Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Alice Cooper
Detroit Stories
Demo

Lucus
Rage of Creation
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/04/21
LIQUID TENSION EXPERIMENT
LTE3

22/04/21
FEUERSCHWANZ
Schubsetanz (Singolo)

23/04/21
ALLES MIT STIL
Yüeah

23/04/21
BONGZILLA / TONS
Doom Session Vol. 4

23/04/21
SPECTRAL LORE
Ετερόφωτος

23/04/21
BACKWOOD SPIRIT
Fresh From the Can

23/04/21
ALTARAGE
Succumb

23/04/21
BODOM AFTER MIDNIGHT
Paint the Sky With Blood (EP)

23/04/21
DESOLATE REALM
Desolate Realm

23/04/21
HIDEOUS DIVINITY
LV-426

CONCERTI

05/05/21
SONS OF APOLLO (ANNULLATO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

07/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

08/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

09/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
TRAFFIC CLUB - ROMA

10/05/21
CORROSION OF CONFORMITY + SPIRIT ADRIFT
LEGEND CLUB - MILANO

11/05/21
DEATHSTARS
LARGO VENUE - ROMA

12/05/21
DEATHSTARS
LEGEND CLUB - MILANO

14/05/21
DISCHARGE + GUESTS TBA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

15/05/21
DISCHARGE + GUESTS TBA
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

15/05/21
VEKTOR + CRYPTOSIS
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

Salem (UK) - Dark Days
23/07/2016
( 825 letture )
Terzo disco per gli inglesi Salem, band che ha mosso i primi passi addirittura nel periodo d’oro della NWOBHM. Il quintetto britannico, con questo Dark Days, prosegue la propria tradizione, fatta di suoni Eighties e di derive tematico-liriche che si spingono fino agli anni Settanta.

Dark Days è un disco oltremodo classico, robusto, vintage. La proposta dei Salem è fatta di brani in bilico tra hard rock e metal, connotati da una forte impronta melodica e da costruzioni strumentali scarne. I riferimenti, dichiarati, spaziano da UFO a Thin Lizzy, da Rainbow a Saxon. Il disco si apre con la rockeggiante e easy-listening Not Guilty, che ha pure tracce di arena-rock (coretti, piano, ritornello catchy). Si passa al versante metal con Nine Months, comunque melodica e di facile presa (pur se introdotta da un solo chitarristico piuttosto corposo). Già a questo punto si possono rilevare i punti di forza e di debolezza più evidenti dei Salem e del disco: il singer Simon Saxby ha un timbro graffiante e personale, ma manca di varietà interpretativa; la sezione ritmica è relegata al ruolo di riempitivo senza arte né parte; il lavoro chitarristico spazia tra “molto buono” e “molto deludente” (il riffing, in particolare, è spesso basic nel senso degenere del termine; di discreta fattura, invece, gli assoli). Le qualità compositive dei Salem sono di medio livello; le canzoni si attestano su un’aurea mediocritas strutturale che impedisce loro di decollare. Molte idee, in nuce, sono ottime, ma non sono portate al massimo livello espressivo possibile. Si prenda la marziale Complicated che, anche per una questione di suoni non propriamente smaglianti, perde parte del proprio potenziale “da battaglia”. Nella title-track, debitrice anche degli AC/DC, i Salem trovano un focus più puntuale e un piglio più spensierato e convincente. In Second Sight c’è spazio pure per le fascinazioni maideniane (sempre imbastardite con l’hard & heavy vecchia scuola). Tormented gioca invece su linee vocali e chitarristiche vicine, ed è una gradita sorpresa, al US Power più roccioso. Caduta di stile la ballad Toy Story, che flirta (male) con l’AOR di Journey, Foreigner e Asia. L’accoppiata finale Prodigal Son-Tank non esalta e si distingue invece (come il resto del disco) per il non esaltante livello delle lyrics, vero e proprio compendio del qualunquismo settanta-ottantiano.

Dark Days è un disco che, nomen omen, non riesce a uscire dall’ombra. Qualche raggio di sole c’è, ma i Salem falliscono nel tentativo di illuminare gli appassionati di metal classico.



VOTO RECENSORE
60
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2016
Pure Steel Records
Heavy
Tracklist
1. Not Guilty
2. Nine Months
3. Complicated
4. Lost My Mind
5. Dark Days
6. Second Sight
7. Tormented
8. Fallen Angel
9. Toy Story
10. Prodigal Son
11. Tank
Line Up
Simon Saxby (Voce)
Paul Macnamara (Chitarra)
Mark Allison (Chitarra)
Adrian Jenkinson (Basso)
Paul Mendham (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]