Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Armored Saint
Punching the Sky
Demo

Lazy Legs
Moth Mother
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/10/20
ARKHERON THODOL
Rituals of the Sovereign Heart

30/10/20
CURIMUS
Garden of Eden

30/10/20
THEM
Return to Hemmersmoor

30/10/20
DEEP RIVER ACOLYTES
Alchemia Aeterna

30/10/20
OCCULT BURIAL
Burning Eerie Lore

30/10/20
STALKER
Black Majik Terror

30/10/20
VISIONS OF ATLANTIS
A Symphonic Journey To Remember

30/10/20
SVARTSYN
Requiem

30/10/20
STORMBRINGER
Stealer of Souls

30/10/20
URIAH HEEP
Fifty Years in Rock

CONCERTI

30/10/20
ULVEDHARR + GUESTS
DRUSO - RANICA (BG)

30/10/20
OTTONE PESANTE
INK CLUB - BERGAMO

30/10/20
HELLUCINATION + NEBULAE
TRAFFIC CLUB - ROMA

31/10/20
DEATHLESS LEGACY + DAMNATION GALLERY
CRAZY BULL CAFE' - GENOVA

31/10/20
OTTONE PESANTE
IL CASTELLO - PARMA

31/10/20
CLAUDIO SIMONETTI`S GOBLIN + VICOLO INFERNO
LOCOMOTIV CLUB - BOLOGNA

02/11/20
SCOTT STAPP
NEW AGE CLUB - RONCADE (TV)

03/11/20
FIT FOR A KING + GUESTS
CIRCOLO SVOLTA - MILANO

04/11/20
W.A.S.P. (CANCELLATO)
HALL - PADOVA

05/11/20
W.A.S.P. (CANCELLATO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

Be`lakor - Vessels
27/06/2016
( 3230 letture )
I Be’lakor sono un gruppo australiano che col tempo è riuscito a ricamarsi una buona fetta di seguito, specialmente dopo la pubblicazione degli album Stone’s Reach e soprattutto Of Breath and Bone che li hanno consacrati definitivamente al di là della propria Isola, con una generosa diffusione anche nel web visto che gli album della band sovente vengono inseriti o consigliati nelle varie playlist che si trovano su YouTube.

I Be’lakor anche in questo nuovo episodio della loro carriera si espongono al grande pubblico con un death metal che si riveste di trame melodiche di evidente ispirazione Nord europea, prendente ispirazione da band come Insomnium e ricreante atmosfere particolarmente distaccate e di un certo livello.
La melodia, in Vessels come nelle precedenti pubblicazioni, gode della più assoluta centralità; tutto si compone in funzione di questa e le note delicate riecheggiano nelle orecchie anche alla conclusione dei vari ascolti. Le canzoni, a parte la traccia iniziale e un intermezzo, godono di un ampio minutaggio, ma la band riesce a gestire la lungaggine dei vari brani che comunque hanno una trama e uno sviluppo coerente.
Vessels è una continua oscillazione fra passaggi più raccolti, dove a prevalere sono appunto queste atmosfere intime ma allo stesso tempo abissali, e momenti dove l’impeto sonoro diventa più potente, in certi frangenti epico, ma comunque sempre composto, senza che comunque la cornice di contorno venga maldestramente “spostata” da poderosa brutalità.
I Be’lakor rimischiano le carte in continuazione, senza apportare contaminazione da parte di elementi esterni o comunque distaccati dalla tradizione death melodica. La band ha l’evidente intenzione di esprimersi con tracce di una certa cultura e di un certo livello artistico, raccontando il tema della ritualità e della natura con testi criptici, lasciando così un certo alone di mistero.

