Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Candlemass
The Door to Doom
Demo

BlurryCloud
Pedesis
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/03/19
THE END MACHINE
THE END machine

22/03/19
PSYCHOPUNCH
We Are Just As Welcome As Holy Water In Satans Drink - 22nd anniversary special edition

22/03/19
DYING GORGEOUS LIES
The Hunter and the Prey

22/03/19
IMPRECATION
Damnatio Ad Bestias

22/03/19
FROZEN CROWN
Crowned In Frost

22/03/19
THE TREATMENT
Power Crazy

22/03/19
TERROR OATH
Terror Oath

22/03/19
S91
Along The Sacred Path

22/03/19
ANGEL BLACK
Killing Demons

22/03/19
AORATOS
Gods Without Name

CONCERTI

22/03/19
PROSPECTIVE
SATYRICON - ALATRI (FR)

22/03/19
PINO SCOTTO + GUESTS
LA CLAQUE - GENOVA

22/03/19
PROFANAL + EKPYROSIS + CARRION SHREDS
EXENZIA - PRATO

23/03/19
FUROR GALLICO
DAGDA CLUB - RETORBIDO (PV)

23/03/19
IMAGO IMPERII + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

23/03/19
SEPTICFLESH + KRISIUN + DIABOLICAL + XAON
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

23/03/19
HELLUCINATION + GUESTS
EVOL LIVE CLUB - ROMA

23/03/19
NANOWAR OF STEEL
MEPHISTO - ALESSANDRIA

24/03/19
SEPTICFLESH + KRISIUN + DIABOLICAL + XAON
ALCHEMICA - BOLOGNA

24/03/19
INCANTATION + DEFEATED SANITY + GUEST
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

Dream Theater - Live at Budokan (DVD)
05/11/2016
( 2077 letture )
Quando si parla di concerti, i Dream Theater sono senz'altro considerati tra i migliori gruppi in circolazione: un bagaglio di tecnica sopraffina raramente riscontrabile a pari livello in altre formazioni messo al servizio di canzoni che -per loro natura- sono costituite da continui cambi di tempo e atmosfera; c'è chi li trova stucchevoli nel loro autocompiacimento e chi, invece, non può far altro che ammirarne le incredibili doti; tutto si può dire sulla band tranne che lascino indifferenti. Reduci dal settimo studio album i Nostri danno alle stampe il loro quarto live registrato nell'Olimpo giapponese della musica, la famosissima Nippon Budokan Hall di Tokyo che tanti grandi del rock ha visto esibirsi nel corso degli anni. Come di consueto il pubblico del Sol Levante si conferma il più educato del globo: urla sincere ma tutto sommato contenute e steward in platea che non devono praticamente neppure suggerire calma ai presenti accomodati tra le file di poltroncine: unica concessione ribelle, l'alzarsi in piedi (stando sempre al proprio posto) e muovere testa e braccia a ritmo di musica -ma senza esagerare, che non si sa mai- senza nemmeno cantare i testi per non "distrarre" gli artisti dal loro compito. Fatte le dovute premesse ambientali possiamo parlare dell'album in oggetto, e qui ci sarebbe tanto, tantissimo da dire (non fosse altro per le quasi 3 ore di musica ivi proposte). Uscito in formato triplo CD -con diverse copie recanti un errore di stampa sulla copertina- e doppio DVD (anni più tardi verrà riproposto pure in Blu-ray e quadruplo LP), Live At Budokan dimostrò con la sua scaletta incentrata sui lavori più recenti della band un certo coraggio ma, soprattutto, tanta voglia di mettersi in gioco puntando forte sul nuovo materiale anziché proporre in maggior numero i più "sicuri" classici; va quindi dato atto a Petrucci & Co di aver voluto proseguire la propria ricerca musicale, anche se qualcuno storse il naso per tali scelte una volta letta la tracklist.

