Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Mayhem
Daemon
Demo

Pinewalker
Migration
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

15/11/19
RAGNAROK
Non Debellicata

15/11/19
GURU OF DARKNESS
Ararat

15/11/19
DENNER`S INFERNO
In Amber

15/11/19
RAGNAROK
Non Debellicata

15/11/19
DESPISED ICON
Purgatory

15/11/19
CYHRA
Letters To Myself

15/11/19
TULUS
Evil 1999

15/11/19
THE DEATHTRIP
Demon Sola Totem

15/11/19
TRIBULATION
Alive & Dead At Södra Teatern

15/11/19
LIONHEART
Valley of Death

CONCERTI

15/11/19
CLAUDIO SIMONETTI`S GOBLIN
LEGEND CLUB - MILANO

15/11/19
RIVAL SONS + GUEST TBA
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

15/11/19
IMMOLATION + RAGNAROK + MONUMENT OF MISANTHROPY + EMBRYO
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

15/11/19
PROFANATICA + DEMONOMANCY
SCUUM - PESCARA

15/11/19
ARCANA OPERA + GUESTS
THE FACTORY - CASTEL D'AZZANO (VR)

16/11/19
PROFANATICA + DEMONOMANCY
FIRST FLOOR CLUB - NAPOLI

16/11/19
ASPHYX + GUESTS
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

16/11/19
THE 69 EYES
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

16/11/19
AD NOCTEM FEST
DEDOLOR MUSIC HEADQUARTERS - ROVELLASCA (CO)

16/11/19
DEWFALL + VETRARNOTT
METAL SYMPOSIUM - MOCAMBO LIVE CLUB - SANTERAMO IN COLLE (BA)

Scorpions - Blackout
( 11763 letture )
Blackout esce nei primi anni ‘80, periodo d’oro per l’hard n’heavy, e precisamente nel 1982, quando ormai gli Scorpions erano già considerati tra i maggiori esponenti del genere, avendo da poco dato alle stampe album di indiscusso valore, come i due predecessori Lovedrive del 1979 e Animal Magnetism del 1980.
Quest’album però consacra definitivamente il gruppo tedesco al ruolo di mostri sacri del rock, rimanendo ancora oggi una pietra miliare del genere e da molti considerato il loro album migliore -ma non da tutti, visto che il sottoscritto lo pone al secondo posto dopo Love At First Sting.

L’onore e l’onere di aprire il platter è lasciato alla title-track, con il suo rock trascinante supportato dal riffing incalzante e dall’esplosivo refrain, che insieme a quel finale di urla e vetri rotti ripropone in musica l’immagine fredda e rabbiosa della cover-art che esprime proprio il blackout psichico di una persona; sicuramente uno dei pezzi storici del combo tedesco, mentre la successiva Can’t Live Without You, che cantata e suonata da altri sarebbe solo un modesto pezzo, presenta un riff pungente e delle scariche di adrenalina grandiosamente rese dall’interpretazione di Meine, insuperabile negli acuti, e dall’assolo di Jabs, cose che ne fanno un’altra straordinaria composizione. A proposito della voce, pare addirittura che il singer Klaus Meine avesse subito un intervento alle corde vocali durante i lavori di registrazione di quest’album, tanto che il completamento dello stesso slittò più volte, ma in compenso Klaus si ritrovò con una maggiore estensione vocale, permettendo così un songwriting più aggressivo e rockeggiante. No One Like You è un mid-tempo grintoso ed adrenalinico, tra i migliori del lotto, introdotta dalle schitarrate di Schenker: il brano alterna con sapienza parti rilassate ad altre grintose. A seguire la melodica semi-ballad You Give Me All I Need, in possesso ancora di un azzeccato refrain e spettacolari parti di chitarra, mentre si torna ad un hard più veloce e tagliente con Now!, pezzo tirato che miscela hard, rock n’roll e sfumature blues che richiamano alla mente Led Zeppelin e AC/DC e con un Meine che regala una prestazione da urlo. Anche Dynamite prosegue veloce e tirata, con dei quasi irruenti e devastanti Schenker e Jabs alle loro sei corde. Arizona è un altro mid-tempo, grintoso e ricco d’appeal e mordente, dotato di una melodia leggera e briosa ma sempre avvincente, mentre China White è forse il pezzo meno diretto del platter, a tratti complesso e contorto, inferiore al resto. Infine si chiude con la ballad When The Smoke Is Going Down, melodica e melanconica: rappresenta la ciliegina sulla torta di quest’immenso platter.

