Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Magnum
The Serpent Rings
Demo

Ira Green
7
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

31/01/20
LORDI
Killection

31/01/20
CANIS DIRUS
Independence to the Beast

31/01/20
NATTVERD
Styggdom

31/01/20
GARY MOORE
Live In London

31/01/20
MOON REVERIE
Moon Reverie

31/01/20
RAVENWORD
Transcendence

31/01/20
SERIOUS BLACK
Suite 226

31/01/20
HOUNDS
Warrior of Sun

31/01/20
SECRET ALLIANCE
Solar Warden

31/01/20
MONOLITHE
Okta Khora

CONCERTI

31/01/20
NOVERIA + METHODICA
TRAFFIC CLUB - ROMA

01/02/20
METAL PUNK FEST
CSO PEDRO - PADOVA

01/02/20
INCITE
DEDOLOR MUSIC HEADQUARTER - ROVELLASCA (CO)

01/02/20
EXTREMA
CRAZY BULL - GENOVA

01/02/20
CORAM LETHE
1001 - COLLE VAL D'ELSA (SI)

01/02/20
HIDEOUS DIVINITY + GUESTS
EKIDNA - CARPI (MO)

02/02/20
GLORYHAMMER + NEKROGOBLIKON + WIND ROSE
ALCATRAZ - MILANO

06/02/20
THE DARKNESS + DZ DEATHRAYS
ALCATRAZ - MILANO

06/02/20
EXTREMA + DEVIL CRUSADE + DISBOSKATOR
FREAKOUT CLUB - BOLOGNA

07/02/20
ABBATH + 1349 + VLTIMAS
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

Steve Hackett - Wild Orchids
( 5719 letture )
The Lamb Lies Down on Brodway, Foxtrot, Selling England by the Pound. Chiunque abbia una vaga conoscenza della storia del prog avrà consumato la puntina del proprio stereo (se è un ascoltatare stagionato) oppure il meccanismo d'apertura del proprio lettore CD (se è un under 30) ascoltando e riascoltando quei lavori. Ebbene esce in questi giorni nei negozi l'ultima fatica di un tizio che ha avuto una parte fondamentale nello sviluppo di quelle architetture sonore: signori, Steve Hackett è tornato.
La carriera solista di Steve ha esplorato territori molto variegati per ripresentarsi in questo ultimo scorcio di 2006 con quella che, in linea generale, possiamo considerare la sintesi di quanto elaborato in precedenza , presentando, oltre alla line-up d'altissimo livello citata tra i credits, anche la sua Underworld Orchestra di Metamorpheusiana memoria. Il risultato è un disco splendido, in cui gli amanti dei Genesis del periodo d'oro non faticheranno a ritrovare echi di antica memoria in alcuni arrangiamenti ed in alcune soluzioni armoniche, ma assolutamente contemporaneo nella scrittura e nella sua ricerca di atmosfere da world music con profonde venature classiche. Splendidamente prodotto e mixato Wild Orchids è un CD che semplicemente "và oltre", superando con classe le barriere di genere e situandosi con leggerezza in una posizione da cui osservare la grande maggioranza delle altre uscite da una posizione di superiorità culturale. Lo stile ibrido di Steve, figlio del suo autoapprendimento non accademico, conferisce come sempre un taglio personale al suo sound ed è ormai un marchio di fabbrica perfettamente riconoscibile del suo rock "da Cattedrale".
All'interno di un disco con pochi cedimenti e che presenta i suoi momenti migliori nell'opener aggressivamente liquida Transylvanian Express, negli arabeschi indiani di Waters of the Wild; nella descrizione accurata del narratore psicopatico di Down Street; nella descrizione del travaglio interiore della suicida di To a Close; nelle atmosfere Jazzate di A Girl called Linda e, incredibilmente, nella cover (fatto assolutamente inusuale per Steve) del Bob Dylan (!) di Man in the Long Black Coat, che farà forse storcere il naso a qualcuno, ma nel cantare la quale Steve dà l'impressione di essersi molto divertito. Sono forse gli echi Zappiani miscelati sapientemente con soluzioni alla Genesis che pervadono To a Close, la cosa migliore di un album che forse non tutti sono in grado di apprezzare e probabilmente è proprio questa la sua qualità migliore. Per conto mio posso solo dire che se volete descrivervi come intenditori di musica, bhè, certe cose dovete almeno conoscerle.



