Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Esoteric
A Pyrrhic Existence
Demo

Prysma
Closer To Utopia
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

06/12/19
EDGE OF FOREVER
Native Soul

06/12/19
DEEP PURPLE
Live in Rome 2013

06/12/19
GHOSTREAPER
Straight Out Of Hell

06/12/19
PRAYING MANTIS
Keep It Alive

06/12/19
HELLEBORUS
Saprophytic Divinations

06/12/19
HUMAN FORTRESS
Reign Of Gold

06/12/19
NIGHTWISH
Decades: Live in Buenos Aires

06/12/19
LUCA SELLITTO
The Voice Within

06/12/19
THE MURDER OF MY SWEET
Brave Tin World

06/12/19
ICED EARTH
Alive in Athens - 20th anniversary edition

CONCERTI

06/12/19
AGENT STEEL + MESSERSCHMITT + KINETIK
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FIRENZE)

06/12/19
BLASPHEMY + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

06/12/19
KADINJA + GUESTS
BOCCIODROMO - VICENZA

06/12/19
SCALA MERCALLI
TNT CLUB - MILANO

06/12/19
EDGE OF FOREVER + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

06/12/19
ANTIDEMON + GUESTS
ALIBI - PALERMO

06/12/19
ROCK BRIGADE + SCOLOPENDRA
L'OLANDESE VOLANTE - TODI (PG)

07/12/19
AGENT STEEL + CRISALIDE + INNERLOAD
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

07/12/19
NAZARETH
LEGEND CLUB - MILANO

07/12/19
KADINJA + GUESTS
LA TENDA - MODENA

Bulldozer - Neurodeliri
23/04/2016
( 2114 letture )
Quattro album in altrettanti anni, questo fu il ruolino di marcia dei Bulldozer agli esordi della propria carriera; suoni violenti e assolutamente nuovi per una band italica dove il black metal si sposava con il thrash, il tutto molto primordiale e in qualche modo assolutamente italiano. La band ha avuto un'evoluzione non indifferente nell'arco di pochissimi anni, la personalità indubbia li ha resi capostipiti di un genere che all'epoca in Italia era per pochi, le tastiere clericali di AC Wild unite alla sua voce violenta ed arcigna rendevano il sound della band davvero unico. Il qui presente Neurodeliri fu l'ultimo disco degli anni ottanta, un periodo nel quale il metal in generale sfornava in continuazione immensi dischi; i Bulldozer seppero regalare anni di musica estrema alquanto inconsueta nel nostro bel paese.
I riff di Andy Panigada contenuti in questo album sono davvero ottimi come ciò che i nostri avevano l'ardire di offrire, velocità e una buona dose di tecnica unite ad una certa ironia rendevano la band davvero unica nell'ambiente metallico italiano e non solo. Le influenze erano molteplici, dai Venom ai Motorhead passando inevitabilmente dalla NWOBHM ma i Bulldozer riuscirono a ritagliarsi una fetta di pubblico anche a livello europeo, bisogna ricordare che i primi due album uscirono per la RoadRunner Records, etichetta di punta in quel periodo.

Neurodeliri si presenta veloce e ricalca ciò che era stato fatto di buono con il precedente IX confermando le ottime capacità del trio milanese, Art of Deception è una delle vette dell'album, un brano tiratissimo sin dalle prime note con AC Wild che violenta le proprie corde vocali con rabbia mentre i riff si susseguono sfiorando ante-litteram alcune sonorità più indirizzate al death metal senza tralasciare una certa melodia seppur nascosta ma non celata. Alcuni assolo derivano dalla scuola Slayer senza però copiare il combo californiano mentre altri rincorrono quel suono melodico derivante dalle grandi band inglesi ed aprendosi con gli inserti di tastiera che rendono il brano decisamente di ottimo livello. Era questa la capacità dei Bulldozer: unire un suono viscerale con melodie improvvise e sicuramente i Goblin di Simonetti hanno avuto un ruolo importante nella composizione di alcuni passaggi dei brani, senza lasciare scampo con la rapidità dei pezzi e dei passaggi che risultano sempre incisivi. We Are... Italian è un brano invece che racchiude tutta la primordialità della band, con un andamento alla Motorhead ed un titolo che molti anni dopo verrà ripreso in qualche modo dalla band inglese, tirato ed aggressivo con la doppia cassa pressoché costante di Rob ''Klister'' Cabrini a battere il tempo. Il disco sfila che è un piacere nei suoi quasi trenta minuti dove i brani si intersecano l'uno con l'altro in modo naturale, Mors Tua – Vita Mea esprime l'essenza della band con i riff al fulmicotone e alcune ripartenze veramente efficaci oltre ad essere suonato con la giusta dose di cattiveria.

