Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Uriah Heep
Living the Dream
Demo

Panni Sporchi
III
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/09/18
TO END IT ALL
Scourge of Woman

25/09/18
SINATRAS
God Human Satan

26/09/18
OSSUARY ANEX
Holy Blasphemition

27/09/18
STELLAR DESCENT
The Future is Dark

28/09/18
LIVEKILL
Turned To Grey

28/09/18
RIVERSIDE
Wasteland

28/09/18
BONEHUNTER
Children of the Atom

28/09/18
ANAAL NATHRAKH
A New Kind Of Horror

28/09/18
EVILON
Leviathan

28/09/18
NECRONOMICON (GER)
Unleashed Bastards

CONCERTI

28/09/18
HOUR OF PENANCE
ENJOY CLUB - VICENZA

28/09/18
GRAVEYARD + BOMBUS
ZONA BRONSON - BOLOGNA

28/09/18
THE SECRET + GUESTS
KRAKATOA FEST - TPO - BOLOGNA

28/09/18
EDU FALASCHI
DEFRAG - ROMA

28/09/18
SVLFVR + GUESTS
EXENZIA - PRATO

29/09/18
GRAVEYARD + BOMBUS
BLOOM - MEZZAGO (MI)

29/09/18
EDU FALASCHI + ACID TREE + GUESTS
ARCI TOM - MANTOVA

29/09/18
TORCHIA
KRACH CLUB - MONASTIER (TV)

29/09/18
NWOIBM FEST
GARAGESOUND - BARI

29/09/18
GO! FEST
CSOA SPARTACO - ROMA

Motorhead - Clean Your Clock
30/06/2016
( 3400 letture )
Registrato durante il tour del 40esimo anniversario dei Motörhead, Clean Your Clock contiene parte dei concerti eseguiti al locale Zenith di Monaco di Baviera, precisamente il 20 e 21 novembre 2015, circa un mese prima della scomparsa del carismatico leader. Ian Kilmister, detto Lemmy ci ha infatti lasciato il 28 dicembre 2015 all’età di 70 anni, a causa di un cancro e dirlo o scriverlo fa ancora un certo effetto.

Lemmy inutile dirlo, è stato l’anima e il simbolo di un gruppo che con la sua unica e travolgente attitudine Rock and Roll ha trascinato e fatto divertire centinaia di migliaia di fans per oltre 40 anni di carriera. Lemmy non è mai stato interessato alle mode e alle tendenze, ma al contrario ha mantenuto una coerenza inossidabile impregnata di genuinità e naturalezza che, unita al suo indiscusso carisma, ha permesso di elevare il concetto di rockstar a un dio: la frase “Lemmy is god” è stata spesso pronunciata con un misto di ironia certo, ma con altrettanta riverenza e rispetto.
Una vita vissuta in pieno quella di Lemmy, costellata ovviamente anche da eccessi, ma soprattutto impregnata di passione e di ottima musica che trova la sua massima espressione durante le incendiarie e fragorose esibizioni live. Una attività live svolta con costanza e dedizione, commovente per certi versi vedendo la fatica della malattia che stava consumando l’uomo. I Motörhead hanno suonato in tutto il mondo, la loro casa era la strada e i palchi, non importa se grandi arene o piccoli locali perché, indipendentemente da tutto, i Motörhead erano lì per suonare rock and roll e per “prenderci a calci nel culo”.
Lemmy e i Motörhead non sono stati una favola, ma, al contrario, una affascinante e solida certezza per i metallari di almeno tre generazioni e tuttora rimangono grande fonte di ispirazione per moltissime giovani band.

