Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Kirk Windstein
Dream In Motion
Demo

Ira Green
7
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

28/02/20
BENEATH THE MASSACRE
Fearmonger

28/02/20
SHAKRA
Mad World

28/02/20
NEAERA
Neaera

28/02/20
FLUISTERAARS
Bloem

28/02/20
LACASTA
Æternvm

28/02/20
GAME ZERO
W.A.R. - We Are Right

28/02/20
BLOOD AND SUN
Love & Ashes

28/02/20
OUTLAWS
Dixie Highway

28/02/20
CONFESS
Burn em All

28/02/20
ABHOMINE
Proselyte Parasite Plague

CONCERTI

25/02/20
TESTAMENT + EXODUS + DEATH ANGEL (POSTICIPATO)
LIVE MUSIC CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

25/02/20
LORDI + TARCHON FIST + FLESH ROXON (ANNULLATO)
ORION - ROMA

26/02/20
LORDI + TARCHON FIST + FLESH ROXON (ANNULLATO)
VIPER THEATRE - FIRENZE

28/02/20
EXTREMA + BULLET-PROOF + LOGICAL TERROR (POSTICIPATO)
ARCI TOM - MANTOVA

28/02/20
AIRBORN + EVILIZERS (ANNULLATO)
MADHOUSE PUB - MORNAGO (VA)

29/02/20
ALCEST + BIRDS IN ROW + KÆLAN MIKLA (POSTICIPATO)
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

29/02/20
RIVERSIDE (POSTICIPATO)
LEGEND CLUB - MILANO

29/02/20
MELLOWTOY + DEVOTION (ANNULLATO)
HT FACTORY - SEREGNO (MB)

29/02/20
GLI ATROCI (ANNULLATO)
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

29/02/20
EXTREMA (POSTICIPATO)
PIPPO FOODCHILLSTAGE - BOLZANO

As I Lay Dying - Beneath the Encasing of Ashes
27/08/2016
( 860 letture )
Che brutta fine che hanno fatto, che brutta.
Eppure il talento non può cancellare le colpe personali e private dei membri di un gruppo, saprete tutti a cosa mi riferisco. È quindi con un velo di malinconia che mi appresto a parlare di questo disco poco conosciuto ma fondamentale nell’ambito metalcore più sporco e grezzo. Gli As I Lay Dying sono celebri nel loro genere e fino a poco tempo fa calcavano palchi importanti con la loro carica e la loro furia incessante, proponendoci delle vere e proprio bombe pronte ad esplodere non appena il disco inizia girare nel lettore. Su questo non si è mai potuto obiettare, la grinta era un loro tratto dominante e gratificante per le nostre orecchie avvezze ai suoni pesanti. Certo che la piega che avrebbero preso nei dischi successivi a questo li avrebbe resi molto più variegati e piacevoli per gente di vari gusti musicali, ma è normale che un gruppo evolva e sperimenti col passare del tempo. Discutiamo quindi del loro esordio, del loro breve ma solido esordio.

La title-track che dà inizio alle danze non impressiona per originalità, ma sa intrattenere con un riff granitico e un andamento senza troppi fronzoli. Le influenze hardcore sono molto forti, il loro metalcore seminale doveva tanto a questo genere. Si deve comunque ricordare che alcuni brani mostrano un lato meno aggressivo e più riflessivo, tetro e cadenzato. Basti pensare a Forced to Die, con il suo inizio quasi ossessivo e lento con la voce che pian piano inizia a dilaniare il nostro udito con un tono lugubre e sofferto. Il finale è emozionante, il pathos si carica pian piano come una dose di veleno che ci rende sempre più deboli ed indolenziti. È un grande merito quello di non trascurare completamente l’emozione anche in generi crudi come il metalcore e il deathcore, considerando che spesso i brani non fanno che premere sul pedale dell’acceleratore, marcando il più possibile il lato brutale delle composizioni. Da un punto di vista tecnico niente da obiettare, i musicisti ci sono e san fare benissimo il loro lavoro. Peccato solamente che i virtuosismi e le invenzioni di chitarra a cui ci abitueranno in futuro qui siano assenti, ed i riff siano generalmente banali e piatti. Sembra che la composizione chitarristica sia stata trascurata, concentrando gli sforzi sul sound generale del muro sonoro e sulla violenza musicale sprigionata. Bene basso e batteria, che creano uno sfondo ritmico imponente. Anche le vocals subiranno modifiche, qui niente voce pulita ma sempre e comunque scream profondo, che per quanto poco flessibile è abbastanza comprensibile ed espressivo.

Una curiosità risiede nello sfondo cristiano di alcuni loro testi, il che non deve sorprendere, in ogni caso, perché molti gruppi deathcore americano celano radici religiose. Un esempio chiaro è il testo della traccia finale, che sembra una vera e propria preghiera a Dio con annessa autocolpevolizzazione del narratore interno al brano.
Posso quindi consigliarvi di ascoltare questo disco più per curiosità e dovere di buon metallaro informato che per effettiva qualità oggettiva, visto che il contenuto è piuttosto scarno, sia per durata totale che per sostanza concreta.



VOTO RECENSORE
60
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2001
Pluto Records
Metal Core
Tracklist
1. Beneath the Encasing of Ashes
2. Torn Within
3. Forced to Die
4. A Breath in the Eyes of Eternity
5. Blood Turned to Tears
6. The Voices That Betray Me
7. When This World Fades
8. A Long March
9. Surrounded
10. Refined by Your Embrace
11. The Innocence Spilled
12. Behind Me Lies Another Fallen Soldier
Line Up
Tim Lambesis (Voce)
Nick Hipa (Chitarra)
Phil Sgrosso (Chitarra)
Josh Gilbert (Basso, Voce)
Jordan Mancino (Batteria)
 
RECENSIONI
s.v.
55
80
75
60
ARTICOLI
13/10/2019
Live Report
AS I LAY DYING
Magazzini Generali, Milano, 09/10/2019
13/11/2011
Live Report
AMON AMARTH + AS I LAY DYING + SEPTICFLESH
New Age, Roncade (TV), 08/11/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]