Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Esoteric
A Pyrrhic Existence
Demo

Prysma
Closer To Utopia
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

07/12/19
CARONTE
Wolves of Thelema

11/12/19
THE RIVER
Vessels into White Tides

12/12/19
ALASTOR
Šumava

13/12/19
ARKONA (PL)
Age Of Capricorn

13/12/19
HORRIFIED
Sentinel

13/12/19
VOLTUMNA
Ciclope

13/12/19
SATYRICON
Rebel Extravaganza (rimasterizzato)

13/12/19
MOSAIC
Secret Ambrosian Fire

13/12/19
COMANDO PRAETORIO
Ignee Sacertà Ctonie

13/12/19
EREGION
Age Of Heroes

CONCERTI

07/12/19
AGENT STEEL + CRISALIDE + INNERLOAD
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

07/12/19
NAZARETH
LEGEND CLUB - MILANO

07/12/19
KADINJA + GUESTS
LA TENDA - MODENA

07/12/19
SCALA MERCALLI
BANDIT BIKERS PUB - PARMA

07/12/19
JUGGERNAUT + SUDOKU KILLER
NUOVO CINEMA PALAZZO - ROMA

07/12/19
ESSENZA + GUESTS
GALTOR CAFFE' - MORROVALLE (MC)

07/12/19
ANTIDEMON + GUESTS
CASTELLO INCANTATO - SCIACCA (AG)

07/12/19
WRETCHED CONCEPTION FEST
STELLA NERA - MODENA

07/12/19
JUMPSCARE + ASPHALTATOR
EQUINOX PUB - VEROLI (FR)

07/12/19
NATIONAL SUICIDE + GUESTS
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

Demon - The Plague
27/08/2016
( 1896 letture )
I Demon sono una delle tante band NWOBHM condannate al limbo da un sistema di circostanze più grande di loro. Mancanza di visibilità continentale e internazionale, appartenenza a un’area geografica marginale (lo Staffordshire), contemporanea esplosione di band troppo grandi e troppo risonanti (Maiden, Saxon, Raven) per non gettare un alone d’ombra sul "resto del mondo" metallico, tanto per cominciare.
Poi, forse, i Demon ci hanno messo pure qualcosa di loro. Dopo un inizio di carriera, con i primi due dischi, da veri adepti del metallesimo più oltranzista (trucco da demoni, giusto per essere fedeli al moniker, croci assortite sul palco e liriche sataniche), i membri del combo britannico hanno optato per un mutamento stilistico quasi clamoroso, che dai lidi puramente heavy di Night of the Demon e The Unexpected Guest li ha condotti ai confini del progressive rock e della new-wave.

E' proprio qui che nasce The Plague, il disco della svolta musicale e del collasso economico (i pochi fan conquistati dai Demon con le prime uscite, ca va sans dire, si volatilizzano quasi all’istante al solo udire le parole "melodico" e "rock"). Ma The Plague, chiusure mentali metalliche ancien regime a parte, è un disco che ha molto da dare a un ascoltatore smaliziato. Non si tratta di un capolavoro, diciamolo subito, ma, questo sì, di un album intriso di un coraggio e di un piglio sperimentale che raramente si erano visti prima (siamo nel 1983) all’interno della NWOBHM. The Plague va in una direzione, senza dubbio controversa, che è solamente sua. Lo potremmo definire – e sarebbe comunque una definizione approssimativa – un mix tra The Who periodo rock opera, Meat Loaf, Genesis, Blue Oyster Cult, Kiss più teatrali e Demon prima maniera. I tempi si dilatano, la sezione ritmica si concede una certa dose di tecnicismo e di sovrastrutturazione, il comparto melodico propende spesso più sugli inserti tastieristici che sul riffing di chitarra. Su tutto si staglia la voce, imperiosa come e più che in passato, del grandioso singer Dave Hill. Una versione metallica, massiccia e ruvida del Peter Gabriel ottantiano sotto steroidi.
The Plague parte con la title-track, un lungo viaggio sonoro attraverso territori già battuti dai Pink Floyd di fine anni ’70 (The Wall) e che saranno poi dovutamente metallizzati e irrobustiti dai Queensryche di Operation Mindcrime. Tastiere in bilico tra melodia e afflati postapocalittici, chorus reiterato all’infinito, respiro concettuale (perché di concept si può parlare) alla Orwell. Con Nowhere to Run siamo in pieno mood à la colonna sonora di Rocky: batteria pompata, tastieroni quasi disco, voce grattata e catchy; un brano, comunque di qualità, che non sfigurerebbe nel catalogo di una grande band AOR del periodo (dai Toto ai Whitesnake più commerciali). La lunga Fever in the City, vertice compositivo del disco, è in bilico tra Meat Loaf e Bruce Springsteen; la doppia Blackheath (più Intro) torna a pescare nel macrocosmo delle soundtracks bombastiche ottantiane; The Writings on the Wall fa l’eco ai Genesis; The Only Sane Man è una power ballad di quelle che in mano a un Bryan Adams qualsiasi avrebbero venduto milioni di dischi; nella conclusiva A Step Too Far riemergono tutte le, mille, anime dei Demon, dall’opera rock al metal delle origini, fino al progressive degli Yes-Asia.