Ma senza dover scoprire il telo che si cela dietro alle idee e al concept dell’album, la band irrimediabilmente ricade nell’immagine di se stessa come Narciso; perché comunque va bene la volontà di generare qualcosa di distante, di atmosferico, ma di fatto Vessels è un album che si dimostra senza mordente e con minimali picchi artistici di rilievo.
Questo è sicuramente dato da un eccessivo minutaggio, dalle sonorità che tendono a ripetersi sia nei pezzi più ruvidi (come in Roots to Sever), ma anche dall’elemento che dovrebbe muovere le dinamiche dell’album; le melodie appunto.
Queste sì, sono affascinanti, poetiche, tutto quello che si vuole, ma spesso i Be’lakor ripetono espedienti utilizzati in contesti previ o nell’album medesimo.
An Ember’s Arc e Withering Strands (bella soprattutto l’alternanza fra arpeggi delicati e fraseggi più corposi) sono i pezzi sicuramente migliori, messi subito all’inizio quando orecchio e interesse sono ancora freschi e pronti a immergersi in queste dinamiche che sembrano così distaccate e eteree; ma proseguendo per le restanti cinque tracce l’album non assume nessuna spinta o evoluzione tale da sostenere un attenzione quanto meno costante per tutto il resto della durata del disco.
Più si va avanti con i minuti, più le sonorità diventano dispersive e più l’attenzione comincia a scemare per via appunto di soluzioni ripetitive, monocorde inesorabilmente travolte dall’eccessiva durata delle tracce.

Va bene il fattore di novità e curiosità che si poteva riscontrare nelle prime uscite, ma forse è arrivato il momento per i Be’lakor, a mio modo di vedere, sebbene immagino che i fan più attaccati non saranno d’accordo, di rivedere le proprie volontà e prerogative, perché l’adepto medio difficilmente riuscirà a sostenere l’ascolto di altre pubblicazioni così ridondanti e poco strutturate.