La classicissima Bomber, infiamma subito questo Clean Your Clock. L’inconfondibile, ruvida e grezza voce di Lemmy supportata dagli indiavolati e velenosi riff di chitarra del fedele Phil Campbell e dall’assordante sezione ritmica di Mikkey Dee restituiscono, come da tradizione, il clima rumoroso, chiassoso e rimbombante tipico del live dei Motörhead. Capolavori presenti in scaletta quali Stay Clean, Metropolis, Over the Top, The Chase Is Better Than the Catch non necessitano recensione né di molti commenti a supporto, si tratta infatti di pezzi inossidabili. In scaletta trovano spazio ovviamene anche brani più nuovi quali l’ottima When the Sky Comes Looking for You tratta da Bad Magic, ultimo lavoro in studio del trio più rumoroso del pianeta, nonché Lost Woman Blues, tratta da Aftershock. La setlist comunque pesca, come giusto che sia, prevalentemente sul repertorio storico della band, sciorinando come detto vere e proprie icone della nostra amata musica. Allo stesso tempo, è altrettanto innegabile che in questo Clean Your Clock emerga anche la precaria forma fisica di Lemmy, il quale risente di un palese affaticamento, particolarmente nell’esecuzione di Orgasmatron in cui il cantato è estremamente provato e stanco.
Certamente le liriche dei Motörhead in sede live sono quasi sempre state piuttosto farfugliate e in alcuni casi biascicate, ma in questo caso è innegabile come i gravi problemi di salute che avevano afflitto il baffuto inglese abbiano inciso sulla prestazione complessiva. Le immancabili Ace of Spades e Overkill poste a chiusura mettono il sigillo a questo Clean Your Clock, uno degli ultimi concerti di una band immortale ed irripetibile.

Operazione commerciale, tributo alla memoria, uscita pianificata da tempo? Non lo sappiamo con certezza e nemmeno ci interessa così tanto in fondo; il disco di per sé è molto curato, tecnicamente ineccepibile per quanto riguarda produzione e registrazione, i suoni potenti e compatti restituiscono molto bene l’atmosfera di quella serata. Molto probabilmente non sarà l’ultima uscita ufficiale, ad ogni modo, disco o prodotto affine che uscirà targato Motörhead non è in grado di aggiungere molto di più a quello che il tempo, i concerti, i dischi, gli aneddoti e le storie sulla vita di Lemmy hanno sedimentato nel cuore e nell’anima di chi i Motörhead li ha vissuti nella loro assordante, travolgente e vitale rumorosità: il monito “We are Motörhead and We play Rock&Roll” echeggia ancora nei nostri cuori.



