Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Phil Campbell
Old Lions Still Roar
Demo

Pinewalker
Migration
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/11/19
SIGNUM REGIS
The Seal Of A New World

21/11/19
DUST
Breaking The Silence

22/11/19
THE WHO
Who

22/11/19
LINDEMANN
F & M

22/11/19
HYPNO5E
A Distant (Dark) Source

22/11/19
BLOOD INCANTATION
Hidden HIstory of the Human Race

22/11/19
LORD MANTIS
Universal Death Church

22/11/19
AVATARIUM
The Fire I Long For

22/11/19
BLOOD EAGLE
To Ride In Blood & Bathe In Greed - Part III

22/11/19
BLOOD INCANTATION
Hidden History Of The Human Race

CONCERTI

21/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR
PHENOMENON - FONTANETO D/AGOGNA (NO)

22/11/19
EARTH + GUEST
BLOOM - MEZZAGO (MB)

22/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR + RED RIOT
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

22/11/19
HEIDEVOLK + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

22/11/19
STRANA OFFICINA + COLONNELLI
THE CAGE THEATRE - LIVORNO

22/11/19
HADDAH + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

22/11/19
SAKEM + GUESTS
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

23/11/19
EARTH
TPO - BOLOGNA

23/11/19
HELLUCINATION + JUMPSCARE
PHOENIX FEST - FORMIA (LT)

23/11/19
HEIDEVOLK + GUESTS
REVOLVER - SAN DONÀ DI PIAVE (VE)

Rotting Christ - Triarchy of the Lost Lovers
17/09/2016
( 1898 letture )
Dopo aver scosso la scena black europea e non solo con un uno-due micidiale di iniziali full-length quali Thy Mighty Contract e Non Serviam, portati alle stampe a meno di un anno l’uno dall’altro, i Rotting Christ fanno il loro ritorno con un’altra pregevole perla nera, Triarchy of the Lost Lovers. Pubblicata nel 1996 dalla Century Media, a cui sono seguite diverse edizioni limitate e reissue, terza release di una discografia che nei decenni ha saputo registrare molti alti ma anche qualche basso di troppo, Triarchy of the Lost Lovers si configura fin dai primi ascolti come un platter che parte dalle solidissime basi del precedente Non Serviam, per affinare e sviluppare lo stile dei greci, che portano dunque alle stampe un prodotto rifinito e affinato, in grado di proporre all’ascoltatore un black maturo, ibridato in parte da quell’ambigua creatura che è il romantico e dannato dark metal.

Le nove tracce incluse nel lotto, legate strettamente da un fil rouge stilistico simile e di durata piuttosto costante, compresa tra i quattro e i sei minuti, offrono dunque a chi le vuole scoprire un’immagine perfezionata e, a tratti, leggermente diversa rispetto al passato dei Rotting Christ, in grado tuttavia di convincere pienamente. Tre sono probabilmente gli aspetti che saltano all’occhio (e all’orecchio) dell’ascoltatore. Innanzitutto, ci si trova di fronte ad un disco più lento dei precedenti, con la sola Archon a strizzare l’occhio ai materiali passati e alle sfuriate fulminee in essi contenute. Tuttavia, ciò non deve trarre in inganno: l’energia trascinante della band non si è affatto persa, come dimostra fin da subito l’opener King of a Stellar War e come si conferma lungo l’intera durata del platter che definire guitar-oriented è poco, anche grazie alla bravura (e dominio) di Sakis Tolis. Al contrario, non particolarmente ispirato sembra l’altro Tolis, che in quest’occasione si cela sotto lo pseudonimo di Necrosavron, che alla batteria fa il proprio dovere senza però riuscire ad eccellere, anche a causa delle già citate ritmiche rallentate. Evidente appare inoltre anche l’apporto creativo e strumentale dell’ormai ex Magus Wampyr Daoloth, che appone un rilevante segno meno alle voci “songwriting” (le liriche virano dalle classiche tematiche di blasfemia e rabbia a lidi decisamente più introspettivi) e “tastiere”, anche se va evidenziato come, grazie ad una proposta diversificata e più atmosferica, Triarchy of the Lost Lovers si configuri comunque come una release molto evocativa e malinconica, dall’inizio all’emozionante finale The First Field of the Battle, che lascia il segno e funge da trait d’union tra due delle molteplici ‘anime’ offerteci dai Rotting Christ nel corso degli anni.
Dal punto di vista vocale, infine, il frontman storico Necromayhem/Sakis Tolis non delude certamente le aspettative di chi nei due album precedenti aveva imparato ad apprezzarne lo stile e il growling, sempre più preciso, anche se, in parallelo all’aumento della generale interiorità e oscurità di questo Triarchy of the Lost Lovers , non mancano momenti profondi e maggiormente intimi, quali la centrale e dolente Snowing Still.