Neurodeliri regala l'ultimo capitolo dei Bulldozer per quanto concerne gli anni ottanta. Si tratta di una band che ha saputo entrare nei cuori dei metalhead italiani e non solo, dato che ancora oggi viene annoverata tra i capostipiti del metal nazionale. I lombardi ebbero la capacità di offrire una musica estrema ed aggressiva con spunti atmosferici e melodici senza perdere l'essenza delle proprie radici oltre ai live decisamente di altissimo livello.
Un disco da riscoprire oltre alla band stessa per chiunque abbia voglia di conoscere ciò che eravamo, ciò che all'epoca rappresentava il metal per moltissimi di noi.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
91.41 su 12 voti [ VOTA]
Aceshigh
Lunedì 8 Luglio 2019, 0.26.42
9
Disco leggendario !!! Per me il loro migliore (anche se IX pure è una gran bella botta). Ascoltando la mitica title-track ci si può rendere conto (specialmente nei riffs dissonanti, quasi al limite del black) anche di quanto fossero avanti sotto certi punti di vista. Tutto l’album comunque è una figata! Voto 90
Dome
Domenica 7 Luglio 2019, 23.55.38
8
Discone della madonna! L'ouverture è un episodio di energia esemplare Darei 85 come voto qualitativo ma con quella storia della fratellanza del metallo e dei vecchi tempi mi tocca tirare su a 95
paju
Sabato 17 Dicembre 2016, 0.28.40
7
bellissimo vinile. Possego rigorosamente vinile originale edito dalla metalmaster. Mitico.. come ha scritto qualcuno erano anni di gratellanza!!! unici
HERMANN 60
Mercoledì 1 Giugno 2016, 14.07.31
6
Possiedo fieramente tutti i loro vinili e questo è il migliore anche grazie alla qualità dell'incisione che, specie nei primi due dischi era abbastanza scarsa. Grandi Bulldozer hanno fatto scuola e non solo in Italia voto 90
thrash1969
Giovedì 28 Aprile 2016, 18.22.34
5
Un disco Fantastico......(in vinile ovviamente) Che dire....fondamentale per me in quel periodo.....GRANDI
F2mad
Martedì 26 Aprile 2016, 12.53.42
4
Ho il vinile originale comprato in quel lontano 88 .....avevo 16 anni,a quei tempi c'era una fratellanza tra i metallari che poi purtroppo si è un pò persa con il passare degli anni. Nessuna moda nessuna tendenza tutti fratelli!!!
mario
Lunedì 25 Aprile 2016, 14.50.10
3
Puro metallo italiano, un diamante nero che non ha nulla da invidiare al metal straniero, un delirio di suoni emozionante, atmosfera e mood approperiati uniti ad una rabbia devastante.Capolavoro.
Masterburner
Sabato 23 Aprile 2016, 18.33.17
2
Uno dei migliori dischi metal italiani, molto avanti anche a livello internazionale… forse troppo per l'epoca. We are fucking ittalians! Per me un 90.
Sudparadiso
Sabato 23 Aprile 2016, 16.08.14
1
Disco violento e perfettamente nostrano! Dobbiamo essere orgogliosi di avere in patria un gruppo come i Bulldozer.
INFORMAZIONI
1988
Metal Master Records
Thrash
Tracklist
1. Overture/Neurodeliri
2. Minkions
3. We Are... Italian
4. Art Of Deception
5. Ilona Had Be Elected
6. Impotence
7. Mors Tua – Vita Mea
8. Willful Death/You'll Be Recalled
Line Up
AC Wild (Voce, Basso, Tastiere)
Andy Panigada (Chitarra)
Rob ''Klister'' Cabrini (Batteria)
 
RECENSIONI
80
80
81
74
s.v.
ARTICOLI
19/06/2019
Live Report
HELLBRIGADE FESTIVAL 2019: POSSESSED + BULLDOZER
Slaughter Club, Paderno Dugnano (MI), 15/06/2019
18/12/2014
Live Report
ROCK HARD FESTIVAL - CORONER + DEICIDE + BULLDOZER
Live Club 13/12/2014 Trezzo Sull'Adda
03/10/2013
Intervista
BULLDOZER
AC Wild ai nostri microfoni
29/06/2012
Intervista
BULLDOZER
Pay to Play? Un investimento sbagliato
29/05/2012
Live Report
BULLDOZER
Insomnia - Scordia (CT) 26/05/2012
09/10/2011
Intervista
BULLDOZER
Vincere ai rigori? Si può...
24/03/2011
Live Report
BULLDOZER + TSUBO + DEATH MECHANISM
Init Club, Roma, 19/03/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]