Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Candlemass
The Door to Doom
Demo

BlurryCloud
Pedesis
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/03/19
THE END MACHINE
THE END machine

22/03/19
PSYCHOPUNCH
We Are Just As Welcome As Holy Water In Satans Drink - 22nd anniversary special edition

22/03/19
DYING GORGEOUS LIES
The Hunter and the Prey

22/03/19
IMPRECATION
Damnatio Ad Bestias

22/03/19
FROZEN CROWN
Crowned In Frost

22/03/19
THE TREATMENT
Power Crazy

22/03/19
TERROR OATH
Terror Oath

22/03/19
S91
Along The Sacred Path

22/03/19
ANGEL BLACK
Killing Demons

22/03/19
AORATOS
Gods Without Name

CONCERTI

22/03/19
PROSPECTIVE
SATYRICON - ALATRI (FR)

22/03/19
PINO SCOTTO + GUESTS
LA CLAQUE - GENOVA

22/03/19
PROFANAL + EKPYROSIS + CARRION SHREDS
EXENZIA - PRATO

23/03/19
FUROR GALLICO
DAGDA CLUB - RETORBIDO (PV)

23/03/19
IMAGO IMPERII + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

23/03/19
SEPTICFLESH + KRISIUN + DIABOLICAL + XAON
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

23/03/19
HELLUCINATION + GUESTS
EVOL LIVE CLUB - ROMA

23/03/19
NANOWAR OF STEEL
MEPHISTO - ALESSANDRIA

24/03/19
SEPTICFLESH + KRISIUN + DIABOLICAL + XAON
ALCHEMICA - BOLOGNA

24/03/19
INCANTATION + DEFEATED SANITY + GUEST
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

Marillion - Fuck Everyone And Run (F.E.A.R.)
16/10/2016
( 4298 letture )
Un po' di numeri. Sono diciotto gli album registrati in studio e trentotto gli anni di carriera dei Marillion. La band inglese, tra le maggiori esponenti del neoprogressive, continua ad arricchire la storia della musica, a scrivere canzoni ispirate e maestose, leggere come il primo pensiero di domenica mattina e pesanti come le storie di cronaca dei nostri giorni.
F.E.A.R., acronimo di Fuck Everyone And Run che secondo i musicisti in questione meglio racchiude il significato delle liriche, è solo l'ultimo capitolo di una protesta sempre più difficile da trattenere, un risentimento che questa volta tocca direttamente il Regno Unito, la propria terra, i propri cari e la propria casa con giardino.
Hogarth lo immagina. Il poeta di Kendal lo sa, anche se non vuole crederci troppo. Qualcosa di terribile si sta avvicinando, simile ad una tempesta, un bivio per la politica e la vita d'oltremanica, ma non solo. Ormai è su tutti i giornali, è scritto sui muri: la tipica pioggerellina ed i verdi prati dovranno aprirsi al mondo, soprattutto a quello in difficoltà con tanto di barconi rovesciati e abitazioni distrutte. La crisi finanziaria, il brexit e la guerra in medioriente -portatrice di una catastrofe umanitaria senza confini e senza precedenti- comportano delle responsabilità che nessuno vuole minimamente prendere a carico. I capi di Stato giocano a scaricabarile sulla pelle dei nostri fratelli e sorelle e -forse- anche un po' sulla loro. La tranquillità ha le ore contate. È ora di fare delle scelte, ma quali? La risposta è apparentemente a portata di mano, eppure non sembra esser così scontata. Prendere una posizione decisa, coraggiosa ed immutabile sui problemi che ci circondano non è semplice e fino a quando questi non minacciano casa nostra da vicino...che siano gli altri ad occuparsene. È il pensiero di tutti, inutile nasconderlo, ma per quanto ancora sarà così?

"H" bussa alle nostre anime con la solita maestria che lo contraddistingue.
L'artwork parla chiaro: F.E.A.R. è scomodo. Si presenta sotto forma dell'elemento che il cantante considera la vera piaga della specie umana, capace di tirar fuori il peggio da ognuno di noi. Lo si sottolinea anche in El Dorado, brano d'apertura del disco: l'oro ha fatto più morti del plutonio e dell'uranio:

The gold stops us,
The gold always did,
The gold took more lives than Uranium,
Than Plutonium,
Pandemonium…


