Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Cortex Complex
Memoirs of an Apocalypse
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

CONCERTI

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS ----> ANNULLATO!
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

24/11/17
INDACO + MOUNTAINS OF THE SUN
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

24/11/17
SHAMELESS + TUFF
DEDOLOR - ROVELLASCA (CO)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

25/11/17
PROSPECTIVE + UNDERTHEBED + OBSCURAE DIMENSION
CENTRO GIOVANILE CA' VAINA - IMOLA

Morbid Angel - Heretic
24/09/2016
( 2052 letture )
Oggi la redazione di Metallized mi ha affidato un compito che a molti potrebbe sembrare ingrato: rifare la recensione di Heretic.
Perché ingrato? Per il semplice motivo che, nell'immaginario comune, i dischi che valgono la pena di essere ascoltati, discussi e/o recensiti siano solamente quelli che vanno dai bellissimi in su ed Heretic non è solitamente considerato in questa categoria. La cosa ha certamente un fondo di verità (inutile stare a negarlo) ma è altrettanto vero che è molto interessate e stimolante riprendere in mano un disco lasciato in disparte da anni e cercare di analizzarlo con gli occhi di ora, al netto della storia recente e delle esperienze personali. Ciò non porta automaticamente ad una rivalutazione, ma ad un miglioramento della capacità critica di un ascoltatore probabilmente sì; almeno, questo è quello che penso.
Nella fattispecie Heretic fu per me una grossa delusione: nel settembre del 2003 erano pochi mesi che avevo uno stipendio fisso e questa improvvisa disponibilità monetaria (a dispetto del periodo di magra da studente/disoccupato) mi portava anche a comprare completamente alla cieca i dischi di quelli che erano i miei gruppi preferiti. L'uscita del nuovo album dei Morbid Angel era per me un evento ed infatti acquistai Heretic a scatola chiusa, senza aver ascoltato mezza nota o letto pareri. In versione doppio CD, oltretutto.
Come detto, l'album mi deluse e, nonostante tentassi di farmelo piacere tramite ascolti ripetuti, ben presto finì nel dimenticatoio sommerso da altre pubblicazioni presenti e passate più valide. Il Bonus Levels Disc (così si chiamava il CD extra) fu poi una presa per il culo quasi totale: all'interno si trovavano alcune versioni strumentali non definitive dei brani dell'album, assieme a degli assoli di Trey provenienti anche dal precedente Gateways To Annihilation che non fecero altro che aumentare il mio rammarico.
Dopo tredici anni è venuto dunque il momento di riprendere in mano Heretic, togliere la polvere che lo ricopre e infilarlo nello stereo.

Heretic: anyone who does not conform with an established attitude, doctrine or principle.

A circa tre anni dal convincente Gateways To Annihilation, i Morbid Angel erano chiamati a confermare gli ottimi responsi con la lettera H della loro discografia, ma le premesse non erano certo le migliori. Il chitarrista Erik Rutan aveva infatti lasciato per la seconda volta il gruppo per concentrarsi sui suoi Hate Eternal, così come Jared Anderson, sostituto biennale del dimissionario Steve Tucker nel 2001. Tucker rientrò nella band proprio nel 2003, ricomponendo con Trey Azagthoth e Pete Sandoval il trio di Formulas Fatal to the Flesh. Heretic nacque in seguito a tutto questo e per la prima volta un album dei Morbid Angel non fu registrato negli storici Morrisound Studios, il tempio del death metal made in USA. Una scelta che alla luce del risultato può di buon grado non essere considerata delle migliori. I suoni e la produzione non sono in generale all'altezza, lontani dalla magmatica claustrofobia cui la chitarra di Trey ci aveva abituato, in grado di asfissiare e contemporaneamente evidenziare i riff del chitarrista. Qui invece il suono è confusionario, poco definito ed eccessivamente "raw" se vogliamo, facendo perdere di inteleggibilità ai riff che alla fine risultano scarsamente distinguibili uno dall'altro. Oltre a questo, anche una batteria dai suoni abbastanza piatti ed un basso inesistente contribuiscono a rendere insufficiente la produzione di Heretic.
Siamo ben lontani dai suoni compatti e definiti di Gateways To Annihilation che riuscivano a togliere il fiato all'ascoltatore senza annoiarlo.

