Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Metallica
S&M²
Demo

Black Spirit Crown
Gravity
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

29/09/20
SECOND TO SUN
Leviathan

30/09/20
ALEX MELE
Alien Doppelganger

01/10/20
THE ERKONAUTS
I Want It to End

02/10/20
SIX FEET UNDER
Nightmares of the Decomposed

02/10/20
ION OF CHIOS
_reHUManize_

02/10/20
NACHTBLUT
Vanitas

02/10/20
SHIBALBA
Nekrologie Sinistrae (Orchestral Noise Opus I)

02/10/20
GOREPHILIA
In the Eye of Nothing

02/10/20
ISENGARD
Varjevndögn

02/10/20
SCHWARZER ENGEL
Kreuziget Mich

CONCERTI

27/09/20
VISIONS OF ATLANTIS + YE BANISHED PRIVATEERS + AD INFINITUM
LEGEND CLUB - MILANO

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

09/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) (ANNULLATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

09/10/20
MORTADO
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

09/10/20
BULLO FEST
LEGEND CLUB - MILANO

10/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) + AFRAID OF DESTINY (ANNULLATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Five Finger Death Punch - The Wrong Side of Heaven and the Righteous Side of Hell, Volume 1
09/08/2016
( 1628 letture )
Ivan Moody e compagni nel 2013 hanno fatto una bella impresa: avere talmente tante composizioni tra le mani da potersi permettere di pubblicare due dischi a distanza di soli quattro mesi, per un totale di ventitré tracce e un totale di ottantadue minuti di registrazione. Numeri che in altri generi musicali potrebbero quasi risultare normali, ma per una band alternative/groove o che dir si voglia come i Five Finger Death Punch sono un bell’ammasso di pezzi che denota una certa prosperità compositiva. Le vendite, poi, hanno dato loro ragione con più di un milione di copie vendute se si contano entrambi i volumi di The Wrong Side of Heaven and the Righteous Side of Hell. Ora, sebbene entrambe le registrazioni non raggiungano il livello ottimale del debut album e di War Is the Answer, è innegabile che entrambi i dischi mantengano una certa qualità che non inficia sulla scelta di pubblicare tutte le tracce composte tra il 2011 e il 2013: insomma, i nostri cinque maledetti ragazzi di Las Vegas non hanno allungato il brodo per motivi di doppie vendite, ma hanno sparato sul mercato tutte le loro cartucce, più o meno buone ma sempre ben mirate e valide.

L’elemento che più caratterizza una band come i Five Finger Death Punch, sono le potenti ritmiche costruite dalle chitarre di Zoltan Bathory e Jason Hook, i quali si prodigano in assoli non eccessivamente complessi ed elaborati ma che vanno dritti al punto. Poi, sul drumming prepotente di Jeremy Spencer a cui si somma la cattiveria bassistica di Chris Kael, si staglia la prestazione sopra le righe di Ivan Moody, probabilmente l’elemento più riconoscibile della band e vero fulcro della loro proposta. Lo si può notare in Lift Me Up, nel duetto con un Rob Halford che rimane comunque un po’ in sordina, o in Watch You Bleed, uno dei pezzi più famosi del lotto. Procedendo nell’ascolto ci si rende conto che, nonostante le critiche che piovono su band di questo genere per il loro essere troppo "catchy" o "mainstream", i Five Finger Death Punch sono una band convincente sotto tutti i punti di vista e meritevoli della nutrita fan-base che sono riusciti ad ottenere durante gli anni. La title-track è l’esplicazione di una certa maturità artistica che li vede inserire un brano da tipico "singolone" radiofonico, pur mantenendo un livello più che buono nella linea compositiva. Insomma, il classico brano che potrebbe venir schifato dai fan più irriducibili per via della sua eccessiva strizzata d’occhio al mercato "metal" moderno e radiofonico, ma che in ogni caso funziona e pure bene. Difficile trovare un brano non apprezzabile nella scaletta di The Wrong Side of Heaven and the Righteous Side of Hell, che tra I.M.Sin e Dot Your Eyes ci regala momenti di puro headbang graziata da una produzione lucida e cotonata, pronta per essere riprodotta ovunque. Pur non appartenendo allo stesso genere in senso stretto, i Five Finger Death Punch richiamano i più moderni Disturbed, altra band di livello assoluto nell’alternative metal, in cui il valore aggiunto è la voce eccezionalmente interpretativa del frontman. Come ci si aspetta da un disco del genere, l’alternanza tra vere e proprie mazzate e ballad come M.I.N.E. (End this Way) è studiata con particolare attenzione, così da mantenere sempre elevato l’appeal sull’ascoltatore, anche quello occasionale che può imbattersi nel disco o in un concerto dal vivo, rimanendone colpito sin dalla prima riproduzione. Degna chiusura di un album del genere, è l’anthemica Diary of a Deadman, dove tutti i musicisti riescono nella difficile prestazione a cavallo tra il "pesto come un fabbro" e "arpeggio come una farfalla", regalandoci un brano che, tutto sommato, è un’ottima rappresentazione del metal radiofonico moderno.