Siamo davanti alla prima delle tre mastodontiche suite che caratterizzano l'album.
Una spensierata chitarra introduttiva descrive la tranquillità dei giorni che furono. Poi le nubi e tempi ampissimi. Kelly ricama le atmosfere rassegnate e cupe mentre Hogarth, con tutta la calma necessaria, quasi sussurra tra chorus emotivi e rabbiosi. La mente torna al precedente Sounds that Cant't Be Made e a Gaza, ma anche al classico The Invisible Man con cui condivide parzialmente struttura e pathos. Le premesse per un grande album ci sono tutte. La produzione assume le sembianze di una scrittrice di classe e successo che firma il proprio elaborato con eleganza e cura dopo averlo concluso.
Living in FEAR è probabilmente il brano meno complesso della tracklist, con quelle sfumature di pop leggero in perfetto stile U2 dell'ultimo Songs of Innocence. Il delicato delay di Rothery e la voglia di vivere una vita in totale spensieratezza senza doversi preoccupare di chiudere la porta di casa quando si esce. Pura utopia, ma Hogarth invita a crederci:

Living in f e a r is so very dear,
Can you really afford it?

We don’t invite crime

I venti minuti che seguono (Tomorrow's New Country compresa, essendone una parte piazzata a fine scaletta) possono entrare di diritto nella classifica dei migliori pezzi prog degli ultimi venti o forse trent'anni. The Leavers, ossia la perfezione in musica, racconta di chi ha fatto della sua vita un tour o di un tour la sua vita, vedete voi. È una traccia per un verso autobiografica e per un altro profondamente sociale che riprende, in parte, il discorso lasciato in sospeso da Montreal, esperienza esistenziale sempre tratta dal precedente lavoro di quattro anni fa.
Come per El Dorado e, come vedremo, per The New Kings, The Leavers è suddivisa in più parti che affrontano diverse tematiche e stati d'animo. A tal riguardo, come non soffermarsi sul ridotto di The Jumble of Days che scorre triste come la pellicola di un film tra le commoventi e trascinanti note del solo che segue i versi We won't be much use to you dead. I ricordi vagano sospesi nel tempo fino all'epica conclusione tra chitarre, archi e un Mark Kelly al massimo del suo splendore. Poi il silenzio.
Meglio premere pausa e prendersi qualche prezioso secondo per riflettere e riposare i sensi.
White Paper è già in riproduzione, ma la si ascolta inevitabilmente con un'altra testa, tanto da non riuscire ad apprezzarne al meglio e nell'immediato la qualità, molto alta anche in questo caso. Il tema dell'abbandono, così come in The Leavers, è ancora al centro delle liriche. "H", nonostante l'età che avanza, mostra ancora una perfetta forma ed una capacità interpretativa da fuoriclasse. Conferme a parte, le novità riguardano con immenso piacere i ruoli da protagonisti recitati con personalità da Kelly e Mosley con un Trewavas lasciato un po' più ai margini rispetto al passato in favore di una maggiore omogeneità sonora.
L'opera d'arte si chiude, a malincuore, con la terza ed enorme composizione già accennata. Dedicata ai "nuovi" milionari russi che comandano il pianeta, dedicata ai meno abbienti che non fanno altro che subire le ingiustizie provocate da chi vive in castelli sopra le nuvole, The New Kings, già da un paio di mesi lanciata dal gruppo in presentazione di F.E.A.R., è complessa, difficile da interiorizzare o da comprendere. Con quel ritornello, nemmeno troppo accentuato, che fornisce il titolo all'album, i Marillion si spogliano di quell'aura da "santerelli" che li ha resi agli occhi di qualcuno troppo morbidi ed iniziano ad alzare i toni, ad incattivirsi, in special modo nel finale dove le valvole vocali di Hogarth iniziano a saturare. Si ritorna all'epoca di Seasons End (la prima pubblicazione del dopo Fish), a scelte colte che spiazzano e allo Steve Rothery dei giorni migliori che chiude in bellezza l'episodio Russia’s Locked Doors. Questi i versi più significativi del pezzo:

We’re too big to fail,
And when we do…
It’s down to you


Santo sia il crowdfunding per questi ragazzi ormai nel pieno della maturità. I Marillion si riscattano nel migliore dei modi dopo un decennio caratterizzato da una certa discontinuità artistica (almeno per la critica) e ritrovano pienamente la brillantezza che sembrava persa dai tempi di Marbles, ammesso che abbiano mai sbagliato un colpo. Pensieri e musica, questa volta, sono andati di pari passo, accantonando il classico modo di operare che tende a privilegiare la voce degli strumenti rispetto ai testi. Nonostante i tanti anni di carriera e centinaia di tour alle spalle, Hogarth e compagni riordinano le idee per un lavoro che etichettare come superlativo è riduttivo. F.E.A.R. sarà una bellissima conferma per chi segue il gruppo dagli esordi di "H" ed una sorprendente scoperta per chi si è fermato a Fish, quando il gruppo britannico volava nelle vendite sfruttando la scia dei Genesis. Certo, fare paragoni col passato potrebbe risultare fuori luogo, soprattutto se si considerano le nuove tecnologie e tutto ciò che la modernità comporta nella registrazione o nelle scelte sonore di un disco, ma sarebbe meglio prendere F.E.A.R. per quello che è: un gioiello ormai "underground" alla portata di pochi appassionati nel mondo. C'è tanta qualità, tenerezza ed umanità in questo album. Meglio non lasciarselo sfuggire.

