Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Metallica
S&M²
Demo

Black Spirit Crown
Gravity
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/09/20
STEVE HACKETT
elling England By The Pound & Spectral Mornings: Live at Hammersmith

25/09/20
SAPIENCY
For Those Who Never Rest

25/09/20
VOUS AUTRES
Sel de Pierre

25/09/20
TRANSCENDENCE
Towards Obscurities Beyond

25/09/20
ATLAS
Parallel Love

25/09/20
KATAKLYSM
Unconquered

25/09/20
SPELLBOOK
Magick & Mischief

25/09/20
ANNA VON HAUSSWOLFF
All Thoughts Fly

25/09/20
MORTA SKULD
Suffer for Nothing

25/09/20
OBSIDIAN KINGDOM
Meat Machine

CONCERTI

26/09/20
STAY STEEL FEST
SKULLS CLUB - SERRAVALLE (SAN MARINO)

27/09/20
VISIONS OF ATLANTIS + YE BANISHED PRIVATEERS + AD INFINITUM
LEGEND CLUB - MILANO

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
HOUR OF PENANCE + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

09/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) (ANNULLATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

09/10/20
HOUR OF PENANCE + GUEST TBA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Evildead - Annihilation of Civilization
14/11/2015
( 2589 letture )
Di storie riguardanti gruppi mai pienamente considerati e di meritevoli spin-off talvolta osannati, talaltri ignorati, è pieno ogni capitolo del grande libro del metal. Che gli Agent Steel non abbiano raccolto in proporzione a quanto meritato almeno fino ad un certo punto della loro carriera, è un fatto condiviso dalla grande maggioranza, ma dalla fuoriuscita dalla band del chitarrista Juan Garcia e dalla sua successiva unione con Mel Sanchez degli Abattoir, nacque nel 1987 un'altra realtà il cui nome era ispirato al film The Evil Dead di Sam Raimi, anch'essa forse non considerata in maniera adeguata: gli Evildead. Basati su una struttura musicale thrash/speed arricchita da spunti HC e punk e su testi impegnati nel solco di quanto fatto ad esempio dai Vio-lence, i nostri incidono rapidamente un demo e poi, dopo aver ottenuto un contratto con la SPV/Steamhammer, un EP di tre pezzi intitolato RiseAbove, propedeutico alla realizzazione della loro prima prova sulla lunga distanza, ossia Annihilation of Civilization, disco del quale ci occupiamo oggi.

Presentato da una copertina firmata da Ed Repka i cui rimandi a temi sociali sono evidenti (la scritta "Club Dead" sull'asciugamano in primo piano al posto di "Club Med" e le fattezze dei protagonisti, oltre al contesto generale, sono particolari assolutamente esplicativi) Annihilation of Civilization è un concentrato di violenza sonora ben più spostato sul thrash che sullo speed, con tutti e due i piedi saldamente piantati nella decade di appartenenza, ma con aperture ad alcune contaminazioni che ormai avevano messo altrettanto saldamente radici nella scena del tempo. Inaugurata da una manciata di secondi presi in prestito dal film citato quale ispirazione per il moniker della band, l'opera mette subito in chiaro le cose con F.C.I./The Awakening: i quaranta minuti scarsi di durata dell'album saranno martellanti, ma non privi di struttura. Quello che emerge subito è quanto, oltre ai gruppi dai quali provengono non solo i due membri prima citati, siano anche gli Slayer ad offrire spunti compositivi che poi saranno più evidenti in Living Good, un pezzo la cui parte cantata ricorda un po' troppo Chemical Warfare. A prescindere da tutto ciò, è comunque impossibile restare fermi ascoltando la title-track ed i suoi stop'n'go. Originale? Per nulla, ma "giusta", in focus con la spirito del gruppo, dell'album e dello stile, così come il ritornello, da cantare con la band sotto il palco mentre ci si sbatte con loro e per loro. Detto di Living Good, Future Shock pesta in maniera costante e regolare a sostegno di un testo tipicamente made in Evildead, con gli assoli non troppo fantasiosi, ma adeguati al contesto del pezzo. Ostilità che sembrano cessare con l'inizio di Holy Trials, ma è solo un trucco. L'invettiva contro le strutture religiose è monolitica e fors'anche poco fantasiosa, ma certamente efficace, anche per via di alcuni passaggi più heavy che le danno il giusto pathos. Niente prigionieri con Gone Shooting. Ancora thrash d'assalto che irrompe a piedi uniti dalle casse dello stereo con tutto il suo classico corredo di sudore, brusche fermate, ripartenze, assoli isterici e quant'altro. Un testo assolutamente deviante viene adeguatamente supportato da musica allucinata in Parricide, le cui parole rimandano ad uno stato di insania mentale evidente. Parimenti, perlomeno compulsiva può essere definita Unauthorized Exploitation, il cui effetto è paragonabile a quello che si deve provare infilando due dita umide nella presa di corrente più vicina. A chiudere i due minuti scarsi di B.O.H.I.C.A (Bend Over Here It Comes Again), peraltro assente nella versione vinile.

