Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Iamthemorning
The Bell
Demo

Break Me Down
The Pond
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/10/19
PLATEAU SIGMA
Symbols - The Sleeping Harmony of the World Below

25/10/19
JOE BONAMASSA
Live at the Sydney Opera House

25/10/19
VISION DIVINE
When All Heroes Are Dead

25/10/19
ZONAL
Wrecked

25/10/19
EDELLOM
Sirens

25/10/19
RINGS OF SATURN
Gidim

25/10/19
EXMORTUS
Legions of the Undead

25/10/19
CREST OF DARKNESS
The God Of Flesh

25/10/19
STEVE HACKETT
Genesis Revisited Band & Orchestra: Live at the Royal Festival Hal

25/10/19
ANTHONY PHILLIPS
Strings of Light

CONCERTI

20/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Casa della Musica - Napoli

20/10/19
DEFLORE + MOLOTOY
WISHLIST CLUB - ROMA

20/10/19
NECROFILI + DISEASE
VILLAGGIO CULTURA - ROMA

22/10/19
CELLAR DARLING + FOREVER STILL + OCEANS
LEGEND CLUB - MILANO

23/10/19
FOLKSTONE
ORION - ROMA

23/10/19
PINO SCOTTO
MOB CLUB - PALERMO

25/10/19
MACHINE HEAD
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

25/10/19
INTER ARMA
LIGERA - MILANO

25/10/19
ARBORES AUTUMNALES FESTIVAL
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

25/10/19
FOLKSTONE
VIPER THEATRE - FIRENZE

Ahab - The Boats of The Glen Carrig
04/11/2015
( 3160 letture )
A distanza di 3 anni dall'ottimo The Giant tornano con una nuova fatica discografica gli Ahab con un concept intitolato The Boats of the Glen Carrig, chiaramente ispirato al romanzo di William Hope Hodgson, il cui titolo nell'edizione italiana è Naufragio nell’ignoto. Se ai più quest'autore è sconosciuto, non si può dire lo stesso per il celeberrimo H.P. Lovecraft, trattandosi di uno dei suoi scrittori preferiti nonché una delle massime fonti di ispirazione delle sue visioni deliranti e morbose.
Non è un caso che i ragazzi tedeschi abbiano scelto l'opera di Hodgson: l'alternanza dei momenti nel quale l'oceano scatena tempeste apocalittiche facendo emergere dalle sue profondità entità mostruose e lo scemarsi della furia del mare in parentesi caratterizzate da una calma surreale in cui i componenti dell'equipaggio si trovano momentaneamente sospesi, ben si addicono all'alternarsi delle sfuriate doom e dei momenti delicati caratteristici dalla band.
Al di là dell'evidente compatibilità vi è un'ammirevole perizia con la quale Droste & soci sono riusciti a far combaciare le parti musicali con quelle del romanzo; perizia che non è solamente limitata alla “corrispondenza” tra parole e note ma che si riversa anche sull'aspetto produttivo e compositivo.

Parlando specificatamente dei suoni The Boats of The Glen Carrig è sicuramente il punto massimo rispetto a quanto finora elaborato dagli Ahab; sia le distorsioni che le parti acustiche sono calibrate su livelli prossimi alla maniacalità con una nota di merito per la cura delle dinamiche soprattutto nelle parti acustiche.
Passando invece agli aspetti compositivi è opportuno riallacciarsi a quanto prodotto dal quartetto tedesco; su queste pagine, già in sede di pubblicazione della recensione di The Giant ci eravamo posti degli interrogativi in merito alle possibili direzioni future di questa band, alla luce di una manifesta volontà di staccarsi dalle radici funeral doom mediante l'incorporazione di nuove influenze, che ne hanno via via determinato un rimodellamento dello stile e della personalità. Anche quest'ultima fatica, peraltro, non rappresenta un punto di arrivo quanto piuttosto uno stato di continua ricerca, nel quale è stata assorbita nuova linfa al fine di arricchire e variegare il sound e sono state rielaborate molte delle idee già presenti nei precedenti album. Alla luce della citata molteplicità delle spinte compositive alla base di The Boats of The Glen Carrig, è possibile effettuare un'analisi suddividendo idealmente il lavoro in 3 macroporzioni:
La prima è costituita dalle prime due tracce, The Isle e The Thing That Made Search, nelle quali viene ripreso e perfezionato il discorso lasciato in sospeso con The Giant; entrambe sono infatti definite dall'alternanza delle parti doom e dagli inserti acustici, questi ultimi sempre pregevoli per la loro caratteristica raffinatezza. Un valore aggiunto si esprime mediante le parti soliste di Daniel Droste, nelle quali sono evidenti sia i miglioramenti nell'approccio sia i richiami allo stile di David Gilmour, mentre un difetto (peraltro nel complesso più veniale che di sostanza) è riscontrabile nella somiglianza strutturale dei due brani;
La seconda comprende di fatto una sola traccia, Like Red Foam (The Great Storm), che rappresenta quanto finora gli Ahab non hanno mai affrontato; i ritmi si fanno più sostenuti ma soprattutto diviene più marcata l'influenza stoner con chiari richiami ai Mastodon. Per quanto anomalo e lontano dalle basi di partenza del combo di Heidelberg, è un brano che risulta molto gradevole e riuscito;
Nell’ultimo gruppo possiamo collocare gli ultimi due titoli ovvero The Weedmen e To Mourn Job; su questi brani aleggia ancora lo spettro del passato remoto della band, con il classico carico di richiami al funeral doom, il tutto però servito con maggiore maturità e classe. Vi si riscontrano infatti inclusioni di tastiera e chitarra pulita che toccano volutamente i sentieri dell'ambient, quasi a voler donare un attimo di respiro all'ascoltatore prima di tuffarlo nuovamente nei sulfurei e funerei riff che donano l'imprinting a questi due ultimi capitoli.
Al di là del giudizio di merito complessivo sull’album, un capitolo a parte spetta di diritto a The Isle, probabilmente uno dei vertici compositivi della discografia degli Ahab nonché perla di prima grandezza nell’intero panorama doom. Oltre alla componente musicale in senso stretto, merita una citazione particolare anche il videoclip dedicato alla suddetta traccia, in cui si può apprezzare l'ossessione quasi spassosa della band nel collezionare quantitativi immani di strumentazione “di fascia vintage”.

