Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Esoteric
A Pyrrhic Existence
Demo

Prysma
Closer To Utopia
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

13/12/19
VOLTUMNA
Ciclope

13/12/19
NIGHTBEARER
Tales of Sorcery and Death

13/12/19
HORRIFIED
Sentinel

13/12/19
HALPHAS
The Infernal Path Into Oblivion

13/12/19
SATYRICON
Rebel Extravaganza (rimasterizzato)

13/12/19
ONI
Alone

13/12/19
EREGION
Age Of Heroes

13/12/19
ARKONA (PL)
Age Of Capricorn

13/12/19
MONO
Exit In Darkness

13/12/19
COMANDO PRAETORIO
Ignee Sacertà Ctonie

CONCERTI

13/12/19
MARILLION
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

13/12/19
GWAR + VOIVOD + CHILDRAIN (ANNULLATO!)
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

13/12/19
SCALA MERCALLI
BUFFALO GRILL - CIVITANOVA MARCHE (MC)

13/12/19
GLI ATROCI
ALCHEMICA MUCIS CLUB - BOLOGNA

13/12/19
NATIONAL SUICIDE + TERBIOCIDE
UFO ROCK PUB - MOZZO (BG)

14/12/19
JINJER + GUESTS (SOLD OUT!)
MAGAZZINI GENERALI - MILANO

14/12/19
KNOCKED LOOSE + GUESTS
CS RIVOLTA - MARGHERA (VE)

14/12/19
LEAVES` EYES + SIRENIA + FOREVER STILL + GUESTS
REVOLVER - SAN DONA DI PIAVE (VE)

14/12/19
FOLKSTONE
DRUSO - RANICA (BG)

14/12/19
SAIL AWAY + ALLUME
ROCK HEAT - AREZZO

Allegaeon - Proponent for Sentience
19/09/2016
( 2548 letture )
Puntualissimi, come sempre. Ogni due anni gli Allegaeon sfornano un album nuovo, fregandosene della convinzione piuttosto comune che per costruire un disco di ottimo livello sia necessario riorganizzare bene le proprie idee e far trascorrere quasi un lustro tra una pubblicazione e l’altra. La formazione del Colorado giunge così alla quarta pubblicazione in otto anni di attività, a partire da quel Fragments of Form and Function che aveva messo in mostra le qualità superiori del quintetto tanto da ottenere immediata fiducia da parte della Metal Blade Records che li ha scortati sino al qui presente Proponent for Sentience. Nella loro storia musicale sono progressivamente migliorati, andando a sfornare un disco come Formshifter nel 2012 che ha contenuto alcuni tra gli assoli più belli mai sentiti negli ultimi anni, inseriti in brani di livello assoluto ed il più recente Elements of the Infinite, per alcuni migliore, per altri peggiore rispetto al precedente, ma sempre su livelli assolutamente sopra la media. Ora, come è giusto che sia, i nostri hanno capito che è necessario fare l’ulteriore passo avanti: per alcuni, Elements of the Infinite è stato il disco della consacrazione della band americana ed è difficile dar loro torto, motivo per cui sarà piuttosto difficile superare quella qualità compositiva ed esecutiva; eppure, i presupposti ci sono tutti e noi ci troviamo a sperare in questo successo quando premiamo "play" per la prima volta.

Proponent for Sentience è un disco lunghissimo, che supera abbondantemente i settanta minuti di riproduzione ed è squarciato in dodici parti. Nella tracklist, spicca la title-track, suddivisa in tre movimenti sparsi per l’album, per una durata complessiva di quasi ventidue minuti. L’apertura è affidata a Proponent for Sentience I - The Conception, introdotta meravigliosamente da una sezione di musica classica alla John Williams che potrebbe quasi essere definita la Duel of the Fates degli Allegaeon e che si proietta a perfetta intro per le esibizioni dal vivo. L’ingresso sfumato degli strumenti, a partire dalla batteria sino a giungere alle chitarre ed al basso che si accodano agli archi, prepara il terreno per la mazzata vera e propria: un death metal prepotente ed aggressivo, con il caratteristico occhio di riguardo per melodia e tecnica, in un miscuglio che non lascia prevalere nessuna di queste componenti a scapito delle altre. La produzione è eccezionale e rende onore alle prestazioni dei membri storici Greg Burgess e, soprattutto, di Corey Archuleta che con il suo basso sembra davvero dipingere le linee con una naturalezza ed una qualità imbarazzanti, dimostrandosi vero e proprio pilastro di questa band, sia in fase di composizione, sia di arrangiamenti. All Hail Science, invece, è una vera e propria perla che mette in luce il nuovo singer Riley McShane, a suo agio con qualsiasi inflessione vocale, a partire dal growl più cupo, sino a giungere ad alcune sezioni in scream. Dalla prepotenza di From Nothing si passa a Grey Matter Mechanics, primo estratto dall’album, dove la chitarra classica di Greg Burgess la fa da padrona, in un vera e propria ode al flamenco. Il pezzo è lungo ed articolato, ma riesce a tenere alta l’attenzione dell’ascoltatore con un continuo mutare del tappeto ritmico e delle linee di chitarra e di voce. Scivoliamo quindi su Of Mind and Matrix prima di cadere nel secondo movimento di Proponent for Sentience: The Algorithm è un pezzo studiato, complesso e dall’enorme fascino tra death metal e composizione classica. La seconda parte del disco si mantiene sugli ottimi livelli della prima, dove tra una Demons of an Intricate Design ed una Cognitive Computations, si piazza un pezzo da novanta come Terrathaw and the Quake, caratterizzata anch’essa da sfumature acustiche che vengono inglobate poi da tappeti in blast-beat e meravigliose linee chitarristiche. Riff su riff che si ammassano, portandosi dietro la testa dell’ascoltatore, sconquassata da tanto peso e da tanta qualità. Vera e propria chicca, la terza parte di Proponent for Sentience, The Extermination, che aggiunge una forte componente progressive la quale, a tratti, richiama clamorose linee shred ad atmosfere un po’ più alla Cynic (nell’intro), sfociando poi in un clean refrain che richiama i Protest the Hero di Volition ed i The Contortionist di Language.