Ma la produzione, per quanto deficitaria, non è il problema principale di Heretic.
Al disco mancano in primis le canzoni, le quali risultano nel loro insieme dei lunghi macigni indigeribili che stufano presto e dove anche i pochi spunti presenti vengono sommersi dalla mediocrità generale. La traccia di apertura Cleansed in Pestilence (Blade of Elohim) ne è subito un esempio, dotata di un buon inizio furioso simil-Covenant ma che poi si perde completamente nella ridondante fase centrale mostrando tutti i difetti di cui sopra. Difetti che diventano evidenti su Enshrined by Grace, un pezzo quasi irritante nella strofa quando la chitarra ritmica (complice la produzione) sembra il rumore ripetitivo di una fresa che gratta l'acciaio. Beneath the Hollow risolleva parzialmente la situazione grazie ad un buon groove che maschera in parte la pochezza di idee generale, peccato che anche qui la ripetitività diventi alfine insostenibile. Niente invece salva la statica Curse the Flesh, IL filler di un disco quasi interamente composto da filler. In pratica, un brano inutile che rende ancora più pesante (in senso negativo) l'ascolto di Heretic. Arrivare fino a qui senza skippare è già un'impresa titanica, forse per questo i Morbid Angel piazzano quello che forse è il miglior pezzo del disco, Praise the Strength, che in altri lidi probabilmente passerebbe inosservato ma qui invece sembra fare un figurone grazie al suo essere più dinamico rispetto alla staticità precedente. Anche Stricken Arise cerca col suo andamento diretto di dare una sferzata, complice anche un Tucker che cambia registro differenziandosi rispetto ai precedenti brani, ma le idee latitano e la noia giunge presto nel corso dei quattro minuti.
A questo punto Trey e soci piazzano ben due intermezzi strumentali Place of Many Deaths e Abyssous che dopo la statica pesantezza precedente sembrano quasi una liberazione. Paradossalmente l'andamento sulfureo di Place of Many Deaths avrebbe un altro scopo (ovvero mantenere un certo tipo di tensione) ma in questo disco pure la disposizione delle tracce pare stramba. Dopo questo breve stacco, Heretic riprende da dove ci aveva lasciato, non cambiando una virgola o quasi con i sei minuti di God of Our Own Divinity che, nonostante i difetti cronici a cui ci si è rassegnati, mostra qualche piccolo spunto compreso un assolo dell'unico ospite del disco, Karl Sanders dei Nile. Within Thy Enemy chiude infine le canzoni vere e proprie dell'album con una buona iniezione di velocità, forse non memorabile ma con la fatica fatta ad arrivare fino a qui sembra meglio di quello che è in realtà.
Guardando la tracklist sicuramente penserete che mi stia dimenticando qualcosa, ma la realtà è che Heretic si chiude con due intermezzi strumentali (Memories of the Past e Victorious March of Reign the Conqueror) a firma Pete Sandoval, un Drum Check di quest'ultimo e l'assolo Born Again di Trey Azagthoth. Insomma, una serie di cose che vanno dal superfluo all'inutile.
A tutto questo si aggiungono le trenta tracce fantasma dove troviamo per la maggior parte silenzio, interrotto di quando in quando da alcuni assoli di Trey, altre strumentali e dalla versione pre-mix strumentale di Beneath the Hollow.

