Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Blind Guardian Twilight Orchestra
Legacy of the Dark Lands
Demo

Clepsydra
The Gap
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/01/20
NECROPSY
Xiatus (EP)

24/01/20
BLASPHEMER
The Sixth Hour

24/01/20
DEFILED
Infinite Regression

24/01/20
PYOGENESIS
A Silent Soul Screams Loud

24/01/20
LAST FRONTIER
Aether (Equivalent Exchange)

24/01/20
WORM
Gloomlord

24/01/20
REVOLUTION SAINTS
Rise

24/01/20
MARCO HIETALA
Pyre Of The Black Heart

24/01/20
COLOSSO
Apocalypse

24/01/20
FORLORN CITADEL
Ashen Dirge Of Kingslain

CONCERTI

18/01/20
BRVMAK
CIRCOLO CULTURALE HAPPY DAYS - NAPOLI

18/01/20
CANNABIS CORPSE + WITHERED
PIPPO STAGE - BOLZANO

18/01/20
CANDLEMASS
Slaughter Club - Paderno Dugnano (MI)

18/01/20
MELECHESH + W.E.B + SELVANS
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

18/01/20
SCALA MERCALLI + GUESTS
ARCI TOM - MANTOVA

18/01/20
NUCLEAR ABOMINATIONS FEST
POSTWAR CINEMA CLUB - PARMA

18/01/20
SLABBER + BLACK THUNDER
VALHALLA PUB - BORGO TICINO (NO)

23/01/20
TEMPERANCE
LEGEND CLUB - MILANO

24/01/20
SUNN O)))
ORION - CIAMPINO (ROMA)

24/01/20
TEMPERANCE
ASTRO CLUB - FONTANAFREDDA (PN)

Peter Frampton - Fingerprints
( 3195 letture )
L'anno di grazia 2006 è stato per Peter Frampton quello del buon ritorno con Fingerprints. L'ex compagno di scuola di David Bowie e chitarrista degli Humble Pie, è infatti riapparso sul mercato dopo il buon Now del 2003 e, soprattutto, dopo un periodo non troppo fortunato della sua carriera che si è protratto abbastanza a lungo. Di questa sua avventura la punta di diamante è da considerare lo storico doppio dal vivo Frampton Comes Alive, uno dei dischi più venduti della storia del rock e che proprio per questo condizionerà la sua carriera futura. Un po’ come quegli attori che ottengono enorme successo in una sit-com e poi non riescono a scrollarsi mai più di dosso il personaggio interpretato.

Impressionante, in prima battuta, la sequela di ospiti di alto livello che hanno partecipato alla realizzazione del CD: Courtney Pine in Boot It Up, che nell’arrangiamento ricorda certe cose fatte da Peter Gabriel dalla seconda metà dei 90 in poi e Cameron e McCready dei Pearl Jam nella cover di Black Hole Sun, peraltro non perfettamente riuscita, tanto per cominciare. E poi Marvin e Bennet degli Shadows; Haynes dei Grateful Dead; la sezione ritmica degli Stones ed infine Paul Franklin e John Jorgenson. Fingerprints è un album interamente strumentale e spazia senza troppo curarsi della coesione degli stili proposti, passando dalla cover di Black Hole Sun alle atmosfere latine di Ida Y Vuelta (Out and Back); dal wah-wah di Cornerstone alle frequenti incursioni nel Jazz, fino a sentire echi di chitarra alla Django Reinhardt che risuonano in certi punti. Uno sfizio, questo, che Peter Frampton si è concesso all’età di 56 anni, dopo una la lunga carriera cui abbiamo già accennato, iniziata negli anni 60 col gruppo pop degli Heard che gli fruttò il titolo di “Face of 68”, per proseguire poi con i già citati Humble Pie e quindi come solista. Ed alla fine dell'ascolto, l'impressione è quella di aver a che fare con un prodotto destinato a crescere con il sommarsi degli ascolti ed a restare decisamente piacevole anche dopo tanti anni dalla sua uscita, pur non raggiungendo vette di eccellenza. Una qualità sempre più rara.

Fingerprints è dunque un album che sfila via leggero e facile da ascoltare, con un rassicurante "friendly mood" a pervaderlo, professionale ed affidabile, non esente da qualche battuta a vuoto, adatto a chi vuole ascoltare qualcosa in relax, ma senza sprofondare nella commercialità più becera. In grado quindi di soddisfare sia gli amanti del Frampton-sound, che quelli dei prodotti ben confezionati in genere. Chi non si accontenta di un bel pacchetto, di un prodotto collaudato, di una grande professionalità e di un venditore cortese e competente può probabilmente trovare di meglio sul mercato, ma Frampton è sempre un chitarrista ed un compositore da rispettare. E Fingerprints lo dimostra ancora una volta.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
22.72 su 22 voti [ VOTA]
Pasquil
Venerdì 11 Maggio 2018, 19.29.20
2
Questo lavoro nulla aggiunge ad una carriera straordinaria fatta di grandi lavori se non la gioia dei fans più incalliti nel sentire cose nuove del sempreverde Peter che le cose migliori le fa sentire nei concerti sempre seguitissimi. Il successivo lavoro Thank You Mr Churchill del 2010 è sicuramente migliore forse solo per il fatto di sentire il nostro ancora cantare con una voce identica al Comes Alive.
jek
Martedì 31 Gennaio 2012, 18.30.37
1
Pensare che di Frampton avevo un disco in vinile di Show Me the Way tutto colorato con su il suo simpatico faccione...
INFORMAZIONI
2006
SPV/Steamhammer
Rock
Tracklist
1. Boot It Up
2. Ida Y Vuelta (Out and Back)
3. Black Hole Sun
4. Float
5. My Cup Of Tea
6. Shewango Way
7. Blooze
8. Cornerstones
9. Grab A Chicken (Put It Back)
10. Double Nickels
11. Smoky
12. Blowin' Smoke
13. Oh, when...
14. Souvenirs De Nos Peres
Line Up
Peter Frampton - guitars
+ guests
 
RECENSIONI
85
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]