Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Neal Morse
Sola Gratia
Demo

Sun Eater
Light Devoured
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/10/20
DEMONICAL
World Domination

23/10/20
CEREMONIAL BLOODBATH
The Tides of Blood

23/10/20
MORK GRYNING
Hinsides Vrede

23/10/20
JAKKO M JAKSZYK
Secrets & Lies

23/10/20
DEVIN TOWNSEND
Order of Magnitude – Empath Live Volume 1

23/10/20
DEHUMAN REIGN
Descending upon the Oblivious

23/10/20
ARMORED SAINT
Punching the Sky

23/10/20
OLD MOTHER HELL
Lord of Demise

23/10/20
SONG OF ANHUBIS
Reversed Reflection

23/10/20
COEXISTENCE
Collateral Dimension

CONCERTI

20/10/20
STEF BURNS LEAGUE
BRAVO CAFFE' - BOLOGNA

22/10/20
STEF BURNS LEAGUE
KILL JOY - ROMA

24/10/20
NERO DI MARTE + GUESTS
CS BOCCIODROMO - VICENZA

24/10/20
OTTONE PESANTE
SECRET SHOW - GENOVA

25/10/20
DEATH THE SUNDAY FEST
CIRCOLO ARCI MU - PARMA

30/10/20
ULVEDHARR + GUESTS
DRUSO - RANICA (BG)

30/10/20
OTTONE PESANTE
INK CLUB - BERGAMO

30/10/20
HELLUCINATION + NEBULAE
TRAFFIC CLUB - ROMA

31/10/20
DEATHLESS LEGACY + DAMNATION GALLERY
CRAZY BULL CAFE' - GENOVA

31/10/20
OTTONE PESANTE
IL CASTELLO - PARMA

Altarage - NIHL
18/06/2016
( 1390 letture )
Direttamente da Bilbao, esordiscono per Doomentia Records i misteriosi Altarage. Misteriosi, perché come sempre più spesso accade, è praticamente impossibile avere informazioni sui membri. Giochino abusato? Sicuramente, ma poco importa. Chi ha seguito con attenzione la scena underground degli ultimi due anni, è probabile che si sia imbattuto in MMXV demo d’esordio dei quattro musicisti (almeno sappiamo quanti sono) che ha ottenuto buoni riscontri un po’ ovunque. C’è voluto poco, neanche un anno, per far sì che da quel demo nascesse il full di debutto: NIHL.

Diciamo da subito che NIHL è un disco particolare, che probabilmente necessita di qualche ascolto per essere compreso; è bene precisarlo perché la fonte d’ispirazione primaria dei baschi, sono i Portal, gruppo simbolo di quel black/death disturbante divenuto ormai un punto di riferimento per tantissime band. Con questi presupposti, ciò che un album di questo tipo deve fare, è immergere l’ascoltatore in un contesto sulfureo, oscuro e negativo. Ed è quello che gli spagnoli riescono a fare; innanzitutto, ciò che permette al disco tutto ciò, è una produzione che potremmo definire cavernosa, ricca di riverbero che rende l’operato delle chitarre e della voce ancora più avvolgenti. E ovviamente, son proprio le chitarre le vere protagoniste del disco; se la prima ispirazione viene dai Portal, è sin da subito evidente che gli Altarage abbiano come punto di riferimento anche i Morbid Angel (la parte iniziale di Altars farà rimpiangere i tempi di Gateways to Annihilation). Influenza che viene fuori non solo nel riff serrati, ma specialmente nei momenti in cui i ragazzi si concedono qualche cambio di ritmo. Pur essendo un disco impostato principalmente su velocità elevate, i ragazzi sono molto bravi nell’inserire sezioni più controllate, perché enfatizzano l’aspetto più claustrofobico della proposta. Spicca quindi un brano come Baptism Nihl, con un andamento meno irruento e più controllato, ma che non perde un briciolo di cattiveria e oscurità. È quindi normale che i dischi si somiglino un po’ tutti, e infatti, NIHL, è un disco che si ascolta tutto d’un fiato, perché il suo obbiettivo è quello di trascinare l’ascoltare nei meandri più ignoti dell’abisso. Il continuo utilizzo di riff dissonanti, sporchi, serrati, la batteria che non smette mai di martellare, la voce che rende il tutto ancora più disturbante, sono tutti elementi che riescono a dare un’identità piuttosto definitiva al disco e al gruppo. Certo, solo per metà, perché è innegabile come alcuni pezzi appaiono troppo Portal-oriented, ma è anche vero che a conti fatti è un disco riuscito e che regala soddisfazioni. Affascinante nel suo essere apocalittico e catastrofico con Graehence, Batherex, Altars, Cultus e spietato in tutte le altre.

Non si tratta di un capolavoro e sicuramente gli Altarage devono ancora migliorare qualcosa, ma il monolitico NIHL riesce a mettere in secondo piano tutti i piccoli difetti grazie alla capacità di saper scrivere pezzi coinvolgenti mediante l’utilizzo di soluzioni chitarristiche di alto livello. Chi ha trovato soddisfazioni in gruppi come Antediluvian, Portal, Mitochondrion e altre bestie oscure, non può e non deve tirarsi indietro dinanzi ad un disco come questo, che rispetto ad altri tanti emuli dei gruppi citati, è ben sopra la media. Gruppo che regalerà altrettante soddisfazioni, poco ma sicuro.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
80 su 2 voti [ VOTA]
enry
Sabato 18 Giugno 2016, 15.24.20
2
Arrivato da poco e ascoltato solo due volte, per il momento niente male devo dire, vediamo con i dovuti ascolti...
Jackfrusciante
Sabato 18 Giugno 2016, 13.42.59
1
Troppo simili ai portal ma non male. Per me è 70 ma può crescere
INFORMAZIONI
2016
Doomentia Records
Death / Black
Tracklist
1. Drevicet
2. Womborous
3. Graehence
4. Baptism Nihl
5. Vortex Pyramid
6. Batherex
7. Altars
8. Cultus
Line Up
Sconosciuta
 
RECENSIONI
80
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]