There are scars in our eyes,
From a thousand goodbyes,
That was great,
You can write,
But I won't reply



VOTO RECENSORE
85
VOTO LETTORI
94 su 42 voti [ VOTA]
Stagger Lee
Sabato 26 Maggio 2018, 17.48.47
25
Ho abbandonato i Marillion quando Fish ha lasciato la band, perché nonostante i tentativi non sono mai riuscito ad apprezzare la voce di Hogarth...ma trasportato dai deliri di questo qua sotto mi viene voglia di riprovarci.
ELIO MARRACINY
Mercoledì 23 Maggio 2018, 13.17.32
24
ALBUM DELLA MADONNA...COME SCRIVERE MUSICA ED EMOZIONI IN 5 CANZONI!
Aceshigh
Martedì 20 Marzo 2018, 18.29.46
23
Difficile non parlare di "opera d'arte" quando ci si trova di fronte ad un album dei Marillion (anche considerando quelli poco riusciti). E anche F.E.A.R. non fa eccezione. Indubbiamente è la loro release più ostica da almeno 10 anni (quasi 70 minuti suddivisi in sole 5 tracce dice tutto) e la difficoltà ad arrivare alla fine del cd è forse il suo limite, vista anche una certa omogeneità stilistica di fondo. Comunque anche per me è il migliore dai tempi di Marbles (mentre non andrei a scomodare Brave, a mio avviso il paragone non regge). Voto 80
ELIO MARRACINY
Lunedì 30 Ottobre 2017, 23.55.28
22
ALBUM DELLA MADONNA!
ELIO MARRACINY
Domenica 29 Ottobre 2017, 15.14.13
21
ALBUM DELLA MADONNA!
Rob Fleming
Sabato 7 Ottobre 2017, 21.05.43
20
Album veramente bellissimo. Dopo il passo falso di Sounds (l'unico della loro carriera per me) non mi aspettavo un lavoro così bello. La suite di El Dorado e Living FEAR sono assolutamente eccellenti. Da fan della seconda era sono contento e anche per me è il loro album più bello dai tempi di Marbles. 80
Textures
Sabato 7 Ottobre 2017, 20.56.35
19
Grandissimo lavoro! Mai troppo lodati......
DANILO
Sabato 22 Aprile 2017, 11.59.24
18
Fanno una bella musica, per carità!!!! E' la perfezione!!! Comunque è un bell'album!!!!!
DANILO
Sabato 22 Aprile 2017, 11.58.41
17
I Marillion di adesso sono un po' malinconici!!!!
SimonFenix
Sabato 11 Marzo 2017, 11.27.48
16
Uno dei migliori album dell'ultimo periodo. Visto che non si sono mai fatti problemi nel fare brani lunghi peccato che abbiano deciso di separare in più tracce le varie parti delle suite.
dimebag89
Lunedì 27 Febbraio 2017, 3.06.22
15
eccellenti, come sempre
Le Marquis de Fremont
Giovedì 10 Novembre 2016, 18.44.21
14
Well, well, album veramente eccellente. Mi ci sono voluti più ascolti (ma d'altronde, con il progressive è così...) e devo dire che i Marillion hanno sfornato un altro capolavoro. Come sottolineato nella ottima recensione, The Leavers è sicuramente la punta più alta ma qui siamo su livelli eccelsi su tutto l'album. Da rimanere stupiti che dopo una produzione così corposa ed aver attraversato vari lustri, questi riescono ancora a tirare fuori pezzi bellissimi ed emozionanti. Ed eccetto il cantante, la formazione è la stessa dall'inizio. Veramente complimenti! Au revoir.
verginella superporcella
Giovedì 20 Ottobre 2016, 12.28.57
13
ordinato in versione signed lp in preorder a febbraio marzo! arrivato due gg fa, ansioso di avere un ora a disposizione per me: un the caldo, una coperta, la penombra e questo lp sul thorens
Jimi The Ghost
Mercoledì 19 Ottobre 2016, 20.53.14
12
