Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Kansas
The Absence of Presence
Demo

Northern Crown
In a Pallid Shadow
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

12/08/20
WITHIN DESTRUCTION
Yōkai

14/08/20
PRIMITIVE MAN
Immersion

14/08/20
KAMELOT
I Am The Empire - Live From The 013

14/08/20
WARKINGS
Revenge

14/08/20
ROBBY KRIEGER
The Ritual Begins at Sundown

14/08/20
NUG
Alter Ego

14/08/20
HAVUKRUUNU
Uinuos Syömein Sota

14/08/20
INGESTED
Where Only Gods May Tread

14/08/20
CHASTAIN
For Those Who Dare – 30th Anniversary Edition

14/08/20
TERRA ATLANTICA
Age Of Steam

CONCERTI

12/08/20
BAD RELIGION (SOSPESO)
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

19/08/20
PALAYE ROYALE
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

26/08/20
GRAHAM BONNET & ALCATRAZZ + GIRLSCHOOL + ASOMVEL
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

27/08/20
WOLFMOTHER + HARDCORE SUPERSTAR (SOSPESO)
PIAZZA DUOMO - PRATO

04/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA (SALA SINOPOLI) - ROMA

05/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
2DAYS PROG - VERUNO (NO)

06/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
POLITEAMA GENOVESE - GENOVA

10/09/20
THE HOLLYWOOD VAMPIRES
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

11/09/20
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

12/09/20
DOMINE + AEHTER VOID + CHAOS FACTORY
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

Reckless Love - InVader
23/04/2016
( 2309 letture )
Tornano finalmente i super finlandesi coloratissimi e scatenati: vedeteveli dal vivo e capirete a cosa alludiamo. A distanza di tre anni dall’uscita del buonissimo Spirit, ecco far capolino il quarto capitolo discografico di questi figli nordici a tinte fortemente glam. I Reckless Love sono, indubbiamente, una delle punte di diamante del nuovo glam/hard 2.0, bravissimi a sgomitare per ritagliarsi spazi e pubblicità, grazie a performance incendiarie sugli stage e capaci di forgiare, in studio, ottimi platter che si attaccano alle orecchie e difficilmente vi lasceranno in pace. Nel periodo di silenzio compositivo il singer biondo-spaccacuori Olli, già con i Crashdiet, si è dilettato con il suo side-project The Local Band, gruppo in cui militano componenti di Children Of Bodom, The 69 Eyes e Santa Cruz, con tanto di dischetto ottico, di cover, uscito verso la fine dello scorso anno. Poi i Reckless si sono ripresentati con un lotto di pezzi grezzi su cui lavorare, ed ecco qui il nuovo platter con una copertina che richiama l’immagine conclusiva di un celebre clip dei Motley Crue dei primissimi tempi…avete indovinato quale? Uno scatto oscuro, che diffonde fraternità tra i membri in line-up, ma diverso dalle copertine coloratissime dei tre precedenti full length. 10 pezzi prodotti da Ilkka Wirtanen, un sound lucido e dinamico, minutaggio non elevatissimo e iniezioni di pop come neve in terra scandinava, peculiarità questa già riscontrabile sin dal loro debutto e mantenuta nel corso della produzione negli anni. Però la band ormai possiede un marchio di fabbrica conosciuto, che sa far brillare, e anche in questa nuova release non mancano tipiche composizioni a nome di Olli-Pepe-Jalle-Hessu.

