Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Helloween
United Alive in Madrid
Demo

Freakings
Rise of Violence
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/10/19
MAESKYYRN
Interlude

17/10/19
SHRINE OF INSANABILIS
Vast Vortex Litanies

17/10/19
BREAK ME DOWN
The Pond

17/10/19
SHRINE OF INSANABILIS
Vast Vortex Litanies

18/10/19
SECRET CHAPTER
Chapter One

18/10/19
INFECTED RAIN
Endorphin

18/10/19
PSYCHOPUNCH
Greetings from Suckerville

18/10/19
DEEZ NUTS
You Got Me Fucked Up

18/10/19
HOLY SERPENT
Endless

18/10/19
UNAUSSPRECHLICHEN KULTEN
Teufelsbücher

CONCERTI

16/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Magazzini Generali - Milano

16/10/19
SLEEP
TPO - BOLOGNA

16/10/19
A PALE HORSE NAMED DEATH
LEGEND CLUB - MILANO

17/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Teatro della Concordia - Torino

17/10/19
THUNDERMOTHER
LEGEND CLUB - MILANO

18/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
ORION - ROMA

18/10/19
PINO SCOTTO
STAMMITCH TAVERN - CHIETI

18/10/19
TIDES FROM NEBULA + GUESTS
HT FACTORY - SEREGNO (MB)

18/10/19
STAGE OF REALITY + NEW DISORDER + WHITE THUNDER
TRAFFIC LIVE - ROMA

18/10/19
SHORES OF NULL + SEDNA
BIKE BAR CINETICO - CERVIA (RA)

White Skull - The Ring of the Ancients
( 3602 letture )
Line-up aggiornata per i White Skull che, a dispetto delle recenti traversie, mostra già di avere raggiunto un buon equilibrio tra forma e sostanza, confezionando un nuovo album più che piacevole. Dopo averci narrato di Vichinghi e Romani, questa volta è il turno dei Celti di essere scelti come oggetto di analisi, con le loro saghe di druidi, misteri, foreste e battaglie.

Nonostante i più abbiano accostato il sound dei White Skull a matrici mitteleuropee, cosa in parte vera, in realtà questo è più comparabile a certe releases dei primi Armored Saint, sia nella struttura dei brani che nelle parti vocali di Gus Gabarrò (il cui timbro, ad ogni modo, ricorda quello di John Bush) il quale, col suo accento sudamericano rintracciabile specialmente nella pronuncia di alcune “r”, fornisce anche un quid di originalità alle canzoni. Il tutto condito da una spruzzata di Omen, tanto per gradire. Chiaramente ciò che è assolutamente imparagonabile rispetto ai dischi citati è la produzione, che, come è logico, risulta decisamente più performante in The Ring of the Ancient, conferendo al CD un impatto molto forte, da headbanging continuo, ma contemporaneamente molto pulito, definito nel suono e scevro da critiche di commercialità anche nelle parti più melodiche. Buoni e non invasivi i soli di Danilo Bar e all’altezza delle aspettative il terzetto costituito dal gruppo Fontò/Balocco/Mantiero. Piacevole, inoltre, la grafica con cover di Diego Ferrarin raffigurante un mistico medaglione con rune e foto a cura di Michela Solbiati. A proposito di terzetti, molto buono quello d’apertura costituito da Ninth Night, Guardians (e qui il ritornello è un esempio paradigmatico di quanto dicevamo prima a proposito di assenza di commercialità) e Head Hunters, pezzi potenti ed incisivi, specialmente quest’ultimo, che trascinano l’ascolto fino alla parte centrale del lavoro, nella quale forse si avverte un eccessivo ripetersi di certi schemi che risultano un po’ troppo prevedibili. La temperatura risale nella parte finale, ossia da King with the Silver Hand in poi, con punte d’eccellenza nelle epiche Valhalla, cover del celebre pezzo dei Black Sabbath e Marching to Alesia, nelle quali si respira l’aria della tribù celtica, per chiudere con l’outro Tuatha De Danaan. Nella versione promozionale in nostro possesso è presente anche il videoclip di Ninth Night.

The Ring of the Ancients non è un lavoro rivoluzionario e non inventa nulla, ma scorre via in modo fluido, al netto di una parte centrale non eccezionale, ed alla fine lascia abbastanza soddisfatti. Un disco non epocale, dunque, ma in grado di consolidare bene anche all’estero la fama di un gruppo italiano di ottimo livello come i White Skull e di soddisfare gli headbangers in cerca di realizzazioni rocciose ed epiche da inserire nella propria collezione.



VOTO RECENSORE
76
VOTO LETTORI
42.51 su 37 voti [ VOTA]
Francesco gallina
Lunedì 22 Gennaio 2007, 11.53.22
1
Ricevo da Tony Fontò la segnalazione che Valhalla è una cover dei Sabbath. E' vero, chiedo venia.
INFORMAZIONI
2006
Dragonheart/Audioglobe
Power
Tracklist
1. Ninth Night
2. Guardians
3. Head Hunters
4. The Ring of the Ancients
5. Half Moon Path
6. From the Mist
7. Ogam (Mystic Writings on the Stone)
8. After the Battle (...Bottle!)
9. King with the Silver Hand
10. Valhalla (Black Sabbath cover)
11. Marching to Alesia
12. Tuatha De Danaan
Line Up
Gustavo 'Gus' Adrian Gabarrò (Voce)
Tony Fontò (Chitarra ritmica)
Danilo Bar (Chitarra solista)
Steve Balocco (Basso)
Alex Mantiero (Batteria)
 
RECENSIONI
82
77
76
88
88
ARTICOLI
12/09/2017
Intervista
WHITE SKULL
Georgia on my mind
16/06/2017
Intervista
WHITE SKULL
La volontà del forte
17/08/2016
Live Report
METAL CHURCH + SKANNERS + WHITE SKULL + BURNING BLACK
Phenomenon, Fontaneto d'Agogna (NO), 10/08/2016
25/07/2012
Live Report
WHITE SKULL + DEATH MECHANISM + CRISALIDE + H.O.S. + JOYLESS JOKERS
Arena Campagnola, Schio (VI), 19/07/2012
23/06/2012
Intervista
WHITE SKULL
O con lei o niente!
03/05/2009
Intervista
WHITE SKULL
Parla Elisa
8/02/07
Intervista
WHITE SKULL
Parlano Elisa De Palma e Tony Fontò
21/06/2004
Intervista
WHITE SKULL
Parla la band
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]