VOTO RECENSORE
87
VOTO LETTORI
44.82 su 39 voti [ VOTA]
Raven
Giovedì 14 Aprile 2011, 8.53.18
12
Lo abbiamo detto, mi pare circa la cover di Dylan: si, forse è un fatto generazionale, musicalmente non mi ha mai detto nulla, discorso diverso per i suoi testi.
Silvio
Mercoledì 13 Aprile 2011, 17.46.06
11
Aderisco quasi totalmente alla recensione di Francesco tranne che per il voto (basso) e il pezzo migliore, anche se capisco la sua aderenza coi Genesis. Io forse, perchè ho qualche anno in più opto per la cover di Dylan, altro che storcere il naso. Provate voi a superare un classico! Però tutto il lavoro è superlativo: ditelo in giro che c'è ancora qualcosa di buono da ascolatre.
Raven
Mercoledì 17 Giugno 2009, 8.18.30
10
Certo, i vecchi restano nella storia e questo disco non è e non vuole essere paragonabile, ma la classe non è acqua
Dadox
Martedì 16 Giugno 2009, 23.42.04
9
Oddio,mi viene la malinconia.I MIEI GENESIS...non sapevodi questo disco,grazie.devo sentirlo anche se in ritardo.ma non cabia nulla perchè i vecchi restano nella storia...grazie.
francesco gallina
Giovedì 2 Novembre 2006, 18.40.11
8
lieto che sia piaciuto a molti, a testimonianza del livello dei lettori di Metallized.
maurizio
Mercoledì 18 Ottobre 2006, 17.25.30
7
credo di conoscere abbastanza dei genesis per poter dire che questa perla va assolutamente ascolatata in tutte le sue essenze di profumazione e colore. In certi passi sembra di rivivere vecchie e antiche atmosfere ormai quasi dimenticate. E' incredibile in tutta la sua bellezza.
sal
Lunedì 16 Ottobre 2006, 12.33.17
6
pur non amando particolarmente i genesis devo dire che i lavori solisti di steve hackett sono di alto livello e questo disco è veramente splendido, lo consiglio a chi ama il prog e non solo.
amarok
Lunedì 16 Ottobre 2006, 12.30.41
5
un disco eccellente come gli ultimi 3/4 di hackett che sembra ormai in perenne stato gi grazia
Francesco GAllina
Lunedì 18 Settembre 2006, 8.11.58
4
Premettendo che quest'album può essere considerato prog solo in parte, presentando influenze diversissime tra loro, questo ha avuto un ruolo importante nel definire la nostra musica così come la conosciamo oggi, pertanto va almeno conosciuto per sommi capi. Inoltre ci sono dei prodotti che, pur avendo poco a che fare col genere, vanno comunque conosciuti per qualità, a prescindere dal settore.
Vincenzo
Domenica 17 Settembre 2006, 12.33.07
3
Ciao Francè, devo dire che il fatto che vi occupiate (ovviamente compatibilmente con il carattere metallico della webzine) anche di artisti che non siano inquadrabili nel genere mi trova d'accordo e tu lo fai con estrema competenza. Il prog non rientra proprio tra i miei gusti, ma ciò non toglie che il tuo scritto possa far invogliare i lettori, me compreso, alla conoscenza di quest'album.
stefano
Domenica 17 Settembre 2006, 12.24.28
2
grandissimo come sempre, album con una infinità di influenze ma marcatamente Steve Hacktiano fino all'ultima nota di un cd che va ascoltato più volte, scoprendo passaggi e armonie deliziose da avere assolutamente a prescindere dal tipo di musica che si ama di più
Zagor76
Domenica 17 Settembre 2006, 11.38.27
1
Me lo devo procurare. Francesco difficilmente sbaglia.
INFORMAZIONI
2006
Inside Out
Prog Rock
Tracklist
1. Transylvanian Express
2. Waters Of The Wild
3. Set Your Compass
4. Down Street
5. A Girl Called Linda
6. To A Close
7. Ego & Id
8. Man In The Long Black Coat (Bob Dylan cover)
9. Wolfwork
10. Why
11. She Moves In Memories
12. The Fundamentals Of Brainwashing
13. Howl
Line Up
Steve Hackett - Guitars, Vocals
John Hackett - Guitars, Flute
Roger King - Keyboards, Guitars
Nick Magnus - Keyboards
Gary O´Toole - Drums
Rob Townsend - Sax, Flute, Clarinet
 
RECENSIONI
75
85
83
88
89
87
91
86
92
ARTICOLI
04/05/2019
Live Report
STEVE HACKETT
Europauditorium, Bologna, 30/04/2019
14/07/2018
Live Report
STEVE HACKETT
Anfiteatro del Vittoriale, Gardone Riviera (BS), 08/07/2018
25/03/2017
Intervista
STEVE HACKETT
Viaggi, spiritualità e aurore boreali.
27/05/2014
Live Report
STEVE HACKETT
Auditorium Conciliazione, Roma, 22/05/2014
17/05/2011
Live Report
STEVE HACKETT
Teatro Tendastrisce, Roma, 13/05/2011
27/05/2010
Intervista
STEVE HACKETT
From Genesis to Istanbul
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]