Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Esoteric
A Pyrrhic Existence
Demo

Prysma
Closer To Utopia
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

11/12/19
ETERNAL SILENCE
Renegades

11/12/19
THE RIVER
Vessels into White Tides

12/12/19
ALASTOR
Šumava

13/12/19
NIGHTBEARER
Tales of Sorcery and Death

13/12/19
VOLTUMNA
Ciclope

13/12/19
SATYRICON
Rebel Extravaganza (rimasterizzato)

13/12/19
GLI ATROCI
Metal Pussy

13/12/19
STONE SOUR
Hello, You Bastards

13/12/19
COMANDO PRAETORIO
Ignee Sacertà Ctonie

13/12/19
DEEP AS OCEAN
Crossing Parallels

CONCERTI

11/12/19
MUNICIPAL WASTE + TOXIC HOLOCAUST + ENFORCER + SKELETAL REMAINS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

11/12/19
LAST IN LINE + ROUGENOIRE
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

12/12/19
SKINDRED + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

12/12/19
MARILLION
AUDITORIUM DELLA CONCILIAZIONE - ROMA

12/12/19
MONKEY3 + GUESTS TBA
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

13/12/19
MARILLION
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

13/12/19
GWAR + VOIVOD + CHILDRAIN
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

13/12/19
SCALA MERCALLI
BUFFALO GRILL - CIVITANOVA MARCHE (MC)

13/12/19
GLI ATROCI
ALCHEMICA MUCIS CLUB - BOLOGNA

13/12/19
NATIONAL SUICIDE + TERBIOCIDE
UFO ROCK PUB - MOZZO (BG)

Rotting Christ - A Dead Poem
21/10/2016
( 1850 letture )
Ad un solo anno di distanza dall’uscita di Triarchy of the Lost Lovers, tornano in grande stile i Rotting Christ, ormai diventati tra i principali esponenti della scena black metal europea. Siamo nel 1997 e la band greca è attiva da appena dieci anni, ma in questo lasso di tempo ha già fatto capire di non voler poggiarsi sugli allori, quanto piuttosto fare il possibile per trovare un’identità propria che possa renderli unici e distinguibili all’interno del loro genere di competenza. Impresa non facile, ma che è iniziata a maturare proprio col precedente Triarchy of the Lost Lovers, album differente dalle prime due registrazioni in studio, Thy Mighty Contract e Non Serviam, ormai assurti a capolavori del black metal più classico. Alle iniziali sonorità esclusivamente fredde e brutali si sono pian piano accostate melodie e atmosfere sempre più vicine ad uno stile dark/gothic, con ritmiche più contenute e spezzate, linee di chitarra più melodiche ed in grado di trasmettere una più ampia gamma di sensazioni ed emozioni, così come del resto la voce, che pur non abbandonando l’aggressività del growl è ora più malleabile e predisposta all’aspetto melodico. Non è dunque facilissimo accostare questo disco ai primissimi lavori in studio dei Rotting Christ, in quanto molto differenti alla base, ma non si fa certo peccato a valutarlo valorizzandone gli aspetti positivi che, dati alla mano, non sono affatto pochi.

Fin dal primo brano emergono tutta la drammaticità e la tensione emotiva di cui dispone questo lavoro. L’approccio ai singoli brani è meno istintivo, pone più attenzione ai dettagli di contorno e, di conseguenza, i tratti più ruvidi a cui la band greca ci aveva abituato nei primi album risultano levigati e per certi versi ammorbiditi. Il ruolo di Sakis Tolis, tanto riguardo alla voce quanto alla chitarra, è ora più che mai centrale. A livello interpretativo il compito di infondere la giusta atmosfera ad ogni brano non è facile, ma il frontman greco se la cava nella migliore maniera possibile, trasponendo anche questa qualità sulle sei corde. Non è da sottovalutare, infine, l’apporto della sezione ritmica, col nuovo arrivato Andreas Lagios che appare fin da subito in perfetta sintonia col collega di reparto Themis Tolis. Pur non facendosi mancare momenti più specificamente aggressivi e veloci, i due dimostrano di essere in grado di costruire trame molto varie, tutt’altro che banali, ponendo le basi per la direzione stilistica che stava all’epoca maturando tra le fila dei Rotting Christ. Tra i pezzi imprescindibili di questo A Dead Poem rientrano a pieno titolo Sorrowful Farewell e Among Two Storms (in cui fa la sua apparizione il buon Fernando Ribeiro dei Moonspell), che ben riassumono quanto detto finora. L’atmosfera desolante e oscura creata dalle melodie dei vari brani è il contesto ideale per dei testi che già dai titoli fanno trapelare emozioni non propriamente positive. Altra gemma che balza presto alla luce è As If by Magic, capace di esaltare non poco le trame della sei corde di Sakis Tolis. A precederla troviamo la titletrack e Out of Spirits, altri due pezzi che rendono molto bene l’idea del contesto attorno al quale ruota l’intero lavoro. Se c’è qualcosa che più di tutto rende onore ad A Dead Poem è il fatto di non perdere un colpo lungo tutta la sua durata e di tenerci incollati all’ascolto dall’inizio alla fine senza farci correre il rischio di incappare in un momento in cui la tensione possa venir meno. Anche i brani di “contorno”, come potremmo intendere ad esempio Full Colour Is the Night o Semigod, sono talmente ben concepiti ed altrettanto ben eseguiti da mantenere il livello qualitativo sempre molto alto. C’è tempo anche per un brano strumentale, Ten Miles High, che ci trasmette emozioni tali da non farci affatto pesare l’assenza di una linea vocale. Il merito va anche e soprattutto all’ospite presente, tale Xy, anche conosciuto col nome di Xytras, all’anagrafe Alexandre Locher. Professione: tastierista dei Samael. Xy che, per la cronaca, contribuisce sia come musicista che nelle vesti di produttore ed ingegnere del suono lungo l’intero arco del disco e non solo in questa traccia. Arriviamo così alle ultime due tracce, evocative come nell’ormai miglior tradizione dei Rotting Christ, lineari, forse anche troppo, ma dannatamente efficaci.