Riallacciandosi alle tematiche del romanzo si potrebbe dunque parlare di un naufragio artistico, declinato ovviamente secondo un'accezione positiva, nel quale gli Ahab molto lentamente, di album in album, sondano nuovi terreni senza azzardare più del dovuto al fine di non lasciare deluso nessuno e anzi ampliare il range dei propri seguaci. Risultato di ciò è un platter che mostra una notevole maturità artistica, una intelligente capacità di mettersi in discussione ma che, al di là dei ragguardevoli livelli qualitativi con il quale è servito, rimane ciò che è, un ottimo album anche se non sicuramente un capolavoro.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
80 su 4 voti [ VOTA]
InvictuSteele
Giovedì 8 Giugno 2017, 18.46.10
8
Lo sto ascoltando proprio adesso. Secondo me è il miglior album della band, o almeno quello più dinamico e meno scassacazzi. Molto bello, certo, deve piacere il genere, il funeral non è un genere semplice, ma gli Ahab sono una buonissima band. Bello il concept, produzione perfetta e ascolto che non stanca. Voto 80
Macca
Martedì 10 Novembre 2015, 18.17.12
7
Gran bell'album e grande band, che ho scoperto da poco. Io di doom mastico abbastanza poco, ma soprattutto quest'ultima fatica secondo me contiene accenni post (che cmq è confinante con il doom) e in taluni casi anche prog. Questo e il precedente li ho ascoltati sabato sera. Voto 83
Giasse
Domenica 8 Novembre 2015, 20.26.07
6
Non mi e' piaciuto tantissimo onestamente. E' piu' dinamico dei precedenti e non credo possa piu' rientrare nel panorama extra slow. Per me strettamente"funeral" non lo sono mai stati, neanche agli esordi, anche se nell'immaginario comune vi e' un po' di fraintendimento sulle etichette. Scusate se su questo tema batto sempre il sempre il chiodo, ma con la vecchiaia su diventa sempre piu' noiosi e ripetitivi
M0RPHE01978
Mercoledì 4 Novembre 2015, 19.28.19
5
E' più doom o più funeral?
andrea
Mercoledì 4 Novembre 2015, 17.44.29
4
aggiungo : artwork stupendo
andrea
Mercoledì 4 Novembre 2015, 17.43.52
3
musica profonda, concept affascinante, atmosfera inquietante alcune sezioni acustiche mi hanno ricordato le parti più melodiche di 'Pelagial' dei The Ocean
Edoom
Mercoledì 4 Novembre 2015, 15.13.31
2
Si lascia ascoltare e poco altro, direi. "The Isle" a me sembra una traccia abbastanza banale, che si basa sulla solita alternanza tra arpeggio e parte doom, nulla di nuovo (anzi, tutto vecchio!). "Like Red Foam" lo definirei il classico singolo/hit (e non per nulla c'hanno fatto pure un video osceno). A quest'album manca la profondità di "The Call of the Wretched Sea" e l'epicità di "The Divinity of Oceans", così come le progressioni malinconiche e il suono vintage di "The Giant". Per quanto mi riguarda è l'inizio di un naufragio (senza alcuna accezione positiva).
GT_Oro
Mercoledì 4 Novembre 2015, 8.55.23
1
Band notevole, in crescita continua.
INFORMAZIONI
2015
Napalm Records
Doom
Tracklist
1. The Isle
2. The Thing That Made Search
3. Like Red Foam (The Great Storm)
4. The Weedmen
5. To Mourn Job
Line Up
Daniel Droste (voce. chitarra, tastiera)
Christian Hector (chitarra)
Stephan Wandernoth (basso)
Cornelius Althammer (batteria)
 
RECENSIONI
80
78
79
ARTICOLI
30/11/2016
Live Report
AHAB + THE FORESHADOWING + WEEPING SILENCE
Circolo Colony, Brescia, 24/11/2016
15/12/2009
Live Report
AHAB + IN MOURNING
Kolony Metal Fest
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]