in picchiata...al contrario Meliora è veramente la 'chicca' di questo 2015. PS: Quoto in pieno il pensiero di tpr a proposito di Vengeance degli Ashbury...
tpr
Domenica 1 Novembre 2015, 11.09.31
63
Ashbury i padri ? Vengeance è incredibilmente un pezzo Ghost.
Mr.Darcy
Venerdì 23 Ottobre 2015, 19.44.33
62
Gruppo fatto di immagine e sonorità non troppo ricercate....ma sempre ben ascoltabile. L'ho ascoltato 3 volte in streaming, non mi spiace affatto. Penso lo prenderò.
tpr
Venerdì 16 Ottobre 2015, 19.53.36
61
a metallo : scuse accettate e senza rancore.
Steelminded
Venerdì 16 Ottobre 2015, 17.05.45
60
Posso dirlo? Lo dico? Sono d'accordo con metallo, per usare un eufemismo Evviva!
HeroOfSand_14
Venerdì 16 Ottobre 2015, 16.03.34
59
@tpr: grazie, non ho molto altro da aggiungere se non che ripongo fiducia in gruppi come questo per un futuro più roseo nell ambito musicale. Intendiamoci, le vecchie glorie dureranno ancora per qualche decennio se tutto va bene, ma la loro eredità può essere presa, oltre che da band che seguono la loro scia, anche da questi gruppi che tentano di innovare il genere, mischiandone vari e portando a risultati immediati e appetibili a molti.
Masterburner
Venerdì 16 Ottobre 2015, 10.11.54
58
Mah, peccato, non mi piacciono proprio. L'idea sulla carta sembra fantastica, sicuramente sanno suonare e comporre musica non banale. Però il risultato finale non mi prende, sarà la voce piatta e patinata del cantante che non ci azzecca nulla con l'immagine dello stesso, e che non ha nessuna particolarità o attrattiva, sarà che comunque le composizioni suonano troppo moderne e pasticciate, ma non riesco proprio ad ascoltarli.
BlackSoul
Venerdì 16 Ottobre 2015, 6.58.02
57
Non dovrei intromettermi ma il commento di tpr è quasi perfetto
metallo
Giovedì 15 Ottobre 2015, 22.39.02
56
Contenuto rimosso
tpr
Giovedì 15 Ottobre 2015, 22.27.51
55
metallo ? al tempo del carbonio e del titanio? superato e obsoleto . da rottamare.
metallo
Mercoledì 14 Ottobre 2015, 17.34.46
54
Una schifezza, non fanno per me, inascoltabili.
Macca
Mercoledì 14 Ottobre 2015, 17.30.15
53
Proprio come per gli album precedenti i Ghost hanno fatto il loro sporco mestiere: puro intrattenimento attraverso un heavy melodico dal piglio catchy e a tinte vagamente dark, con canzoni che prendono facilmente e si ricordano al primo ascolto. Spirit e Pinnacle sono strepitose, He Is, Absolution e Deus In Absentia i brani migliori tra i rimanenti. Un album con pochi cali e una direzione più heavy rispetto ai precedenti, superiore a Infestissumam e, secondo me, al livello di Opus Eponymous o poco ci manca. E' vero che sono un carrozzone, un carrozzone davvero divertente da ascoltare. Voto 80
marco
Mercoledì 14 Ottobre 2015, 13.15.32
52
Non sapevi che la merds di potesse argomentare, puzza e basta.
galilee
Mercoledì 14 Ottobre 2015, 13.12.25
51
Ahahahahah, che ridicolaggine. L'importante comunque è sparare cazzate su cazzate senza un minimo di argomentazione ma soprattutto non andare oltre il tifo becero da stadio.
marco
Mercoledì 14 Ottobre 2015, 13.06.15
50
Una colossale cagata.La più' grande truffa della storia della musica.
tpr
Domenica 11 Ottobre 2015, 19.47.01
49
@ heroof sand bel commento! hai espresso in termini più accurati il mio pensiero. se ritieni opinami pure questa impressione: ho sentito altri lavori di gruppi anche più famosi , belli , fatti bene , ma non mi hanno dato nulla in più . qui mi pare ci sia della vera freschezza musicale con delle fusioni musicali molto azzardate ( es l'incipit di from the pinnacle... sembra un funky 70 ) tanto da trovarci dentro di tutto , ma alla fine il suono è nuovo. aspetto una tua impressione.
