Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Epica
Omega
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

01/03/21
WARRIOR PATH
The Mad King

05/03/21
SOM
Awake

05/03/21
WITHERFALL
Curse of Autumn

05/03/21
TAAKE / HELHEIM
Henholdsvis

05/03/21
MORK
Katredalen

05/03/21
TERROR
Trapped in a World

05/03/21
SKOLD
Dies Irae

05/03/21
BRAND OF SACRIFICE
Lifeblood

05/03/21
LINISTIT
Evil Arises

05/03/21
DREAMSHADE
A Pale Blue Dot

CONCERTI

28/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

13/03/21
MICHALE GRAVES + NIM VIND
LEGEND CLUB - MILANO

14/03/21
MARK LANEGAN BAND
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

18/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
DEMODE CLUB - MODUGNO (BA)

19/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

20/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

23/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ORION - ROMA

23/03/21
SWANS + NORMAN WESTBERG
ALCATRAZ - MILANO

24/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ALCATRAZ - MILANO

25/03/21
TYGERS OF PAN TANG + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

The Order - Rock `n` Rumble
27/08/2016
( 1026 letture )
Estate, spiaggia, sole a picco. Avete presente quando siete sotto il sole che martella, e iniziate ad avere un caldo feroce, e una sete spietata? Ecco, immaginate che proprio in quel momento, e in quella situazione, si materializzi un chiosco che fornisce birre fresche e dissetanti; improvvisamente, la birra fresca diventa la cosa che maggiormente desiderate al mondo. Non che sia una novità, anzi: di birre ne avete probabilmente già bevute a centinaia, e sapete perfettamente che gusto hanno. Eppure, in quel preciso momento, torna a darvi un godimento intatto ed immediato, come se la beveste per la prima volta dopo molti anni.
Cosa c’entra tutto questo con il disco dei The Order? Niente. Apparentemente…

Facciamo un passo indietro: sotto il monicker The Order si nascondono quattro rockettari svizzeri, dai nomi pressoché sconosciuti al grande pubblico, che tuttavia non sono novellini: il qui presente è infatti il quinto album che essi pubblicano in dieci anni di onorata carriera. Un ogni due anni, puntualità tipicamente teutonica. Il fatto poi che una label storica e ben nota come la Massacre Records punti su di loro è un ulteriore indizio che non stiamo parlando di ragazzini alle prime armi. Il genere proposto dai nostri è inquadrabile con estrema facilità: hard rock classicissimo, tipicamente anni 80; ossessivamente anni 80 si potrebbe quasi dire, nel senso che, a parte uno “spessore” delle chitarre in sede di produzione (sconosciuto a quell’epoca) sembra quasi che i nostri si siano “ibernati” per 25 anni nel 1990 e siano riemersi alla luce ora, mantenendo intatte tutte le caratteristiche della musica di quell’epoca, senza assimilare pressoché nulla di quanto prodotto successivamente. Dieci pezzi di media lunghezza, ben suonati e ben prodotti, ma nulla di eclatante in sede compositiva, almeno all’apparenza: tutto sembra quindi convergere verso un prodotto senza infamia e senza lode. Ma rieccoci al discorso iniziale: come per l’accaldato e assetato bagnante la birra fresca, seppure stra-conosciuta, è un piacere superbo, così per noi questo disco è stata una piccola rivelazione. Da troppo tempo infatti non trovavamo un “semplice” disco hard rock che ci divertisse in questo modo all’ascolto: saranno gli stilemi tipicamente eighties, sarà la voce calda e pastosa del cantante, saranno le melodie facili ma non ruffiane che sanno trovare, sarà che dopo tanto alternative, grunge, post-grunge, nu metal, eccetera eccetera, risentire un album che non si “vergogna” di rifarsi spudoratamente all’epoca d’oro del rock da arena mi diverte e mi coinvolge non poco; fatto sta che questo è il classico album che ti metteresti in macchina per un viaggio a perdifiato verso il mare e le vacanze. E che non toglieresti dall’autoradio per le successive tre settimane…
Come suonano i quattro svizzerotti? Facile da dire: mettete assieme un po’ (un bel po’, in realtà) di AC/DC, i riff poderosi dei Van Halen degli anni 80 (soprattutto periodo David Lee Roth), le strutture quadrate degli Scorpions migliori, alcuni tocchi melodici da “arena rock” americana (Dokken, Giant, qualcosa degli Extreme di Pornograffitti, giusto per dare qualche nome); shakerate tutto per bene e servite in tavola con il contorno di un’ottima produzione. Ecco servito Rock n’ Rumble, un perfetto compendio di come si suonava hard rock 30 anni fa. Mid-tempos, pezzi veloci e aggressivi, ballate semiacustiche, non manca nulla; tutti gli ingredienti sono dosati a misura, e ben “conditi” con assoli di chitarra melodici e spesso ispirati, e con linee vocali forti e decise. Se ci impegniamo a trovare un riferimento ancora più calzante, ecco che ci viene in mente un nome su tutti: Great White. Non tanto dal punto di vista stilistico: gli americani sono molto più “settantiani” nell’ispirazione, mentre i nostri svizzeri hanno la barra diretta sugli anni 80; ma come effetto complessivo. Infatti i Great White sono la classica band che non ha inventato una sola nota in tutta la loro carriera, ma che ha saputo “riciclare” l’esistente con una efficacia ed un godimento difficilmente eguagliato da altri loro rivali o epigoni; nel loro piccolo, in questo disco, i The Order raggiungono lo stesso, piacevolissimo, risultato.