Il successo di Blackout fu all’epoca immediato, infatti l’LP in questione invase le charts di mezzo mondo e si vide assegnare dischi d’oro e di platino ovunque, ma soprattutto superò l’ostacolo più arduo per un disco di hard rock, cioè l’inesorabile scorrere del tempo, riuscendo ad affermarsi come un masterpiece assoluto ed indimenticabile dell’hard n’heavy.



VOTO RECENSORE
95
VOTO LETTORI
76.22 su 101 voti [ VOTA]
Aceshigh
Giovedì 5 Settembre 2019, 10.12.52
39
Album fenomenale! Il mio preferito degli Scorpions post-Roth insieme a Lovedrive. Impossibile resistere ai riffs di Dynamite o della title-track, al refrain di No One Like You, alla carica di Now. E come sempre si dimostrano maestri delle ballads con la splendida When The Smoke Is Going Down. Voto 93
tartu71
Giovedì 23 Maggio 2019, 11.14.33
38
disco che e' invecchiato benissimo...spacca ancora adesso
swan
Giovedì 2 Maggio 2019, 18.20.40
37
voto 95 in pieno accordo.album potentissimo per quei tempi.la 3 la 4 e la 9 ballad bellissime da sapere a memoria.ma anche l'opener e un classico.gran disco(e spesso gl iScorpions vengono troppo sottovalutati)
cowboy big 80
Mercoledì 1 Maggio 2019, 23.23.43
36
dove sarebbe il punto di contatto tra gli Scorpions ed i Motorhead? semplice gli '80, per il resto questo e' un disco con il back in black nel sangue come produzione nitida, con cori alla Def Leppard di Pyromania, forchettata nei denti ai rapper di merda, tutti, neger
thrasher
Lunedì 22 Aprile 2019, 20.26.48
35
Diciamo che erano più fighi
Philosopher3185
Lunedì 22 Aprile 2019, 20.07.02
34
@thrasher,cè da considerare che-nonostante i motorhead abbiano radici nel rock e in parte nel blues-si tratta di due band differenti..i motorhead,almeno per me,sono quasi incatalogabili..li considero speed rock ma forse è un termine errato..erano talmente veloci e potenti che si potevano qualificare come metal,ma i riff erano rock..gli Scorpions,invece,erano proprio classico Hard rock che pescava da i led zeppelin,i deep purple con chitarre ultra tirate
thrasher
Lunedì 22 Aprile 2019, 19.57.47
33
Per me tra scorpions e motorhead c'era un abisso... Gli scorpions erano al top
Philosopher3185
Lunedì 22 Aprile 2019, 19.40.31
32
Sicuramente loro sono stati,insieme ai motorhead, forse,la band hard rock piu' dura di tutte,band rock al confine con l'heavy metal che ormai era sbocciato con il successo strepitoso del primo album dei Maiden,heaven and hell e altri,ma gli Scorpions sono riusciti a tenere alta la bandiera dell'Hard rock con questo capolavoro di duro,divertente e potentissimo hard rock.
progster78
Lunedì 25 Giugno 2018, 16.11.24
31
Il mio preferito della band teutonica,dove la title track, no one like you e dynamite la fanno da padrona.Da segnalare Now! e China White che ricordano rispettivamente Rock and Roll e Kashmir dei Led Zeppelin. Voto all'album 90. Voto al gruppo 10000!
Christian death rivinusas
Mercoledì 29 Novembre 2017, 22.12.20
30
Che dire questo e’ uno dei piu’ belli dischi di sempre.... ogni volta che vedo la copertina e che vedo il commento di qualcuno non resisto mai anch’io a commentarlo.....e mi trasferisce sempre un emozione paricolare visto cheve’ stato tra i primi dischi metal che ho ascoltato....domani lo riascoltero’ minimo 3 volte
Shadowplay72
Mercoledì 29 Novembre 2017, 19.01.55
29
il migliore album degli scorpions.grande anche world wide live.e love at first sting.sono poi particolarmente legato anche a savage amusement!
rik bay area thrash
Mercoledì 21 Dicembre 2016, 16.52.35
28
Faccio un piccolo post anch' io. Effettivamente ricordo che ebbe un successo non indifferente e alla radio, durante il programma dedicato all ' hard&heavy, venivano trasmessi parecchi brani da questo album. È nel classico trademark scorpions anche se per me lover at first sting lo reputo superiore. Anni spettacolari quelli che ci stavamo per accingere a vivere in ambito heavy metal. Decade fantastica.
venom
Mercoledì 21 Dicembre 2016, 11.45.36
27
album grandioso tra i piu belli degli anni 80 e del rock in generale.
gianmetal
Venerdì 8 Luglio 2016, 22.59.23
26