Potremmo definire A Dead Poem come il primo vero album della grande svolta sonora dei Rotting Christ, oppure potremmo affidarci alla carta sempre giocabile della maturazione artistica e quindi intenderlo come la naturale prosecuzione di un percorso di crescita che tutte le band intraprendono nella loro carriera. Che la si veda in un modo oppure nell’altro, ciò che non cambia sono i dati oggettivi, ovvero la certezza che A Dead Poem meriti un posto d’onore nella discografia della band originaria di Atene e debba anche a distanza di quasi vent’anni dalla sua uscita essere ricordato e celebrato tanto dai fan “old school”, quanto da quelli più aperti alla modernità e alle diverse influenze che un gruppo può acquisire durante la propria carriera. Perché, anche se a molti potrebbe non sembrare così, i Rotting Christ non sono una band statica, incapace di evolversi e di cambiare aspetto, avvicinando e allo stesso modo allontanando ora un certo tipo di pubblico ora un altro. A Dead Poem potrà forse essere apprezzato maggiormente dagli amanti delle sonorità più leggere, più vicine al gothic e -perché no- al doom, probabilmente meno dai blackster più incalliti, ma, pur mantenendo le distanze da altri dischi che il tempo e la critica hanno giustamente decretato più importanti ancora, resta a conti fatti un piccolo capolavoro nel suo genere. Una gemma di arte e musica, un disco capace di oltrepassare certi confini, certi “muri”, che spesso un po’ ingenuamente innalziamo.



VOTO RECENSORE
84
VOTO LETTORI
90.33 su 9 voti [ VOTA]
Legalisedrugsandmurder
Mercoledì 14 Agosto 2019, 16.52.20
3
All'epoca mi aveva lasciato perplesso. In effetti sembrano voler seguire le orme dei Moonspell quando tirava molto il cosiddetto Gothic Metal, forse per pressioni della Century Media. Li vidi in quel tour con Old Man's Child e Sacramentum. Con il tempo l'ho rivalutato anche se hanno fatto molto di meglio.
ledb
Sabato 22 Ottobre 2016, 13.57.24
2
Giusta rece per il cd. Per me hanno saputo interpretare bene la sterzata gothic-doom che ha portato a più "melodia" e meno istintività di esecuzione
Doomale
Sabato 22 Ottobre 2016, 11.09.14
1
Recensione azzeccata. Album molto diverso dai classici dei RC. Come giustamente detto questo e' più gothic/dark metal al pari del successivo. Contiene comunque dei pezzi molto belli se si supera lo scoglio della momentanea virata di sonorita' e che oltretutto dal vivo rendono il triplo come pure testimoniato dall'ultimo live album. Di certo cmq quando voglio sentirli non metto su questo 9 volte su 10, ma dire che e' un brutto album e' una gran cazzata. Oltretutto si trova facilmente ancora a pochi spiccioli in commercio..Per me un piu' realistico 7 abbondante ci sta' tutto.
INFORMAZIONI
1997
Century Media Records
Black
Tracklist
1. Sorrowful Farewell
2. Among Two Storms
3. A Dead Poem
4. Out of Spirits
5. As If by Magic
6. Full Colour Is the Night
7. Semigod
8. Ten Miles High
9. Between Times
10. Ira Incensus
Line Up
Sakis Tolis (Voce, Chitarra)
Andreas Lagios (Basso)
Themis Tolis (Batteria)

Musicisti Ospiti:
Fernando Ribeiro (Voce nella traccia 2)
Xy (Tastiere)
 
RECENSIONI
75
78
69
56
89
83
79
84
87
90
93
ARTICOLI
18/11/2018
Live Report
WATAIN + ROTTING CHRIST + PROFANATICA
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI), 11/11/18
31/10/2016
Live Report
INQUISITION + ROTTING CHRIST + MYSTIFIER
Circolo Colony, Brescia, 29/10/2016
12/06/2015
Live Report
ROTTING CHRIST (set old school) + GUEST
Traffic Club, Roma, 05/06/2015
28/05/2013
Live Report
ROTTING CHRIST + FORGOTTEN TOMB + GUESTS
Barbara Disco Lab, Catania (CT), 24.04.2013
02/12/2012
Live Report
CRADLE OF FILTH + GOD SEED + ROTTING CHRIST + DARKEND
Magazzini Generali, Milano, 27/11/2012
20/05/2011
Live Report
ROTTING CHRIST + OMNIUM GATHERUM + DAYLIGHT MISERY + DARKEND + altri
Init Club, Roma, 15/05/2011
17/03/2008
Live Report
ROTTING CHRIST + DISGUISED + INGRAVED
Il concerto di Bari
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]