Si parte con il dorato inno rock di We Are The Weekend, chitarra spezzata, voce classica del singer, un crescendo ricco di vibrazioni e un ritornello stupendo, memorizzabile sin dal primo ascolto, un up-tempo che si incanala tra i classici accattivanti del quartetto. La durezza di Hands sfocia come una diga crepata sulle vostre casse, le sei corde di Pepe segano, tagliuzzando un chorus anthemico stellare, serrato, corale, un’ennesima perla che si infila nel curriculum dei ragazzi come una saetta pompata a velocità siderale, ecco il trademark classico dei Love, solo dell’ascia furioso e brulicante, mentre Monster, primo singolo, è un’altra bomba ad alto potenziale glam con un andamento sinuoso e un inciso semplicemente perfetto, melodico, flessibile e catchy al punto giusto: prestare grande attenzione al bridge quasi gospel con coralità da cattedrale gotica. Ottimo esperimento quest’ultimo, e primi tre pezzi da manuale, autori i Reckless Love. Child Of The Sun è levigatissima con il suo giro funky e porzioni poppettare che sgambettano allegre tra le arie primaverili, una traccia che cerca armonie e incastri non di grande potenza ma che risultano davvero piacevoli e stimolanti in chi ascolta; Bullettime, invece scocca come una staffilata inarrestabile, uno sparo nella notte buia, supportato da un cantato crudele, cattivo il giusto, la drum pesta, il basso si fa muscoloso, e la song deraglia di tetragona forza, ovviamente il ritornello colpisce senza fare prigionieri…chi l’avrebbe detto vero? Insomma, piaccia o non piaccia i finnici ormai sfoggiano uno standard qualitativo che si attesta nelle alte sfere di un’ipotetica classifica di merito compositivo. Scandinavian Girls potrebbe venir vista come una sorta di risposta a California Girls del grande David Lee Roth, una canzone che ha tutto per far breccia nei cuori di chi ama il genere: ancora una volta lo stile del quartetto esce fuori alla grande, il solismo di Pepe a mo’ di inno nazionale, i cori, le melodie circolari e collegate, insomma che accuse si possono muovere a questi ragazzi? Di essere troppo edulcorati con il pop? Beh lo sanno già ampiamente ed è quello che vogliono, la strada maestra tracciata è questa, e non ci pare una colpa così ferale, visto come sanno costruire e plasmare i loro lavori. Insomma c’è un posto al sole per tutti, purché le proposte siano di livello, certo i puristi del metallo grondante sangue, scintille di fonderia e stereotipi storici storceranno alluci e gonadi di fronte a loro, questo è scontato, ma in fondo chi se ne frega, ognuno va alla ricerca del proprio filo di Arianna nella maniera che reputa più congeniale. Pretty Boy Swagger è hard molto melodico, orchestrato alla grande, con un gusto leggero innalzato da una chitarra lancinante: il singing marpionico di Olli Herman, coralità deflagranti e arrangiamenti deluxe, al pari Rock It che diventa più dark rispetto agli scampoli che la precedono, ma il ritornello sberluccicante e intinto nel pop da classifica non manca di certo e nemmeno il break chitarritico di Pepe ,che si dimostra ancora una volta uno strumentista di ottimo livello, sia dal vivo che tra cursori del mixer e vetri della sala regia: buon scampolo, non di certo un top. Destiny è Reckless Love al 139%, marchio di fabbrica fiammeggiante per un incedere ormai sperimentato nelle precedenti produzioni, ma che sa sempre provocare sobbalzi, cosa non da poco, credeteci. Infine la veemenza spiccata della conclusiva Let’s Get Cracking sigilla questo InVader, alla luce di un hard assatanato, segno che quando il quartetto decide di aprire il gas lo sa fare: ottime le armonizzazioni vocali pungenti, le asce sprizzano vitalità e la sezione ritmica intonaca un muro invalicabile. Solo adrenalinico e stordente con il guitar-man che mostra le sue armi atomiche, sì perché Pepe è davvero uno squisito strumentista con tanto gusto e bravura nella scrittura.