VOTO RECENSORE
60
VOTO LETTORI
87.96 su 33 voti [ VOTA]
Matteo
Domenica 30 Settembre 2018, 18.47.29
17
Ma che problemi ha il recensore? 60? Disco enorme di una band enorme.
Fabio
Sabato 1 Settembre 2018, 20.37.07
16
Immensi e queste recensioni ve le potete risparmiare. Oggettivamente è una band di alto livello e l'album è molto bello…Dei Be Lakor e degli Insomnium non capite una mazza, fateli recensire ad altri siti. VOTO 80
Thrash Til' Death
Lunedì 11 Dicembre 2017, 18.12.01
15
Ho come l'impressione che su questo sito i Be'lakor, al pari degli Insomnium, non siano i benvenuti. Per carità, non metto in discussione l'opinione del recensore che ne sa sicuramente più di me, essendo io entrato nel mondo metal solamente due anni fa. Allo stesso tempo però, personalmente, trovo quest'album semplicemente fantastico. Non è assolutamente immediato, anzi va ascoltato tantissime volte, bisogna dargli tempo ed essere pazienti, ma alla fine sboccia come una farfalla dalla crisalide (almeno questo è successo a me). Le melodie ti rapiscono, ti danno una sensazione di pace interiore, la tecnica non è mai fine a se stessa, un growl gutturale che, a dispetto di quello che si potrebbe pensare, si sposa benissimo con le strumentali proposte dal gruppo e una sensazione di magico che pervade tutte le tracce. Come voto penso si meriti un bel 90, perché in effetti alcuni momenti potrebbero risultare un filo monotoni, ma questo non toglie il fatto che questo sia un disco fenomenale, superiore (anche se di poco) ai suoi predecessori. Le tracce che ho apprezzato maggiormente sono An Ember's Arc, Withering Strands e The Smoke Of Many Fire, senza nulla togliere alla altre canzoni, tutte di pregevolissima fattura. Ben fatto Be'lakor!
Nergal
Giovedì 23 Marzo 2017, 21.35.50
14
@lisablack e chi sono!i game over?hahahhaah ma taci
lisablack
Mercoledì 22 Marzo 2017, 19.12.12
13
Semmai i gruppi italiani non hanno mai ottenuto quello che meritavano,e band di livello ci sono sempre state..ma l'italiano è esterofilo e dall'America accetta pure la merda.
Nergal
Mercoledì 22 Marzo 2017, 18.47.30
12
Ottimo album altro che 60 ! Non e' che il recensore oltre ad aver ascoltato il disco alla velocita' supersonica era anche sotto effetto di Birra? Ma dai ! Mah ! e poi vediamo dare voti da 80 a salire a ciofeche di gruppi solo perche' sono italiani (vedi Game Over)...Mah!!! Obiettivita' -0 io posseggo il disco e me ne fotto ... CAPOLAVORO !!!! VOTO 90
Nicola
Domenica 12 Febbraio 2017, 9.42.51
11
Miglior album nel death (prog/melodic) del 2016 bollato con un 60? Ok i gusti, ma un pò di oggettività quando si parla di un prodotto praticamente perfetto nel suo genere, ma i un momento di stanca, mai un filler o un riempitivo, sta tutto al posto giusto e nel momento giusto, tecnica sopraffina e canzoni sempre e comunque che lasciano il segno. Ripeto, può non piacere ma oggettivamente nel 2016 non si è ascoltato nulla di meglio nel genere a mio avviso.
Continental
Martedì 18 Ottobre 2016, 21.48.21
10
La musica così come il mondo è bella xchè varia, e varie sono le impressioni, le sensazioni e le emozioni che si hanno ascoltandola. Il mio modestissimo parere è che la recensione non è fedele al lavoro prodotto dai cangurotti........ Io mi schiero con chi reputa i Be`lakor una spanna sopra la media, e sopra la media di coloro che "provano" a produrre o a imitare il death melodico. Mi permetto altresì di aggiungere che se invece di essere cangurotti fossero stati vikinghi saremmo qui a parlare di miracolo...come giusto che sia.. GRAN GRUPPO DI SBARBATI CHE SUONANO CON LE PALLE Lavoro appena inferiore ai 2 precedenti ma da 85 pieno...
KHL
Martedì 18 Ottobre 2016, 20.36.49
9
Sentito 28 volteb prima di giudicare e commentare!!!!!!!!!!! Gran bel lavoro!! suonato veramente bene........... la recensione non conta un cazzo!!!
Opeth71
Venerdì 30 Settembre 2016, 23.00.57
8
60, ma per cortesia..... Per caso ascoltato solo una volta, e pure di fretta ?
rob
Martedì 28 Giugno 2016, 17.28.24
7
ma secondo me.il.recensore non ha ascoltato bene l'album....forse il piu' bello del loro genere melodic death metal poi il precedente era un pelino sopra ma.questo e' valido altrettanto voto 80 x me no 60 come ha detto il recensore...
ObeYM86
Martedì 28 Giugno 2016, 14.39.07
6
Per me un piccolo passettino indietro rispetto a Stone's reach e Of breath and Bone,ma nonostante questo un album degno di nota.Trovo questa band estremamente sottovalutata,per me tra i più validi del genere...a tratti anche emozionanti,forse l'approccio e la produzione di quest ultimo disco lo rendono leggermente più "moscio" per i miei gusti...comunque da 75 bravi bravi
Sicktadone
Martedì 28 Giugno 2016, 10.15.08
5