HeroOfSand_14
Domenica 11 Ottobre 2015, 17.46.01
48
Spinto dalla recensione di Barry (e dalle notizie che circolavano in rete su questa strana band), ho provato ad ascoltare questi fantomatici Ghost, senza sapere nulla della loro musica e del marketing che ci sta dietro. Beh, devo dire che credevo suonassero Black Metal, e mi sono (fortunatamente) sbagliato di grosso. Ormai sono 3 settimane che ascolto di continuo Meliora, un grandissimo album che mi fa ben sperare per il futuro della buona musica. Ho letto molto su di loro in questi giorni e capisco ovviamente le critiche, ma trovare al giorno d'oggi un gruppo che sa suonare, sa comporre arrangiamenti di ottimo livello e, soprattutto, costruire melodie pazzesche che non ti escono dalla testa..beh, ce ne sono pochi, molto pochi. Hanno un senso dell'immediatezza che è di spessore, la prima canzone ascoltata è stata He Is ed ho fatto fatica a comprenderla all'inizio, per poi innamorarmene. Saranno pop, psychedelich rock, prog (mica tanto) o quello che volete ma ci sanno fare parecchio. E poi il business che c'è dietro è pura genialità. L'unica cosa che non mi fa impazzire del disco sono i testi banalissimi (però molto interessanti se confrontati con le melodie ariose e solari, più quelle tenebrose), ed aggiungo anche la voce di papa III che sta bene nel contesto delle melodie, ma se ci fosse, come detto da qualcuno, un singer con più pathos, potrebbe risultarne qualcosa di veramente epico. Adesso vedo i Ghost come una band che ha saputo innovare il vecchio sound 70-80iano, facendolo in modo creativo e immediato. Veramente una bella sorpresa, il futuro sarà anche loro.
Nedioca
Sabato 10 Ottobre 2015, 17.54.10
47
Bellissimo album, secondo me il migliore dei Ghost. L'unica speranza che non si è avverata è stata una maggiore presenza di cori dando un tocco symphonic. Comunque, l'ho amato. Mummy Dust, essendo forse un pochino più pesante delle altre (un po' l'opposto di He Is) è quella che mi è piaciuta meno, ma ciò non significa che non mi sia piaciuta. Ah, consiglio l'acquisto della copia FISICA, l'artwork è il migliore che abbia mai visto (al pari di quello di infestissumam).
tpr
Mercoledì 7 Ottobre 2015, 17.13.44
46
mi scuso ma non condivido una parola della recensione : rispetto alla bolgia informe del metal attuale che varia dal ta ta ta ta al ta ta .. ta ta qui si notano progressioni musicali composite , varie , insomma gente che sa suonare e non che usa le chitarre come le vecchie quando strozzavano le galline.
ObscureSolstice
Sabato 19 Settembre 2015, 18.02.11
45
@freedom: mio nonno in carrozzina in sede live avrebbe fatto già mezz'ora di esibizione tutto sudato, mentre i ghost in mezz'ora ancora devono entrare sul palco con l'intro in sottofondo
freedom
Sabato 19 Settembre 2015, 17.56.10
44
Senza offesa per tuo nonno, il culo glielo farebbero 15 volte come minimo. Sai non è che se una cosa non piace a te deve per forza essere una merda...ti stanno sulle palle, l'abbiamo capito, ma ti assicuro che sanno il fatto loro.
ObscureSolstice
Sabato 19 Settembre 2015, 17.52.31
43
commento 41 @brus: CI MANCHEREBBE!!
ObscureSolstice
Sabato 19 Settembre 2015, 17.50.52
42
@brus: a quei tempi c'erano pochissime band metal..il genere era nato da pochi anni..è un discorso che non si può fare rispetto ad ora. Non leccare il culo ai ghost. Prima sceglievano quelle poche band valide da supportare ai grandi, ora invece mettono le pippe e quelli validi rimangono nell'anonimato. Pure gli Helloween fecero da spalla ai Maiden quando non li conosceva nessuno e quasi gli fecero il culo..vedere anche i Twisted Sister coi Kiss...se c'è bravura e se c'è qualcosa di speciale in una band si vede già da questo in sede live...questi ghost non farebbero il culo neanche a mio nonno in carrozzina. Non mi dire che pure gli avenged sevenfold che hanno avuto il privilegio di supportare i Maiden per un tour sono da considerare di tutto rispetto...per favore...certo che i Maiden ne parlavano bene ma erano parole costrette per portare sti stronzi in giro con loro sai come gli rodeva
brus
Sabato 19 Settembre 2015, 17.25.52
41
Aggiungo inoltre che questi Ghost non faranno affato stadi o arene ma erano almeno 15 anni che non trovavo nessuna band così innovativa che mi desse queste nuove vibrazioni. Secondo me avranno un bel futuro e già lo stanno dimostrando.