Con InVader la band ha, di fatto, operato al meglio per cercare di sperimentare qualcosa di nuovo, per non sedersi sugli allori e diventare ripetitiva e scontata, il sound denota grande personalità, è riconoscibile sempre e la vena compositiva, seppur intinta nel bacino del pop, continua ad esser rigogliosa e lussureggiante, non si spiegherebbero altrimenti le strutture dei pezzi e i ritornelli fantastici. Glam, pop, hard rock, definite voi come volete questi ragazzi, ma è indubbio che, per l’ennesima volta, abbiano centrato il target: sono certo che arriveranno molte critiche a questo nuovo capitolo, ma la forza di una band è proseguire nel solco tracciato. Altrimenti tante realtà ormai consolidate come storiche e seminali, si sarebbero perse nei meandri. Per vincere servono attributi, tiro, personalità, qualità, idee chiare, canzoni e attitudine giusta, i Reckless Love sono tutto ciò.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
79.87 su 8 voti [ VOTA]
Joey
Sabato 2 Dicembre 2017, 21.18.49
34
Scrivo qui il commento, ma potrei esprimere il mio pensiero tranquillamente sui predecessori di questo album, li considero abbastanza simili ma molto validi (anche se con quest'ultimo mi sembra sia stata fatta una leggera virata più rock). Cresciuto con il glam di fine anni 80, non mi possono non piacere questi ragazzi un po' "plastificati", con le loro songs orecchiabili e scatenati sul palco. Ovvio, non si sono inventati nulla, ma come si può pensare di inventarsi qualcosa se si decide di fare glam...certo, si può provare, con il concreto rischio però di farlo male. Mi permetto di andare un attimo OT, suggerendovi di buttare un occhio alla bella recensione di Barry sui CRUZH, altro gruppo scandinavo (svedese), all'album di esordio, ma con molta qualità. Tutte canzoni easy listening, ma se vi piacciono i Reckless e il genere, non possono lasciarvi indifferenti.
Andy
Martedì 22 Agosto 2017, 0.23.55
33
...a mio parere questi ragazzi sono eccezzionali!....riescono ad essere credibili pur non essendo una band hard & heavy....le barriere sono state abbattute da molto tempo....largo alle contaminazioni tra generi...il rock degli anni 2000 deve fare anche questo e i Reckless lo fanno benissimo con canzoni fantastiche....bullettime...hands...california girls..emmmm scandinavian girls...senza dubbio migliori delle americane!!!!!
blackiesan74
Domenica 18 Settembre 2016, 1.30.00
32
Ho riascoltato questo disco oggi dopo qualche mese che lo avevo accantonato e l'impressione, già negativa, è ulteriormente peggiorata: i pezzi hard rock sono di una banalità e di una piattezza sconcertanti ("Bullettime", "Hands"), mentre il resto del disco è una sequela di pezzi rubati a Duran Duran ("Child Of The Sun" potrebbe stare tranquillamente su "Notorious"), Gibson Brothers (il ritornello di "Monster" è uguale a quello di "Cuba", ricordate? "Cuba / Quiero bailar la salsa"...) oppure a gruppi rap/hip-hop ("Pretty Boy Swagger"). Da salvare solo "We are the weekend" e la bonus-track "Keep it up all night". Bocciato senza appello: 50
Ovest
Martedì 3 Maggio 2016, 21.09.55
31
Perche' l'inizio di Monster mi ricorda i Backstreet Boys?
Galilee
Venerdì 29 Aprile 2016, 12.11.09
30
Si, sono molto inglesi e più hard rock degli Hell sicuramente.
Argo
Venerdì 29 Aprile 2016, 11.53.26
29
Mmm, ascoltato i Giuda: molto bravi, ma troppo "europei", preferisco per il momento gli Hell.
Galilee
Venerdì 29 Aprile 2016, 11.22.02
28
Sono comunque molto più conosciuti all'estero che in Italia. Soprattutto in USA e in Francia.
Galilee
Venerdì 29 Aprile 2016, 11.20.37
27
I Giuda sono di Roma, e sono gli ex Taxi che prima di fare glampunk con uno stile che ricorda la working class inglese anni 70, facevano un punk HC più cattivo. Adesso però sono decisamente più bravi. Il cantante è una bomba e dal vivo in generale, spaccano davvero i culi.
LAMBRUSCORE
Venerdì 29 Aprile 2016, 11.16.32
26
Galilee, io ho visto live i Giuda fiorentini, sono quelli crust però, ahaha, comunque cercherò anche quelli che hai nominato tu..
Galilee
Venerdì 29 Aprile 2016, 10.49.42