Disco massiccio, nervoso e nevrotico, a tratti isterico e, volendo sottilizzare, privo di spunti innovativi, ma anche maledettamente efficace; questo è in sintesi Annihilation of Civilization. Uscito durante un'epoca profondamente diversa da quella attuale, importante anche per questo e poi ristampato in varie versioni (l'originale su CD reca alcune imprecisioni nella scaletta), l'album ebbe un riscontro di vendite necessariamente limitato, ma godette anche della pubblicità derivante dal video del singolo Annihilation of Civilization sul programma di MTV Headbangers Ball, quando l'emittente non era ancora un contenitore di pubblicità e serie di dubbia utilità inframmezzate fastidiosamente da un po' di musica come oggi. Gli Evildead, ad ogni modo, non trovarono mai modo di stabilizzare la formazione e dopo il successivo ed inferiore The Underworld e l'album da vivo Live ....From The Depths of the Underworld, anche loro subirono gli effetti dell'onda d'urto del grunge, ed il terzo lavoro in studio non vide mai la luce -esiste un demo di quelle sessioni edito su nastro, noto ai più come Terror i cui tre brani uscirono poi su Hijos de los Cometas dei Terror, appunto- e dopo il cammino indipendente intrapreso da vari membri, l'immancabile reunion che ha avuto luogo nel 2008, perdurata per circa quattro anni prima dello split definitivo. Quello che gli Evildead ci hanno lasciato in eredità è sostanzialmente un'enorme carica di rabbia contro il sistema e la capacità di comunicarla senza troppi fronzoli, ma anche con un certo gusto per la scrittura. Ruvido, se vogliamo, ma non privo di classe. Trattandosi di thrash, tutto sommato è tutto ciò che serve. O che serviva?