brus
Sabato 19 Settembre 2015, 17.22.12
40
Tutto quello che dici tu è solo marketing ,serve appunto per dare importanza alla band- Guarda che la stessa cosa è successa a tutte le metal band più grandi,guarda i Maiden,già partecipavano al reading festival di sera con solo 1 album alle spalle e andorono in tour con Kiss e Priest,e ai tempi far da spalla alle grandi band significava molto,non come oggi. Quindi non vedo nulla di cui scandalizzarsi. Se poi vogliamo tirare in ballo l'originalità della proposta ciao,siamo freschi. Tenendo sempre i Maiden come esempio ai tempi c'era chi li considerava molto simili ai Purple,persino Bruce stesso .
ObscureSolstice
Sabato 19 Settembre 2015, 16.11.17
39
@brus: l'Heavy Metal non si suona nelle arene. Benchè meno negli stadi. Solo ad eccezione di alcuni pochi casi di band di importanza storica e planetaria che hanno militato per lunghi, lunghissimi anni..e a volte neanche loro. Per questa band è già tanto se presenziano headliner o co-headliner in piccoli club davanti a nomi più importanti e significativi di loro della scena dove i ghost mancano di gavetta e di lavori che ne reputano il gradevole "valore" della band di questa osannazione insensata, piazzati ai primi posti nei fest come il figlio di un ricco indrustriale piazzato dietro la scrivania ai massimi vertici aziendali non meritatamente senza aver fatto niente solo aver ricevuto una raccomandazione. Motivo: 1) non sono nessuno; 2) non hanno fatto niente per meritarsi questa osannazione se non che scimmiottare altre band, 3) le band nuove originali di heavy metal o rock ci saranno, ma non sono loro
brus
Sabato 19 Settembre 2015, 12.40.10
38
Non credo che questo gruppo sia destinato alle grandi arene,per arrivare a questo bisogna avere dei fattori che mancano alla band. Prima di tutto manca il "grande vocalist e frontman",ci vuole la classica voce "straordinaria" da fuori classe che sappia anche avere molto carisma sul palco. E poi a livello compositivo se i testi continuano a parlare di Satana e di Lucifero(almeno in maniera così palese ed evidente) di sicuro non conquisteranno mai gli stadi. Insomma per arrivare li bisogna come minimo essere in rotazione spesso sulle radio principali e apparire nei grandi network televisivi
BlackSoul
Sabato 19 Settembre 2015, 7.37.47
37
@ObscureSolstice voto il 33 come commento dell'anno
Luigi
Sabato 19 Settembre 2015, 1.53.30
36
Ascoltai per caso l'album di debutto, senza sapere dei vestiti di tutto l'alone di mistero insomma, ne rimasi folgorato! Sono straordinari nel nella loro proposta semplice, non è poco, e con una produzione da paura, La band del futuro destinata alle grandi arene! Album in questione forse al pari del debutto, dopo il secondo cosi cosi---
Birra
Venerdì 18 Settembre 2015, 13.54.07
35
Birra
Nico
Giovedì 17 Settembre 2015, 23.23.52
34
Disco molto interessante ma contrariamente a quanto pensano in molti per me il vocalist è il punto debole. Capisco l'approccio vocale "minimalista" per mantenere il Mood retró del sound ma con un cantante più espressivo stile David Byron sarebbero perfetti
ObscureSolstice
Giovedì 17 Settembre 2015, 0.37.44
33
forse con gli ascolti Meliora...
Filippo Guglielmo
Mercoledì 16 Settembre 2015, 21.10.43
32
Mi piace tantissimo questo album,adesso Infestissumam può finalmente prendere una pausa dai miei continui ascoltiGià presi i biglietti per me e mia figlia.Per chi li apprezza ci si vede a Trezzo,per chi non li apprezza c'è giustamente tanto altro da ascoltare.