Ma c'è ben poco di cui lamentarsi: si abbassano le luci e parte il cupo basso di Myung ad introdurre la monolitica As I Am, e siamo già in pieno climax prog! Illustrare tutte le tracce sarebbe tedioso e inutile, ma non si può non citare il dialogo a dir poco annichilente tra i musicisti sul finale di This Dying Soul o il lungo intermezzo dedicato a Zappa in Beyond This Life, una delle sorprese di questo ricchissimo lavoro. È incredibile osservare come Mike Portnoy, seduto sullo sgabello di una batteria mastodontica, riesca a suonarla usando tutto l'infinito kit di piatti e tamburi, prodigandosi alla bisogna pure alle backing vocals e -sovente- a elargire litri di sputi tutt'intorno! La chicca di questo live è sicuramente Instrumedley, che come suggerisce il titolo racchiude un mix di brani strumentali quali Overture 1928, The Ytse Jam, Erotomania, Metropolis Pt.1, A Change of Seasons, Dance of Eternity e, giusto per non farsi mancare nulla, pure Paradigm Shift e Universal Mind del side project Liquid Tension Experiment. Detto della strumentazione di Portnoy è interessante notare pure il lavoro al Chapman stick di John Myung per l'esecuzione di New Millenium, mentre le note di Solitary Shell incantano grazie a una chitarra a doppio manico che il buon Petrucci padroneggia con classe sopraffina. Si passa da Hollow Years -tipica ballad da accendini accesi che gode di un assolo da pelle d'oca- alla durezza di War Inside My Head con una disinvoltura disarmante. E LaBrie? Beh, il buon James è in gran spolvero, autore di una prova straordinaria e degna dei momenti migliori: quando è il turno di Only a Matter of Time il ragazzone canadese non teme di osare e i risultati gli danno ragione, ciò per tutta la -lunghissima- durata del concerto, fino a giungere all'immancabile perla Pull Me Under, accolta dal quasi-boato del pubblico nipponico prima dell'encore conclusivo rappresentato dall'emozionante In the Name of God.

Il materiale extra incluso nell'edizione video presenta alcuni interessanti bonus tra cui un documentario del tour, interviste e dietro le quinte appetitosi e divertenti (specie quando Petrucci svela il funzionamento della cosiddetta spit-shield, atta a proteggere i suoi amplificatori da... indovinate cosa). Live At Budokan è un prodotto di assoluto pregio e sebbene veda come da consuetudine qualche aggiustamento in postproduzione -pare che l'attrezzatura di Jordan Rudess abbia fatto le bizze nei primi minuti dell'esibizione per poi essere corretta successivamente- rappresenta un esempio di cosa siano in grado di fare questi fenomeni nella dimensione a loro più consona: la classe non è acqua e i Dream Theater dimostrano che non sono solo i greatest hits dal vivo ad essere avvincenti e meritevoli di interesse. La versione video di questo live permette di apprezzare ulteriormente la prestazione sopraffina del quintetto e rende l'esperienza ancora più coinvolgente, grazie anche all'ottima regia sempre pronta a inquadrare i musicisti durante i diversi passaggi o assoli: un live consigliato a tutti gli amanti della band, del prog metal e della buona musica in generale.