La sperimentazione non è la prerogativa per fare un bel album, assolutamente, mi trovo pienamente d'accordo. Ma sinceramente da questa band mi aspettavo molto di più, perché avendo ascoltato i lavori precedenti, ho riscontrato una sorta di immobilismo da parte loro che a distanza di tempo e pubblicazioni mi ha stancato. Ripeto, non sono l'unico a pensarla così, quindi mi sembra legittima la mia posizione. Questo non l'ho trovato un bel lavoro, per le motivazioni scritte nell'articolo. Si possono fare bei dischi senza sperimentare, utilizzando e rimodellamento strumenti già appresi lungo il proprio percorso artistico, ma questo qua non l'ho trovato. Poi va sempre a gusti, ci mancherebbe.
Painted Skies
Martedì 28 Giugno 2016, 7.43.10
4
Mea culpa, ci mancherebbe altro. Ho solo espresso il mio punto di vista sulla recensione. Per prevenuto, non è che intendevo il rapporto tra te e la band, ma la tendenza che si ha a giudicare con superficialità uno stile che non ammette particolari sperimentazioni. Non appena non si scorgono particolari innovazioni si tende a considerare il disco di gruppo x mediocre. Vero, non bisogna mai andare a giudicare un recensore dal numero di ascolti, perché non si può avere una sfera di cristallo, però la mia impressione era quella e fidati, che di recensioni in cui si spara sulla croce rossa, ne ho lette parecchie. Non cito le fonti, ma è così.Bocciature a dischi validi perché poco innovativi e promozioni a pieni voti per dischi commerciali e poco più che sufficienti. Tutto sommato, continuo a trovarmi in disaccordo con il tuo pensiero.
Sicktadone
Martedì 28 Giugno 2016, 0.44.13
3
Scusa ma vanno bene le critiche o che la recensione non piaccia (ci mancherebbe), trovo particolarmente stupido credere che sulla base di una recensione si possa elaborare un giudizio ontologico su un disco, ma trovo obsolete le tue considerazioni sul mio lavoro "frettoloso"; il disco l'ho ascoltato tante volte e te di certo non puoi dire quanto il mio ascolto sia stato maturo; tu c'eri? No, quindi. Il disco è uscito ieri,non avrei nessun interesse nel fare uscire una recensione incompleta, soprattutto nel bene della redazione. Ancora un appunto; non è che se si giudica un disco come mediocre "bisogna avercela" con la band di turno, ma cosa mi avrebbero fatto i BE'lakor? Chi li conosce personalmente?. Questo è il classico ragionamento da 4 soldi che lascia il tempo che trova. A te è piaciuto? Mi fa piacere, a me non ha fatto per niente impazzire, e non sono l'unico che ha fatto questi appunti, basta anche vedere altri commenti alla band e dischi previ. Buona permanenza.
Painted Skies
Lunedì 27 Giugno 2016, 19.16.28
2
Ecco uno dei motivi per cui uno non dovrebbe elaborare un giudizio su un disco, basandosi su una recensione. Mi dispiace per il recensore, ma si vede che è stato poco coerente nel cimentarsi nell' elaborazione del suo scritto. Dalle parole del suo elaborato è evidende che il suo è stato un ascolto frettoloso e, aggiungerei, prevenuto nei confronti di una band e di un genere che oramai hanno consolidato il loro sound su questo stile, che, apputno, non ammette particolari sperimentazioni. Mi ricorda tanto la recensione del disco degli Insomnium di due anni fà: Stroncato perchè poco originale. Uno che basa il suo giudizio solo sull' originalità e sull inventiva per forza di cose stronca gruppi simili tra di loro a priori, senza sanalizzare a fondo nelle trame che compongono un determinato disco, senza riconoscerne pregi e difetti. Poi questo suona tutto fuorchè un album senza mordente, ci sono come di consueto passaggi aggressivi alternati a passaggi più melodici. Tra questi passaggi convive un equilibrio, un' armonia compositiva: Ed è qui che i Be'Lakor fanno la differenza. tutto sta nel trovare il nesso compositivo che unisce il tutto, cercando di assaporare la classe e l'eleganza di uno stile definito ed elaborato nei minimi dettagli e liriche da poetica crepuscolare e gotica. Poi se diamo la sufficienza scarsa a questo, a gruppi come Amon Amarth, Children of Bodom, Arch Enemy, In Flames e compagnia bella che voto diamo? Con quale criterio lo analizziamo un loro lavoro, visto che questi continuano ad essere prigidi e fossilizzati nel già sentito e nello sconta e nel momento in cui tentano di sperimentare sputtanano la loro proposta?
Spirit
Lunedì 27 Giugno 2016, 18.43.41
1
Non mi trovo per niente d'accordo. Uno degli album melodic death migliori degli ultimi 10 anni. È così che si suona questo genere.
INFORMAZIONI
2016
Napalm Records
Melodic Death
Tracklist
1.Luma
2.An Ember’s Arc
3.Withering Strands
4.Roots to Sever
5.Whelm
6.A Thread Dissolves
7.Graspring Light
8.The Smoke of Many Fires
Line Up
George Kosmas (Voce, Chitarra)
Shaun Sykes (Chitarra)
John Richardson (Basso)
Elliot Sansom (Batteria)
Steve Merry (Tastiere, Piano)
 
RECENSIONI
65
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]