Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ghost
Prequelle
Demo

SpellBlast
Of Gold and Guns
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

20/06/18
HAENESY
Katrusza

22/06/18
MARTYR LUCIFER
Gazing at the Flocks

22/06/18
HAKEN
L-1VE

22/06/18
WOLFEN RELOADED
Chaiging Time

22/06/18
KHEMMIS
Desolation

22/06/18
ARSTIDIR
Nivalis

22/06/18
THE HERETIC ORDER
Evil Rising

22/06/18
GAEREA
Unsettling Whispers

22/06/18
THE SEA WITHIN
The Sea Within

22/06/18
IMPENDING ROOM
The Sin And Doom Vol. II

CONCERTI

19/06/18
MARILYN MANSON + GUEST TBA
IPPODROMO SAN SIRO - MILANO

19/06/18
MESHUGGAH + DESTRAGE
ORION - ROMA

19/06/18
UNDEROATH + CROSSFAITH
ZONA ROVERI - BOLOGNA

20/06/18
MESHUGGAH + DESTRAGE
ESTRAGON - BOLOGNA

20/06/18
UNDEROATH + CROSSFAITH
MAGAZZINI GENERALI - MILANO

21/06/18
ANAL VOMIT + FINGERNAILS + ASPHALTATOR
TRAFFIC CLUB - ROMA

22/06/18
PEARL JAM
I-DAYS FESTIVAL - RHO (MI)

22/06/18
ANAL VOMIT + LECTERN + GUEST
CIRCUS - SCANDICCI (FI)

22/06/18
17 CRASH + LET ME KILL THE MISTER + STINS
EXENZIA - PRATO

23/06/18
ANAL VOMIT + DAEMUSINEM + LECTERN
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

Martyr - You Are Next
25/05/2016
( 711 letture )
Gli olandesi Martyr son una band heavy metal attiva fin dagli inizi degli anni 80, i loro primi demo infatti risalgono al periodo 1982-1983 a cui susseguirono due buoni full lenght ufficiali: For the Universe del 1985 e Darkness at Time's Edge del 1986. Come tante altre band di quel periodo anche i Martyr non seppero dare ulteriore continuità alle loro attività arrivando ben presto a sciogliersi. Riformati nel 2005 dopo circa sei anni, e ben venticinque dall’ultimo disco ufficiale, nel 2011, i Martyr diedero alla luce il terzo capitolo della loro carriera Circle of 8 accolto con profondo interesse da tutti gli appassionati del genere.
La band oggi, sostenuta dalla Pure Steel Records, torna a far parlare di sé con l’album You Are Next, di cui notiamo subito la colorata copertina in style cartoon.

Il primo ascolto della quarta fatica dei Martyr lascia subito alquanto disorientati. You Are Next necessita infatti di svariati passaggi per essere analizzato e metabolizzato a dovere. Le varie influenze e contaminazioni restituiscono un lavoro piuttosto complesso, di certo non banale e che con molta probabilità farà discutere parecchio, sia i vecchi che i nuovi fans. Se da una parte infatti troviamo degli spunti allineati a uno stile heavy metal, cosa del resto prevedibile da un gruppo che vede negli 80’s le sue radici, dall’altra parte You Are Next contiene brani con una proposta musicale decisamente più moderna, costituita da suoni compressi e ritmiche che tendono più al power/thrash e, in alcuni frangenti, addirittura si prestano a inserti di cantato in stile “harsh”.

La voce di un bambino che canticchia “I found myself” prelude all’attacco del brano di apertura del disco: Into the Darkest of All Realms è un pezzo tirato e veloce che si inquadra in un contesto di heavy power metal piuttosto diretto ed energetico, ma senza particolari spunti di rilievo se non quella di evidenziare fin da subito una registrazione non particolarmente calibrata e avvolgente. Se brani come Infinity e Monster svelano le radici più old-style della band olandese, grazie in particolar modo a veloci e ipnotici riff di chiaro stampo ottantiano e da una struttura ritmica semplice e lineare su cui l’aggressivo e ruvido cantato di Rop Van Haren fa il resto, brani come Souls Breathe o Unborn Evil presentano un’anima molto più “moderna” prediligendo soluzioni compositive basate su ritmiche più compassate e articolate di sfondo ai riff della coppia Rick Bouwman/Heesakkers e al basso di Rijnsburger dai suoni decisamente più pesanti e compressi. I cinque di Utrecht mischiano ancora di più le carte in tavole con i brani Crawl e Mother’s Tear scomodando i primissimi Testament senza però riuscire a trasmettere l’alchimia del gruppo di Oakland. Chiude il disco We Don’t Need Your Money pezzo allegro e spensierato di matrice heavy classico a ulteriore dimostrazione dell’assortimento - o confusione - di questo You Are Next.
In tutto questa miscela sonora una parentesi particolare merita comunque l’operato di Rop Van Haren che dietro al microfono riesce sempre bene a interpretare con vigore e con la giusta dose di cattiveria tutti i brani. Il singer olandese trasmette energia, dimostrando una certa versatilità interpretativa, ma questo punto a favore non basta a compensare la sensazione generale di disomogeneità di You Are Next.

L’album sembra possedere due anime che litigano fra loro. Nonostante la presenza di diversi spunti interessanti, questi si perdono nel contesto generale di un lavoro che giudicato nel suo complesso restituisce un senso di confusione quasi come se gli stessi Martyr non sappiano esattamente nel 2016 che impronta dare alla propria musica. Se sommiamo inoltre la registrazione non particolarmente curata ne risulta un prodotto che sfiora la sufficienza, senza raggiungerla. Peccato, perché considerando l’esperienza della band era lecito aspettarsi molto, molto di più.



VOTO RECENSORE
55
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2016
Into The Limelight Records/Pure Steel Records
Heavy/Power
Tracklist
1. Into the Darkest of All Realms
2. Infinity
3. Inch By Inch
4. Souls Breathe
5. Unborn Evil
6. Monsters
7. Crawl
8. Mother’s Tear
9. In the End
10. Don’t Need Your Money
Line Up
Rop Van Haren (Voce)
Rick Bouwman (Chitarra)
Marcel Heesakkers (Chitarra)
Jeffrey Bryan Rijnsburger (Basso)
Wilfried Broekman (Batteria)
 
RECENSIONI
78
ARTICOLI
01/03/2018
Live Report
ANGEL WITCH + ANGEL MARTYR + FORGED IN BLOOD
Dagda Live Club, Retorbido (PV), 24/02/2018
27/02/2017
Intervista
HOLY MARTYR
Attitudine eroica
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]