Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Possessed
Revelations of Oblivion
Demo

Degraey
Reveries
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

31/05/19
VADER
Thy Messenger (EP)

31/05/19
VANANIDR
Road North

31/05/19
CONSTANTINE
Aftermath

31/05/19
EVIL ANGEL
Unholy Evil Metal

31/05/19
DARKTHRONE
Old Star

31/05/19
VEUVE
Fathom

31/05/19
DEATH ANGEL
Humanicide

31/05/19
1914
The Blind Leading The Blind (ristampa)

31/05/19
FUNERAL STORM
Arcane Mysteries

31/05/19
FULCI
Tropical Sun

CONCERTI

30/05/19
MANTICORE + GUESTS
BLUE ROSE SALOON - BRESSO (MI)

31/05/19
MORTADO
CRAZY BULL - GENOVA

01/06/19
ARCH ENEMY + GUESTS
LIVE CLUB - TREZZO SULL ADDA (MI)

01/06/19
KING DUDE + GUESTS
POSTWAR CINEMA CLUB - PARMA

02/06/19
GOTTHARD + GUESTS
LIVE CLUB - TREZZO SULL ADDA (MI)

04/06/19
ARKONA
Traffic Live Club - Roma

05/06/19
HALESTORM + GUEST TBA
ESTRAGON - BOLOGNA

05/06/19
ARKONA
Slaughter Club - Paderno Dugnano (MI)

06/06/19
DEIPHAGO + GUESTS
CIRCUS - SCANDICCI (FI)

07/06/19
MORTADO
ISTANBUL CAFE' - LECCE

Sxuperion - Cosmic Void
26/06/2016
( 670 letture )
Nati dalla mente di Matthew, batterista di Weverin e dei più “noti” Valdur, il progetto Sxuperion giunge alla pubblicazione di questo terzo full length in tre anni. Dedicandosi ancora una volta a tutti gli strumenti, alla produzione ed alla pubblicazione sotto la sua etichetta Bloody Mountain Records, il musicista mette in mostra un certo attaccamento per la sua personalissima creatura; pur essendo sconosciuto ai più, il progetto ha infatti alle spalle una bella manciata di demo/EP che va avanti dal 2003.

Terzo ed ultimo capitolo della trilogia dei “Corridoi Cosmici”, Cosmic Void riprende le sonorità del primo atto uscito nel 2014 (Through Cosmic Corridors). Dopo un secondo capitolo dedicato interamente a sonorità ambient/sci-fi, Matthew rientra in lidi prettamente death/black, riuscendo comunque a non suonare come una copia del debutto. Per quanto si tratti di canzoni monolitiche e incentrate su riff serratissimi, il musicista arricchisce il tutto con degli stacchi semi-gregoriani/orchestrali e dei momenti vagamente più atmosferici grazie all’utilizzo di rallentamenti e dissonanze; non si tratta però di una soluzione tanto riuscita, poiché il risultato finale, almeno per quanto riguarda i canti gregoriani/orchestrazioni è quello di un collage sonoro. Tali intermezzi infatti suoneranno più come un’aggiunta che come parte integrante del sound, andando così a togliere quel senso di coesione e continuità che ci aspetterebbe. Si ha quindi la sensazione di trovarsi davanti ad un songwriting troppo amatoriale, ed è un peccato perché Matthew ha regalato sicuramente più soddisfazione con i Valdur, suo gruppo principale in cui suona la batteria. Le canzoni suonano quindi tutte piuttosto uguali, monotone e offrono ben pochi spunti realmente interessanti; viene quindi difficile distinguere un pezzo dall’altro, ma il problema non è tanto questo, quanto più che altro il fatto che i pezzi sono fin troppo lunghi per quello che offrono e per come lo offrono. Non è un caso che il brano migliore del lotto sia From All That Is Not, costruito su tempi più moderati e che si distacca un minimo dalla monotonia generale.

Di tutta la trilogia, Cosmic Void è in sostanza il capitolo meno riuscito; la monotonia generale e il superficiale songwriting non rendono giustizia a quello che, seppur nel suo piccolo, sarebbe potuto essere un disco/progetto molto interessante.



VOTO RECENSORE
55
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2016
Bloody Mountain Records
Death / Black
Tracklist
1. Ardent Hymns Accumulating
2. Irreligious Cosmic Void
3. Prime Calignosity (Disharmony in the Empryrean Kingdom)
4. Crepuscule Devout Whore
5. From All That Is Not
Line Up
Matthew (Tutti gli strumenti)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]