Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Evergrey
The Atlantic
Demo

BlurryCloud
Pedesis
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

01/03/19
QUEENSRYCHE
The Verdict

01/03/19
CLIMATE OF FEAR
The Onset of Eternal Darkness

01/03/19
HEAUME MORTAL
Solstices

01/03/19
CARTOGRAPHS
Wilt & Blossom

01/03/19
WHILE SHE SLEEPS
So What?

01/03/19
MARK MORTON
Anesthetic

01/03/19
IN FLAMES
I, The Mask

01/03/19
DARKWATER
Human

01/03/19
BROWBEAT
Remove the Control

01/03/19
DER WEG EINER FREIHEIT
Live In Berlin

CONCERTI

23/02/19
BUCKCHERRY + GUESTS
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

23/02/19
...AND YOU WILL KNOW US BY THE TRAIL OF DEAD
COVO CLUB - BOLOGNA

23/02/19
UNDISPUTED ATTITUDE FESTIVAL
DEFRAG - ROMA

23/02/19
SATAN + RAM + SCREAMER
CIRCOLO ARCI MU - PARMA

23/02/19
OPERATION MINDCRIME
MEPHISTO - ALESSANDRIA

23/02/19
PROSPECTIVE
DA MONSTAS - PORTO POTENZA (MC)

23/02/19
NANOWAR OF STEEL
FUORI ORARIO - TANETO (RE)

23/02/19
FORGOTTEN TOMB + GUESTS
BOCCIODROMO - VICENZA

23/02/19
BLACK THERAPY + EVIL NEVER DIES
EVILUTION CLUB - ACERRA (NA)

23/02/19
ENUFF Z' NUFF + SISKA
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

Chthe`ilist - Le Dernier Crépuscule
31/08/2016
( 1481 letture )
È ormai da qualche mese che il nome degli Chthe'ilist gira tra gli appassionati di death metal e non solo. Dietro questi monicker decisamente particolare e per alcuni difficile da pronunciare, si nascondono le menti di musicisti canadesi attivi in gruppi ormai noti; escludendo l’esordiente Claude Leduc (chitarra, basso e tastiere), le menti che nel 2010 diedero vita a questo progetto sono Philippe "Pat" Tougas dei Beyond Creation e Philippe "Pat" Tougas dei First Fragment, gruppi che in ambito tech/prog death si son creati un grande seguito. Scontato dire che i due si sono quindi ritrovati in un progetto che fosse sulla scia dei loro gruppi di appartenenza, ma a differenza di quanto si potrebbe pensare, il risultato è decisamente diverso...

Il technical death metal dei Chthe'ilist suona come qualcosa di fresco e diverso se paragonato a tanti altri gruppi; lasciate stare i virtuosismi estremi che imperversano da qualche anno, lasciate stare i richiami neoclassici in ogni dove e tutti questi elementi che a molti han fatto storcere il naso (ma che hanno regalato anche ottime realtà!). I canadesi prendono infatti ispirazione da gruppi come Timeghoul, Adramelech e in modo particolare dai Demilich, arricchendo il tutto da un tocco personale che li rende del tutto singolari e molto personali. Appare quindi evidente che ci si trova dinanzi ad una proposta ostica, variegata e che necessita di svariati ascolti per essere capita, ma è proprio questo uno dei punti di forza del disco; gli svariati intrecci tra chitarre, che qua e là sembrano prendere strade diverse, catturano l’ascoltatore facendolo viaggiare in un mondo popolato da bestie Lovecraftiane et simili. D’altronde, il nome del gruppo parla chiaro, ma anche qui è doveroso spendere qualche parola; i Chthe'ilist più che ispirarsi al culto di “Quelli di Fuori”, riescono a dare una forma, dei colori ed una vitalità vera e propria all’immaginario trattato. I continui utilizzi di tastiere, effetti, stili vocali che spaziano dal growl ad una voce pulita più evocativa passando per dei veri e propri versi, le dissonanze continue, i cambi di tempo dettati da un grande batterista e le melodie, portano in vita tutte le sensazioni ed emozioni che i personaggi del Ciclo di Cthulhu hanno provato. Tutte queste sfumature di cui parliamo sono figlie anche di una produzione pensata proprio per far risaltare ogni singola frequenza, passaggio e strumento; infatti un altro grande protagonista del disco è il basso, che più che essere un valore aggiunto è a conti fatti parte fondamentale del sound, andando ad arricchire sia il suono vero e proprio (dando più profondità, pesantezza etc.) che le composizioni. Restando sempre in tema composizioni, Le dernier crépuscule è un disco in cui gli aspetti più violenti del death metal non vengono assolutamente a mancare nonostante la durata media dei pezzi si aggiri sui sette minuti; esempio lampante di quanto detto è la conclusiva Tales of the Majora Mythos Part 1, una canzone di tredici minuti in cui i nostri, oltre a distaccarsi dai temi Lovecraftiani per abbracciare il tenebroso e decadente immaginario di The Legend of Zelda: Majora’s Mask, azzardano ad una costruzione più “elevata”. Nulla di troppo esagerato fortunatamente, e si tratta infatti di quello che può essere visto come un epilogo dalle tinte epiche che danno al brano un vero e proprio senso di chiusura.