25
Bravo, ascoltati anche i Giuda che spaccano di brutto e forse anche di più degli HITC. Sentiti number 10 o wild tiger woman. Paura.
Argo
Venerdì 29 Aprile 2016, 10.11.59
24
Sapete cosa? Ho ascoltato sul tubo qualcosa di questi Hell... mi fiondo a ordinare il cd!
Galilee
Venerdì 29 Aprile 2016, 10.04.36
23
Eh no cazzo, gli Uooh Ahaha sono tamarrissimi inside, ce devono sta pe fozza.
LAMBRUSCORE
Venerdì 29 Aprile 2016, 9.54.30
22
Conosco gli Hell in the club, cioè li ho ascoltati a volte sul tubo, sanno suonare, l'unica cosa che abolirei, non solo nel genere ma in tutta la musica, sono i cori tipo uoohooh...ahah...
Galilee
Giovedì 28 Aprile 2016, 17.55.39
21
Quoto metal shock riguardo agli Hell in the club. Comunque in iatlia ce n'è un sacco di gruppi hard rock ottimi che magari non sono formati da binodni alti con gli occhi azzurri, ma musicalmente spaccano il culo ai passeri. Basta ciatre STP, Fatz Waltz, Giuda etc etc..
AlinoSky
Mercoledì 27 Aprile 2016, 20.32.50
20
provate i santa cruz , i nuovi skid row , visti due volte in concerto , che band.
Metal Shock
Mercoledì 27 Aprile 2016, 14.17.24
19
Vorrei fare solo un`ultima considerazione: gli Steel Panther sono musicisti obbiettivamente miglioti, almeno il chitarrista, ma ci sono decine di gruppi glam "seri", che non sono solo una parodia, che sono altrettanto bravi tecnicamente. Per me i Panther sono irritanti, mentre i da me citati Hell in the club, sono bravi allo stesso modo, e credono in quel che fanno, decisamente meglio.
Steelminded
Mercoledì 27 Aprile 2016, 10.21.28
18
Heavy Metal!!!! HEAVY METAL OR NO METAL AT ALL. Hyps and posers... LEAVE THE HALL!!!
Galilee
Mercoledì 27 Aprile 2016, 10.02.41
17
LUx Chaos, non è una questione solo di testi ,ma di modo di porsi. E quello degli SP è totalmente demenziale a partire dai testi per finire con le interviste. La qualità artistica delle lyrics non centra nulla. La differenza comunque tra le due band è questa, I Reckless sono una presa per il culo, gli SP ti prendono per il culo...
Argo
Mercoledì 27 Aprile 2016, 8.41.46
16
Secondo me la differenza tra i Reckless Love e gli SP è che i Reckless sono dei in fondo dei frikkettini pop che usano un pò di chitarra per fare scena, gli SP invece sono dei veri amanti del metal che scrivono di cazzate tanto per riempire basi musicali che sono oggettivamente notevoli. Poi dite quello che volete degli Steel Panther, ma si mangiano a colazione i Reckless, che vanno bene per delle fighette bagnate, senza offesa eh, li ascoltavo pure io.
lux chaos
Martedì 26 Aprile 2016, 23.19.40
15
Sinceramente nel glam i testi non sono mai stati dei capolavori di letteratura, per cui mi sembrano discorsi un po "peculiari" diciamo...per me conta la musica, all'inizio anche io consideravo gli SP gli Elio e le storie tese del glam, ma poi ho dovuto riconoscere che la musica era troppo di qualità, poi parlino di quel che vogliono...buon consiglio anche gli hell In the club, ma non certo ai livelli degli SP, mio parere ovviamente
Metal Shock
Martedì 26 Aprile 2016, 15.43.04
14
Stranamente sono d`accordo con Galilee: per me i Steel Panther sono una parodia del glam con testi adatti ad un film porno scritte da adolescenti. Se Lambru vuole un consiglio allora molto meglio gli Hell in the club: il loro ultimo album e`un vero gioiello glam, e sono italiani! Per quanto riguarda i Recklesd Love in appunto per Frankiss: magari invece di hard rock sarebbe meglio scrivere glam/pop. Insomma le prime tre canzoni sono ottime, We are the weekend e` un gran singolo, ma poi Child of the sun e Scandinavian girl sono proprio pop, abbastanza terrificanti. A parte Bullettime e Let`s get cracking, belle veramente, anche le altre hanno, per me un po` troppo pop dentro, soprattutto nei ritornelli, vedi Rock it rovinata con un chorus pessimo. Peccato perche` la band ha un gran potenziale. Voto 70
blackiesan74
Martedì 26 Aprile 2016, 15.22.41
13
Concordo con Lux Chaos e Argo, anche se l'ultimo degli SP mi ha parzialmente deluso
Galilee
Martedì 26 Aprile 2016, 11.42.37
12
