Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Wardruna
Kvitravn
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

29/01/21
STEVEN WILSON
The Future Bites

29/01/21
ART OF ILLUSION
X Marks the Spot

29/01/21
OCEANA
The Pattern

29/01/21
WOWOD
Yarost I Proshchenie

29/01/21
EXIMPERITUS
Šahrartu

29/01/21
SOULS OF DIOTIMA
Janas

29/01/21
DISEASE
Into the Red

29/01/21
WEREWOLVES
What a Time to be Alive

29/01/21
THE BODY
I’ve Seen All I Need To See

29/01/21
ANCIENT VVISDOM
A Godlike Inferno

CONCERTI

06/02/21
MAGNUM + GUEST TBA (CANCELLATA)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

11/02/21
VENOM INC. + GUESTS
TRAFFIC CLUB - ROMA

12/02/21
VENOM INC. + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

13/02/21
VENOM INC. + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

17/02/21
IMONOLITH + TBA
BARRIO'S CAFE - MILANO

18/02/21
IMONOLITH + LOGICAL TERROR
MK LIVE - CARPI (MO)

19/02/21
THE DEAD DAISIES
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

20/02/21
ANCIENT + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

21/02/21
TURMION KATILOT
LEGEND CLUB - MILANO

26/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

Eluveitie - Spirit
02/01/2016
( 2035 letture )
Sia chi abbia conosciuto questi elvetici fin dal primissimo demo/EP Vên, che chi li abbia per la prima volta ascoltati ai tempi del celebre Slania, esplorando poi a ritroso l’allora breve discografia degli Eluveitie, può riconoscere nell’esordio Spirit uno spunto nuovo, fresco, vivace e spontaneo.
In questo primo full-lenght, infatti, il foltissimo clan di Chrigel Glanzmann e soci fa un nettissimo salto di qualità rispetto ai propri primi lavori, sotto possibilmente qualsiasi punto di vista. Gli arrangiamenti si fanno variati e studiati, la tecnica e l’espressione musicale si delineano e si modellano in maniera definita e profonda, allontanandosi a grandi passi da quegli stili copia/incolla caratteristici di certi esordi scialbi, figli illegittimi di ben più note band, imbastarditi forzatamente da una vena scandinava, battagliera a tutti i costi che mal si confà ad un combo peculiare come questo, in grado di mescolare folk metal, tradizione e storia elvetica, venature black, ibridazioni precise con il death melodico e, a tratti, quelle cavalcate rapide e fulminee che sono quei chiari marchi di fabbrica di un viking più tradizionale. Il risultato è davvero originale, a volte forse un po’ troppo pretenzioso, ma d’altronde ci troviamo pur sempre di fronte ad un gruppo giovane e orgoglioso di quanto è stato capace di portare alle stampe e a cui sicuramente l’intraprendenza non manca. Scorrendo tra le undici, coese tracce di questo Spirit, si nota infatti come l’intreccio continuo tra l’anima celtica, che spadroneggia nei testi, ma non solo, e quella scandinava-finnica sia fluente e solido, robusto e compatto, studiato ma ancora spontaneo, rendendo la formula degli Eluveitie un buon mix tra i norvegesi Ásmegin, gli svedesi Mithotyn, Korpiklaani meno festaioli, i Moonsorrow più profondi, ma con quel tocco unico e particolare di matrice elvetica, che già dai primi brani è possibile apprezzare. Anche dal punto di vista vocalico, pur non registrando alcun particolare tecnicismo o traccia memorabile, la band di Zurigo cerca di mantenere una certa varietà, con gli harsh vocals di Chrigel Glanzmann che sperimenta maggiormente rispetto a quanto prodotto in precedenza, giungendo con alterno successo fino a lidi del growl più ispirato al death metal. Immancabili e necessarie, anche le voci femminili, in grado di aggiungere ulteriore eleganza e precisione alla release, spesso quasi cullando l’ascoltatore, tra un assalto di riff e l’altro.

