Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Voivod
The Wake
Demo

Panni Sporchi
III
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

20/10/18
RESUMED
Year Zero

22/10/18
MORBID MESSIAH
Demoniac Paroxysm

23/10/18
BAD BONES
High Rollers

26/10/18
CHEVELLE
12 Bloody Spies

26/10/18
UNLEASHED
The Hunt For White Christ

26/10/18
HOLY SHIRE
The Legendary Shepherds of the Forest

26/10/18
BLOODBATH
The Arrow of Satan is Drawn

26/10/18
FIFTH ANGEL
The Third Secret

26/10/18
KMFDM
Live In The USSA

26/10/18
EISREGEN
Fegefeuer

CONCERTI

20/10/18
ROSS THE BOSS + BULLET + CRYSTAL VIPER
CAMPUS INDUSTRY - PARMA

20/10/18
AZAGHAL + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

20/10/18
FRACTAL UNIVERSE + GUESTS TBA
THE FACTORY - VERONA

20/10/18
VADER + ENTOMBED A.D. + GUESTS
ZONA ROVERI - BOLOGNA

20/10/18
ANGEL MARTYR + PARASITE
BANDIDOS PLACE - MESSINA

20/10/18
BLACK THUNDER + THE BADASS TURKEY
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

21/10/18
VADER + ENTOMBED A.D. + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

22/10/18
HALESTORM
ALCATRAZ - MILANO

25/10/18
KILLING JOKE
CAMPUS INDUSTRY - PARMA

26/10/18
HOLY SHIRE + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

Saxon - Power & the Glory
17/10/2015
( 2704 letture )
Inghilterra, anni '80: basterebbe già solo questa breve frase per rievocare nella mente di ogni metalhead che si rispetti quel periodo storico in cui si sono scritte alcune delle pagine più importanti nella storia dell'heavy metal, ma se ad essa aggiungiamo anche il nome Saxon, qualsiasi dubbio risulta inammissibile. Nello specifico oggi si ritorna al 1983, anno in cui il gruppo di Byford e soci rilascia il proprio quinto album in studio, intitolato Power & the Glory. Reduci da un trittico di album quali Wheels of Steel, Strong Arm of the Law e Denim and Leather, considerati da molti come i più importanti della loro carriera, il quintetto inglese decide di rimanere sulla stessa linea d'onda, confezionando quello che, a conti fatti, può essere considerato il degno successore dei capolavori sopracitati.

Quanto detto trova conferma fin dalle prime note della opener e title-track, Power and the Glory, il cui riff iniziale, sostenuto dalle rullate di batteria del nuovo arrivato Nigel Glocker, suona sporco e grintoso come il rombo di una Harley. La stessa carica si riflette poi nelle seguenti Redline e Warrior, la prima cadenzata ed introdotta da un acido riff fatto di armonici tirati, la seconda più martellante e sorretta da un ritmo che pare rifarsi a quello di Children of the Grave dei Black Sabbath. Lodevoli gli assoli di chitarra di Graham Oliver e Paul Quinn che qui, come in tutto il resto dell'album, continuano a duellare, passando da ritmiche roboanti a veloci e taglienti fraseggi. Con la traccia successiva i Nostri rallentano lievemente ed aggiungono un pizzico di melodia in più per un brano, sempre ben lungi dal potersi definire "ballad", ma al quale non manca di certo una certa classe e che, tra le altre cose, è stato eseguito dalla band persino al festival di Sanremo dell'83. Appena il tempo di riprendere fiato, dunque, prima di essere travolti dai ritmi aggressivi di This Town Rocks, introdotta da un solo di batteria e da tappeti di doppia cassa che riconfermano ancora una volta le doti del sostituto di Pete Gill dietro le pelli e che ricordano quasi la famosa Painkiller dei Judas Priest (che verrà però quasi un decennio più tardi). Watching the Sky e Midas Touch, la prima allegra e melodica, la seconda più cadenzata e dotata di una strofa fatta di arpeggi lievemente distorti e piuttosto d'atmosfera, sono entrambe canzoni che rimarcano esplicitamente la forte vena di hard rock, onnipresente nelle composizioni della band. Il disco si conclude poi con The Eagle Has Landed, considerato uno dei pezzi di storia dei "Sassoni". Trattasi di un brano dai ritmi più lenti rispetto alla media delle canzoni finora citate, introdotto da una batteria cadenzata e colorata in maniera semplice ma eccellente dal basso di Steve Dawson, sul quale le chitarre intessono fraseggi dal sapore fortemente blues. Il tutto condito poi dall'onnipresente voce di Biff Byford, in forma smagliante qui come nel resto dell'album e sempre pronto a vocalizzi lunghi e perfettamente controllati.