Cosa aggiungere sui Five Finger Death Punch del 2013? Pur giungendo da trascorsi piuttosto buoni, con i primi due album che, ancora oggi, sono la loro miglior rappresentazione artistica, i cinque ragazzi di Las Vegas sono riusciti nel difficile compito di buttare fuori due dischi in poco più di quattro mesi e di mantenere un livello qualitativo più che discreto per l’intera riproduzione. Certo, per via di scelte artistiche e di appoggi discografici, una band del genere si attirerà sempre l’astio degli irriducibili amanti del metal underground, tuttavia a differenza di moltissime altre realtà moderne, la band di Ivan Moody è sempre riuscita a rispondere alle critiche con produzioni all’altezza e che, a tratti, non hanno nemmeno poi tanto da invidiare a buona parte delle band underground che costruiscono la loro proposta su riff possenti e cadenzati. In conclusione, se apprezzate quella vena più "commerciale" della musica metal che si trova a cavallo tra l’alternative, il groove e qualcosetta di nu metal, i Five Finger Death Punch sono una tappa immancabile nel vostro cammino d’ascoltatore. Se invece questi generi vi dicono poco, o se la vostra idea di band metal è lontana dai canoni espressi da questa tipologia di gruppi, giratene al largo. Anche se, probabilmente, vi perderete una bella sorpresa.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
76.5 su 4 voti [ VOTA]
nonchalance
Sabato 20 Maggio 2017, 12.51.45
6
@Havismat: I Sixx:A.M. - con i due "Prayers for the Damned" - si sono avvicinati mooooooooolto di più!
Havismat
Sabato 20 Maggio 2017, 11.53.09
5
Non mi sono mai piaciuti. La voce del cantante è molto bella ed alcuni pezzi sono anche coinvolgenti, tipo Anywhere but here e Wash it all away del disco successivo; ma nel complesso li trovo anonimi. P.S.: solo io penso che, come idea, le copertine di questo doppio album siano una palese scopiazzatura dei due Use your illusion dei Guns?
manaroth85
Sabato 20 Maggio 2017, 11.06.55
4
Non male, niente di nuovo ma hanno un buon tiro!
Chromartic
Giovedì 22 Dicembre 2016, 18.00.23
3
Nella traccia numero 7 c'è Maria Brink degli In This Moment come ospiste.
Fabio Yaaaaaaaahhhhhh
Venerdì 30 Settembre 2016, 19.15.47
2
Si dice sempre dei 5FDP che siano monotematici e le canzoni siano tutte uguali,ma questo album è la prova che ci si trova di tutto,dalla power ballad alla doppia cassa sparata fino ai rallentamenti...La prima volta che acoltai Lift Me Up non mi disse niente,e già avevo il dubbio si fossero adagiati sugli allori,ma già la seconda volta ho dovuto cambiare idea.La title track invece rimane impressa fin da subito,"Watch you Bleed" parte in sordina per poi esplodere quasi subito,"You"nella sua componente nu metal ricorda molto i Motograter,gruppo dove militava prima Ivan...L'album qualitativamente è sui livelli del suo gemello,con la differenza che è meno discontinuo e questo è solo un bene.Concordo in pieno con la recensione,gli assoli non saranno super articolati ma sono concreti e arrivano al punto,molta sostanza.voto 75
Metal Shock
Venerdì 30 Settembre 2016, 12.47.48
1
Non saranno dei capolavori ma ho sempre apprezzato i dischi dei FFDP, e questo mi e` piaciuto piu` della sconda parte. Lift me up gran bel singolo con Rob Haltford che si inserisce ottimamente nel brano. Burn MF pezzo tirato, Wrong side of Heaven, con relativo video, ottima power ballad sui veterani di guerra, e Mama said... pezzo particolare, rap metal. Questi per me gli apici del disco, buoni anche gli altri. Io vado per un 80/100.
INFORMAZIONI
2013
Prospect Park
Groove
Tracklist
1. Lift Me Up
2. Watch You Bleed
3. You
4. Wrong Side of Heaven
5. Burn MF
6. I.M.Sin
7. Anywhere but Here
8. Dot Your Eyes
9. M.I.N.E. (End this Way)
10. Mama Said Knock You Out
11. Diary of a Deadman
Line Up
Ivan Moody (Voce)
Zoltan Bathory (Chitarra)
Jason Hook (Chitarra)
Chris Kael (Basso)
Jeremy Spencer (Batteria)

MUSICISTI OSPITI
Rob Halford (Voce in traccia 1)
Tech N9ne (Voce in traccia 10)
 
RECENSIONI
73
77
75
75
79
64
ARTICOLI
28/06/2015
Live Report
JUDAS PRIEST + FIVE FINGER DEATH PUNCH
Summer Arena, Assago (MI), 23/06/2015
28/11/2013
Live Report
AVENGED SEVENFOLD + FIVE FINGER DEATH PUNCH + AVATAR
Mediolanum Forum, Assago (MI), 23/11/2013
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]