VOTO RECENSORE
s.v.
VOTO LETTORI
92.2 su 10 voti [ VOTA]
The Reaper
Giovedì 20 Luglio 2017, 18.55.16
26
I capelli se ne sono andati tutti, non so suonare, ho la pancetta e 56 anni. Tengo famiglia due splendidi figli ed una laurea. Eppure quando metto la mia maglietta nera con lo snaggletooth ed accendo la mia Harley vi giuro che vedo Lemmy di fronte a me che mi dice "era ora! allora andiamo?" Forse sono infantile oppre come dice mia moglie (adorata) sono entrato nella "adultescenza". Salute a tutti i metallari ed a tutti i biker ed a tutti quelli che sono entrambe le cose. Vi voglio bene!
R.I.P.LEMMY
Domenica 18 Settembre 2016, 13.16.49
25
Ora aspetto il classico cd di tributo di altre band....com'e' successo dopo la morte di DIO......e naturalmente compro anche quello.....
R.I.P.LEMMY
Domenica 18 Settembre 2016, 13.14.44
24
Operazione commerciale o meno.....ma chi se ne fotte!!!! LEMMY non c'e' piu' .....cioe' CAPITO??? LEMMY NON C'E' PIUUU'.....fu grazie a lui che in un caldo pomeriggio d'estate di molti anni fa ascoltai il mio primo pezzo metal in assoluto Born to rise hell colonna sonora di un filmettino del cazzo ke passarono su italia 1.....e fu subito amore! Se ci penso ancora mi scappa la lacrimuccia.....
Fabio Rasta
Sabato 9 Luglio 2016, 10.48.16
23
@Er Trucido: non solo non lo avevo capito, ma non l'avrei neppure immaginato! X la mia mente semplice certi comportamenti sono inspiegabili. Certo che ci sono individui che si divertono in modo strano. Cito Govi: se i scemi avessero le ali ci sarebbe sempre nuvolo. Chiedo scusa a Nu Metal Head, che avevo visto qui e la e non mi era infatti sembrato un incompetente. Comunque bella recensione; li ho visti all'ippodromo x tributo ed è stato come l'isola di Wight: la fine di un epoca. Mi manca tantissimo. Saluti. E come amava scherzare Lemmy THE CHASE IS BETTER THAN THE CRABS........
Er Trucido
Sabato 9 Luglio 2016, 9.49.43
22
No, è solo un provocatore che sta usando il nome di un'altra persona per fare il fenomeno. Non dategli corda, è quello che cerca. Per lui invece l'invito è riprendere ad usare il proprio nickname, dato che questi giochetti non ci piacciono, secondo avvertimento.
Fabio Rasta
Sabato 9 Luglio 2016, 9.38.29
21
Band che nella sua carriera non ha avuto alcuna importanza?????? Spero che tu sia un ragazzo giovane, oppure tu abbia vissuto chissà dove per pontificare un'affermazione così assurda. Io rispetto ogni pensiero, e posso comprendere benissimo che i MOTORHEAD possano non piacere. Ma ti voglio dire 'sto fatto: negli anni d'oro della Hard music ci furono in tutto il mondo migliaia (se non milioni) di ragazzi (me compreso) che imbracciavano uno strumento o si cimentavano nel canto, per emulare i propri idoli, e LEMMY era sempre, dico SEMPRE, fra questi. Ancora oggi, migliaia di Rockers (me compreso), esibiscono con orgoglio le giacche con lo Snaggletooth su cui troneggia una fiera chioma di capelli lunghi; e migliaia di musicisti anche non appartenenti al mondo del Rock, hanno pianto la scomparsa o hanno mostrato riverenza, verso colui che il R'n'R lo incarnava a persona. Nu Metal Head: mettici un "secondo me" , magari la prossima volta, prima di dichiarare assiomi inconfutabili. Con tutto il rispetto verso i LIMP chi??? che neppure conosco e sui quali per l'appunto non mi esprimo. Ciao.
Nu Metal Head
Venerdì 8 Luglio 2016, 1.26.41
20
Band che nella sua carriera non ha avuto alcuna importanza. Troppo sopravvalutata. I Limp Bizkit hanno fatto di meglio.
tino ebe
Giovedì 7 Luglio 2016, 17.10.52
19
sono d'accordo col lambro, evidentemente c'è un gioco di parole hard, una beffa del defunto che ora da lassù se la starà ridendo davanti a un cuba libre assieme agli suoi pard caduti. magari fosse stato un live delle crucified barbara o di elyze ryd...
Suarez
Giovedì 7 Luglio 2016, 14.36.15
18
Figa c'è pure worehouse blues, quella traccia mi fa morire
LAMBRUSCORE
Giovedì 7 Luglio 2016, 14.30.37
17
