Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Esoteric
A Pyrrhic Existence
Demo

Prysma
Closer To Utopia
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

12/12/19
ALASTOR
Šumava

13/12/19
HORRIFIED
Sentinel

13/12/19
VOLTUMNA
Ciclope

13/12/19
SATYRICON
Rebel Extravaganza (rimasterizzato)

13/12/19
DEEP AS OCEAN
Crossing Parallels

13/12/19
COMANDO PRAETORIO
Ignee Sacertà Ctonie

13/12/19
ARKONA (PL)
Age Of Capricorn

13/12/19
GLI ATROCI
Metal Pussy

13/12/19
EREGION
Age Of Heroes

13/12/19
IN OBSCURITY REVEALED
Glorious Impurity

CONCERTI

12/12/19
SKINDRED + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

12/12/19
MARILLION
AUDITORIUM DELLA CONCILIAZIONE - ROMA

12/12/19
MONKEY3 + GUESTS TBA
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

13/12/19
MARILLION
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

13/12/19
GWAR + VOIVOD + CHILDRAIN (ANNULLATO!)
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

13/12/19
SCALA MERCALLI
BUFFALO GRILL - CIVITANOVA MARCHE (MC)

13/12/19
GLI ATROCI
ALCHEMICA MUCIS CLUB - BOLOGNA

13/12/19
NATIONAL SUICIDE + TERBIOCIDE
UFO ROCK PUB - MOZZO (BG)

14/12/19
JINJER + GUESTS (SOLD OUT!)
MAGAZZINI GENERALI - MILANO

14/12/19
KNOCKED LOOSE + GUESTS
CS RIVOLTA - MARGHERA (VE)

Rotting Christ - Thy Mighty Contract
( 4332 letture )
I Rotting Christ sono stati una delle primissime realtà nel panorama estremo greco, e la parte rehearsal/demo/split di inizio della loro carriera meriterebbe un articolo a sé, per quanto è singolare e interessante, anche rispetto a quanto venuto dopo, ma sarò breve. Il gruppo iniziò a fine anni ’80 come formazione grindcore, per quanto incredibile sembri, ma basti guardare la tracklist dello split The Other Side of Life per capire che si sta parlando degli stessi Rotting Christ, i paladini ateniesi del black metal melodico, e non di una qualche garage band intenta ad imitare i Repulsion. Ben altro discorso vale per lo storico (e consigliatissimo) demo Sathanas Tedeum del 1989, che mescola questo primo sound death/grind primordiale con un altrettanto primitivo sound black della cosiddetta first wave, figlia diretta di gruppi come Hellhammer/Celtic Frost, primi Mayhem, Venom e Bathory. Il demo mostra già alcuni dei futuri caratteri dei Rotting Christ dei primi anni ’90, come il gusto per le melodie (lì ancora molto acerbe), per i tempi più ampi e le atmosfere più ricercate, sebbene ancora quel demo fosse sporcato da una forte vena più estrema e marcia che si sarebbe ammansita nell’EP Passage to Arcturo.

Parlare di Passage to Arcturo prima di Thy Mighty Contract (che resta comunque l’argomento di questa recensione, in caso ve lo steste chiedendo) è abbastanza naturale, perché è il collegamento indispensabile per capire il cambiamento stilistico di questi Rotting Christ ancora alla ricerca di un’identità sonora propria, probabilmente in una scena musicale che stava facendo altrettanto. Insieme a loro stavano infatti crescendo i Varathron, anche loro incamminatisi sul percorso verso il sound black metal (il bassista Jim Patsouris era membro in comune), e i Necromantia, che condividevano il gusto per le atmosfere e le melodie, nonché l’idea degli inserti di tastiera (e anche in questo caso, uno dei membri, il tastierista George Zacharopoulos militava in entrambe le formazioni); dando uno sguardo all’estero, la lista delle band che più o meno consciamente stava prendendo questa strada originale nel black metal, e idealmente opposta a quella scandinava (che era invece veloce, gelida e integralista) è davvero sconfinata: Mortuary Drape, Master’s Hammer, Samael, e così via. Il suddetto album segna quindi il passaggio innanzitutto verso un sound più asciutto, con qualche richiamo allo speed/black teutonico, ma circoscritto, e con una preponderante componente di proto-black/doom proveniente dai Celtic Frost e una melodica di scuola Bathory e simili, più nordica, fredda e minimalista.