Come avrete intuito, questo riascolto di Heretic non è stato un vero e proprio successo: il disco è noioso, povero di idee e del glorioso monicker Morbid Angel mantiene il nome e poco altro. Dai suoni e dalla scarsezza di idee sembra quasi un demo raffazzonato con cose ancora da tagliare e modificare, invece è l'ultimo album che i Morbid Angel pubblicarono con la Earache Records, un connubio storico che si chiude con un disco anonimo al quale manca totalmente l'ispirazione, malgrado le aspirazioni spirituali palesate all'interno del libretto.
Per certi versi è stata una vera e propria via crucis riprendere in mano Heretic: impossibile rivalutarlo positivamente, nonostante il suo successore sia ancora peggio ed è attualmente uno degli esempi mondiali di flop, e forse è giusto così. Heretic non sarà scandaloso nelle intenzioni e nei fatti come Illud Divinum Insanus, ma rimane brutto, monocorde e statico, il primo pesante inciampo prima della rovinosa caduta nella melma del degrado.
È tempo dunque di rimetterlo al suo posto nello scaffale subito dopo la lettera G, per sua sfortuna ad accumulare polvere per altri anni, condannandolo all'oblio dei dischi brutti.



VOTO RECENSORE
50
VOTO LETTORI
60.26 su 15 voti [ VOTA]
Morlock
Martedì 10 Gennaio 2017, 22.01.05
29
Band che non mi ha mai detto nulla anzi tutt'altro,solo noia a parte qualche pezzo quà e là,straconfermato da quando li vidi al gods del 2008 dove Pete Sandoval sembrava stesse suonando del punk demenziale(visti i tempi tutti dimezzati di cassa e blast beat degni di un minorato con tic....non vi dico l'espressione di Nicolas Barker alle sue spalle stravolto) e Trey Azagthoth degno erede di un chitarrista noise dato che dal suo ampli usciva RUMORE e non note a differenza del secondo chitarrista turnista che era mostruoso e cercava di coprire gli errori del suddetto...Rimango dell'idea che sono stati quelle classiche band idolatrate più per ragioni anagrafiche che per il resto.Poi de gustibus...per me è de noia......poi sto disco madre di dio un'abominio peggio anche dell'ultimo sul quale almeno mi collasso dalle risate quando partiva radi radi radi kult immaginandomela in uno stadio da basket tipo la scena di Riposseduta quando cantano Repossessed XD
Kappa
Giovedì 15 Dicembre 2016, 9.47.52
28
Per me è un buonissimo album questo, mi piace molto la distorsione della chitarra, malatissima, mi piacciono le strutture dei brani, molto cautiche. In generale un disco death metal con personalità e difficile da digerire. Per pochi insomma, ma lungi da essere brutto! Sempre pensata così, sin da quando è uscito e non ho mai capito tanta avversione sia per l'era Tucker ce per questo disco. E ancor di più non capisco le critiche a GTA, che reputo bellissimo e pesantissimo!
Arzachel
Martedì 8 Novembre 2016, 16.31.10
27
Io lo preferisco a formulas fatal...70 ci sta tutto
LexLutor
Venerdì 7 Ottobre 2016, 0.14.12
26
Eeh si...un 50 ci sta tutto.
Masterburner
Martedì 27 Settembre 2016, 0.05.36
25
La cosa che mi colpisce di questo disco sono i vari pezzi strumentali messi più o meno a caso nella tracklist, segno che qualcuno cominciava veramente a perdere le rotelle... e infatti si è visto.
LAMBRUSCORE
Lunedì 26 Settembre 2016, 14.49.24
24
Me l'avevano passato appena uscito. La prima volta che l'ho sentito ho pensato: cos'è questa chitarra? Sembra il mio vecchio Cagiva 125 quando è scarburato.. L'ho riascoltato alcune volte, può passare la produzione, per me sono i pezzi che mancano, non riesco ad arrivare a metà disco, poi magari la seconda parte è migliore, quindi non giudico, dovrò risentire anche i restanti 25 minuti circa ma ho poca fiducia, eheh..