Sicuramente lui avrebbe voluto come titolo " Clean your COCK"...Nessuno si è accorto del gioco di parole? O forse è il titolo di una sua canzone che non ricordo?? boo..
robby
Giovedì 7 Luglio 2016, 12.07.02
16
tappatomi il naso per la probabile speculazione commerciale, ho tra le mani un vinile che trasuda rock'n'roll. grezzi, sporchi, cattivi...Motorhead ! live duro e puro !
gabriele
Venerdì 1 Luglio 2016, 15.21.41
15
Ho visto i Motorhead 6 volte. SOno volato fino in Svezia nel 1983 per acquistare due copie del primo 45 giri "leaving here" uscito su skydog records e in Gran Bretagna per 4 copie dell'ep Beer drinkers, in vinile blu, rosa, pitcure disc e normale. Non me ne separerei per nulla al mondo. Lemmy ed i Motorhead mi hanno accompagnato dai miei 17 anni ad oggi e continuano a farlo, nonostante non ci siano più. Non vedo nessun male a fare uscire l'ultimo concerto, le ultime canzoni suonate... nel mondo in cui viviamo, in cui viene rubato da telefonini, video, twitter, istagram, facebook, whatsapp, qualsiasi attimo, qualsiasi respiro di qualsiasi essere vivente, ben venga un cd dei motorhead, seppur postumo. Loro resteranno sempre immortali, Lemmy, Phil... non li ammazza nessuno, neppure la morte. Sta a noi, fans assidui, farli continuare a vivere nelle nostre giornate. Poco importa se il disco live è uscito dopo la morte di Lemmy. Pazienza. Qualcuno si metterà in tasca dei soldi? Pazienza. I miti fanno godere tutti e guadagnare qualcuno. Facciamoci prendere a calci in culo ancora una volta, e ancora, ancora, ancora. Ci manchi Lemmy, ci mancate Motorhead. Però dentro noi, ci sarete sempre.
simo
Venerdì 1 Luglio 2016, 11.39.34
14
Su questo sono d'accordo, una mezza idea di andare a Milano a febbraio ce l'avevo ma l'ho subito scartata, poi non é che avessi molte scelte...mi spiace solamente di non averlo mai visto live ma non sarebbe stato comunque un bello spettacolo
Metal Shock
Venerdì 1 Luglio 2016, 11.11.29
13
Infatti secondo me non ci deve essere polemica ma solo sensibilità della singola persona che valuta la cosa. Io non sarei andato a vederlo dal vivo in quelle condizioni, figuriamoci comprare il dvd. Lemmy preferisco ricordarlo come era anni fa.
simo
Venerdì 1 Luglio 2016, 11.05.19
12
Quotone per Roberto Fleming, e poi non penso che lui ne fosse all'oscuro del fatto che stavano registrando gli show quindi ogni polemica é inutile
Rob Fleming
Venerdì 1 Luglio 2016, 10.57.12
11
E' sicuramente una speculazione. Io non lo comprerò e difficilmente guarderò qualche estratto. Attenderò i cd con gli inediti che tra qualche mese, intorno al 24/12, inizieranno ad imperversare sul moribondo mercato discografico. Però riflettendoci bene non vedo lo scandalo. Del resto lo stesso Lemmy offriva se stesso ai fan in quelle condizioni. Chi è andato a vederlo negli ultimi anni vedeva QUEL gruppo, con QUEL cantante. Perché allora fare la distinzione tra il concerto vero e proprio e l'album dal vivo?
Maurizio
Venerdì 1 Luglio 2016, 8.07.11
10
Io l'ho preso in vinile e l'ho messo a fianco di quelli di Ace of Spades,Overkill,Iron Fist e Rock'n roll. È un ricordo....
il Marchese Del Grillo
Giovedì 30 Giugno 2016, 20.09.43
9
operazione speculativa o no? ragazzi ma dove sta il problema?? !
tpr
Giovedì 30 Giugno 2016, 19.27.44
8
Forse ci dimentichiamo che quando si mangia pollo o verdura, quando si acquista un maglione o le mutande, quando si accolgono immigrati o si respingono, quando si sta in Europa e se ne esce, dietro o meglio in fronte , c'è sempre un' operazione speculativa e commerciale. Se nel disco canta Lemmy , solo rispetto ed onorevsi deve tributare. Sempre.
Elluis
Giovedì 30 Giugno 2016, 15.20.26
7
Volutamente non ho visto né sentito niente di questo disco, non lo comprerei neanche se costasse 5€, non lo scaricherò nemmeno gratis da Emule o Torrent, lo ignorerò per sempre come i dischi della Pausini; semplicemente per me questa uscita non esiste, questi non sono più i Motorhead, quello sul palco non era più Lemmy, e non mi presterò mai a questo schifo, fatto solo per speculare ignobilmente su una band, anzi SULLA band rock'n'roll per eccellenza, che io ho amato oltre ogni dire.