Con questa quinta fatica, dunque, i Saxon non si smentiscono, ma anzi rimangono assolutamente coerenti con il sound e lo stile che li ha portati al successo. Forse Power & the Glory non eguaglia i suoi illustri predecessori, ma grazie ad una serie di fattori, come la presenza di brani del calibro di The Eagle Has Landed, uniti alla tipica grinta che contraddistingueva anche i lavori precedenti di Byford e soci, ne fanno un più che degno successore, in grado di farsi ricordare ed apprezzare ancora oggi, a più di trent'anni di distanza dalla sua uscita.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
88.76 su 21 voti [ VOTA]
Aceshigh
Sabato 25 Novembre 2017, 15.32.10
15
Anch'io comincio a sentire qui in Power And The Glory una raffinatezza che lascia intravedere il futuro più radiofonico della band, ma davanti a canzoni come The Eagle has Landed e la title-track.... chissenefrega voto: 90. Per quanto riguarda Sanremo... beh in quegli anni oltre agli artisti pop stranieri passarono (oltre ai Saxon) anche Kiss, Def Leppard, Europe, Bon Jovi, Queen, Van Halen; e se usciamo dall'ambito hard rock allora c'erano Sting, Depeche Mode, Dire Straits.... Oggi chi sono gli ospiti stranieri?
Fabio Rasta
Giovedì 6 Aprile 2017, 17.14.38
14
Non ho mai capito se abbia inciso di + il cambio di batterista o la produzione + accurata, ma nonostante vi siano pezzi cosmici (title track, This town, Eagle..), il disco mi sembra + patinato, meno Motorcycle Man rispetto alla famosissima triade che lo precede. E pur essendo Glocker oggettivamente + bravo e vario di Gill. Al commento 1 c'è un ragazzo che ha scoperto la grande Musica guardando sanremo. X la serie Il Festival Dell'Impossibile!
Steelminded
Domenica 16 Ottobre 2016, 11.18.40
13
Buon disco, ma la copertina merita una menzione speciale (negativa)...
Burning Eye
Martedì 4 Ottobre 2016, 21.44.34
12
Dei Saxon anni 80' non c'è un disco che non adori. Una di quelle band che per me non hanno mai fatto fiasco. Qui abbiamo un ennesimo ottimo disco con suoni interessanti e alcuni pezzi scintillanti come Watching The Sky, Nightmare e Power And The Glory, le altre comunque rimangono su livelli di alta qualità. Warrior mi ricorda quasi il riff di Dissident Aggressor.
Mulo
Martedì 4 Ottobre 2016, 21.33.19
11
E con questo i Saxon servirono il poker d'assi..... 4 capolavori di metallo britannico fumante! Title trak da urlo,la scanzonata this town rocks,warrior e eagle has landed le mie preferite.90/100
VecchioThrasher
Domenica 25 Ottobre 2015, 11.40.08
10
A me questo disco piace...
Mic
Lunedì 19 Ottobre 2015, 10.45.57
9
gran disco che a me piace più degli illustri predecessori. orrenda la copertina, ma chi se ne frega?
KD
Sabato 17 Ottobre 2015, 19.31.54
8
che spasso vedere il pubblico imbalsamato di sanremo battere le mani sul ritmo di "nightmare" , ah ah ah
mario
Sabato 17 Ottobre 2015, 16.28.10
7
