Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Therion
Beloved Antichrist
Demo

Millennium
Awakening
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/02/18
REACH
The Great Divine

21/02/18
CANDLE
The Keeper/s Curse

23/02/18
TENGGER CAVALRY
Cian Bi

23/02/18
REVERTIGO
ReVertigo

23/02/18
DESTROYER 666
Call of the Wild

23/02/18
OBLIVION (FRA)
Resilience

23/02/18
TWILIGHT`S EMBRACE
Penance

23/02/18
NEW HORIZONS
Inner Dislocation

23/02/18
USURPRESS
Interregnum

23/02/18
UNRULY CHILD
Unhinged: Live In Milan

CONCERTI

20/02/18
RHAPSODY + BEAST IN BLACK
ALCATRAZ - MILANO

21/02/18
TURBOCHARGED + VIOLENTOR
BLUE ROSE SALOON - BRESSO (MI)

21/02/18
HIGHLY SUSPECT
ALCATRAZ - MILANO

22/02/18
ANGEL WITCH + ANGEL MARTYR + SØNDAG
TRAFFIC CLUB - ROMA

22/02/18
TURBOCHARGED + VIOLENTOR
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

23/02/18
ANGEL WITCH + ANGEL MARTYR + FORGED IN BLOOD + URAL
ALCHEMICA CLUB - BOLOGNA

23/02/18
NILE + TERRORIZER + GUESTS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

23/02/18
HIEROPHANT
NOVAK - SCORZE' (VE)

23/02/18
TURBOCHARGED + VIOLENTOR + THE RADSTER
CELLAR THEORY - NAPOLI

23/02/18
HOPELESS + QUMA + SILENCE PREVAILS
POP EX-LAVANDERIE RAMONE - TORINO

Loudness - Thunder in the East
( 3131 letture )
Prima prova americana per il quartetto giapponese, Thunder in the East ottenne un ottimo successo da quelle parti e rappresentò l’inizio di una carriera abbastanza fortunata nella terra della bandiera a stelle e strisce. Il disco è senza dubbio da considerare come molto buono, ma va preliminarmente fatta una netta distinzione tra questo vinile e quanto fatto dai Loudness in precedenza. Il fatto è che per sfondare negli Stati Uniti, Takasaki & C. dovettero accettare un bel po’ di compromessi, a partire dalla “glamizzazione” forzata del look -in verità assolutamente deleteria- a quella musicale che, pur mantenendosi su livelli decisamente molto elevati, presenta una nettissima sterzata imposta dalla casa discografica verso un sound più accettabile dalle orecchie dei nuovi potenziali ascoltatori. La classe di Akira Takasaki come riffer e soprattutto la sua tecnica esecutiva superiore negli assoli che lo poneva tra i guitar-heroes più importanti e meno conosciuti del periodo, rendono comunque Thunder in the East un album estremamente godibile, a tratti trascinante e senza dubbio da possedere. Tutto ciò almeno a patto di non conoscere la carriera precedente dei Loudness.

La necessità di sfondare sul mercato americano impose una generale semplificazione delle composizioni che invece in lavori come Disillusion oppure in Law of the Devil’s Land, erano decisamente più heavy, con punti di contatto con certi prodotti targati Judas Priest. I quattro fornirono comunque una prova decisamente valida, una volta accettata la nuova ottica compositiva ed il nuovo fine del gruppo. Brani come l’opener Crazy Nigth, un buon compromesso tra una certa vena heavy e lo spirito kissiano necessario al nuovo corso, oppure Heavy Chains, Clockwork Toy, No Way Out, composizioni davvero trascinanti e We Could Be Together, un vero inno metal “giappunitense” (crasi tra giapponese e statunitense), per citare i più efficaci e nonostante un sound molto ottantiano, quindi oggi superato in certe soluzioni, sono assolutamente ottimi e tutto l’album è impreziosito da un elevato numero di assoli che vi invitiamo ad ascoltare al fine di farvi un’idea della preparazione di Takasaki. Apprezzabile, in quanto elemento fortemente personalizzante, anche il fortissimo accento giapponese di Niihara, che dava un’impronta caratteristica alla band ed una fierezza di fondo che si sposava benissimo con i natali della band, ma che fu rifiutato -come prevedibile- dal pubblico nordamericano. Questo portò in seguito alla sostituzione del singer con uno di madrelingua come Mike Vescera, stravolgendo ulteriormente l’identità del gruppo. Notevole anche l’apporto di Masayoshi Yamashita al basso e Munetaka Higuchi alla batteria, per quanto non paragonabile a quello fornito quando le composizioni non dovevano obbligatoriamente adeguarsi a certi canoni più semplici e più vicini al gusto U.S.A.