Markus
Mercoledì 16 Settembre 2015, 4.33.56
31
Majesty per me è uno dei brani più riusciti del platter...cmq album riuscito alla grande,85.
fango
Martedì 15 Settembre 2015, 21.58.24
30
Come scrive alla fine della recensione, ' non ce n'è per nessuno'... Album della consacrazione da 90 abbondanti...
Asma
Martedì 15 Settembre 2015, 20.16.39
29
Album che ho già consumato. Probabilmente il più equilibrato tra i tre, ma continuo a preferire Infestissumam. Sì aveva una produzione plasticosa, sì era più pop, sì aveva un paio di filler.. ma era fottutamente gelido, anche per questo (filler esclusi). Onestamente non capisco l' esaltazione di Opus, per carità un ottimo esordio, ma escluse 3, 4 tracce massimo tutto il resto è abbastanza nella media, senza picchi. Tornando all' album meliora mi è molto piaciuto, dall' inizio alla fine. Anche io metto tra le meno riuscite Majesty e la skit, ma non stiamo parlando di nulla di veramente brutto, e tutto il resto è di altissima qualità. Non geniale, ma funziona alla grande. (Mummy Dust l' ho apprezzata tantissimo.. il ritornello e quel pianoforte sono sinistri)
synmela
Martedì 15 Settembre 2015, 19.04.20
28
che vi piaccia o no i Ghost stanno rielaborando e riportando all'orecchio di tutti una grande varietà di sound del passato. Riescono a fare ciò senza scadere nella banalità e con questo album hanno senza dubbio superato entrambi i precedenti lavori, sia a livello lirico che strumentale! Un bel 90 ci sta tutto!
mardonziak
Martedì 15 Settembre 2015, 17.01.16
27
condivido anche io le parole dette da @Brus => riguardanti il precedente disco
freedom
Martedì 15 Settembre 2015, 16.55.35
26
@Anders: ma lo sai che forse hai ragione?? Non ci avevo pensato...che sia Dave?!
ASHER
Martedì 15 Settembre 2015, 15.59.03
25
Francamente non mi entusiasma, qualche buona linea hard rock in mezzo a tanta mediocrità. Vedo che a molti piacciono, boh...
Alessandro Stella
Martedì 15 Settembre 2015, 15.20.56
24
Bello e decisamente più heavy del precedente.Voto 89
Anders
Martedì 15 Settembre 2015, 14.44.19
23
Albo molto bello, anche secondo me il migliore della trilogia fino ad ora pubblicata. Secondo me la batteria è suonata da Dave Grohl, fateci caso.
Testamatta ride
Martedì 15 Settembre 2015, 13.54.45
22
Brus condivido in pieno la tua considerazione su Infestissumam
draKe
Martedì 15 Settembre 2015, 13.37.56
21
E' da tre settimane che ho incominciato ad ascoltare i 3 album di questo gruppo, spinto dalle numerose incensazioni di stampa e fans di tutto il mondo e ho maturato queste considerazioni: 1) per me non sono i nuovi paladini del metallo come tanti dicono 2) di metal hanno giusto qualche riff cadenzato qua e là per il resto fanno heavy-rock-pop dalle atmosfere dark/horror, e i pezzi meglio riusciti sono quelli che più si discostano dall'heavy, cioè dove le linee vocali seguono canoni pop, "He is..." che tutti dicono sia il brano migliore di "meliora" sta lì a dimostrarlo, e aggiungerei a "prova" anche la performance acustica di qualche giorno fa che trovate in rete, ben riuscita, e che ha ha fatto loro guadagnare qualche punticino di più da parte mia 3) La produzione volutamente easy-listening e "rotonda" di "meliora" che finalmente mette in risalto i punti di forza dei brani e del basso (a mio parere lo strumento che esegue le parti più interessanti) rispetto ai 2 album predecessori, fa sì che la musica faccia presa anche tra chi il metal non lo ascolta, ma a mio avviso pecca di dinamica e lo rende un po' piatto 4) rispetto agli esordi si nota una maturazione nel songwriting a scapito di una certa immediatezza, che fa sembrare i brani a volte troppo ragionati a tavolino e perfettini, ma di sicuro i pezzi su "meliora" sono riusciti meglio dei 2 dischi d'esordio, e concordo con la disamina del recensore quando parla di una buona prima parte e di una caduta di tono nella seconda parte. Detto tutto ciò, e tralasciando la parte prettamente estetica e lirica, per me il valore musicale di "Meliora" è più che sufficiente ma ben lontano dall'essere un miracolo come da più parti osannato. Voto 7
brus
Martedì 15 Settembre 2015, 12.41.59
20
Davvero un grande album,He is è una song stupenda,però manca secondo me il singolone da pura stile "year zero". Di sicuro la produzione è molto meglio del lavoro precedente,molto più heavy però Infestissumam aveva qualcosa in più,non so,una sorta di magia sinistra e maligna che manca in questo nuovo album.