Mulo
Lunedì 26 Settembre 2016, 12.23.38
23
Se questo prende 50 Blessed are the sick minimo 500... È magico quel disco
lisablack
Lunedì 26 Settembre 2016, 12.04.12
22
Se Illud prende 85 a Blessed ci vuole 200
Suarez
Lunedì 26 Settembre 2016, 12.01.45
21
Direi di rifare anche quella di illud divinum ed assegnarli un meritato 85
nonchalance
Lunedì 26 Settembre 2016, 1.38.23
20
D'accordissimo con chi chiede a gran voce una re-Recensione di "Blessed Are the Sick"! Più che altro per adeguare il vuoto..o meglio: quello che c'è adesso non è ben giustificato dalla recensione!
Enrico
Domenica 25 Settembre 2016, 18.48.20
19
Ma voi state "imbriachi".
God of Emptiness
Domenica 25 Settembre 2016, 10.50.17
18
Concordo. Per favore cambiate il voto di Blessed. Recensione giusta per Heretic invece. Fino alla D una band leggendaria \m/\m/
Perez
Domenica 25 Settembre 2016, 10.18.06
17
Adesso portiamo quell' inguardabile 73 al suo giusto 95 perché è un monumento del death: Blessed are the sick \m/...questo Heretic molto scarso, giusta rece
Pacino
Domenica 25 Settembre 2016, 2.16.01
16
ok, questa l'avete rifatta e la condivido nei contenuti, ora tocca a quella di B, quel 73 stona davvero, dovrebbe essere sulle votazioni degli altri 3 album storici!
gianmarco
Sabato 24 Settembre 2016, 21.12.27
15
nella prima recensione che voto ha preso ?
Mulo
Sabato 24 Settembre 2016, 18.05.04
14
A formulas non piace proprio... Lo comprai appena uscito e rimasi moltd deluso... non son mai riuscito a farmelo piacere.... Idem Gatesway....
Galilee
Sabato 24 Settembre 2016, 14.54.38
13
Quoto, I due dischi precedenti sono ottimi, soprattutto GTA. Perô necessita di un attenzione maggiore. Poi sa dare un sacco di soddisfazioni. Lo considero comunque un capolavoro del death Metal. Riguardo a Tucker, non è certo Vincent ma non se la cava male.. Di certo non ha una super personalità.
Er Trucido
Sabato 24 Settembre 2016, 14.26.41
12
Ma guarda, anche in Gateways e Formulas si sente il loro tocco ma c'è una bella differenza tra quei due dischi e questo. Sono sicuramente più difficili rispetto ai precedenti e come detto Tucker può non piacere, su quello non ci si può fare molto. Non sono qui certamente a far cambiare idea a qualcuno, si fa per parlare
Mulo
Sabato 24 Settembre 2016, 14.15.33
11
Sono passati dal fare un death metal super personale ( e con un "cantante" come Vincent unico e riconoscibilissimo) con pezzi che li riconoscevi dopo 2 accordi,a fare una "roba" piatta,anonima e con questo Tucker (non so come possiate apprezzarlo sinceramente) che ha un growl uguale a mille altri...Ripeto band finita
Doomale
Sabato 24 Settembre 2016, 13.25.41
10
@Er trucido, capisco, grazie per la spiegazione! P.S. Su Entangled in Chaos ho sempre pensato la stessa cosa, ottima resa sonora ed esecuzione dei M.A. ma l'hanno reso tipo un Best of, dividendo cosi le tracce. Scelta poco azzaccata.
Er Trucido
Sabato 24 Settembre 2016, 13.18.31
9
Sì doomale è proprio così, la precedente non era più compatibile con i nostri standard e personalmente mi sono tolto un peso rifacendola con una valutazione più "centrata" diciamo. Anche io ho il live Entangled, anche se non ho mai apprezzato il modo in cui tagliarono le tracce
Doomale
Sabato 24 Settembre 2016, 13.06.36
8