VOTO RECENSORE
81
VOTO LETTORI
85.08 su 12 voti [ VOTA]
TeoTheRipper
Mercoledì 15 Aprile 2020, 11.26.54
21
Discozzo rispolverato in questi giorni... Bomba atomica, c'è tutto ciò che ci si aspetta da un grande album thrash: velocità, tecnica, ignoranza infinita, testi e artwork da paura! Voto 88 per un disco purtroppo un po' dimenticato.
patrik
Sabato 7 Marzo 2020, 21.51.26
20
bono a dire il vero mi piace e non poco , bravi davvero
TeoTheRipper
Venerdì 24 Gennaio 2020, 15.22.28
19
Stò disco per quanto è ignorante si merita almeno un 95!
duke
Lunedì 30 Dicembre 2019, 20.59.16
18
...band sottovalutata...da riscoprire.....
Bestial Invasion 98
Domenica 1 Luglio 2018, 1.46.15
17
Un disco che proprio non stanca... semplicemente stupendo! Un bel 85 pieno se lo merita! La produzione è sublime e la voce è azzecatissima per questo sound che a tratti si avvicina un po’ al Thrashcore.
rik bay area thrash
Martedì 17 Gennaio 2017, 17.04.21
16
Sebbene mai troppo considerati gli evildead realizzano con questo vinile un pregevolissimo prodotto di thrash metal tipicamente bay area. In alcuni momenti, ma posso sbagliarmi, estremizzano ulteriormente la proposta arrivando ai confini del thrash core di marca cryptic slaughter. Come gli agent steel da cui alcuni componenti arrivano, non sono riusciti purtroppo a prosuguire la carriera come era auspicabile. Realizzarono ancora un'altro valido disco .... ... thrash 'til death
LexLutor
Martedì 17 Gennaio 2017, 14.05.13
15
In stile thrash bay area ma più ferale, veloce e violento. Nondimeno suonato alla grande. Comprai il vinile quando fu dato alle stampe. L'ho scambiato qualche anno dopo per.... non ricordo cosa. La dice lunga. Vabbé....ero molto giovane. Recentemente ricomprato in cd. Meglio di niente. Voto 85
Hermann 60
Martedì 12 Luglio 2016, 17.44.29
14
Grande disco che The Nightcomer ha inquadrato benissimo. Non è che per caso ti piacciono gli Holocaust ?
The Nightcomer
Venerdì 15 Gennaio 2016, 11.32.27
13
Da amante incallito ed impenitente della 'stella' Agent Steel, con relativi pianeti orbitanti attorno (di cui uno, metaforicamente parlando, è rappresentato da questo gruppo) all'epoca non mi feci sfuggire Rise Above, ovvero l'EP che segnava il debutto degli Evildead. Il disco in questione invece non lo acquistai, perché nel 1989 avevo iniziato (con il senno di poi, sbagliando) a boicottare praticamente tutte le novità discografiche (specie se estreme), salvo qualche rara eccezione, in favore di un percorso a ritroso volto a scoprire le origini (metal classico, AOR, epic, US power metal, hard e prog settantiano, etc.). Oggi il vinile di questo album fa parte della mia collezione, come molti altri lavori all'epoca lasciati sugli scaffali dei negozi... Per fortuna si può sempre recuperare in queste cose... Disco violento, molto veloce e di notevole impatto, questo Annihilation of Civilization a mio parere denota sin troppo bene il periodo di uscita: si sente da come suona che non appartiene alle uscite thrash dei primi anni, quelli storici, ma la sola presenza di Juan Garcia (quanto amo i solos degli Agent Steel) vale l'acquisto. Non un capolavoro, ma un ottimo disco da avere. Del resto la scuola Agent Steel non ha mai prodotto dischi scadenti, se penso poi agli Holy Terror... Chapeau!
Agnostico
Sabato 5 Dicembre 2015, 22.11.50
12
Album stupendo,secondo me molto superiore al successivo.
Agnostico
Sabato 5 Dicembre 2015, 22.11.50
11
Album stupendo,secondo me molto superiore al successivo.
jek
Domenica 15 Novembre 2015, 15.00.26
10
Convincente recensione, voto 80, sponsorizzazione dello zio LAMBRU, dovrò proprio prenderlo. 😊
d.r.i.
Domenica 15 Novembre 2015, 14.27.05
9
Grazie hard, c'è l'avevo in cassetta ed è nella mia immensa wish list
Hard`n`Heavy
Domenica 15 Novembre 2015, 12.55.04
8
x d.r.i. ordina anche ''The Underworld'' se non ce l'hai da avere al pari di ''Annihilation of Civilization'', fallo non te ne pentirai.
d.r.i.
Sabato 14 Novembre 2015, 13.28.17
7
Ordinato ieri, bellissimo!!!
AL
Sabato 14 Novembre 2015, 13.16.57
6
Ottimo album. Bel gruppo. Ultimamente li sto ascoltando poco ma sono veramente bravi
Mulo
Sabato 14 Novembre 2015, 12.58.56
5
Ce l'ho pure io in vinile,mazzataaaa!! Da avere ( se lo trovate), copertina top
LAMBRUSCORE
Sabato 14 Novembre 2015, 12.32.50
4
Hard...non ricordavo neanche che fossi stato tu, tranquillo, io non me la prendo per queste cose, sono io che sparo spesso delle coglionate infantili. Poi oggi sono ancora troppo scosso per i fatti di Parigi...
Hard`n`Heavy
Sabato 14 Novembre 2015, 11.51.25
3
x LAMBRUSCORE ti chiedo scusa per la mia risposta riguardo la copertina di Xentrix ''For Whose Advantage?'' non era proprio contro di te ma era contro il calcio, perdonami LAMBRUSCORE ''fratello di metallo'' io sono troppo amante della musica la amo alla follia è più forte di me. LA MUSICA È LA MIA RELIGIONE E FEDE.
LAMBRUSCORE
Sabato 14 Novembre 2015, 11.30.24
2
D'accordo con Hard 'n' Heavy, ho il vinile di questo grande album, anche The Underworld è ottimo, come l'ep con la cover dei Black Flag. So che si erano riformati, adesso ho letto che si sono sciolti ancora, peccato...
Hard`n`Heavy
Sabato 14 Novembre 2015, 10.12.15
1
VOTO: 87/100, ''Annihilation of Civilization'' è un MUST HAVE del Thrash metal. Anche ''The Underworld'' è bellissimo, gli Evildead non hanno niente da invidiare ai loro colleghi di band più famose, per il sottoscritto sono alla pari.
INFORMAZIONI
1989
SPV/Steamhammer
Thrash
Tracklist
1. F.C.I. / The Awakening
2. Annihilation Of Civilization
3. Living Good
4. Future Shock
5. Holy Trials
6. Gone Shooting
7. Parricide
8. Unauthorized Exploitation
9. B.O.H.I.C.A
Line Up
Phil Flores (Voce)
Albert Gonzales (Chitarra)
Juan Garcia (Chitarra)
Mel Sanchez (Basso)
Rob Alaniz (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]