Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Wheel
Moving Backwards
Demo

E.G.O
Everything Goes On
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/07/19
SCOTT STAPP
The Space Between the Shadows

19/07/19
CANCER
Ballcutter

19/07/19
LINGUA IGNOTA
Caligula

19/07/19
WORMED
Metaportal

19/07/19
CROWN THE EMPIRE
Sudden Sky

19/07/19
CULT OF EXTINCTION
Ritual in the Absolute Absence of Light

19/07/19
FALLS OF RAUROS
Patterns In Mythology - Album Cover

19/07/19
SABATON
The Great War

21/07/19
SHARKS IN YOUR MOUTH
Sacrilegious

26/07/19
HATRIOT
From Days Unto Darkness

CONCERTI

17/07/19
NICK MASON
ARENA SANTA GIULIANA - UMBRIA JAZZ

17/07/19
YAWNING MAN
THE CONCEPT - LECCO

18/07/19
KING CRIMSON
ARENA SANTA GIULIANA - PERUGIA

18/07/19
NICK MASON
PIAZZA DELLA LOGGIA - BRESCIA

18/07/19
ROCK INN SOMMA (day 1)
SOMMA LOMBARDO (VA)

18/07/19
YAWNING MAN + HERBA MATE
SIDRO CLUB - SAVIGNANO SUL RUBICONE (FC)

19/07/19
PORTO LIVE METAL FEST
PORTO ANTICO - GENOVA

19/07/19
ROCK INN SOMMA (day 2)
SOMMA LOMBARDO (VA)

19/07/19
HELLUCINATION + GUESTS
HILL METAL FEST - MOTTOLA (TA)

19/07/19
YAWNING MAN + ELEPHARMERS + COSMIC SKYLARK
SET TO SUN FESTIVAL c/o TORRE DI BARI' - BARI SARDO (NU)

High Hopes - Sights and Sounds
17/03/2016
( 1115 letture )
It’s far from over
The darkness will only stay till dawn


Chiedo con grande umiltà se questa frase vi risulta familiare, già sentita. Penserete che vi stia prendendo in giro, perché non avete mai sentito niente di più banale.
Ecco, bravi.
Ciò che questo disco vi lascerà dentro può essere ben riassunto dallo stato d’animo generato da lyrics come queste, intrise di genericità e luoghi comuni. Gli High Hopes sono un gruppo inglese di recentissima formazione, che si ripresenta sulle scene con questo album dopo l’esordio del 2013. Il genere suonato da questi ragazzi britannici ha caratteristiche e connotati ben precisi, scalfiti nella pietra poco malleabile del metalcore di stampo moderno. L’inventiva si è persa, tranne rarissime eccezioni e si punta su un’emotività banale e di facile presa. Non ho niente in contrario al fattore soggettivamente emozionale di un brano, a quella melodia di chitarra accompagnata dalla batteria martellante che ti trascina verso un flusso di pensieri tristi e nostalgici, ma non basta. Ci può -e deve- essere ben altro. La tecnica e la composizione sono il corpo, tanto quanto il sentimento è l’anima, della musica.
The Callout apre il disco con la giusta carica, con quella rabbia giovanile da headbanging nudo e crudo. Le linee di chitarra contrastano con il cantato sporco, come voci armoniose incastonate in un cantato brutale. L’effetto di questo contrasto è quello tipico di molti gruppi ben più famosi, tra cui gli Of Mice and Men, oppure band più underground come gli Heart in Hand. Altro elemento tipico della tradizione più recente è il breakdown, granitico e solido come dev’essere.
Revelation delude, per il testo infantile e per la ripetitività dei riff. Quello che sorprende maggiormente è quanto la voce sia piatta e priva di sfumature, in un genere che spesso vede al microfono cantanti poliedrici e dal coinvolgimento quasi attoriale. In sostanza, si salva solamente il drumming preciso e pulito. Spezzo invece una lancia a favore di Manipulator, che presenta un ritmo aggressivo e che accelera e decelera più volte, rendendo l’andamento variegato e fluido. Persino la voce ha sfaccettature diverse, che arricchiscono il cantato e trasmettono maggiormente l’emotività delle lyrics (basate sulla rabbia che genera in noi il comportamento scorretto di qualcuno che amiamo).

Mortified at what you have become
How don't you see what I do?
When will you stop playing the victim?
Your conscience is so cold.


Certo che, a ben vedere, il testo è ancora il tallone d'Achille del brano; per quanto ne abbia riconosciuto il valore dal punto di vista tecnico-strumentale, leggere versi di questo tipo lascia sempre l’amaro in bocca e il senso di delusione per l’occasione mancata di sfornare un brano completo da ogni punto di vista.
MLK ci trasmette una carica ed un’energia confortanti, da sollevatore di pesi in canotta che cerca il brano adatto ai suoi sforzi. La batteria martellante accompagna melodie piuttosto varie ed un riff poco originale ma solido prima del refrain. Il senso di scarsa varietà permane, si fa fatica ad arrivare alla fine senza chiedersi se il brano non sia troppo simile agli altri, ma la breve durata e l’impatto granitico con l’orecchio garantiscono un ascolto tutto sommato piacevole. Da citare la collaborazione con Garret Rapp dei Color Morale, che mi aveva incuriosito ma che si è tradotta in un niente di fatto, tolta la piacevole decisione di puntare abbastanza a lungo sulle clean vocal dell’ospite nel brano in cui è impiegato, The Greater Plan.

Sostanzialmente, non mi sento di consigliarvi questo disco e lo avrete già capito dal resto della recensione. Ci sono spunti interessanti e l’energia non manca, aiutata dalla giovane età e dalla voglia di farsi un nome; in fase live i nostri potrebbero essere una band spalla di grande intrattenimento. Purtroppo però, essere ragazzi determinati non basta, se non si hanno idee a sufficienza. In un genere saturo di gruppi emergenti e per certi versi modaiolo, l’apporto di trovate innovative è fondamentale, il carisma può essere un’ottima cornice, ma serve una tela adatta e gli High Hopes devono ancora capire come impugnare al meglio il pennello.



VOTO RECENSORE
51
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
ayreon
Venerdì 18 Marzo 2016, 13.41.10
1
la copertina di "somelwhere else" dei marillion
INFORMAZIONI
2016
Victory Records
Metal Core
Tracklist
1. Pale Blue Dot
2. The Callout
3. Revelation
4. Vanguard
5. MLK
6. Nostalgic Thoughts
7. Manipulator
8. Defender
9. The Greater Plan
10. Sights and Sounds
Line Up
Nick Brooks (Voce)
Krishan Pujara (Chitarra)
Nathan Pryor (Chitarra)
Shaun Flanagan (Basso)
Daryl Pryor (Batteria)

Musicisti Ospiti:
Garret Rapp (Voce nella traccia 9)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]