Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Enforcer
Live By Fire II
Demo

The Hirsch Effekt
Gregær
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

14/04/21
GRAVEYARD OF SOULS
Infinity Equal Zero

16/04/21
HOLDING ABSENCE
The Greatest Mistake Of My Life

16/04/21
THE OFFSPRING
Let the Bad Times Roll

16/04/21
BLACK ORCHID EMPIRE
Live in the Studio (EP)

16/04/21
ICON OF SIN (BRA)
Icon of Sin

16/04/21
TEMPLE BALLS
Pyromide

16/04/21
DISORDER ASSEMBLY
Combustion Fossil

16/04/21
CANNIBAL CORPSE
Violence Unimagined

16/04/21
THE VINTAGE CARAVAN
Monuments

16/04/21
SPECTRAL WOUND
A Diabolic Thirst

CONCERTI

16/04/21
LOUDNESS + GREY ATTACK + THOLA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

17/04/21
AXEL RUDI PELL
DRUSO - RANICA (BG)

05/05/21
SONS OF APOLLO (ANNULLATO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

07/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

08/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

09/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
TRAFFIC CLUB - ROMA

10/05/21
CORROSION OF CONFORMITY + SPIRIT ADRIFT
LEGEND CLUB - MILANO

11/05/21
DEATHSTARS
LARGO VENUE - ROMA

12/05/21
DEATHSTARS
LEGEND CLUB - MILANO

14/05/21
DISCHARGE + GUESTS TBA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Thunder - Robert Johnson's Tombstone
( 3385 letture )
Poco noti in Italia, i Thunder rappresentano una delle più valide e prolifiche band Hard Rock che dopo avere esordito nel 1990 con Backstreet Symphony hanno rilasciato nel corso degli anni ottimi lavori fino agli ultimi Shooting At The Sun del 2003 e The Magnificent Seventh dello scorso anno. E in questo 2006 particolarmente ricco e soddisfacente per l’Hard Rock non poteva mancare la loro ennesima buona uscita, ancora una volta sotto la visione della nostrana Frontiers, da un po’ ormai tra le label più impegnate in ambito Hard/AOR e sinonimo in questi generi di qualità e competenza.
Già dal titolo dell’album, Robert Johnson’s Tombstone, è facile intuire che si tratta di una dedica speciale ad un mito del Blues ed anche il sound della band è un Hard di matrice settantiana dalle forti contaminazioni Blues riconducibile alle sonorità dei Whitesnake e dei Deep Purple, guarda caso, dell’era Coverdale, ma si tratta di influenze appena accennate che non lasciano affatto presagire un sound derivato, ma anzi siamo in presenza di un songwriting fresco e coinvolgente capace di dare senso compiuto ed immensa goduria ad ogni singola composizione presente in questa release.
Si parte con la title-track e non poteva che essere un pezzo tipicamente Blues dalle tinte Southern e dal sapore Western con un bel lavoro di chitarre della coppia Morley-Matthews, ed anche la seguente Dirty Dream reca coordinate Southern Rock risultando un bel brano energico e melodico con un refrain davvero coinvolgente, mentre la ballad A Million Faces si ricollega alla tradizione Hard n’Blues degli anni ’70 grazie a strofe lente che spianano la strada ad un melodico e sentito refrain, reso sublime dalla grande interpretazione di Bowes. Altro grandioso brano è Don’t Wanna Talk About Love, un pezzo carico di feeling ed in possesso di un favoloso chorus e di un’azzeccata linea melodica, mentre in The Devil Made Me Do It e in What A Beautiful Day si può assistere ad un lavoro di chitarre che riporta alla mente gli AC/DC, anche se in tal caso un’interpretazione meno pulita ed a più alta tassazione alcolica da parte di Bowes avrebbe sicuramente giovato alla causa, e che dire poi della lunga Last Man Standing, ennesimo brano di Hard melodico dai richiami coverdale-iani, ed anche la più cupa e lenta My Darkest Hour risulta un bel pezzo malinconico e caldo. Non ci sono cali o momenti di stanca, e si prosegue infatti con classe e qualità con la bellissima Andy Warhol Said, refrain da brividi e solito ottimo lavoro di chitarre con riff incisivi e taglienti, ed ancora la malinconica e struggente It’s All About You, ballad melodica ed appassionata dalle lievi sfumature blueseggianti, ed infine la closer Stubborn Kinda Love che regala un dinamico ed energico finale Hard n’Blues.
Robert Johnson’s Tombstone è quindi un album che riesce nel suo intento di riproporre ad alti livelli quell’Hard n’ Blues melodico e passionale, capace di coinvolgere e deliziare gli appassionati di Rock e di celebrare una leggenda del Blues scomparso da decenni e i cui eventi sono ancora avvolti da una certa patina di mistero. Ennesimo ottimo prodotto di un gruppo che meriterebbe maggiori attenzioni.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
23.04 su 23 voti [ VOTA]
Jyorg
Domenica 28 Marzo 2021, 12.34.31
1
Ottimo album per un gruppo che come pochi incarna il vero hard rock british. Questi di album di sbagliati non ne hanno mai fatti!
INFORMAZIONI
2006
Frontiers Records
Hard Rock
Tracklist
1. Robert Johnson’s Tombstone
2. Dirty Dream
3. A Million Faces
4. Don’t Wanna Talk About Love
5. The Devil Made Me Do It
6. Last Man Standing
7. My Darkest Hour
8. Andy Warhol Said
9. What A Beautiful Day
10. It’s All About You
11. Stubborn Kinda Love
Line Up
Danny Bowes (vocals)
Luke Morley (guitar)
Ben Matthews (guitar, keyboards)
Chris Childs (bass)
Harry James (drums)
 
RECENSIONI
75
76
80
ARTICOLI
10/04/07
Intervista
THUNDERSTORM
Parla Fabio Bellan
26/03/07
Intervista
THUNDERSTONE
Parla la band
22/11/2005
Intervista
THUNDERSTORM
Parla Fabio
18/05/2004
Live Report
THUNDERSTORM + BULLFROG
Gli Sconosciuti, Verona, 15/05/2004
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]