Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Dark Tranquillity
Moment
Demo

Veritas
Threads of Fatality
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/11/20
VEIL OF SECRETS
Dead Poetry

30/11/20
COLOSSUS OF DESTINY
Last Call

30/11/20
GOLGATA
Tempel

04/12/20
GONE IS GONE
If Everything Happens for a Reason… Then Nothing Really Matters at All

04/12/20
SIX FOOT SIX
End of All

04/12/20
AD INFINITUM
Chapter I: Revisited

04/12/20
TAU CROSS
Messengers Of Deception

04/12/20
NIGHTRAGE
Demo 2000

04/12/20
FOREIGN
The Symphony of the Wandering Jew Part II

04/12/20
SERPENTS OATH
Nihil

CONCERTI

28/11/20
RHAPSODY OF FIRE (POSTICIPATO)
LEGEND CLUB - MILANO

28/11/20
BELPHEGOR + GUESTS
BLACK WINTER FEST - MILANO

29/11/20
ORPHANED LAND
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

29/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

30/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

01/12/20
ORPHANED LAND
LEGEND CLUB - MILANO

02/12/20
ORPHANED LAND
TRAFFIC CLUB - ROMA

03/12/20
ROSS THE BOSS + GUESTS (CANCELLATO!)
LEGEND CLUB - MILANO

03/12/20
NAPALM DEATH
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

04/12/20
NAPALM DEATH
TRAFFIC CLUB - ROMA

Van Halen - Tokyo Dome Live in Concert
17/02/2016
( 2704 letture )
Due ore di musica, in presa diretta, registrate il 21 giugno 2013 al Tokyo Dome, ovviamente sito nella capitale giapponese. E fin qui non fa una piega il tutto. So benissimo, però, quante domande sono fiorite attorno a questa release live, la più frequente, la solita: perché solo ora un disco dal vivo con Diamond Dave? L’effettiva risposta non la sapremo mai e in verità chissenefotte, l’importante è potersi godere la chance di ascoltare ancora una volta i Van Halen catturati on stage. Certo il tempo passa, i bassisti e i cantanti pure ma il quartetto, con un Michael Anthony in meno e un Wolfgang Van Halen, al basso e cori, continua a sprigionare il consueto miscuglio di energia, tiro vigoroso, talento e musica con le palle da oltre trent’anni.

L'uscita del disco è stata anticipata dalle tracce Runnin' With The Devil e Panama, rese disponibili su iTunes e pubblicate in formato video sul canale YouTube del gruppo. La scaletta proposta è davvero ottima e abbraccia l’intera carriera dei fratelli Vah Halen e soci, escluso, ovviamente, il periodo con Sammy Hagar al microfono e alla seconda ascia. Tutto prevedibile direi. Tre track dall’ultimo album della nuova era, Tattoo, She's The Woman, China Town, che sinceramente non aggiungono molto ai classici, poi tutta una parata di grandi successi e pezzi universalmente noti in versioni 2.0. E allora giù di Panama, Unchained, Runnin' with the Devil, Ain't Talkin' 'bout Love, l’immancabile Jump, la virulenta Hot for Teacher, gli albori crudi e fantasmagorici di I'm the One; insomma tutto il meglio racchiuso su questi solchi. Un live-platter completamente diverso da quello pubblicato con Hagar nel ’93 (Live: Right Here, Right Now) ricco di pezzi estratti dagli album precedenti e poverissimo di hit storiche, insomma il contesto in cui si è immersi plasma la scaletta. Il suono che trasuda da questo doppio CD è cromato, ben lucidato e potente, tutti gli strumenti si odono perfettamente, David Lee Roth ha sempre un’ugola guascona, pungente, ma il suo modo di interpretare e intonare va molto a ispirazione del momento, con un non so che di cazzeggio, quindi, storicamente, non attendetevi una versione vocale simile ai dischi, anzi scordatevelo. Diciamo che Diamond Dave rimane un grande showman, e il video del relativo concerto lo testimonia, però spesso e volentieri va un po’ fuori dal seminato (vedasi tonalità) e predilige l’estemporaneità. I cori risultano vividi e veraci, nessuna diavoleria elettronica di supporto, Eddie è al solito eccezionale, formidabile, più posato e meno fuori di testa che in passato, così il sound e le esecuzioni si arricchiscono, Alex, alla batteria, picchia come un battilastre scatenato di professione con la solita perizia e potenza che ormai conosciamo; Wolfgang, l’ultimo arrivato, interpreta bene il suo ruolo, sempre presente a livello strumentale e corale.

Insomma i tre quarti Van Halen e il quarto Lee Roth -praticamente il singer è accerchiato dal nome di famiglia- si completano alla perfezione e infarciscono il repertorio storico con performance decisamente di valore. Un buonissimo live, che non aggiunge nulla alla fantastica carriera di questo marchio, tanti i momenti godibilissimi, i miei preferiti risiedono nel solo del mago Eddie, I'm The One e Hot For Teacher, senza tralasciare Panama, scampolo che ancor oggi mi ricorda i Van Halen sfrenati di una volta. Disco da avere, una documentazione chiara che dimostra come la band è ancora oggi viva e carica di rock duro.



VOTO RECENSORE
76
VOTO LETTORI
80 su 1 voti [ VOTA]
Mic
Mercoledì 12 Dicembre 2018, 14.39.03
2
La parte con Hagar è molto Van Halen invece.
jek
Domenica 21 Febbraio 2016, 16.35.10
1
Per me è un live ottimo sarà perché raccoglie la storia di una band stratosferica (la parte con Hagar non è Van Halen) interpretato in modo impeccabile nonostante l'età. Mancava nella loro carriera, l'unico che paga dazio è naturalmente David perché Eddie è e rimarrà per sempre per me il miglior chitarrista al mondo. L'unico rammarico è che se l'avessero fatto negli anni '80 come sarebbe venuto.
INFORMAZIONI
2015
Warner Bros. Records
Hard Rock
Tracklist
CD 1
1. Unchained
2. Runnin' with the Devil
3. She's the Woman
4. I'm the One
5. Tattoo
6. Everybody Wants Some
7. Somebody Get Me a Doctor
8. China Town
9. Hear About It Later
10. (Oh) Pretty Woman
11. Me & You
12. You Really Got Me

CD 2
1. Dance the Night Away
2. I'll Wait
3. And the Cradle Will Rock
4. Hot for Teacher
5. Women in Love…
6. Romeo Delight
7. Mean Street
8. Beautiful Girls
9. Ice Cream Man
10. Panama
11. Eruption
12. Ain't Talkin' 'bout Love
13. Jump
Line Up
David Lee Roth (Voce, Chitarra)
Eddie Van Halen (Chitarra, Cori)
Wolfgang Van Halen (Basso, Cori)
Alex Van Halen (Batteria)
 
RECENSIONI
70
89
92
90
83
80
57
81
93
83
95
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]