VOTO RECENSORE
82
VOTO LETTORI
85 su 3 voti [ VOTA]
Lorenzo
Venerdì 11 Novembre 2016, 18.25.03
16
assolo si petrucci su hollow years pazzesco!!!!
fango
Venerdì 11 Novembre 2016, 12.37.38
15
Gruppo sopravvalutato...
Lo Struzzo
Mercoledì 9 Novembre 2016, 19.15.28
14
Un Dvd bellissimo, il migliore dei DT, a mio parere. Così pulito e raffinato nel sound, colori, atmosfere. Personalmente adoro TOT e questo live di "promozione" del disco mi ha davvero lasciato a bocca aperta. L'epoca d'oro di Petrucci, dove risultava essere presentabile anche nel look oltre che nella forma. Hollow Years con tanto di assolo è mozzafiato. Oggettivamente è una pubblicazione di classe.
Theaterofsh☆t
Martedì 8 Novembre 2016, 14.23.24
13
condivido in pieno il pensiero di Fango. Chiaramente un momento bassissimo della musica mondiale.
Screamforme77
Martedì 8 Novembre 2016, 1.34.44
12
Live stupendo. Forse il loro migliore dopo Live scenes from New York. I momenti migliori sono su tutti lo splendido collage Instrumendley, la fantastica versione rielaborata di Hallow Years veramente da pelle d'oca, e lo rispolverare di un fantastico pezzo come A Matter Of Time(le canzoni di WDADU dal vivo e con LaBrie migliorano).Tra l'altro quel concerto viene dallo stesso tour nel quale li ho visti la prima volta in concerto, il primo di una lunga serie, anche se le due scalette erano molto diverse.
Matocc
Domenica 6 Novembre 2016, 14.58.40
11
L'errore sarebbe il logo giallo sovrapposto alla foto rossa... Se guardi la copertina normale sia del cd che del DVD il logo è trasparente e sta dietro il bollino rosso
deborah
Domenica 6 Novembre 2016, 14.28.36
10
scusate ma... dove sarebbe l'errore di stampa?
Metal4ever
Sabato 5 Novembre 2016, 22.22.17
9
Live bellissimo, anche se avrei preferito più classici. Il pubblico giapponese mi ha decisamente colpito, soprattutto alla loro compostezza durante i pezzi più violenti della scaletta; all'ultimo concerto loro che ho visto, a "As I Am" soffrivo da matti a restare seduto all'Auditorium di Roma. Per il resto, anche se non è il mio live preferito, mi piace moltissimo, e capita di sovente di riguardarmelo.
Matocc
Sabato 5 Novembre 2016, 21.54.42
8
Che poi quello di Ozzy c'è già
Matocc
Sabato 5 Novembre 2016, 21.48.34
7
Chi può dirlo... e se poi ti veniva il vomito per la recensione anziché per la copertina?
fango
Sabato 5 Novembre 2016, 21.37.39
6
Mi viene il vomito solo a vedere la copertina...non era meglio se recensivi il live at Budokan di Ozzy????
Steelminded
Sabato 5 Novembre 2016, 17.23.53
5
Bella rispolverata... DVD e love seminale a mio parere...
Matocc
Sabato 5 Novembre 2016, 13.15.36
4
tutti i torti non li hai, il live è lo stesso del CD... potevo recensire quello volendo, bastava che chiudessi gli occhi
Diego
Sabato 5 Novembre 2016, 11.21.34
3
@Lizard, lo sai vi seguo con affetto da anni e raramente "polemizzo", però le ultime rispolverate non hanno attirato la mia attenzione
Lizard
Sabato 5 Novembre 2016, 11.07.30
2
@Diego: perdonami la facile battuta, ma intanto questo lo stai commentando, mentre non ricordo tuoi commenti nelle recensioni che c'erano fino a stamani. Comunque, la rubrica Rispolverati ci accompagnerà per sempre, quindi... prina o poi troveremo qualcosa che ti interessa oppure potrai segnalarcelo tu nel forum.
Diego
Sabato 5 Novembre 2016, 10.47.19
1
Mah...con tutti gli album da "rispolverare" proprio un DVD dovevate andare a recensire? Dei DT, nel loro periodo scialbo (personalissima opinione).
INFORMAZIONI
2004
Atlantic
Prog Metal
Tracklist
DVD 1
1. As I Am
2. This Dying Soul
3. Beyond This Life
4. Hollow Years
5. War Inside My Head
6. The Test That Stumped Them All
7. Endless Sacrifice
8. Instrumedley
9. Trial of Tears
10. New Millennium
11. Keyboard Solo
12. Only a Matter of Time
13. Goodnight Kiss
14. Solitary Shell
15. Stream of Consciousness
16. Disappear
17. Pull Me Under
18. In the Name of God

DVD 2
●"Riding The Train Of Thought": Japanese Tour Documentary
●John Petrucci "Guitar World"
●Jordan Rudess "Keyboard World"
●Mike Portnoy Drum Solo
●"The Dream Theater Chronicles": 2004 Tour Opening Video
●"Instrumedley" Multiangle Bonus
Line Up
James LaBrie (Voce, Percussioni)
John Petrucci (Chitarra, Cori)
John Myung (Basso, Chapman Stick)
Jordan Rudess (Tastiere)
Mike Portnoy (Batteria, Cori)
 
RECENSIONI
77
70
65
70
65
71
93
s.v.
82
70
83
99
72
88
97
99
88
ARTICOLI
12/05/2017
Live Report
DREAM THEATER
Images, Words & Beyond. Auditorium Agnelli, Torino, 7/5/2017
26/01/2014
Live Report
DREAM THEATER
Along for the Ride Tour, OBIHall (ex Saschall), Firenze 21/01/2014
26/02/2012
Live Report
DREAM THEATER + PERIPHERY
Mediolanum Forum, Assago (MI), 21/02/2012
10/07/2011
Live Report
DREAM THEATER + GAMMA RAY + ANATHEMA
Ippodromo Delle Capannelle, Roma, 04/07/2011
09/05/2011
Articolo
DREAM THEATER
Da Mike a Mike: critica alla telenovela
15/09/2010
Articolo
DREAM THEATER
Un Teatro di Sogni infranti da Mike?
14/11/2009
Intervista
DREAM THEATER
La band ieri, oggi e domani
03/11/2009
Live Report
DREAM THEATER + OPETH + BIGELF + UNEXPECT
Zoppas Arena, Conegliano Veneto (TV), 30/10/2009
08/11/2007
Intervista
DREAM THEATER
Parla Mike Portnoy
03/11/2007
Live Report
DREAM THEATER + SYMPHONY X
Palalottomatica, Roma, 26/10/2007
08/11/2005
Live Report
DREAM THEATER
Palamalaguti, Bologna, 30/10/2005
22/02/2005
Articolo
DREAM THEATER
La biografia
05/03/2004
Live Report
DREAM THEATER
Palamalaguti, Bologna, 06/02/2004
05/04/2003
Articolo
DREAM THEATER
La biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]