Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Accept
Too Mean to Die
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

01/03/21
WARRIOR PATH
The Mad King

05/03/21
SOM
Awake

05/03/21
WITHERFALL
Curse of Autumn

05/03/21
TAAKE / HELHEIM
Henholdsvis

05/03/21
MORK
Katredalen

05/03/21
TERROR
Trapped in a World

05/03/21
SKOLD
Dies Irae

05/03/21
BRAND OF SACRIFICE
Lifeblood

05/03/21
LINISTIT
Evil Arises

05/03/21
DREAMSHADE
A Pale Blue Dot

CONCERTI

27/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
TRAFFIC CLUB - ROMA

28/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

13/03/21
MICHALE GRAVES + NIM VIND
LEGEND CLUB - MILANO

14/03/21
MARK LANEGAN BAND
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

18/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
DEMODE CLUB - MODUGNO (BA)

19/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

20/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

23/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ORION - ROMA

23/03/21
SWANS + NORMAN WESTBERG
ALCATRAZ - MILANO

24/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ALCATRAZ - MILANO

Decapitated - The Negation
21/05/2016
( 2100 letture )
Ancora prima del catastrofico incidente avvenuto nel 2008 durante i canonici spostamenti da uno stage all'altro, i Decapitated erano una delle band della scena estrema con le prospettive future più floride. Infatti, dopo aver lasciato le mandibole della comunità metal spalancate con un album ancora oggi considerato cardine del death metal quale Wind of Creation e la successiva conferma, avvenuta due anni dopo con Nihility, la band si trovava sulla cresta dell'onda, pronta ad affermarsi definitivamente.
A questa prima era Decapitated, completamente sconnessa rispetto a quella attuale che invece ha fatto e fa tutt'ora discutere la critica, appartiene The Negation, terza pubblicazione della band che anche questa volta ha affidato alla casa discografica Earache Records la distribuzione di questo nuovo lavoro.

Le linee guida tracciate nelle precedenti comparsate della band sono un punto fermo: un death metal dal forte impatto sonoro, con distorsioni accattivanti ma allo stesso tempo non troppo spurie e grezze che accompagnano canzoni dalle strutture elaborate ma che non si perdono in inutili ricami.
La band denota in questa uscita una maggiore stabilità e maturazione; accumulando esperienza, infatti, Decapitated, con the Negation, si sono cimentati in un lavoro che avesse un concept di base più profondo, con liriche macchiate di rabbioso nichilismo, senza cadere in paragoni macabri e scadenti.
Canzoni così ben pensate non vengono però supportate dalla voce di Sauron, il growl appare sin da subito sotto tono, abbastanza monotono e poco variegato. Quella del cantante è un'interpretazione al di sotto del livello complessivo espresso dalla sezione musicale che avrebbe meritato un interprete dotato di maggiore personalità e in grado di dare effettivamente voce alla violenza sonora espressa.

Pur non presentandosi canzoni individualmente memorabili, The Negation dimostra grande solidità e egemonia nella composizione. La prima parte del disco si alterna fra pezzi dove a spiccare è la velocità, come nella mastodontica traccia introduttiva the Fury e nella successiva Lying and Weak, in cui invece si percepisce anche qualche venatura più thrash, e canzoni come Three Dimensional Defect dove invece a spiccare è soprattutto l'esecuzione tecnica, con feroci blastbeat che si contrappongono a chitarre che si lasciano trasportare in un "riffaggio" più contratto e meccanico.
Un'importante impronta viene data dagli assoli, che riescono a districarsi senza difficoltà dalle stringenti maglie delle chitarre e riescono a conferire maggiore dinamismo e varietà alle diverse composizioni.
Superato poi l'interludio The Calling, arriva il momento della title track, sicuramente il pezzo più riuscito dell'intero album. Qui il lavoro delle chitarre è magistrale: fra rapidi assoli glaciali, rapidi cambiamenti di tempo e un riff portante dalle dissonanze dissacranti, The Negation è la traccia in cui più prendono forma le capacità creative di Vogg e compagni. Purtroppo si sentono anche qui le carenze della voce di Sauron, ma in ogni caso il pezzo non ne esce in qualche ridimensionato.
Le canzoni conclusive si sviluppano comunque su questi retaggi, senza togliere o aggiungere qualcosa alle tracce precedenti.

In conclusione, il lavoro fatto dai Decapitated merita sicuramente di essere ascoltato anche per una questione di completezza, per comprenderne l'evoluzione e soprattutto che signor gruppo fossero in precedenza. The Negation, pur non essendo fra tutti l'album di spicco, costituisce comunque un importante tassello nella discografia della band polacca e il lavoro più maturo.



VOTO RECENSORE
74
VOTO LETTORI
92 su 3 voti [ VOTA]
Ivan
Venerdì 17 Giugno 2016, 11.27.20
5
Concordo con chi mi ha preceduto. Questo album è veramente ben fatto, ha una produzione eccellente e il sound è tostissimo; assieme a NIHILITY sicuramente il miglior periodo per la band polacca. Dopo sono calati qualitativamente, ma album che meritano per gli amanti del technical death.
caciocavallo
Mercoledì 1 Giugno 2016, 0.41.51
4
capolavoro death metal purtroppo sottovalutato, come questa recensione. Voto 90 , e non esagero.
Marco75
Sabato 28 Maggio 2016, 10.46.39
3
Ho trovato questo disco eccessivamente freddo e poco variegato. Suona da dio, la produzione è veramente eccellente, ma le canzoni , nonostante la potenza e la tecnica pregevoli, sono un po' monotone. Comunque merita un ascolto, concordo con il voto della recensione.
Macca
Lunedì 23 Maggio 2016, 9.53.31
2
Per me invece è una bomba atomica, uno degli album che mi ha fatto interessare definitivamente al death suonato in un certo modo, storicamente inferiore a Winds Of Creation ma sicuramente il loro album che ancora oggi metto su più volentieri. Voto 87.
Undercover
Sabato 21 Maggio 2016, 12.25.39
1
Dei veri Decapitated, quelli della reunion per me non esistono e non contano praticamente nulla, è forse il capitolo meno interessante, rimanendo comunque un buon disco.
INFORMAZIONI
2004
Earache Records
Technical Death Metal
Tracklist
1. The Fury
2. Three Dimensional Defect
3. Lying and Weak
4. Sensual Sickness
5. The Calling
6. The Negation
7. Long Desired Dementia
8. The Empty Throne
Line Up
Sauron (Voce)
Vogg (Chitarra)
Martin (Basso)
Virtek (Batteria)
 
RECENSIONI
57
70
75
74
83
88
ARTICOLI
05/07/2015
Live Report
GRAVEYARD (SPA) + BLACK OATH + DECAPITATED CHRIST
Circolo Colony, Brescia, 30/06/2015
12/11/2013
Live Report
CHILDREN OF BODOM + DECAPITATED + MEDEIA
Live Club, Trezzo Sull'Adda (MI), 08/11/2013
10/12/2012
Live Report
MESHUGGAH + DECAPITATED + C.B MURDOC
Alcatraz, Milano, 05/12/2012
10/09/2011
Intervista
DECAPITATED
Ritorno col botto
26/05/2010
Live Report
DECAPITATED
Olden Live Club, Lonato Del Garda, 17/05/2010
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]