Da quanto detto sopra, avrete certamente già capito l’unico vero ed autentico difetto di questo disco: non aspettatevi novità o particolari guizzi di inventiva da queste dieci tracce; anzi, più di una volta vi sembrerà di averle già sentite, in qualche solco dei vinili che già possedete. Ma se, per una volta, non avete voglia di ricercare la novità o l’originalità ad ogni costo, allora quest’oretta di buona musica sarà una compagna assolutamente divertente e soddisfacente. Dategli un ascolto, potreste trovarlo molto più piacevole di quanto pensate; siamo in vacanza, dopotutto… o no? Un’altra birra, grazie…



VOTO RECENSORE
77
VOTO LETTORI
65 su 1 voti [ VOTA]
Voivod
Martedì 6 Settembre 2016, 8.42.43
6
Bella la copertina che fa il verso a "Love Gun" dei Kiss! Da quanto estrapolato dalla rece mi sa che devo ascoltarmeli!
GorgoRock
Domenica 28 Agosto 2016, 22.27.11
5
Sempre seguiti. Direi che Metal Casino e Rockwolf sono i migliori. Riff potenti, vecchia scuola.
JC
Domenica 28 Agosto 2016, 20.50.03
4
Ai tempi avevo comprato Rockwolf...un signor disco, che ascolto ancora adesso a distanza di anni.
InvictuSteele
Sabato 27 Agosto 2016, 18.36.57
3
Luca io di questa band possiedo il cd di "Rockwolf", te lo consiglio è molto fico, un bellissimo hard rock vecchio stile
luca
Sabato 27 Agosto 2016, 18.18.50
2
@Lord Invader
luca
Sabato 27 Agosto 2016, 18.18.25
1
il gruppo non lo conosco, quali sono gli altri album che mi consigli dei The Order?
INFORMAZIONI
2016
Massacre Records
Hard Rock
Tracklist
1. Play It Loud
2. Rock'n'Rumble (1984)
3. No One Can Take You Away From Me
4. Fight
5. Gimme A Yeah
6. Womanizer
7. Turn The Pages
8. Wild One
9. Reason To Stay
10. Karma
Line Up
Gianni Pontillo (Voce)
Bruno Spring (Chitarra)
Andrej Abplanalp (Basso)
Mauro Casciero (Batteria)
 
RECENSIONI
77
60
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]