Bella recensione, daccordissimo con Leonardo per il discorso valorizzate del sound naturale.Fantastica la titletrack, un vero e ptoprio inno metallico, con il suo storico riff , tanto chebinfluenzo' non poco i loro connazionali Iron Maiden, basta infatti ascoltare 2 Minutes to Midnight per accorgersi della assonanza tra i 2 riffs.Molto bella anche Red Line, che e' un po un condensato in miniatura del marchio sonoro della band, sia per il suo riff di armonici tirati sia appunto perche' racchiude sonoramente la bella mescola di, rock classico, hard rock, blues e heavy.This Town che ha del magico, grazie a uno dei temi sonori batteristici più' interessanti e contagiosi di tutto l'album. Veramente bravo e sconvolgente con il suotocco E il suo stile in questo brano Glockler.Cosi' come il meraviglioso e incredibile riff di chitarra in Midas Touch.C'è da dire comunque che in tutto il disco il lavoro di chitarra e' veramente di ottima fattura, merito della stupenda doppietta chitarristica Quinn-Oliver, che riescono a valorizzare al meglio la bella e caratteristica voce di Byford, che riesce a ricamare ogni traccia con le sue efficaci e incisive melodie canore, dando prova di grande perizia interpretativa in lungo e in largo nel classico e brillantemente epico brano The Eagle Has Landed.Con questo lavoro raggiunsero il successo di vendite e un tour che li porto' anche negli States dove riscossero anche li consensi e buone vendite.Per me, 84.
lux chaos
Sabato 17 Ottobre 2015, 14.05.35
6
Uno dei miei preferiti dei Saxon, grandissima title track
LAMBRUSCORE
Sabato 17 Ottobre 2015, 13.21.40
5
D'accordo con Leonardo, spesso in quegli anni lì bastava una nota per riconoscere un gruppo... Ovviamente grande album, questo. 80 per me è giusto.
Hard`n`Heavy
Sabato 17 Ottobre 2015, 12.50.43
4
''Power & The Glory'' è un altro centro perfetto dopo tutti quei capolavori che avevano rilasciato prima, difficile per altri gruppi rimanere nell'eccellenza ma non per i SAXON. Voto: 97/100.
leonardo
Sabato 17 Ottobre 2015, 12.32.44
3
Mi è sempre piaciuto, ha un sound riconoscibile e naturale come era in uso in quel periodo, senza troppi fronzoli. Ci sono dei momenti sonori nell'album molto belli che danno valore ai pezzi, non come il pattume odierno col suono lineare e pompato senza motivo. Una delle cose che mi piacciono dei Saxon anni 80' è che hanno fatto dischi alquanto vari dimostrando di saper ottenere prodotti di qualità apprezzabile. Come voto per me è un 82.
Renzo mattei
Sabato 17 Ottobre 2015, 12.00.51
2
Li ho visti anche io a Sanremo ma già li ascoltavo. L'album e' un capolavoro degli anni ottanta ovviamente sotto ai 3 da 99 cioè strong wheels leather ma comunque un 95 e' un voto realistico
Lontano
Sabato 17 Ottobre 2015, 11.37.05
1
Quest'album ha un sapore particolare per me, Sanremo 1983, i Saxon presentarono uno scandaloso playback di "Nightmare" e l'allora tredicenne Lontano conobbe l'heavy-metal e la sua vita cambiò nell'arco di poco meno di 4 minuti
INFORMAZIONI
1983
Carrere Records
Heavy
Tracklist
1. Power and the Glory
2. Redline
3. Warrior
4. Nightmare
5. This Town Rocks
6. Watching the Sky
7. Midas Touch
8. The Eagle Has Landed
Line Up
Biff Byford (Voce)
Graham Oliver (Chitarra)
Paul Quinn (Chitarra)
Steve Dawson (Basso)
Nigel Glocker (Batteria)
 
RECENSIONI
77
s.v.
73
80
85
73
76
86
77
75
75
74
70
72
80
78
92
92
65
ARTICOLI
10/10/2018
Live Report
SAXON + FM + RAVEN
Live Music Club, Trezzo sull’Adda (MI), 05/10/2018
19/12/2016
Live Report
SAXON + OVERTURES
Live Club, Trezzo sull’Adda (MI) - 14/12/2016
04/07/2013
Intervista
SAXON
Biff Byford ai nostri microfoni
26/05/2011
Live Report
SAXON + CRIMES OF PASSION + VANDERBUYST
New Age, Roncade (TV), 26/05/2011
07/05/2007
Intervista
SAXON
La data di Roma
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]