Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ne Obliviscaris
Urn
Demo

Rust
Rust
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
HOUSTON
III

CONCERTI

18/11/17
EXTREME NOISE TERROR + GUESTS
CSO RICOMINCIO DAL FARO - ROMA

18/11/17
HELLOWEEN
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

18/11/17
BE THE WOLF + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

18/11/17
MORTUARY DRAPE + SULFUR + PRISON OF MIRRORS
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

18/11/17
CELESTIA + IMAGO MORTIS + BLAZE OF SORROW
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

18/11/17
HAVENLOST + DISEASE ILLUSION
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

18/11/17
ANIMAE SILENTES + VORTIKA
MOLIN DE PORTEGNACH - FAVER (TN)

18/11/17
DOMINANCE + CRISALIDE
BE MOVIE - SANT'ILARIO D'ENZA (RE)

18/11/17
UNMASK + KILLING A CLOUD
TEATRO LO SPAZIO - ROMA

19/11/17
CRIPPLED BLACK PHOENIX + EARTH ELECTRIC + JONATHAN HULTEN
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

Inquisition - Into the Infernal Regions of the Ancient Cult
05/11/2016
( 901 letture )
Prima di ascendere allo status di band black metal di massima caratura, prima di intraprendere tour in tutto il globo e aver prodotto alcuni tra gli album che meglio hanno incontrato i favori della critica, quasi sempre all’unanimità, la storia degli Inquisition inizia come tante altre in un panorama strettamente underground, laddove la prima incarnazione del gruppo (prima battezzato Guillotina) risiedeva a Cali, in Colombia, e impiegò alcune release minori prima di spostarsi da un suono decisamente più thrash-oriented a quello che sentiamo sul debutto Into the Infernal Regions of the Ancient Cult. Quest’ultimo vede la luce nel 1998, quindi una decina d’anni dopo la fondazione del progetto da parte del chitarrista e cantante Dagon, tutt’ora frontman degli Inquisition. Sebbene ora sembri andare per la maggiore questo tipo di approccio al black metal, a quel tempo risultava decisamente in controtendenza, anche all’interno di quel dato filone: generalmente più vicino alla prima scena scandinava (Immortal e Burzum principalmente), soprattutto per quanto riguarda il riffing, mentre la varietà di tempi di batteria avvicina più il plotter ai gruppi più rappresentativi del filone proto-black (Bathory o Hellhammer), da cui ereditano quella vena black-thrash che non è raro udire in questo album (e che è invece andata scemando sulle successive release), ma anche al contempo un taglio più cupo e cadenzato. Insomma, dovesse l’ascoltatore intraprendere l’ascolto aspettandosi un album sugli standard del black metal di fine anni ’90, resterebbe di certo interdetto, trovandosi alle prese con un disco essenzialmente mid-tempo, con linee melodiche di certo singolari per il genere.

Into the Infernal Regions of the Ancient Cult ha infatti un approccio più atmosferico e ritualistico, meno furioso e nettamente meno veloce della tendenza del tempo, mentre gli sprazzi più violenti fanno proprio pensare ad un’ibridazione di black, thrash e death metal come nei primi Absu o The Chasm, con blast beat piuttosto primordiali alla Beherit. Questi sono però mitigati dalla presenza costante di aperture melodiche rafforzate da un uso piuttosto singolare della chitarra, laddove Dagon tende ad esplorarne il ventaglio espressivo estendendosi su accordi aperti e dissonanze che si discostano dal minimalismo scandinavo, e che piuttosto ricordano più i contemporanei greci quali Rotting Christ o Varathron, ma con un risultato nettamente diverso. Addirittura, talvolta l’uso di particolari melodie e cadenze heavy-oriented, su un plotter come quello descritto, rimandano alla mente la scena Ceca (Master’s Hammer in primis, o i Root), mentre difficile negare di sentire una vaga vicinanza anche ai Mortuary Drape, soprattutto negli stacchi dalle sezioni più speed/black a quelle marcatamente più doom e ritualistiche (sebbene questo possa essere determinato da un bias geografico, data la provenienza del recensore).

Insomma, è innegabile che il debutto degli Inquisition sia da considerarsi uno degli episodi più singolari della loro carriera, e uno tra i più originali tra le produzioni black metal della seconda metà degli anni ’90. Questa seconda affermazione è avvalorata certamente dal successo riscontrato dal gruppo negli ultimi 10 anni, che probabilmente ha portato ad una generale rivalutazione di questo album dalle origini piuttosto umili, anche in termini discografici. La prima, invece, dipende dal fatto che successivamente a questa primordiale incarnazione musicale, la formazione avrebbe definitivamente perso il bassista, e fatto proprie sonorità più vicine a quelle del raw black metal statunitense (à la Judas Iscariot e simili) - anche in termini di produzione, come si può facilmente sentire sul secondo Invoking the Majestic Throne of Satan del 2002, o ancor più su Magnificent Glorification of Satan del 2004. Chiaramente gli elementi chiave, diciamo pure distintivi, degli Inquisition, erano già presenti e sarebbero permasti: il guitar work molto personale, la predilezione per sezioni atmosferiche più cupe e cadenzate, e la voce decisamente particolare dello stesso Dagon, contributo innegabilmente importante per decretare l’originalità del gruppo: una sorta di cantato gracidato che degenera più che altro in una sorta di parlato monocorde che ben si accorda con la musica.