Finalmente sono riuscito ad ascoltarlo. Più volte e ancora più volte. E 'un disco senza compromessi; 68 minuti di sfondo e cinque lunghi brani non radio-friendly. I testi ciclici, si alternano tra la tristezza e la rabbia, con rimandi a periodi gloriosi e suggestivi da rizzare i peli delle braccia. Gli strumenti e le tecniche sono di alto livello. Grande lavoro del tastierista Mark Kelly il quale ha dato una grande impronta, passando dal piano elettrico al doom-laden organo, mentre Steve Rothery è sempre suggestivo nelle sue linee di chitarra. Devo dire che l'assolo su El Dorado è spettacolare! Steve Hogarth é all'altezza , come sempre. Guardano indietro, Con molta probabilità È il loro miglior album dai tempi di marbles. 95 li merita tutti. Jimi TG (ovviamente è un commento da fan dei Marillion)
Lo Struzzo
Mercoledì 19 Ottobre 2016, 20.05.20
11
Tra i primi 3 dell'era Hogarth non so. Sicuramente è un disco che non delude e che ho acquistato senza pensarci. Più lo ascolto e più mi piace.
MARCHOFPROGRESS
Mercoledì 19 Ottobre 2016, 14.23.44
10
Tanta classe e canzoni prese singolarmente molto belle. Solo arrivare a fine disco è un'impresa a restare svegli. Tutto troppo quieto ormai da troppi anni.
Lemmy
Martedì 18 Ottobre 2016, 20.21.15
9
Devo assolutamente averlo.
Danimanzo
Martedì 18 Ottobre 2016, 19.18.01
8
Ennesimo capolavoro. Band inimitabile. Delicato, potente, rabbioso, speranzoso. Un disco da 90/100 secco, senza se e senza ma.
vascomistaisulcazzo
Lunedì 17 Ottobre 2016, 19.48.01
7
Sono davvero basito. Di cose belle i Marilli ne hanno fatte ma tirare fuori tutto ciò ora, dopo una vita sul palco e in studio è qualcosa che non so se abbia precedenti. Il precedente Sounds mi piaceva ma non mi aveva entusiasmato ma assume ora un nuovo significato, preparava la strada a questo tornado.
Jimi The Ghost
Lunedì 17 Ottobre 2016, 11.12.31
6
Devo ancora ascoltarlo.
JC
Lunedì 17 Ottobre 2016, 11.06.03
5
É un buonissimo disco: l'ennesimo. Pregi: quelli di sempre, un chitarrismo minimale e liquido, la voce struggente di H, un mondo malinconico e morbido che ti avvolge con dolcezza. Difetti: é sempre un po' la stessa ricetta. Da Anorak i Marillion hanno coniato un sound che poi ha raggiunto il suo apice in Marbles (ma io amo di piú Somewhere Else). Fear si pone in questa scia in modo eccellente, ma chi ama la band, come me, sente un po' troppo deja vu. 80
alifac
Lunedì 17 Ottobre 2016, 8.29.32
4
Concordo con entropy, tra i primi 3 del'era Hogarth... Grandissimi!
entropy
Domenica 16 Ottobre 2016, 23.27.48
3
per me vicino ad album come brave e marbles!
Lemmy
Domenica 16 Ottobre 2016, 22.20.22
2
Curiosissimo di porgergli le orecchie.
Angus71
Domenica 16 Ottobre 2016, 22.09.38
1
Veramente ansioso di sentirlo
INFORMAZIONI
2016
Ear Music
Prog Rock
Tracklist
1. El Dorado (I) Long-Shadowed Sun
2. El Dorado (II) The Gold
3. El Dorado (III) Demolished Lives
4. El Dorado (IV) F E A R
5. El Dorado (V) The Grandchildren of Apes
6. Living in F E A R
7. The Leavers (I) Wake Up in Music
8. The Leavers (II) The Remainers
9. The Leavers (III) Vapour Trails in the Sky
10. The Leavers (IV) The Jumble of Days
11. The Leavers (V) One Tonight
12. White Paper
13. The New Kings (I) Fuck Everyone And Run
14. The New Kings (II) Russia’s Locked Doors
15. The New Kings (III) A Scary Sky
16. The New Kings (IV) Why is Nothing Ever True?
17. The Leavers (VI) Tomorrow’s New Country
Line Up
Steve Hogarth (Voce)
Steve Rothery (Chitarra)
Mark Kelly (Tastiere)
Pete Trewavas (Basso)
Ian Mosley (Batteria)
 
RECENSIONI
85
65
79
78
94
92
94
87
93
89
80
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]