Sicktadone
Giovedì 30 Giugno 2016, 14.02.50
6
I suicide silence fecero una cosa simile, ma quanto meno il ricavato delle vendita sarebbe andato interamente alla figlia del cantante tragicamente morto in un incidente. Queste speculazioni sono ridicole, ma i diritti sono fatti per esser3 sfruttati anche dopo la tragica dipartita di un icona.
Warrior63
Giovedì 30 Giugno 2016, 13.05.04
5
Operazione commerciale...speculazione... Tutto vero. Però a me lemmy manca tanto e la recensione mi ha commosso.
melkor
Giovedì 30 Giugno 2016, 11.43.48
4
continuo ad avere la mia idea. giusto anche questo live. pero' che tristezza ... comunque tanto di cappello ,poteva passare gli ultimi mesi della sua vita in altro modo e invece ci ha dato dentro fino alla fine anche in condizioni pessime. ciao lemmy
Agnostico
Giovedì 30 Giugno 2016, 11.22.27
3
Sicuramente qualcuno ci sta lucrando sopra,tuttavia Lemmy è salito su quel palco volontariamente,quindi non trovo sbagliato immortalarlo in quella fase della sua carriera,è una testimonianza di come voleva essere ricordato:un rocker che non molla mai.
tino ebe
Giovedì 30 Giugno 2016, 10.06.55
2
Sono d’accordo, sicuramente oltre alla morbosità e alla cattiveria umana camuffata da quintali di ipocrisia, cosa che vale in generale e non solo nello specifico di questo prodotto musicale, c’è stato secondo me un vero e proprio calcolo strategico da parte di manager senza scrupoli. Il fatto stesso di immortalare, termine beffardo in questo caso, un uomo con palesemente il classico piede nella fossa, che già da tempo doveva cancellare show o tagliarli, fa capire che c’era proprio l’intenzione di sfruttare le sue precarie condizioni di salute. Il mondo metal ha divinizzato lemmy per decenni, un po’ come i religiosi lo hanno fatto con giovanni paolo II che era portato a forza sofferente davanti a folle incuranti della sua soffrenza umana. Ora tutti a scandalizzarsi per queste operazioni quando le platee erano piene e i biglietti si vendevano nonostante tutti sapessero che lemmy non ce la faceva più. I famigliari glielo hanno chiesto più volte, lemmy non fare questo tour e lui stoicamente ha detto non posso, lo devo ai miei fan che si aspettano il massimo da me. Quindi anche noi popolo metal ce ne siamo fregati del lemmy uomo che non ha avuto il coraggio di fermarsi e non siamo diversi da tutta qull’umanità che spesso critichiamo dall’alto del nostro essere metal, quindi sulla carta migliori.
Metal Shock
Giovedì 30 Giugno 2016, 9.26.29
1
Operazione dallo squallore incredibile. Lo so che Lemmy voleva morire sul palco come più volte ha detto, ma fare un dvd per vederlo in quelle condizioni è assurdo, mille volte meglio fare uscire dvd live di anni passati o nuovi cd di musica magari registrata e mai uscita, come probabilmente succederà. Per carità i fans più accaniti magari apprezzeranno, ma per me è solo uno sfruttamento commerciale.
INFORMAZIONI
2016
UDR Records
Heavy
Tracklist
1. Bomber
2. Stay Clean
3. Metropolis
4. When the Sky Comes Looking for You
5. Over the Top
6. Guitar Solo
7. The Chase Is Better Than the Catch
8. Lost Woman Blues
9. Rock It
10. Doctor Rock
11. Orgasmatron
12. Just ‘Cos You Got the Power
13. No Class
14. Ace of Spades
15. Whorehouse Blues
16. Overkill
Line Up
Ian "Lemmy" Kilmister (Voce, Basso)
Phil Campbell (Chitarra)
Mikkey Dee (Batteria)
 
RECENSIONI
84
72
85
74
s.v.
87
80
82
80
72
92
76
80
80
63
82
98
85
80
s.v.
s.v.
ARTICOLI
31/12/2015
Articolo
MOTORHEAD
Ian Fraser Kilmister - Born to Lose, Lived to Win
02/07/2014
Live Report
MOTORHEAD + PINO SCOTTO
CITY SOUND, Ippodromo del Galoppo, Milano, 24/06/2014
27/09/2012
Articolo
LA STORIA DEI MOTORHEAD
La Recensione
18/07/2009
Live Report
MOTORHEAD + EXTREMA + MERENDINE ATOMICHE
Ippodromo delle Capannelle, Roma, 15/07/2009
03/07/2007
Live Report
IRON MAIDEN + MOTORHEAD + MACHINE HEAD
Stadio Olimpico, Roma, 20/06/2007
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]