Non mi dilungo di proposito su un commento più dettagliato dei vari pezzi, onde evitare di ripetermi, senza contare la notevole lunghezza dell’album (oltre un’ora) e la corposità di molte delle tracce, innegabilmente ricche di idee, molte delle quali estremamente uniche anche all’interno dell’album stesso. Sebbene le tematiche occulte, sataniche e iconoclaste siano tutto meno che una rarità nel black metal, anche in questo caso gli Inquisition si distinguono in positivo arricchendo questo aspetto con un approccio appassionato e arricchito da una conoscenza tematica che va oltre le basi note a tutti per osmosi dalle decine di album metal dedicate (più o meno) a tali argomenti. Se ci si prende la briga di leggerli con attenzione, soprattutto unitamente ai molti sample del film Inquisition del 1976, si scopre anche una sorta di sviluppo tematico, o concept, che si conclude proprio con l’ultima traccia.



VOTO RECENSORE
89
VOTO LETTORI
89.33 su 3 voti [ VOTA]
Er Trucido
Martedì 8 Novembre 2016, 15.01.34
10
Corretto pure quello, grazie della segnalazione
Area
Martedì 8 Novembre 2016, 12.17.32
9
Scusate, ormai mi odierete eh... però il titolo é "Into the Infernal Regions of the Ancient Cult"
Suarez
Lunedì 7 Novembre 2016, 19.05.54
8
Certo che i titoli dei loro album sono una roba terribile
Doomale
Lunedì 7 Novembre 2016, 13.27.54
7
@Area, capito! Comunque quei due piacevano anche a me..grandi!
Area
Lunedì 7 Novembre 2016, 13.24.03
6
@Doomale Mi informerò! Anche se a dirti la verità, sono anni che non ascolto più tanto Metal estremo quindi di conseguenza le copertine le trovo un po troppo "Pacchiane". Ti dico solo che quando ancora me ne importava qualcosa le copertine che preferivo erano quelle di Wes Benscoter (vedi "diabolical summoning" dei Sinister) o Necrolord su tutti.
Doomale
Lunedì 7 Novembre 2016, 8.59.32
5
@Area, sono d'accordo con te! Se ti capita dai un sguardo alle cover di Girardi, ottime..le riconosci da un miglio. Ha fatto anche quella dei cileni Ripper per rimanere nel 2016. Ciao
Area
Lunedì 7 Novembre 2016, 7.10.34
4
@Doomale Sono andato a vedermi l'ultimo artwork spinto dalla curiosità e dico che é migliore sia di quello del 2010 che dell'originale. Di solito non mi piace quando cambiano le copertine dei dischi, ma in questo caso si é trattato di scelte azzeccate in quanto quelle originali secondo me non piacevano nemmeno a loro.
Doomale
Domenica 6 Novembre 2016, 23.36.26
3
Si ha ragione @Area, hanno fatto una ristampa del 2010 con la copertina che vedi qui..Poi nel 2014 quella con la versione di Paolo Girardi ( sempre più richiesto) voluta dalla Season of mist. Anzi per dirla tutta gli hanno fatto "rivedere" anche quelle degli album successivi a questo.
Area
Domenica 6 Novembre 2016, 23.03.21
2
Comprai questo disco in CD ormai diversi anni fa e all'inizio ricordo che mi erano piaciuti, mi ricordavano gli Immortal degli inizi, ma più grezzi. Ma finirono con lo stufarmi presto, forse anche per via della voce di Dagon. Comunque quello mostrato qui non é l'artwork originale dell'album, se non sbaglio é quello di una ristampa successiva per un altra label. E da quel che leggo nel commento precedente sembrano averne fatto un altra ristampa con un ulteriore artwork nuovo. Qualcuno conferma?
Doomale
Sabato 5 Novembre 2016, 12.07.05
1
Gran disco st'esordio degli Inquisition...sicuramente il mio preferito di loro. E infatti ho ripreso da poco l'edizione con l'artwork nuovo di Paolo girardi. Se la gioca tranquillamente con tanti altri dischi usciti nello stesso anno in Europa. Per me un 8,5 ci sta tutto. Grandi
INFORMAZIONI
1998
Sylphorium Records
Black
Tracklist
1. Unholy Magic Attack
2. Those of the Night
3. The Initiation
4. Empire of Luciferian Race
5. Summoned by Ancient Wizards Under a Black Moon
6. Journey to Infernukeorreka
7. Into the Infernal Regions of the Ancient Cult
8. Mighty Wargod of the Templars (Hail Baphomet)
9. Solitary Death in the Nocturnal Woodlands
10. Hail the Cult
Line Up
Dagon (Voce, Chitarra)
Debandt (Basso)
Incubus (Batteria)
 
RECENSIONI
84
89
ARTICOLI
20/04/2017
Live Report
INQUISITION + NERODIA + KYTERION
Traffic Club, Roma, 13/04/2017
31/10/2016
Live Report
INQUISITION + ROTTING CHRIST + MYSTIFIER
Circolo Colony, Brescia, 29/10/2016
18/03/2015
Intervista
INQUISITION
Enter the Cult: Intervista con Dagon (versione italiana)
18/03/2015
Intervista
INQUISITION
Enter the Cult: Interview with Dagon (english version)
02/02/2015
Live Report
INQUISITION + ARCHGOAT
Circolo Colony, Brescia, 26/01/2015
28/07/2014
Live Report
INQUISITION + GUESTS
BLUE ROSE SALOON, BRESSO (MI) - 23/07/2014
25/02/2014
Live Report
BEHEMOTH + IN SOLITUDE + INQUISITION + SVARTTJERN
Zona Roveri, Bologna, 20/02/2014
27/12/2012
Live Report
INQUISITION + VIDHARR + SPECTRAL FOREST
Closer Club, Roma, 21/12/2012
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]