Le dernier crépuscule, come avrete capito, è un disco particolare, ostico inizialmente ma per cui vale veramente la pena spendere svariati ascolti. È un viaggio in un mondo popolato da bestie, incubi e miti che, se affrontato con la dovuta pazienza, regalerà grandi soddisfazioni. Il gruppo che nel 2012 attirò l’interesse dei fanatici con il demo Amechth'ntaas'm'rriachth ha dimostrato di avere le carte in regola per entrare nella cerchia di gruppi promettenti ed interessanti utilizzando elementi noti ma riadattandoli in chiave più personale. L’unico ostacolo per i ragazzi, sarà quello di mettersi completamente alle spalle le influenze dei Demilich, ma bastano comunque pochi ascolti per rendersi conto di come l’intenzione sia proprio quella. Non stupitevi, se a fine anno, troverete Le dernier crépuscule nelle classifiche degli appassionati.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
85 su 2 voti [ VOTA]
Doom
Sabato 3 Dicembre 2016, 19.49.33
8
Confermo il mio primo commento a distanza di ascolti..album davvero molto interessante e valido. 8 anche per me.
black brains
Venerdì 9 Settembre 2016, 16.57.13
7
uno dei miei dischi preferiti usciti quest'anno..
maksa
Giovedì 1 Settembre 2016, 19.18.14
6
Tech death fuori dai canoni? Finalmente qualcosa, ho dato un ascolto veloce e sono davvero interessanti, me lo sentirò con più calma. Però si scrive crepuscule, con la u alla fine (:
Bassi
Giovedì 1 Settembre 2016, 18.35.24
5
@Sorpreso Figurati, l'importante è che faccia macinare ascolti. L'etichetta serve a nulla. Per me per essere death/black dovrebbe avere dei passaggi musicali o voci puramente black o comunque molto vicini a questo genere.
Sorpreso
Giovedì 1 Settembre 2016, 15.46.51
4
@Bassi scusami ma per me è black death perché effettivamente è death con tinte black, per intenderci è un genere simile ai portal e ai mitochondrion. certo non è technical death, questa è la mia opinione. comunque voto 85 disco che da tre mesi buoni fa fatica ad uscire dal lettore del mio stereo
Bassi
Giovedì 1 Settembre 2016, 15.09.24
3
Questo disco è atmosfera, tecnica e marciume. @Sorpreso pensavi fosse black/death forse perchè è un lavoro molto oscuro.
Sorpreso
Giovedì 1 Settembre 2016, 13.50.57
2
Technical death? Perché io lo considero black/death?
Doomale
Mercoledì 31 Agosto 2016, 21.13.12
1
Lavoro interessante che ho sentito a tratti...diciamo che al momento non e' tra i miei ascolti abituali sto genere di Death, ma l'album e' validissimo e oltre a quelle band finniche richiamate gli ho trovati simili anche ai Sulphur Aeon. Quando sarà il momento giusto lo riascolterò. Album comunque notevole.
INFORMAZIONI
2016
Profound Lore Records
Technical Death Metal
Tracklist
1. Le dernier crépuscule
2. Into the Vaults of Ingurgitating Obscurity
3. Voidspawn
4. Scriptures of the Typhlodians
5. The Voices from Beneath the Well
6. Vecoiitn'aphnaat'smaala
7. Tales of the Majora Mythos Part 1
Line Up
Philippe "Pat" Tougas (Voce, Chitarra, Basso, Tastiere)
Claude Leduc (Chitarra, Basso, Tastiere)
Philippe Boucher (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]