Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Possessed
Revelations of Oblivion
Demo

Degraey
Reveries
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/05/19
HELLRAISER
Heritage

31/05/19
1914
The Blind Leading The Blind (ristampa)

31/05/19
FULCI
Tropical Sun

31/05/19
FUNERAL STORM
Arcane Mysteries

31/05/19
DEATH ANGEL
Humanicide

31/05/19
VEUVE
Fathom

31/05/19
GRIFFON/DARKENHOLD
Atra Musica

31/05/19
DARKTHRONE
Old Star

31/05/19
EVIL ANGEL
Unholy Evil Metal

31/05/19
GLORYHAMMER
Legends From Beyond The Galactic Terrorvortex

CONCERTI

25/05/19
NECRODEATH + GUESTS
JAILBREAK - ROMA

25/05/19
SHINING (SWE) + GUESTS
Alchemica Music Club, Bologna

25/05/19
SCUORN + GUESTS TBA
ZIGGY CLUB - TORINO

25/05/19
METAL FOR KIDS UNITED
CROSSROADS - ROMA

25/05/19
METAL QUEEN`S FESTIVAL (day 2)
IL PEOCIO - TROFARELLO (TO)

25/05/19
ELECTROCUTION + GUESTS
ROCK HEAT - AREZZO

25/05/19
ULVEDHARR + MEMBRANCE + NETHERBLADE
U.F.O. - MOZZO (BG)

25/05/19
THE THRASH OBSESSION
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

25/05/19
CIRCLE OF WITCHES + RUINTHRONE
EVILUTION CLUB - ACERRA (NA)

26/05/19
JAG PANZER
JAILBREAK LIVE CLUB - ROMA

Abatuar - Vejación de la Bestia / Fosa Común
11/12/2015
( 828 letture )
Direttamente da Panamá, arrivano i misconosciuti Abatuar, un trio (su questa release) devoto a sonorità black/death ispirata ad act estremi come Blasphemy, (primi) Sarcófago, Beherit, Revenge e simili. Vejación de la Bestia/Fosa Común è in sostanza una raccolta che unisce i due demo rilasciati dal gruppo tra il 2014 ed il 2015, distribuito dalla mai troppo moderata Dunkelheit Produktionen, etichetta molto attaccata a sonorità prevalentemente underground.

Ora, i gruppi citati nel paragrafo precedente vi dicono praticamente tutto su quello che troverete all'interno di questa piccola raccolta. Piccola, perché anche a causa della durata media dei brani, che si aggira ai due minuti, la durata complessiva è di venti minuti circa. A livello stilistico quindi, non aspettatevi nulla di nuovo, diverso o anche solo vagamente intenzionato a staccarsi dalle radici musicali più estreme; il black/death proposto dalla band si assesta su velocità elevate, dominato dal caos sonoro che non dà la minima impressione di voler rallentare o suonare un attimo più ragionato. Una sregolatezza esaltata sia dagli strumentisti, che dalla produzione, lontanissima dagli standard odierni e di qualità leggermente superiore a quella di un demo. D'altronde, quello che il gruppo vuole comunicare o esprimere, può essere enfatizzato solo in questo modo e difficilmente si avrebbero gli stessi effetti ascoltando un lavoro simile ma con una produzione in stile Nuclear Blast. Capite bene che a livello strumentale bisogna aspettarsi un delirio più che un approccio ragionato e "accademico"; tra valanghe di blast beat, assoli "slayerani" ed un approccio vocale barbaro giocato su scream e growl, il lavoro scorre molto velocemente tra pezzi bene o male tutti simili tra loro. A dare un po' di varietà al tutto, ci pensano gli inserti extra-musicali che, pur non essendo aggiunte di grande rilevanza, aiutano, almeno in piccola parte, a distinguere un pezzo dall'altro.

Ora, è inutile dire che un lavoro simile è rivolto solo ed esclusivamente ai fanatici del genere, così come è scontato dire (ma sarebbe più ripetere…) che chi non ha la benché minima familiarità con questo stile, può benissimo starne alla larga e lasciarlo ad un altro genere di ascoltatori. L'operazione della Dunkelheit Produktionen è un chiaro tentativo di far girare un po' di più, almeno a livello underground e tra gli appassionati, il nome degli Abatuar, di cui aspettiamo una prima vera prova per una valutazione più completa.

P.S.: è davvero curiosa la scelta di inserire una parte di Macchina Tipografica, pezzo dei futuristi Russolo e Balla nel brano Sádicos métodos de aniquilación natural para la erradicación de las razas; perversiones de una tierra vírica.



VOTO RECENSORE
s.v.
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
Jonny Dark
Domenica 27 Dicembre 2015, 15.44.56
1
Ma che cazzo di titoli sono???
INFORMAZIONI
2015
Dunkelheit Produktionen
Death / Black
Tracklist
1. Exterminio humano con agentes nerviosos Sarín, Tabún y Somán; involucion a pangea toxica
2. Dispersión de nube toxica BZ y gas mostaza como incapacitante y vesicante; regresión a comportamientos reptiles
3. Uso indiscriminado de bioherbicidas y ántrax para destruir cultivos e inocular animales
4. Contagio en regiones nativas bajo la exposición de sangre, saliva, vómito, heces y orina de humanos y animales
5. Propagación continental de pandemia hemorrágica de rápida mortalidad; miles de cadáveres en tu puerta
6. Sádicos métodos de aniquilación natural para la erradicación de las razas; perversiones de una tierra vírica
7. Dengue
8. Huésped portador de muerte infecciosa por necrovirus membranoso prehistórico oculto en los glaciares de Beringia
Line Up
Cadaver (Voce, Batteria)
Anibal (Chitarra)
Yigo (Basso, Chitarra)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]