Arriviamo quindi a questo splendido debutto, Thy Mighty Contract, in cui lo stile dei Rotting Christ è definito, riconoscibile e unico, come ci si aspetta da una pietra miliare di questo calibro. Rispetto allo scorso EP, la velocità è incrementata, complici il miglioramento tecnico evidente e la direzione più marcata che il black metal stava assumendo internazionalmente. Una opener come The Sign of Evil Existence stupisce se rapportata ai trascorsi musicali del gruppo: la voce, prima piuttosto cavernosa, ha lasciato il posto ad uno scream acuto e acido (come più da consuetudine del black metal della prima metà dei ’90) e anche la distorsione delle chitarre è più graffiante, rispetto a quella molto chiara e asciutta di Passage to Arcturo, per non parlare del drum-pattern, molto più veloce e intenso. Un ponte con la release precedente si trova evidentemente in un pezzo come Fgmenth, Thy Gift, essenziale e cadenzata dietro alle pelli, molto melodica (anche vocalmente) e adornata da lead chitarristici particolari e ricercati, che approfondiscono il discorso lasciato in sospeso due anni prima. Ma l’identità di questo debutto si riconosce in tracce di notevole complessità come Exiled Archangels, che saggia la velocità, i ritmi cadenzati, le decelerazioni e una coraggioso ma riuscitissimo inserto pulito con un crescendo vocale che ancora oggi, dal vivo, mette i brividi. Lo stile chitarristico è tanto originale da avere pochi paragoni calzanti, se non in rapporto con tutti i gruppi che ho citato finora, ma con un’identità così definita che farebbe dubitare dell’età anagrafica dei membri (il batterista Themis Tollis non era nemmeno ventenne, e suo fratello Sakis, chitarrista e cantante, era solo di un paio d’anni più vecchio).

La varietà di questo disco vi lascerà di stucco, se siete nuovi all’ascolto, dato che momenti di intensità musicale ed emotiva diversa convivono con una naturalezza eccezionale, lasciando che parti veloci si susseguano ad altre più lente, che sia la voce oppure la chitarra oppure ancora la batteria a prendere il comando e guidare l’evoluzione, mai prevedibile, del pezzo, disegnando dei passaggi artistici di maturità indiscutibile. Il gusto compositivo rende veramente grande e ancora attuale questo disco, dal momento che ogni pezzo si distingue per le proprie linee vocali, per il proprio chorus memorabile, per un dato riff portante che vi si incollerà in testa o per un qualche attimo da brividi. Inutile che ve li snoccioli ad elenco, per cui posso terminare qui la mia disamina, che ha volutamente considerato il percorso di crescita del gruppo, per cercare, umilmente, di capire come questo traguardo musicale sia stato raggiunto, e perché sia stato così tanto influente per la scena black metal greca e non.



