Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Epica
Omega
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

05/03/21
MORK
Katredalen

05/03/21
WITHERFALL
Curse of Autumn

05/03/21
TAAKE / HELHEIM
Henholdsvis

05/03/21
EXANIMIS
Marionnettiste

05/03/21
SOM
Awake

05/03/21
BRAND OF SACRIFICE
Lifeblood

05/03/21
REAPER (SWE)
The Atonality of Flesh

05/03/21
LINISTIT
Evil Arises

05/03/21
DREAMSHADE
A Pale Blue Dot

05/03/21
WOLVENNEST
Temple

CONCERTI

13/03/21
MICHALE GRAVES + NIM VIND
LEGEND CLUB - MILANO

14/03/21
MARK LANEGAN BAND
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

18/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
DEMODE CLUB - MODUGNO (BA)

19/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

20/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

23/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ORION - ROMA

23/03/21
SWANS + NORMAN WESTBERG
ALCATRAZ - MILANO

24/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ALCATRAZ - MILANO

25/03/21
TYGERS OF PAN TANG + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

25/03/21
RECKLESS LOVE + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Destruction - All Hell Breaks Loose
13/08/2016
( 2117 letture )
Quando si parla di una leggenda teutonica come i Destruction inevitabilmente i rimandi sono al periodo storico degli anni ’80, che li ha visti nascere, esplodere e scrivere pagine memorabili del thrash mondiale come Infernal Overkill, Eternal Devastation e Release From Agony, saltando però quasi a piè pari il buio periodo della decade successiva, in cui l’assenza del carismatico leader Schmier ha lasciato un segno indelebile affossando di netto la fama e la reputazione di una band fino ad allora inattaccabile. Dieci anni di confusione totale, dai quali il piccolo folletto della chitarra Mike è riuscito a uscire solo dopo aver finalmente ristabilito i rapporti con l’ex bassista/cantante e aver deciso di seguire una e una sola via, quella della rinascita totale. Stretto un accordo d’acciaio con la monumentale Nuclear Blast e reclutato alla batteria il talentuosissimo Sven, i Destruction si chiudono negli Abyss Studios di Peter “Hypocrisy” Tägtgren in Svezia e tornano a nuova vita con lo sbalorditivo All Hell Breaks Loose, un vero e proprio fulmine a ciel sereno che nessuno si sarebbe mai aspettato da una band data ormai per defunta da tempo.

Tre quarti d’ora di una classe thrash dimenticata da tempo ma che qui rinasce con una prepotenza inaudita e una produzione stellare: una breve intro inquietante, le cui tre parole finali “Born In Pain” la dicono lunga sull’immediatezza sonora che la band vuole scatenare sul povero ascoltatore malcapitato, e via di violenza senza sosta con la killer song The Final Curtain, dove il nostro Schmier preferito torna a ruggire come se non se ne fosse mai andato e Mike alla sei corde si ricorda di essere uno di quelli che questo genere l’ha davvero inventato. La seguente Machinery of Lies è uno dei primi highlight indiscussi di questo album: un’aggressività, una velocità, una precisione e una violenza come non si sentiva da tempo e come forse i Destruction non avevano mai raggiunto in passato, con ottimi rallentamenti a definire le perfette accelerazioni incontenibili di un nuovo batterista davvero eccezionale e devastante. I tappeti di doppia cassa alternati ai terzinati in Tears Of Blood fanno pogare qualunque scettico, così come i rallentamenti sui quali la voce del leader carismatico si staglia inesorabile in tutta la sua lacerante cattiveria e la chitarra regala tonnellate di riff a ciclo continuo. La seguente Devastation of Your Soul ha l’effetto di una sega circolare in continua rotazione che prima ti lacera a bassa velocità facendoti sentire la rottura di ossa ma poi accelera mantenendo una velocità costante e inesorabile fino alla fine, facendo pure da introduzione al secondo masterpiece dell’album, la monumentale The Butcher Strikes Back, un omaggio alla leggendaria Mad Butcher che ridefinisce i canoni futuri della band di Weil am Rhein e ne traccia i solchi con una performance pazzesca e un ritornello da cantare a squarciagola (tanto da diventare uno dei loro classici in sede live). Il mid tempo di World Domination of Pain, introdotto da un basso granitico e oscuro, rallenta leggermente i ritmi finora privi di pause, regalandoci un po’ di tempo per rifiatare e poter ammirare ancora una volta la perizia tecnica di Sven dietro le pelli, ancora più evidenti nella monolitica e cadenzata X-treme Measures dove l’incedere pachidermico del ritmo generale è spezzato da rullate slayeriane di grande efficacia. La title-track è un thrash metal molto moderno e carico di groove che a dire il vero mostra un filo di fiato corto perché sembra non sapere dove andare a parare, anche se la seconda parte è decisamente più varia ma comunque priva del guizzo vincente, a differenza della seguente Total Desaster 2000, riproposizione del loro classico targato 1984 che come ospite in questo caso ha nientemeno che Peter “Hypocrisy” Tägtgren a supporto di voce e chitarra per impreziosire un brano di per sé già leggendario. Chiudono l’album la quadrata ed efficace Visual Prostitution e la sguaiatissima Kingdom of Damnation, che senza far gridare al miracolo definiscono un approccio più moderno dei Destruction al ritmo thrash del nuovo millennio.