In conclusione, pur mantenendo alcune -seppur ridotte- delle incertezze ed errori tipici e, da un certo punto di vista, naturali per un disco di esordio, Spirit rimane un solido capitolo all’interno della oramai decennale discografia degli svizzeri, che ha con esso posto quelle solide basi quanto mai necessarie per gli album a venire e che è stato in grado di portare una ventata d’aria fresca in una scena, quella folk, che a volte pecca di eccessivo conformismo, producendo album fotocopia e release tremendamente derivative. Una produzione davvero matura, soprattutto per una band dalla ricca line-up e con alle spalle solamente quattro anni di vita ed un EP, che è stata certamente capace di trovare, fin da subito, un profondo equilibrio e una solidità notevole.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
94.33 su 3 voti [ VOTA]
Michele
Venerdì 8 Gennaio 2016, 13.23.46
5
Band che purtroppo è stata vittima di un certo manierismo, nel corso degli anni. I primi lavori, però, sono dei piccoli classici nel genere. Avrei dato 5 punti in più.
BJP
Sabato 2 Gennaio 2016, 15.57.48
4
Degli Eluveitie conosco solo "Slania" (un bell'album) e qualche altra canzone sparsa, quindi questo "Spirit" sarà da ascoltare. Una domanda: come mai lo avete recensito se una valutazione è stata già data nella review di "The Early Years"?
Cerberus
Sabato 2 Gennaio 2016, 15.19.14
3
Si rifanno al metalcore, al melodic death e al folk irlandese. Qui non c'è nulla di viking tradizionale (=Bathory), né un'anima scandinavo-finnica. Le band citate nel confronto hanno tutt'altra radice. Per me questo è un buon disco ma ancora troppo grezzo e acerbo, il voto della recensione mi sembra appropriato.
Alex Cavani
Sabato 2 Gennaio 2016, 12.41.17
2
Bel disco degli elvetici, l'ho ascoltato molto quando è uscito. L'unico appunto che mi permetto di fare è il paragone con i Moonsorrow, che non riesco a condividere perché ho sempre visto questi ultimi come un mondo a parte, inimitabile (per ora) da nessuno.
Halo
Sabato 2 Gennaio 2016, 12.11.18
1
L'ho sempre ritenuto il loro disco migliore dopo Slania. Mi spiace che dal vivo alcune di queste canzoni vengono proposte davvero di rado
INFORMAZIONI
2006
Fear Dark Records
Folk Metal
Tracklist
1. Spirit
2. Uis Elveti
3. Your Gaulish War
4. Of Fire, Wind & Wisdom
5. Aidû
6. The Song of Life
7. Tegernakô
8. Siraxta
9. The Dance of Victory
10. The Endless Knot
11. AnDro
Line Up
Chrigel Glanzmann (Voce, Mandolino, Tin whistle, low whistle, Cornamusa, Uilleann pipes, Chitarra acustica)
Ivo Henzi (Chitarra)
Siméon Koch (Chitarra)
Sarah Kiener (Hurdy gurdy, Crummhorn, Zugerörgeli, Bass-shalm, Voce)
Sevan Kirder (Flauto, Gaita, Low whistle, Tin whistle, Voce)
Linda Suter (Violino, Voce)
Meri Tadic (Violino, Voce)
Rafi Kirder (Basso)
Merlin Sutter (Batteria)
 
RECENSIONI
70
73
65
s.v.
58
55
77
75
ARTICOLI
17/08/2017
Intervista
ELUVEITIE
Di miti e spiritualità
09/11/2015
Live Report
EPICA + ELUVEITIE + SCAR SIMMETRY
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI), 04/11/2015
06/11/2014
Live Report
ELUVEITIE + ARKONA + SKALMOLD
New Age Club, Roncade (TV), 31/10/2014
23/09/2012
Live Report
SABATON + ELUVEITIE + WISDOM
Alcatraz, Milano, 19/09/2012
08/11/2011
Live Report
DARK TRANQUILLITY + ELUVEITIE + MERCENARY ed altri
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI), 03/11//2011
08/12/2010
Live Report
ELUVEITIE + SPELLBLAST + FUROR GALLICO
Mac2, Schio, 03/12/2010
22/01/2008
Intervista
ELUVEITIE
Parla Chrigel Glanzmann
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]