VOTO RECENSORE
93
VOTO LETTORI
97.75 su 16 voti [ VOTA]
Legalisedrugsandmurder
Mercoledì 14 Agosto 2019, 22.32.02
17
sulfureo, atmosferico... forse oggi certe parti sembrano un po' naif ma resta un gran disco
Legalisedrugsandmurder
Mercoledì 14 Agosto 2019, 22.32.02
16
sulfureo, atmosferico... forse oggi certe parti sembrano un po' naif ma resta un gran disco
Marjan
Venerdì 8 Marzo 2019, 23.04.30
15
Capolavoro
Aceshigh
Sabato 19 Maggio 2018, 20.41.59
14
Pietra miliare del black mediterraneo. Da avere assolutamente. Non posso che sottoscrivere il voto della recensione! Erano anni veramente prolificissimi per il metal estremo...
Aragorn
Sabato 29 Aprile 2017, 8.01.07
13
Uno dei album Black Metal più riusciti di sempre. Impensabile oggi raggiungere un livello così intenso tra accellerazioni, melodie gelide e urla inumane quanto calcolate. "Exiled Archangels" è un piccolo gioiello che è entrato di diritto nella storia del Metal intero.
Giaxomo
Venerdì 6 Gennaio 2017, 1.14.02
12
Ques'album è il classico album che ogni amante di sano black metal dovrebbe possedere. Questa è, sicuramente, una concezione di black diversa dalla concezione "norvegese", più melodica se vogliamo metterla su un piano di aggressività sonora ma i riff e le tastiere svolgono un ruolo fondamentale per mantenere e creare la medesima atmosfera malvagia, perfida, grezza e quasi metafisica. Si sente che la zona di provenienza è diversa, questo è poco ma sicuro fatto sta che come esito finale non posso dare meno di 93 (valore affettivo 100). Songs come "Exiled archangels" sono da incorniciare e contemplare, e basta, dal momento che i componenti erano ADDIRITTURA più giovani di me. Un plauso anche a produzione, assoli che nella loro semplicità sono a dir poco toccanti e alla recensione. Non avrei saputo far di meglio! Black metal raffinatissimo! Ps: quest'album è datato 1993, etichetta Osmose...faccio un appello, sapete se registravano nello studio dei Marduk mentre registravano "Those of the unlights"? Ma ve li immaginate? Perché etichetta e anno coincidono..che ttempi, ragazzi..
enry
Sabato 26 Settembre 2015, 8.51.01
11
Ci sono così tanti sottogeneri nel metal che ti possono rendere felice...Le crociate Anti black metal sono fuori tempo massimo ormai, già non avevano senso 25 anni fa, figuriamoci nel 2015. Io per esempio divento triste se ascolto il symphonic, ma mica vado a rompere le scatole a chi lo ascolta.
Baron The Red
Venerdì 25 Settembre 2015, 21.13.51
10
Bravo...sentiti triste allora!
Gontepartiro
Venerdì 25 Settembre 2015, 20.46.05
9
Tra le tantissime band che per sentirsi cattive e estreme aveva bisogno di un nome ridicolo e copertine improponibili, il fatto che qualcuno osanni tale genere mi mette tristezza
Doomale
Lunedì 21 Settembre 2015, 13.06.28
8
Un MONUMENTO (tipo quelli che si trovano negli antichi templi Ateniesi) del black "mediterraneo", punto. 95 è il suo giusto voto
Blackout
Domenica 20 Settembre 2015, 8.07.49
7
Capolavoro assoluto, miglior disco dei Rotting Christ. Ottima disamina, Nicko.
enry
Sabato 19 Settembre 2015, 16.11.15
6
Ovviamente capolavoro anche per me è disco preferito della band, raramente vado sopra al 90 ma qui ci può stare. Monumentale.
Zess
Sabato 19 Settembre 2015, 14.52.53
5
Disco clamoroso, ma fino al '95 sono tutti capolavori.
Ulvez
Sabato 19 Settembre 2015, 12.05.13
4
oserei dire che questo è l'apice del primo periodo dei Rotting Christ, sono riusciti ad incrementare la qualità già elevata di Passage to Arcturo. disco decisamente epocale.
Steelminded
Sabato 19 Settembre 2015, 11.02.42
3
Sulfureo epico mitico. Amore al primo ascolto nel 93-94.
Pacino
Sabato 19 Settembre 2015, 10.12.09
2
il loro miglior album. Voto 94
Baron the red
Sabato 19 Settembre 2015, 8.41.32
1
Ottimo rece...che dipinge al meglio questo splendido album. Non c'è storia questo per me e' il loro vero capolavoro ...ferma restando l'ottima qualità di quasi tutti i loro lavori, ma la magia che aleggiava in questo...in passage to arcturo e Non Serviam era qualcosa di speciale. Questo pero lo preferisco a tutti...sara che li ho conosciuti con questo. Tra l'altro questo fu l'unico che loro fecero uscire su Osmose che all'epoca era davvero mitica..ma screzi vari li porto dopo all'Unisound che nonostante fosse un etichetta minore, all'epoca era specializzata in Black di questo tipo..basti ricordare lo split Varathron / Necromantia, i Mortuary di "all the witches" i Necromass di "mysteria..."...gli Zemial ..Nergal...poi un side Project degli Absu. Bellissima anche la loro ultima calata italica dove lo hanno suonato quasi per intero. Tutti i brani sono dei mega classici. 95 ci sta tutto
INFORMAZIONI
1993
Osmose Production
Black
Tracklist
1. The Sign of Evil Existence
2. Trasform All Suffering into Plague
3. Fgmenth, Thy Gift
4. His Sleeping Majesty
5. Exiled Archangels
6. Dive the Deepest Abyss
7. The Coronation of the Serpent
8. The Fourth Knight of Revelation (Part 1 & 2)
Line Up
Necromayhem (Voce, Chitarra)
Mutilator (Basso)
Magus Wampyr Daoloth (Tastiera, Voce)
Necrosauron (Batteria)
 
RECENSIONI
75
78
69
56
89
83
79
84
87
90
93
ARTICOLI
18/11/2018
Live Report
WATAIN + ROTTING CHRIST + PROFANATICA
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI), 11/11/18
31/10/2016
Live Report
INQUISITION + ROTTING CHRIST + MYSTIFIER
Circolo Colony, Brescia, 29/10/2016
12/06/2015
Live Report
ROTTING CHRIST (set old school) + GUEST
Traffic Club, Roma, 05/06/2015
28/05/2013
Live Report
ROTTING CHRIST + FORGOTTEN TOMB + GUESTS
Barbara Disco Lab, Catania (CT), 24.04.2013
02/12/2012
Live Report
CRADLE OF FILTH + GOD SEED + ROTTING CHRIST + DARKEND
Magazzini Generali, Milano, 27/11/2012
20/05/2011
Live Report
ROTTING CHRIST + OMNIUM GATHERUM + DAYLIGHT MISERY + DARKEND + altri
Init Club, Roma, 15/05/2011
17/03/2008
Live Report
ROTTING CHRIST + DISGUISED + INGRAVED
Il concerto di Bari
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]