Sicuramente ottimo nel suo genere, Thunder in the East rappresentò un importante trampolino di lancio per un gruppo con i numeri per imporsi a latitudini dove i giapponesi erano noti per ben altre faccende, rappresentando nel contempo anche un ottimo (si fa per dire) esempio di come degli artisti importanti vengano alcune volte costretti a compromessi davvero notevoli, per fini che con l’arte hanno a che fare solo molto relativamente, restando più vicini ad un mero fatto economico. Detto questo, per valutare con cognizione di causa questo lavoro, sarebbe opportuno considerarlo in maniera isolata dalla storia pregressa dei quattro, magari facendo precedere l’approccio da un ascolto propedeutico del faraonico doppio dal vivo Live Loud Alive, che raccoglie il meglio della produzione precedente, questo al fine di farvi un’idea più completa di una band che a tutt’oggi rappresenta quanto di meglio prodotto nel settore dalla terra del Sol Levante.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
72.36 su 76 voti [ VOTA]
Awake
Domenica 4 Febbraio 2018, 0.49.23
10
Akira Takasaki goduria allo stato puro... grandissimo album, a distanza di 33 anni ogni tanto me lo sparo. C'ho il vinile cazzo!!!
Aceshigh
Martedì 28 Novembre 2017, 10.05.10
9
Uno dei migliori album dei Loudness (se non il migliore). L'americanizzazione che avrebbe (purtroppo) caratterizzato le successive produzioni qui secondo me è in fase ancora "germinale" e si sposa benissimo con le radici classicamente heavy della band, che ci regala una serie di grandissime canzoni, prime fra tutte Run for your Life, Clockwork Toy e la fighissima opener Crazy Nights (che riffone!!!).
alessandro
Sabato 16 Maggio 2015, 22.25.59
8
Tra i più bei album di sempre che siano mai stati sfornati nel metal!
nat 63
Lunedì 30 Dicembre 2013, 15.09.51
7
Ottimo album,anche se io preferisco 'Soldier of fortune':Vescera ha un'estensione vocale ed una timbrica superiori a quelle di Niihara.
Raven
Giovedì 10 Novembre 2011, 21.39.12
6
può esserci del vero..... malice! Minchia che gruppo, fa-vo-lo-si
fabio II
Giovedì 10 Novembre 2011, 17.55.47
5
Altro centro di Golden Eggs Raven, questo è di poco inferiore a 'disillusion'; un tocco di glam in più, così come nelle pose di copertina. Raven tu che all'epoca eri in mezzo al calderone- ti sembra esagerato vederlo come un anello di congiunzione mancante tra qualcosa dei Ratt ed i Malice?? Sai credo che ( soprattutto il primo lp) i Topi fossero un band risolutamente heavy metal; neanche troppo distante dal riff-rama di 'License To Kill'. La cosa che davvero differenziava era la costruzione delle hook liners, una americana l'altra à là Priest
jek
Lunedì 3 Gennaio 2011, 21.14.58
4
"Banzai" Akira Takasaki come lo chiamavamo era un fenomeno con la chitarra, ma il metal targato japan non mi ha mai convinto l'ho sempre ritenuto innaturale e forzato, ma sono impressioni a pelle.
francesco gallina
Domenica 30 Settembre 2007, 20.09.58
3
Era solo per presentare il sound ad un pubblico che, in massima parte, ha cominciato ad ascoltare questa musica dal 95 in poi. Dalle mie parti saresti definito un tipo "pizzuto"
bathomet
Sabato 25 Agosto 2007, 22.17.55
2
Come si fa a dire che il sound ottantiano di quest' album è superato? Questo è un album del 1985, è ovvio che il suo sound sia ottantiano.
Francesco Gallina
Mercoledì 22 Novembre 2006, 11.06.38
1
"Live Loud Alive" è in realtà un doppio, non un triplo. Mentre scrivevo la rece stavo ascoltando un documentario sui Clash e si parlava di "Sandinista", così...
INFORMAZIONI
1985
MFN
Heavy
Tracklist
1. Crazy Night
2. Like Hell
3. Heavy Chains
4. Get Away
5. We Could Be Together
6. Run For Your Life
7. Clockwork Toy
8. No Way Out
9. The Lines Are Down
10. Never Change Your Mind

Line Up
Minoru Niihara (Voce)
Akira Takasaki (Chitarra)
Masayoshi Yamashita (Basso)
Munetaka Higuchi (Batteria)
 
RECENSIONI
71
78
78
80
81
86
80
80
62
ARTICOLI
13/02/2015
Articolo
LOUDNESS WAR
L'insensata guerra dei decibel
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]