Diego
Martedì 15 Settembre 2015, 11.50.25
19
Grandissima conferma per un gruppo che ritengo, quantomeno, originale e stravagante. Restano da mettere in ordine di classifica i tre dischi, ma se la giocano con pochissimo scarto. L'unico difetto di Meliora è che dura pochino, considerato che ci sono un paio di intro/strumentali, ma sempre meglio che aggiungere fillers scadenti...
inflames69
Martedì 15 Settembre 2015, 11.39.13
18
I detrattori sostengono che se non fossero mascherati e avessero creato quest' aura di mistero non se li filerebbe nessuno. Io sostengo l opposto : se non fossero stati così la stragrande maggioranza di chi li critica li adorerebbe. E per inciso puo non piacerti il genere o lo stile ma He is è un pezzo capolavoro
Metal Shock
Martedì 15 Settembre 2015, 11.04.39
17
Per me è il loro miglior album. In un certo senso li reputo i successori dei Blue Oyster Cult. Le loro melodie sono straordinarie e i cori fantastici. Capisco che non sono per tutti, forse perchè non sono strettamente metal, ma per me sono grandiosi. Voto 90
InvictuSteele
Martedì 15 Settembre 2015, 10.18.58
16
Buonissima band, li conosco sin dal loro demo ancor prima di esordire sul mercato con Opus. Il loro sound oscuro mi ha sempre affascinato anche se sinceramente non riesco a capire tutto questo successo, evidentemente chi è dietro di loro ha fatto un lavoro eccellente di marketing. C'è gente che li indica come i paladini del nuovo rock, chi li considera geniali e unici al mondo per originalità... A mio avviso sono una buona e onesta band di hard rock oscuro, forse troppo priva di mordente e troppo soft, se pestassero di più per me sarebbe meglio ma capisco che è il loro stile, bravi ma andiamoci piano con l'idolatria. Hanno un sound personale anche se limitato e sono onesti come i loro album, il primo lavoro rimane il migliore per me e gli darei un 80, questo è di poco inferiore.
Andrrr
Martedì 15 Settembre 2015, 10.09.42
15
Album stupendo(He Is è una delle top dell'album),veramente ben fatto anche se ho preferito maggiormente Infestissumam per quanto riguarda la durata! Ho già comprato il biglietto per il concerto di novembre...già l'anno scorso ho fatto la STRONZATA di non andarci(con tanto di sessione autografi fatto a Mariposa)...quest'anno non si ripeterà e spero che Mariposa li reinviti per firmare altri autografi *_* cd da 90
Carlo
Martedì 15 Settembre 2015, 10.08.55
14
Pur riconoscendo la qualità oggettiva della band non riescono a prendermi più di tanto, e quindi non capisco l'euforia che li circonda. Mi sembra un ottimo gruppo, limitato però dal fatto che fa revival anni '90 del revival anni '70
melkor
Martedì 15 Settembre 2015, 9.38.19
13
grandissimo album, manca pero' una song tipo " year zero " per la perfezione
freedom
Martedì 15 Settembre 2015, 9.30.37
12
Molto bello, meglio di Infestissumam e leggermente inferiore al debutto, che secondo me resta fino ad oggi il migliore, ma per poco. Band di tutto rispetto, inutile farsi troppe domande, hanno l'immagine giusta, hanno le canzoni e sanno suonare ed intrattenere. Bravi. Voto 80.
Sandro70
Martedì 15 Settembre 2015, 7.48.51
11
Mi accodo a Radamanthis e a Zess, non mi dicono nulla.
