Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Uriah Heep
Living the Dream
Demo

Raum Kingdom
Everything & Nothing
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/09/18
CULTES DES GHOULES
Sinister

24/09/18
AZAGHAL
Valo Pohjoisesta

24/09/18
HUMAN DECAY
Mefitico

25/09/18
SINATRAS
God Human Satan

25/09/18
TO END IT ALL
Scourge of Woman

26/09/18
OSSUARY ANEX
Holy Blasphemition

27/09/18
STELLAR DESCENT
The Future is Dark

28/09/18
NAZARETH
Loud & Proud! The Box Set

28/09/18
VULCAIN
Vinyle

28/09/18
GORY BLISTER
1991. Bloodstained

CONCERTI

23/09/18
ERIC MARTIN
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

23/09/18
BIGFOOT
LEGEND CLUB - MILANO

23/09/18
INJECTION + SAKEM
ROCK'N'ROLL CLUB - RHO (MI)

23/09/18
DISEASE ILLUSION
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

23/09/18
ARCANA OPERA
GOTHIKA - SANTA LUCIA DI PIAVE (TV)

28/09/18
HOUR OF PENANCE
ENJOY CLUB - VICENZA

28/09/18
GRAVEYARD + BOMBUS
ZONA BRONSON - BOLOGNA

28/09/18
THE SECRET + GUESTS
KRAKATOA FEST - TPO - BOLOGNA

28/09/18
EDU FALASCHI
DEFRAG - ROMA

28/09/18
SVLFVR + GUESTS
EXENZIA - PRATO

Assassin`s Blade - Agents of Mystification
12/07/2016
( 612 letture )
Tirando recentemente in ballo il signor Jacques Bèlanger, che la maggior parte degli ascoltatori conoscerà per i suoi trascorsi tra la fine degli anni novanta e gli anni duemila negli Exciter, salta fuori il monicker Assassin's Blade, band formatasi dall’incontro del suddetto singer con il trio svedese formato da Peter Svensson (Void Moon), David Stranderud (ex-Portrait) e Marcus Rosenkvist (Void Moon). Dopo la firma con la Pure Steel Records, il quartetto è andato in studio per la registrazione di questo debut album intitolato Agents of Mystification, impreziosito dalla presenza in alcuni assoli di Janne Stark (chitarrista degli Overdrive). Il risultato di questo incontro viene espresso come un mix tra il classico sound di casa Exciter e qualche inflessione più maideniana, senza dimenticare i trascorsi del chitarrista e compositore Stranderud nei Portrait. Ora non ci resta che ascoltare questo Agents of Mystification per scoprire cosa sono stati in grado di fare.

Si attacca subito con la title-track, brano cadenzato e prettamente heavy senza particolari caratteristiche che saltano all’occhio. La voce di Bélanger è sempre la stessa, graffiante ma versatile sugli acuti, mentre la compattezza espressa dal trio di musicisti è piuttosto solida e piacevole. Con i brani seguenti, i nostri accelerano un po’ l’andamento anche se non si discostano più di tanto dal classico heavy, dimentichi di quello speed nudo e crudo che ha reso famosi e leggendari gli Exciter. Herostratos e The Demented Force, con quest’ultima molto più rapida ed incalzante ed alza un po’ l’asticella di un lavoro che scade troppe volte nei consueti cliché del genere musicale, risultando scontata e prevedibile. Il songwriting dei pezzi non è da buttare via: ci sono alcuni brani un po’ più tendenti all’heavy/doom come Dreadnought, ma all’interno degli undici pezzi che compongono la setlist del lavoro degli Assassin's Blade, non c’è un singolo brano che sia memorabile o che rimanga in testa anche dopo due o tre riproduzioni. Il lavoro strumentale è solido, anche se non c’è nulla che possa esaltare un ascoltatore maturo di heavy metal: le linee chitarristiche, i riff e gli assoli girano sempre sui soliti stereotipi; la batteria è incalzante, ma non varia mai di molto il proprio incedere, ed il basso di Svensson, spesso si limita al compitino in appoggio al drumming di Rosenkvist. A salvarsi, probabilmente grazie all’esperienza maturata durante gli anni, è proprio Belangér, per quanto non sia così calzante in brani più "power" come Transgression e Prophet’s Urn.

Alla fine, cosa ci resta dall’ascolto di Agents of Mystification? I due brani migliori sono probabilmente la title-track e la conclusiva Prophet’s Urn, dove si denotano le prestazioni strumentali più piacevoli ed aggressive. Il problema è che tutto ciò che passa in mezzo, e parliamo di nove brani, è fin troppo scontato e caratterizzato da alti e bassi che rendono la riproduzione difficile da apprezzare nella sua interezza. Peccato, perché alla nascita di un progetto nuovo che coinvolge un buon nome dell’heavy metal, c’è sempre quell’aura di aspettativa che non vede l’ora di essere soddisfatta. Questa volta, purtroppo, non è andata così.



VOTO RECENSORE
55
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
jek
Venerdì 15 Luglio 2016, 21.06.17
1
Ho sentito la title-track e se la consideri il miglior pezzo capisco il 55. Un pacco.
INFORMAZIONI
2016
Pure Steel Records
Heavy
Tracklist
1. Agents of Mystification
2. Herostratos
3. The Demented Force
4. Dreadnought
5. Autumn Serenade
6. Transgression
7. Nowhere Riders
8. Crucible of War
9. Frosthammer
10. League of the Divine Wind
11. Prophet’s Urn
Line Up
Jacques Bélanger (Voce)
David Stranderud (Chitarra)
Peter Svensson (Basso)
Marco Rosenkvist (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]