Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Voivod
The Wake
Demo

Panni Sporchi
III
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

20/10/18
RESUMED
Year Zero

22/10/18
MORBID MESSIAH
Demoniac Paroxysm

23/10/18
BAD BONES
High Rollers

26/10/18
CHEVELLE
12 Bloody Spies

26/10/18
UNLEASHED
The Hunt For White Christ

26/10/18
HOLY SHIRE
The Legendary Shepherds of the Forest

26/10/18
BLOODBATH
The Arrow of Satan is Drawn

26/10/18
FIFTH ANGEL
The Third Secret

26/10/18
KMFDM
Live In The USSA

26/10/18
EISREGEN
Fegefeuer

CONCERTI

20/10/18
ROSS THE BOSS + BULLET + CRYSTAL VIPER
CAMPUS INDUSTRY - PARMA

20/10/18
AZAGHAL + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

20/10/18
FRACTAL UNIVERSE + GUESTS TBA
THE FACTORY - VERONA

20/10/18
VADER + ENTOMBED A.D. + GUESTS
ZONA ROVERI - BOLOGNA

20/10/18
ANGEL MARTYR + PARASITE
BANDIDOS PLACE - MESSINA

20/10/18
BLACK THUNDER + THE BADASS TURKEY
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

21/10/18
VADER + ENTOMBED A.D. + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

22/10/18
HALESTORM
ALCATRAZ - MILANO

25/10/18
KILLING JOKE
CAMPUS INDUSTRY - PARMA

26/10/18
HOLY SHIRE + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

Axevyper - Into the Serpent`s Den
04/05/2016
( 1413 letture )
Formati nel 2009 da Luca "Fils" Cicero e Guido Tiberi gli Axevyper con convinzione, attitudine e grandissima passione portano avanti da anni il verbo dell’heavy metal più incontaminato e coriaceo, saldamente ancorato a tradizioni e memorie degli anni 80. Attivi e ben conosciuti nel circuito underground nostrano, con all’attivo già due dischi, gli Axevyper tornano a distanza di tre anni sotto le effigia della Iron Shield Records -una costola della Pure Steel Records- con la loro terza fatica: Into The Serpent’s Den, di cui si nota subito la bellissima copertina disegnata da Roberto Toderico.
Senza troppi giri di parole, Into The Serpent’s Den è un disco ispirato, trascinante e coinvolgente che farà letteralmente scatenare tutti gli estimatori di quel metal farcito da componenti epiche e combattive di cui Manilla Road, Omen e Warlord sono stati i più alti esponenti.

Brothers of the Black Sword apre Into The Serpent’s Den , catapultandoci direttamente in epiche atmosfere lontane che ricordano soprattutto i migliori lavori degli Omen, riproposti in maniera fresca e ispirata. Quasi senza soluzione di continuità, ritmiche più serrate e dirette continuano l’epica ondata metallica dei cinque italiani: Metal Tyrant e soprattutto Soldiers of the Underground - che con il verso Heavy Metal lives forever, hear the battle call si candida ad essere un inno di battaglia per molti - fanno scuotere ulteriormente gli animi più metallici rinchiusi in noi. Ottime le melodie della coppia Micheletti, Tiberi, su cui il particolare timbro vocale di Fils restituisce ottimamente lo spirito ribelle e anticonformista della band. L’apparentemente più serena The Adventurer mostra il lato più riflessivo degli Axevyper e qui i nostri conterranei traggono a piene mani dai primi lavori targati Iron Maiden, soprattutto per la sezione ritmica e per le linee vocali. Il brano, nei suoi oltre sette minuti, si sviluppa e delinea una struttura articolata e coinvolgente, impreziosita da un notevole gusto melodico; sembra ombra di dubbio uno dei pezzi migliori del disco. Arrivati al giro di boa, tocca alla più oscura e ruvida Under the Pyramids proseguire il viaggio e prepararci a dovere a due altri ispiratissimi pezzi: Spirit of the Wild e Solar Warrior. I brani in questione sono letteralmente delle cavalcate metalliche che, grazie alla loro energia ed immediatezza, rimangono facilmente impresse già ai primi ascolti e sono perfetti per far alzare i pugni al cielo e scaldare la platea in sede live. Gli oltre otto minuti, intrisi di epicità e pathos, di Beyond the Gates of the Silver Key concludono Into the Serpent’s Den dimostrando ulteriormente che gli Axevyper amano cimentarsi anche in brani strutturalmente più complessi e articolati senza però perdere grinta ed energia.

Gli Axevyper con Into the Serpent’s Den compiono un notevole passo avanti rispetto ai due album precedenti; innanzitutto grazie a una produzione di qualità in linea con gli standard professionali, ma anche e soprattutto, per un songwriting ispirato e una verve compositiva che trae ispirazione dai maestri del passato, restituendone non un semplice surrogato, ma una reinterpretazione personale ricca di vera e genuina passione. Orgoglio, appartenenza e condivisione sono i sentimenti che scaturiscono durante l’ascolto di Into The Serpent’s Den, emozioni reali che rendono ancora oggi vivo e vegeto l’heavy metal anche in Italia. In attesa di poterli ammirare ancora dal vivo, non possiamo far altro che prepararci a dovere gustandoci a pieno questo ottimo terzo sigillo della loro carriera con la certezza che the true metal force is back.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
40.52 su 42 voti [ VOTA]
Gemini
Domenica 18 Marzo 2018, 16.41.47
4
Ottima recensione per un ottimo disco. Come si dice, spesso e volentieri, è alla terza fatica discografica che una band di qualità è chiamata a spiccare il volo.......secondo me, qui ci siamo, ed i mitici Axevyper sono già in rampa di lancio
Nergal
Domenica 8 Maggio 2016, 0.00.29
3
Mmmmmmmft voto 55/100
mario
Mercoledì 4 Maggio 2016, 15.40.56
2
Bravi, bravi, bravi, questi toscanacvi han fatto davvero un buon album, arcigno e potente, sprigiona una fierezza metallica acvomagnata DS una maturità' stilistica coi fiocchi, tutto ben organizzato dalle asce, al basso alla batteria, che si rendono autrici di stupende sezioni ritmiche, tutto molto old school, gli echi sonori del buon vecchio e sano heavy non mancano, hammerfall, manilla , manowar, maiden ecc., ma sono incastonati dentro una certa loro personslita' .Recensione centrata.Orgoglio e passione vecchia scuola.Anche io non li ho mai visti dal vivo cercherò' di provvedere.Bel disco.80.
Dr.Willett
Mercoledì 4 Maggio 2016, 13.39.42
1
Disco superlativo per il genere proposto. Perla dell'album sicuramente "the adventurer" che per struttura ed eleganza, a mio avviso, non sfigurerebbe in un album dei Maiden post 2000. Una nota di merito in particolare a Tiberi e Michetti
INFORMAZIONI
2016
Iron Shield Records
Heavy
Tracklist
1. Brothers of the Black Sword
2. Metal Tyrant
3. Soldiers of the Underground
4. The Adventurer
5. Under the Pyramids
6. Spirit of the Wild
7. Solar Warrior
8. Beyond the Gates of the Silver Key
Line Up
Luca "Fils" Cicero (Voce)
Guido Tiberi (Chitarra)
Damiano Michetti (Chitarra)
Andrea Tognetti (Basso)
Niccolò Vanni (Batteria)
 
RECENSIONI
65
ARTICOLI
28/05/2016
Intervista
AXEVYPER
Gloria, cuore e acciaio!!!
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]