Stevejoker
Martedì 15 Settembre 2015, 2.28.21
10
Un disco pressoché perfetto per qualità e sound. La Ballad He Is è qualcosa di semplicemente meraviglioso. Con il passare del tempo stanno dimostrando di poter essere dì più di una semplice band "passeggera". Voto 85
Painkiller
Martedì 15 Settembre 2015, 1.47.39
9
Li ho apprezzati sin dalla loro prestazione al gods di qualche anno fa. Hanno una straordinaria capacità di creare ritornelli che restano in testa immediatamente, su un tappeto hard&heavy di tutto rispetto. Album breve, ma brillante, accoppiata che non si vede quasi più vista la tendenza a inserire sempre 12/13 tracce e creare dischi lunghi che si vede ormai da anni. Meno "pop" di infestisummam e più in linea con l'ottimo esordio. Bel disco davvero
Barry
Martedì 15 Settembre 2015, 0.42.40
8
Nulla deve piacere per forza
Radamanthis
Martedì 15 Settembre 2015, 0.21.52
7
Ormai a sto punto credo di essere io a non averli capiti e credo che dovrò riascoltarmi tutta la loro discografia perchè o il mondo gira al contrario o sono io che sto girando dalla parte sbagliata quindi è probabile che non li abbia capiti io...riascolterò....
M0RPHE01978
Martedì 15 Settembre 2015, 0.12.52
6
Per me album pressochè perfetto. 90
Zess
Lunedì 14 Settembre 2015, 23.59.53
5
Niente, ci ho provato, fino ad ora non hanno fatto nulla che mi piaccia o convinca.
danny boy
Lunedì 14 Settembre 2015, 23.44.23
4
....dico che questi sono mitici! fanno dei pezzi che restano in testa, divertono, hanno il fascino occulto-tamarro e ci hanno pure dei suoni da paura. In questi giorni sto ascoltando molto questo disco e l'ultimo dei maiden. Lo dico a malincuore, davvero, ma nella mia testa Meliora batte alla grande The Book of Souls. Mi auguro che questi mascherati restino a lungo e si godano meritato successo perchè sono in grado di scrivere grandi pezzi. Questo conta....o no?
antomie
Lunedì 14 Settembre 2015, 23.28.38
3
il loro miglior album, quasi perfetto
BlackSoul
Lunedì 14 Settembre 2015, 22.50.32
2
Ottimo album, prima parte quasi perfetta, parte centrale (Mummy Dust e Majesty) poco memorabile e chiusura sui livelli delle prime tracce. Discone.
Testamatta ride
Lunedì 14 Settembre 2015, 22.29.50
1
Barry ormai recensore ufficiale dei Ghost. Sono comunque sostanzialmente d'accordo: buona la prima parte, piuttosto fiacca la seconda, mummy dust inclusa.
INFORMAZIONI
2015
Loma Vista Recordings
Heavy Rock
Tracklist
1. Spirit
2. From The Pinnacle To The Pit
3. Cirice
4. Spöksonat
5. He Is
6. Mummy Dust
7. Majesty
8. Devil Church
9. Absolution
10. Deus In Absentia
Line Up
Papa Emeritus III (Voce)
Nameless Ghouls (Chitarre, Tastiere, Basso, Batteria)
 
RECENSIONI
74
80
ARTICOLI
24/04/2017
Live Report
GHOST
Alcatraz, Milano, 19/04/2017
18/02/2016
Live Report
GHOST + DEAD SOUL
Il Deposito, Pordenone (PN), 12/02/2016
28/11/2015
Live Report
GHOST + DEAD SOUL
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI), 23/11/2015
16/06/2014
Live Report
GHOST + CRIMSON DAWN
Magazzini Generali, Milano, 11/06/2014
11/06/2013
Live Report
GHOST + ECHOTIME
Zona Roveri, Bologna, 06/06/2013
11/06/2012
Intervista
GHOSTRIDER
Fine della corsa?
18/07/2011
Live Report
KALEDON + GHOSTRIDER
Campo Sportivo, Somma Lombardo (VA), 15/07/2011
13/01/2011
Intervista
GHOSTRIDER
Fantasmi dal passato
04/12/2010
Live Report
AMORPHIS + ORPHANED LAND + GHOST BRIGADE
Estragon, Bologna, 26/11/2010
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]