@Galilee.....ah ah ah ! Hai ragione....è proprio quel "rifare" che avevo letto "fare"!!! Grazie per la segnalazione...scusate per la domanda inutile!
galilee
Sabato 24 Settembre 2016, 12.59.21
7
X Doomale..l'hai letta bene la recensione....😂
Doomale
Sabato 24 Settembre 2016, 12.55.21
6
Anche io come Metal Shock mi ero fermato a Domination...anzi al live Entangled in Chaos che usci poco dopo...Obbiettivamente questo album non sò giudicarlo, perchè l'ho ascoltato postumo e davvero poco...Qualcosa che si salva indubbiamente c'è..ma dovrei riascoltarlo. Devo dire però che in seguito ho rivalutato gli altri lavori come il malatissimo Gateways to Annihilation. Però dei Morbid preferisco i capolavori precedenti senza dubbio!...Una domanda, ma ricordo male o già c'era in passato una recensione di questo con un voto più alto???...Forse ricordo male io..
Metal Shock
Sabato 24 Settembre 2016, 12.41.03
5
Una delle poche band death che ascoltavo, mi sono fermato a Domination!
Er Trucido
Sabato 24 Settembre 2016, 12.34.35
4
@mulo: il brutal però è un'altra cosa eh, heretic è "solo" death metal fatto male. in generale a me non dispiace la F e apprezzo tantissimo la G, ma da quel punto di vista sono gusti e opinioni e capisco che l'era Tucker possa non piacere.
Mulo
Sabato 24 Settembre 2016, 12.03.43
3
Band finita con Dimination,dopo quel disco sono diventati una band brutal uguale a mille altre.... Hanno perso quel "fattore"che li rendeva unici.
Galilee
Sabato 24 Settembre 2016, 11.22.26
2
Recensione perfetta, d'accordo su ogni cosa.
lux chaos
Sabato 24 Settembre 2016, 11.20.01
1
Concordo al 100% Diego, bellissima recensione, anche per me ai tempi fu una delusione bestiale, un monolite di noia devastante e senza un idea che sia una...e aggiungo, nonostante mi sia sforzato più e più volte di apprezzarli, ascolto i Morbid sempre e solo fino a Domination...per me il rivalutato FFTTF e l'apprezzato GTA sono noiosi, pallosi, difficilmente ascoltabili nella loro interezza e lontani dai fasti passati...con Vincent era un altra cosa...apprezzo quasi più alcuni episodi di IDI che quelli con Tucker...spero che col nuovo disco non mi deludano tornando ad essere eccessivamente monolitici, pachidermici e poco dinamici come nei dischi successivi alla D
INFORMAZIONI
2003
Earache Records
Death
Tracklist
1. Cleansed in Pestilence (Blade of Elohim)
2. Enshrined by Grace
3. Beneath the Hollow
4. Curse the Flesh
5. Praise the Strength
6. Stricken Arise
7. Place of Many Deaths
8. Abyssous
9. God of Our Own Divinity
10. Within Thy Enemy
11. Memories of the Past
12. Victorious March of Reign the Conqueror
13. Drum Check
14. Born Again
15.
16.
17.
18.
19.
20.
21.
22.
23.
24.
25.
26.
27.
28.
29.
30. Inflections
31.
32.
33.
34.
35. Tortured Souls
36.
37.
38.
39.
40.
41. Terror of MechaGodzilla Lava
42. Triplet Lava
43. Doomcreeper (Beneath the Hollow)
44. Laff
Line Up
Steve Tucker (Voce, Basso)
Trey Azagthoth (Chitarra, Tastiera, Chitarra synth)
Pete Sandoval (Batteria, Tastiera, Piano)

Musicista Ospite:
Karl Sanders (Assolo su traccia 9)
 
RECENSIONI
30
50
85
80
96
95
73
92
ARTICOLI
18/11/2014
Live Report
MORBID ANGEL + METHEDRAS
Estragon, Bologna - 13/11/14
18/11/2012
Live Report
KREATOR + MORBID ANGEL + NILE + FUELED BY FIRE
Demodè Club, Bari / Live Club, Trezzo sull'Adda. 14-12/11/2012
08/12/2011
Live Report
MORBID ANGEL
Magazzini Generali, Milano, 01/12/2011
13/04/2005
Live Report
MORBID ANGEL
Estragon, Bologna, 05/04/2005
25/11/2004
Articolo
MORBID ANGEL
La biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]