Insomma, inutile girarci attorno: chi ha sempre amato gli Allegaeon non rimarrà deluso da questa ultima fatica che è stata per la band, nel verso e proprio senso della parola, una fatica. Comporre saltuariamente, aggirando gli impegni vari dei singoli artisti, un disco come Proponent for Sentience in soli due anni ha quasi un ché di eroico. Mantenere un tale livello di qualità, è qualcosa che va oltre l’eroismo e la bravura: è una dote soprannaturale. Se non conoscete la band in questione, e siete ancora in tanti vista l’enorme aura di sottovalutazione che gli Allegaeon si portano dietro da anni, potete tranquillamente farvi un regalo e prendere Proponent for Sentience, un disco che vedremo in moltissime top ten di fine anno. Non dite che non ve l’avevamo detto.



VOTO RECENSORE
84
VOTO LETTORI
89.57 su 7 voti [ VOTA]
Acasualdjentleman
Sabato 14 Ottobre 2017, 16.24.37
7
Disco strepitoso, guitar work spaziale, un ponte tra melo death\death old school e metal moderno. Il 90 e d'obnligo per un disco così.
Doom
Giovedì 16 Marzo 2017, 14.58.32
6
Album che mi e' sfuggito...bene corro subito ad ascoltarlo.
Vascomistaisulcazzo
Martedì 29 Novembre 2016, 22.43.48
5
Non è un genere a cui di solito presto molta attenzione ma mi hanno colpito moltissimo per freschezza e varietà.
Northcrossdeath1
Mercoledì 12 Ottobre 2016, 12.54.48
4
Mi rendo conto solo ora che l'ultima canzone "Subdivisions" è una cover dei Rush!! Sfido io che mi sembrava un sacco fuori contesto!
Northcrossdeath1
Lunedì 26 Settembre 2016, 15.05.03
3
Dopo averlo ascoltato molte volte, devo dire che è un altro ottimo album da parte degli Allegaeon! Hanno il loro sound che li contraddistingue, ma a mio avviso sono anche maturati nel songwriting, inoltre, il nuovo cantante si rivela azzeccatissimo ed è molto versatile (ero un po' preoccupato perchè mi piaceva il buon Ezra). Non farò una disquisizione track by track perchè hai già detto bene tu, Davide, mi limito a dire che le canzoni sono su un buon/ottimo livello con alcuni pezzi veramente top. Nota finale per la traccia 12 "Subdivisions": dopo averla ascoltata più volte devo dire che è un bel pezzo ma... essendo cantata in clean sembra un po' un pugno in un occhio rispetto al resto dell'album, sembra quasi una bonus track, infatti secondo me l'album finisce con la traccia 11 che è la conclusione perfetta dell'album. In virtù di questo direi che condivido il tuo voto un bel 83-84. PS Non mi resta che vederli dal vivo, speriamo passino in italia prima o poi!
Monky
Venerdì 23 Settembre 2016, 17.43.22
2
Grazie @Northcrossdeath1. Aspetto il tuo commento quando lo avrai sentito
Northcrossdeath1
Giovedì 22 Settembre 2016, 17.00.38
1
Ciao Davide, complimenti ottima recensione. Amo gli Allegaeon e ad oggi non so ancora dire se preferisco Fromshifter o Elements, mi piacciono un sacco entrambi per un verso o per l'altro (perchè sono piuttosto differenti). Ora sto ascoltando quest'ultimo e non so ancora dare un giudizio definitivo, ma devo dire che è veramente ottimo, il sound si è evoluto pur mantenendo lo stampo tipo degli Allegaeon. Poi magari passo a dare il voto definitivo.
INFORMAZIONI
2016
Metal Blade Records
Technical Death Metal
Tracklist
1. Proponent for Sentience I - The Conception
2. All Hail Science
3. From Nothing
4. Grey Matter Mechanics - Appassonata Ex Machinea
5. Of Mind and Matrix
6. Proponent for Sentience II - The Algorithm
7. Demons of an Intricate Design
8. Terrathaw and the Quake
9. Cognitive Computations
10. The Arbiters
11. Proponent for Sentience III - The Extermination
12. Subdivisions
Line Up
Riley McShane (Voce)
Greg Burgess (Chitarra)
Michael Stancel (Chitarra)
Corey Archuleta (Basso)
Brandon Park (Batteria)
 
RECENSIONI
84
70
85
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]