I primi due dei Reckless love sono notevoli, poi li ho un pò persi.. Riguardo agli Steel Panther non sono d'accordo. Sono si bravi, ma suonano troppo in maniera parodistica e non sono credibili. Mi sembra di ascoltare gli Elio e le storie tese in versione glam. Quindi direi meglio i Reckless love sicuramente. Il loro lato pop inoltre mi piace assai. Ora non ditemi che suonano questo genere per vendere, visto che il glam è il genere di metal meno in voga da metà anni 90 sino ad oggi eh..
Argo
Martedì 26 Aprile 2016, 9.47.14
11
Completamente d'accordo con Lux Chaos, avrei potuto scrivere un messaggio uguale.
lux chaos
Lunedì 25 Aprile 2016, 23.48.47
10
Io ho centinaia di dischi di quel genere, è forse il mio preferito, ma nonostante questo i Reckless Love li trovo carini e simpatici, ma sono troppo pop anche per me, insomma semplici gusti...magari li conosci gia, ma rimanendo tangenziali al genere, gli Steel Panther per me hanno una "botta" ben maggiore, per me attualmente rimangono i migliori esponenti del genere sulla piazza
LAMBRUSCORE
Lunedì 25 Aprile 2016, 18.17.56
9
@rik, io questa roba la ascoltavo anche negli anni 80, ahah, tipo i Poison, Motley e tanti altri. Ogni tanto cerco anche gruppi nuovi un po' in tutti i generi, ecco..
blackiesan74
Lunedì 25 Aprile 2016, 15.54.45
8
@Lambru: hanno ragione Lux e Rik, il 1° è un po' meno infighettato, quindi sono sì più grezzi, ma sempre per gli standard dei Reckless Love.
rik bay area thrash
Lunedì 25 Aprile 2016, 13.43.30
7
@LAMBRUSCORE : avventurarsi su territori musicali, che io definisco ostici, e te lo dice uno che fine ad alcuni anni fa ascoltava anche glam metal, è all' inizio, (da quello che mi pare di capire dai tuoi post ascolti musica dal punk al thrash/death) un pò complicato. I reckless love sono così da sempre è questo genere è di per sé disimpegnato e sbarazzino, deve piacere. Qui non c'è impegno o messaggi particolari ma solo intrattenimento senza pensieri. Difficilmente troverai chitarre graffianti. Tra i tanti prova ad ascoltare i wrathchild di stakk attakk si sa mai ...
lux chaos
Lunedì 25 Aprile 2016, 12.24.04
6
Non ti piacerà al 99% Lambru, anche il primo è "infighettato" di brutto , ma tentar non nuoce!
LAMBRUSCORE
Lunedì 25 Aprile 2016, 11.59.25
5
Blackiesan, allora provo a sentire quello lì, il genere quando è potente e poco "infighettato" come lo chiamo io, mi piace..
blackiesan74
Domenica 24 Aprile 2016, 21.53.44
4
Il problema non è l'attingere al pop da classifica: il glam lo ha sempre fatto e spesso vengono fuori grandissimi dischi. Il problema è che i Reckless Love sanno scrivere occasionalmente alcuni buoni/ottimi pezzi, ma un disco omogeneo, compatto e senza filler non sono più in grado di farlo (ovviamente a mio parere). Dico "non sono più in grado" perché il primo album, che qui non è ancora stato recensito, è una bomba dall'inizio alla fine, senza brani deboli e con una produzione un po' più ruvida e sporca che secondo me giova tantissimo a questo genere. Da "Animal Attraction" a "Invader" questo risultato non riescono più a raggiungerlo.
LAMBRUSCORE
Sabato 23 Aprile 2016, 19.03.27
3
Ho sentito qualche pezzo, non giudico quindi la band, per me i pezzi che ho sentito sono sul pop da classifica, con una chitarra un po' distorta, poi ripeto, magari ho sentito solo qualche pezzo moscio...
AlinoSky
Sabato 23 Aprile 2016, 14.03.30
2
visti a marzo qui a londra. Concertone. Musica spensierata e allegra , grandissima band e ennesimo grandissimo album.
Metalraw
Sabato 23 Aprile 2016, 11.44.54
1
Band in stato di grazia. D'accordissimo con Franco... 85
INFORMAZIONI
2016
Spinefarm Records
Hard Rock
Tracklist
1. We Are The Weekend
2. Hands
3. Monster
4. Child Of The Sun
5. Bullettime
6. Scandinavian Girls
7. Pretty Boy Swagger
8. Rock It
9. Destiny
10. Let’s Get Cracking
Line Up
Olli Herman (Voce)
Pepe (Chitarre)
Jalle Verne (Basso)
Hessu Maxx (Batteria)
 
RECENSIONI
83
82
ARTICOLI
16/05/2014
Live Report
RECKLESS LOVE + BURNING BLACK + LIPSTICK + WICKED STARRR
Traffic Live Club, Roma, 09/05/2014
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]