Un disco quindi di ottima fattura, capace di ben rappresentare in larga parte quello peculiare stile di black metal mediterraneo che, negli anni, ha fatto distinguere e balzare alle cronache europee e non solo alcune delle formazioni elleniche maggiormente d’élite, quali i Rotting Christ. Un album ricco di pathos ed epicità, degno successore dei due, epocali e imponenti precedenti, da cui ne trae i migliori tratti, levigandone ed ammorbidendone ulteriormente il sound, che in maniera ispirata fa ulteriori passi avanti, confermando il talento della formazione ateniese. Da non perdere.



VOTO RECENSORE
87
VOTO LETTORI
86 su 1 voti [ VOTA]
Legalisedrugsandmurder
Mercoledì 14 Agosto 2019, 16.52.57
5
A quando le recensioni di Sleep of Angels e Khronos?
Klunk
Domenica 18 Settembre 2016, 11.10.35
4
Qui ci sta' la frase .... Silenzio parlan i rotting .........grandi grandi
enry
Sabato 17 Settembre 2016, 14.45.59
3
Ha già detto tutto Doomale, ottimo lavoro e band che mi è quasi sempre piaciuta, adesso come allora.
Steelminded
Sabato 17 Settembre 2016, 13.25.15
2
Come spesso mi capita d'accordo con doomale. King of a stellar war mette i brividi!!! Grandi
Doomale
Sabato 17 Settembre 2016, 12.30.24
1
Gran bell'album questo, ma a mio gusto personale sotto a Thy mighty contract e Non serviam...e mi sembra anche normale dato che da qui hanno cominciato a mutare un pò il loro stile.Ottima la tripletta iniziale, anche dal vivo...Comunque è parecchio che non lo ascolto..dovrei rimetterlo su...A memoria quello che mi ricordo meglio è che la velocità diminuì di parecchio, tranne che per Archon.La qualità rimane comunque elevata. King of a stellar war spettacolare. il voto ci può stare ( +-85) se ai primi due come ho fatto vado tra il 90 e il 95. Uno dei gruppi a cui mi sento più legato.
INFORMAZIONI
1996
Century Media
Black
Tracklist
1. King of a Stellar War
2. A Dynasty from the Ice
3. Archon
4. Snowing Still
5. Shadows Follow
6. One with the Forest
7. Diastric Alchemy
8. The Opposite Bank
9. The First Field of the Battle
Line Up
Necromayhem (Voce, Chitarra)
Mutilator (Basso)
Necrosavron (Batteria)
 
RECENSIONI
75
78
69
56
89
83
79
84
87
90
93
ARTICOLI
18/11/2018
Live Report
WATAIN + ROTTING CHRIST + PROFANATICA
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI), 11/11/18
31/10/2016
Live Report
INQUISITION + ROTTING CHRIST + MYSTIFIER
Circolo Colony, Brescia, 29/10/2016
12/06/2015
Live Report
ROTTING CHRIST (set old school) + GUEST
Traffic Club, Roma, 05/06/2015
28/05/2013
Live Report
ROTTING CHRIST + FORGOTTEN TOMB + GUESTS
Barbara Disco Lab, Catania (CT), 24.04.2013
02/12/2012
Live Report
CRADLE OF FILTH + GOD SEED + ROTTING CHRIST + DARKEND
Magazzini Generali, Milano, 27/11/2012
20/05/2011
Live Report
ROTTING CHRIST + OMNIUM GATHERUM + DAYLIGHT MISERY + DARKEND + altri
Init Club, Roma, 15/05/2011
17/03/2008
Live Report
ROTTING CHRIST + DISGUISED + INGRAVED
Il concerto di Bari
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]