Con All Hell Breaks Loose i Destruction tornano prepotentemente sulla scena metal mondiale che conta e lo fanno con un album fresco di idee e grinta, con brani che entrano di diritto tra i classici delle loro setlist live e con la volontà, l’intento e la garanzia di essere davvero tornati per restare. Thrash ‘till Death.



VOTO RECENSORE
81
VOTO LETTORI
79.72 su 11 voti [ VOTA]
Aceshigh
Martedì 22 Dicembre 2020, 16.51.34
10
Con quest’album i Destruction si rimettono in carreggiata dopo la sbandata pseudo groove degli anni precedenti e allo stesso tempo affilano le armi per il successivo The Antichrist, vero ultimo capolavoro della discografia. Concordo sul fatto che i pezzi migliori siano nella prima parte, specialmente Machinery of Lies e Devastation of Your Soul; la seconda parte è un po’ più anonima, seppur sempre massacrante. Malgrado ciò, nel complesso è comunque migliore di diversi loro album degli ultimi vent’anni. Voto 80
AL
Lunedì 15 Giugno 2020, 14.38.13
9
Ascolto sempre con piacere la prima parte dell'album invece nella seconda secondo me il disco si perde un pò.
Masterburner
Giovedì 4 Aprile 2019, 23.31.05
8
Bel disco, pezzi semplici ma tutti efficaci. Comunque il periodo senza Shmierd è da rivalutare, hanno fatto cose molto interessanti anche se certamente non imprescindibili; però si tratta comunque di thrash moderno (per l'epoca) e suonato alla grande, molto meno 'ignorante' di quello che hanno fatto con Sh.
Metal Shock
Mercoledì 7 Dicembre 2016, 20.08.45
7
Ciao Rik! Io neanche lo comprai, mi abbonai a Rockhard tedesco e me lo regalarono, che culo!! (Ps. non parlo tedesco)
rik bay area thrash
Mercoledì 7 Dicembre 2016, 19.52.56
6
Quoto Metal Shock e Lisa. Ciao ad entrambi eh eh ... Comunque considerato l'anno di pubblicazione e quello che è successo nella decade precedente, ritrovare i destruction a questi livelli non è cosa da poco. Acquistai il cd di getto senza pensarci e ne fui piacevolmente colpito nel ritrovare un gruppo che ormai davo per disperso. Bentornati destruction !!!
enry
Lunedì 15 Agosto 2016, 14.59.18
5
Buon disco, preso appena uscito ma non mi sono strappato i capelli, insomma un 7.5 ma per me non di più, almeno da quello che ricordo visto che è un bel po' che non lo ascolto...Il discone arriverà un anno dopo.
Christian death rivinus
Sabato 13 Agosto 2016, 21.58.54
4
Che bei ricordi....mi ricordo che prima di acquistare questo cd ,metal hammer e metal shock ne parlarono bene,lo comprai e non mi deluse, lo consumai ....in quel periodo il thrash era in crisi...questo fu un gran bel segnale di vita...grandi destruction, voto piu' che giusto
lisablack
Sabato 13 Agosto 2016, 21.03.52
3
Bell'album ..ce l'avevo in cassetta, una mazzata!! Bei ricordi..
LAMBRUSCORE
Sabato 13 Agosto 2016, 19.58.12
2
Bello bello, qua i pezzi ci sono, poi la produzione è ottima, bella grezza ,per i miei gusti, il ritorno del macellaio è stato gradito...da gustare a manetta con una bella braciola sugosa...80 per me.
Metal Shock
Sabato 13 Agosto 2016, 8.41.20
1
Il disco del ritorno! Un buon album dopo anni di silenzio, con ottime canzoni, su tutte The final curtain e The butchers strikes back, ma per me il successivo The Antichrist sarà il loro album migliore. Thrash till death!
INFORMAZIONI
2000
Nuclear Blast
Thrash
Tracklist
1. Intro
2. The Final Curtain
3. Machinery of Lies
4. Tears of Blood
5. Devastation of Your Soul
6. The Butcher Strikes Back
7. World Domination of Pain
8. X-treme Measures
9. All Hell Breaks Loose
10. Total Desaster 2000
11. Visual Prostitution
12. Kingdom of Damnation
Line Up
Marcel "Schmier" Schirmer (voce e basso)
Mike Sifringer (chitarra)
Sven Vormanm (batteria)

Musicisti ospiti:
Peter Tägtgren (Voce, Chitarra su traccia 10)
 
RECENSIONI
77
85
70
79
72
62
70
85
81
35
67
77
88
85
ARTICOLI
16/03/2019
Live Report
OVERKILL + DESTRUCTION + FLOTSAM AND JETSAM + CHRONOSPHERE - KILLFEST TOUR 2019
Phenomenon, Fontaneto D'Agogna (NO), 09/03/2019
30/01/2014
Live Report
DESTRUCTION + EVERSIN + CADAVER MUTILATOR + BLOODRED
Discoteca Migò (Ex Bier Garten), Palermo, 25/01/2014
02/10/2011
Articolo
DESTRUCTION
La biografia
13/03/2011
Live Report
OVERKILL + DESTRUCTION + HEATHEN + AFTER ALL - KILLFEST TOUR 2011
Live Club, Trezzo Sull'Adda (MI), 09/03/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]