Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Falconer
From a Dying Ember
Demo

Chaosaint
In the Name of
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

09/07/20
NUCLEAR WINTER
StormScapes

10/07/20
MICHAEL GRANT & THE ASSASSINS
Always the Villain

10/07/20
DAWN OF A DARK AGE
La Tavola Osca

10/07/20
TOKYO MOTOR FIST
Lions

10/07/20
REBEL WIZARD
Magickal Mystical Indifference

10/07/20
BLOODY HEELS
Ignite the Sky

10/07/20
SHINING BLACK
Shining Black

10/07/20
VISION DIVINE
The 25th Hour (ristampa)

10/07/20
ENSIFERUM
Thalassic

10/07/20
ENUFF Z`NUFF
Brainwashed Generation

CONCERTI

06/07/20
DEEP PURPLE + GUESTS (SOSPESO)
BOLOGNA SONIC PARK - ARENA PARCO NORD - BOLOGNA

06/07/20
FAITH NO MORE (SOSPESO)
IPPODROMO SNAI SAN SIRO - MILANO

06/07/20
MARKY RAMONE + WAHNSINN + RUNN + THE VORTICOUS (SOSPESO)
DRUSO - RANICA (BG)

08/07/20
THE DEAD DAISIES (SOSPESO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

08/07/20
GUANO APES + LACUNA COIL (SOSPESO)
PARCO DELLA CERTOSA - COLLEGNO (TO)

13/07/20
KISS (SOSPESO)
ARENA - VERONA

23/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

24/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

25/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

26/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

AA. VV. - Cottage Cheese from the Lips of Death - A Texas Hardcore Compilation
16/10/2015
( 795 letture )
Un famoso comico italiano afferma spesso che “non si esce vivi dagli anni ‘80”, e a dirla tutta un po’ di verità sussiste in questa considerazione perché mai come oggi, almeno in ambito musicale, si sente il bisogno creativo di tornare in quel decennio che tanto ha segnato le sonorità delle decadi seguenti fino a oggi. La compilation Cottage Cheese From The Lips Of Death – A Texas Harcore Compilation pubblicata nel 1983 ne è un fulgido esempio, andando a racchiudere in quattordici tracce dalle varie sfaccettature quanto di meglio girasse in ambito punk e hardcore fino a quel periodo, buttando sul piatto chicche oggi quasi dimenticate e passando da brani hardcore più o meno tirati e precursori di un metal ancora tutto da creare a canzoni dalla vena prettamente punk, inteso come stile di vita e non come visione modaiola. Questa compilation trasuda una genuinità ignorantissima, che se ne frega di tutto e tutti e chiede solo di essere sparata a tutto volume nello stereo dell’auto vivendola in modalità “Beavis & Butthead”, amplificando senza limiti l’ignoranza di fondo di ogni singola nota, indipendentemente dalla qualità delle registrazioni o dal livello esecutivo più o meno decente dei musicisti coinvolti: qui vincono i brani stessi, i titoli semplici e diretti che già nel loro piccolo racchiudono il preciso messaggio che si vuole far passare con questa compilation (la cui copertina se possibile è ancora più underground delle canzoni stesse).

Proprio basandosi su questo concetto si devono analizzare le canzoni qui contenute, che senza ovviamente far gridare a nessun miracolo danno però una panoramica di ciò che di lì a poco sarebbe esploso. Si parte quindi da una matrice hardcore senza fronzoli con una Nobody Rules dei Really Red, base del movimento mosh-core degli anni seguenti, proseguendo con gli alfieri dell’ignoranza che rispondono al nome di D.R.I. (aka Dirty Rotten Imbeciles) e la loro tiratissima Runnin’ Around, gente che fortunatamente non ha bisogno di presentazioni visto che brani simili fanno cadere in piedi l’ascoltatore nel bel mezzo di un film della Troma, il che è tutto un programma. La pessima registrazione della seguente Fight Back non rende giustizia alla perizia tecnica degli Offenders, che avrebbero meritato più fortuna di quella che hanno ottenuto poi.Dall’hardcore più puro e duro si passa alla vena punk che caratterizza la compilation, quindi a sonorità meno tirate e più aperte: da Soldiers Of A Pure War delle Mydolls alla “clasheggiante” Bread And Bombs dei Not For Sale, dove il basso incalzante la fa da padrone dall’inizio alla fine, passando per la cadenzata The Big Picture dei Big Boys,la coinvolgentissima Entertainment Tonight degli irriverenti Prenatal Lust, la punk-rock I Hate My Job dei Butthole Surfers e la claustrofobica Christian Rat Attack degli Stickmen With Rayguns. A un certo punto punk e hardcore si mischiano e si confondono, i suoni si fanno veramente acidi nonostante la pessima qualità di registrazione, e vengono proposti brani da parto difficoltoso quali Moo... degli Hugh Beaumont Experience, la peraltro divertente Rock And Roll Asshole dei Marching Plague, l’esplicita e cortissima Dickhead dei Bang Gang e la lisergica Gilbeau degli altrettanto lisergici Dicks.Chiude la compilation il brano più metal del lotto, cioè una primordiale e seminale Meltdown eseguita con gli attributi dalla primissima formazione dei mai dimenticati Watchtower di Mr. Doug Keyser, quando l’era Tecchio era ancora tutta da scrivere.

Gli anni 80 hanno tracciato tante pennellate sulla tela della storia musicale mondiale, con sfumature e tratti sempre diversi e innovativi, alla continua ricerca di qualcosa che forse nessuno degli artisti coinvolti ha mai veramente trovato, o forse qualcosa che era così semplice da trovare e da vedere da essere praticamente ignorato perchè ritenuto banale o di poco conto, e questa variegata compilation credo voglia testimoniare proprio questo, cioè che a volte le cose più semplici e dirette sono quelle che forse lasciano un segno nella storia o perlomeno di sicuro ne tracciano indissolubilmente il cammino per le generazioni future.



VOTO RECENSORE
65
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
1983
Ward-9 Records
Hardcore/Punk
Tracklist
1. Nobody Rules – REALLY RED
2. Runnin’ Around – D.R.I. (Dirty Rotten Imbeciles)
3. Fight Back – OFFENDERS
4. Soldiers Of A Pure War – MYDOLLS
5. Bread And Bombs – NOT FOR SALE
6. The Big Picture – BIG BOYS
7. Entertainment Tonight – PRENATAL LUST
8. Christian Rat Attack – STICKMEN WITH RAYGUNS
9. Moo... – HUGH BEAUMONT EXPERIENCE
10. Rock And Roll Asshole – MARCHING PLAGUE
11. I Hate My Job – BUTTHOLE SURFERS
12. Dickhead – BANG GANG
13. Gilbeau – DICKS
14. Meltdown – WATCHTOWER
Line Up
Artisti Vari
 
RECENSIONI
s.v.
80
75
75
s.v.
80
s.v.
68
s.v.
s.v.
s.v.
74
s.v.
80
60
s.v.
88
88
75
s.v.
70
s.v.
80
80
50
s.v.
65
s.v.
s.v.
85
70
50
70
80
80
93
s.v.
74
85
65
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]