Un disco dunque, l’avrete capito, che ha dentro davvero di tutto. Un disco in grado di regalarvi una buona dose di vibrazione positive, a patto che mettiate da parte i preconcetti su ciò che si può e non si può fare in ambito metal e hard rock. Lasciatevi infettare dalla piaga dei Demon!



VOTO RECENSORE
79
VOTO LETTORI
92.58 su 12 voti [ VOTA]
Aceshigh
Domenica 20 Maggio 2018, 12.34.18
8
Questo disco è da molta critica reputato l'album migliore dei Demon e ciò mi trova sostanzialmente d'accordo (per me veramente è difficile scegliere tra i primi 3). La band optò in un certo senso per il percorso intrapreso per esempio dai Tygers of Pan Tang poco meno di un anno prima... ma con The Plague il risultato è decisamente di un altro livello (più alto ovviamente). Qui le atmosfere AOR, gli impulsi neoprog e i retaggi della NWOBHM si fondono perfettamente e il risultato è un platter che lungo tutta la sua durata non ha (quasi) mai cedimenti, sia che si parli di Nowhere to Run (che poteva star tranquillamente su un album dei Survivor), sia che si parli della veloce e grintosa Writings on the Wall (lo stop prima del chorus è semplicemente fantastico). Grande band, alla fine nella sua lunga carriera ha sbagliato forse solo un paio di volte (su 13 album mi sembra); anche l'ultimo Cemetery Junction merita un ascolto. Voto 89
Voivod
Martedì 30 Agosto 2016, 14.54.19
7
Album fantastico, forse il mio preferito dei Demon! Ce l'ho in vinile autografato da Dave Hill...
InvictuSteele
Lunedì 29 Agosto 2016, 12.12.16
6
I Demon sono una band superiore, sono sempre stati i miei preferiti della N.W.O.B.H.M. e praticamente hanno toppato pochissimo in carriera. Dagli esordi heavy in questo disco adottano sonorità più morbide che danno inizio al periodo AOR di metà anni 80. The Plague è un ottimo album, considerato da molti un capolavoro ma che per resta "solo" grande. Bellissimo ma ne preferisco altri della band. Peccato siano troppo snobbati perché i Demon sono immensi e Dave Hill ha un voce stupenda.
Mix
Domenica 28 Agosto 2016, 11.22.40
5
Favolosi Demon, anche cambiando genere e iniziando un percorso diverso non avete mai lasciato da parte la qualità. Gran disco, ma pure quelli successivi non sono affatto male.
jonny
Sabato 27 Agosto 2016, 17.14.19
4
Gruppo fantastico della NWOBHM, anche se poi devo concordare con Rob Fleming, comunque questo rimane davveto un bel disco, anche per me siamo li come voto.82.
Rob Fleming
Sabato 27 Agosto 2016, 16.57.26
3
Tra i capostipiti della NWOBHM i Demon furono tra i primi che se ne discostarono in modo netto per lasciare spazio ad altre forme musicali come The plague, disco e canzone, sono qui a dimostrare. Grandiose anche Fever in the city, l'epica e melodica The Writings on the Wall. Gruppo da approfondire senza dubbio. 80
Hard & heavy
Sabato 27 Agosto 2016, 15.08.09
2
per me si tratta invece di un capolavoro all'incontrario del recensore, Heavy/Prog/Metal di classe altro che, la recensione non mi è piaciuta ma la rispetto. I Demon anno classe alla pari dei nomi più famosi se non di più, The Plague è più bello dei primi due album dei maiden che sono anche a loro volta grandi dischi. The Plague voto:94/100.
Agnostico
Sabato 27 Agosto 2016, 12.07.58
1
Sono pienamente d'accordo col recensore,disco unico nel suo genere,ottimo se si ha voglia di ascoltare qualcosa di diverso.
INFORMAZIONI
1983
Clay Records
Heavy/Prog
Tracklist
1. The Plague
2. Nowhere to Run
3. Fever in the City
4. Blackheath
5. Blackheath Intro
6. The Writings on the Wall
7. The Only Sane Man
8. A Step Too Far
Line Up
Dave Hill (Voce)
Mal Spooner (Chitarra)
Les Hunt (Chitarra)
Chris Ellis (Basso)
John Wright (Batteria)
 
RECENSIONI
79
86
77
ARTICOLI
11/03/2019
Live Report
THE ABYSS FESTIVAL - TORMENTOR + DEMON + PRIMORDIAL + OTHERS
Day 1 - Gothenburg Film Studios, Göteborg (SWE), 01/03/2019
26/12/2014
Live Report
NIGHT OF THE SPEED DEMONS VII - Ratos De Porao + Yacopsae + Cripple Bastards + EU`s Arse
HonkyTonky 19/12/2014, Seregno (MI)
13/08/2014
Intervista
DEMONICAL
A tu per tu con Martin Schulman: un tuffo nel death metal di oggi.. e di ieri
23/07/2014
Live Report
NUNSLAUGHTER + DEMONICAL + WARFECT
Circolo Colony, Brescia, 15/07/2014
19/10/2013
Intervista
ANGELS AND DEMONS
Quando il jazz incontra l'heavy metal
06/12/2012
Live Report
BUNKER 66 + BARBARIAN + DEMONOMANCY
Closer Club, Roma, 30/11/2012
09/05/2003
Articolo
DEMONIA
La biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]