grandioso,solo la title track basterebbe per eleggerlo una vera e propria petra miliare del rock.Voto 90 pieno
davide
Sabato 16 Aprile 2016, 17.28.01
25
sicuramente il migliore dopo LAFS che secondo me rimane il mio preferito
Rob Fleming
Lunedì 8 Febbraio 2016, 10.56.18
24
36 minuti (bei tempi!) di perfezione metallica! Cito Now! perché è troppo zeppeliniana.
Christian Death Rivinusa
Martedì 30 Giugno 2015, 14.53.12
23
capolavoro assoluto,era il lontano 1990 quando mio cugino Mario Metallaro doc me lo fece ascoltare, ne rimasi incantato da quwl vinile in 33 giri… ..mi colpi' a primo impatto la voce di klaus Meine e la ritmica chitarristiva do rudolf schenker ..le canzoni che dire,una piu' bella dell'altra,l'ho ascoltato fino a consumarla la musicassetta… voto 99
Philosopher3185
Sabato 28 Febbraio 2015, 14.02.26
22
Uno dei dischi fondamentali per l'Hard Rock.
Philosopher3185
Sabato 28 Febbraio 2015, 14.02.22
21
Uno dei dischi fondamentali per l'Hard Rock.
Christian Death Rivinusa
Martedì 27 Gennaio 2015, 23.53.19
20
ai tempi l'ho consumato prima come vinile,poi come mc e per finire come cd… .album capolavoro,copertina fantastica… che gran ricordi… ero un bambino..quando lo ascoltai per la prima volta,voto piu' che meritato
Mulo
Domenica 4 Gennaio 2015, 11.52.44
19
Il disco migliore (con Lovedrive)e più hard rock della band.Tutti pezzi meravigliosi suonati e prodotti da Dio! Anche il successivo è un grande album ma i suoni e gli arrangiamenti son troppo "molli"x i miei gusti.Qua le chitarre sono ancora potentissime.Da avere ovviamente.
Lorenzo
Lunedì 21 Luglio 2014, 12.10.04
18
Blackout è forse il miglior album della band. e la canzone stessa, suonata al live da cui sono di ritorno del 18 luglio, è un capolavoro assoluto.
Cristiano
Domenica 1 Dicembre 2013, 23.25.24
17
La produzione di questo secondo me è superiore a quella di Love At First Sting
Francesco
Venerdì 6 Luglio 2012, 13.49.02
16
Per me è questo, anche se molti dicono che è il successivo Love at first sting
Francesco
Venerdì 6 Luglio 2012, 13.47.49
15
Capolavoro assoluto! Secondo voi, il primo album del periodo hair metal della band è questo o il successivo Love at first sting?
steelminded
Sabato 4 Febbraio 2012, 20.19.35
14
Mi sono avvicinato agli Scorpions di recente e, forse, non avrei immaginato (da fan di un genere più heavy) che mi potessero piacere così tanto. Questo disco è una bomba, insieme al grandissimo Lovedrive e ad Animal Magnetism. When the smoke is going down è tra le migliori ballad in circolazione. Consiglio poi a tutti Tokio Tapes, un grandissimo live, benchè non recente, un lavoro davvero incredibile. Viva gli Scorpions!
Maurizio
Venerdì 8 Aprile 2011, 17.43.24
13
Solo China White non mi convince al 100%. Il resto è magia. Per me è il top assoluto degli Scorps.
jek
Domenica 9 Gennaio 2011, 20.18.42
12
Questo e il migliore disco degli scorpions.
dani
Mercoledì 10 Novembre 2010, 20.43.23
11
altro album splendido.... poi la storia del cantante Klaus rimasto senza voce per un problema alle corde vocali... i compagni non hanno mai voluto sostituirlo e hanno aspettato che guarisse... grandi Scorpions...
DonatoGibson
Sabato 12 Giugno 2010, 17.27.08
10
Pienamente d'accordo con la tua recensione. Per quanto riguarda China White mi preme dire che, pur essendo un pezzo molto vicino all' heavy metal, è forse uno dei brani più complessi dell' intero album, anche per via della durata. Per il resto non ho niente d'aggiungere. Complimenti a Simone per la sua cultura in materia poichè non è da tutti conoscere il concerto in V di Schenker o Trough my Eyes, segno che qualcuno che ascolta i capolavori dell' hard rock ancora sopravvive. Complimenti ancora..
Simone
Lunedì 10 Maggio 2010, 15.58.09
9
Già, l'assolo di Can’t Live Without You è suonato da Matthias, col suo stile inconfondibile...assoli di Rudolf ce ne sono pochi, ma sono fantastici, ad esempio Still Loving You, che ha un assolo bellissimo, Big City Nights, Coast to Coast, Wind of Change, Trough my Eyes e forse qualcos'altro...un altro capolavoro è Concerto in V (Live Bites), emozionante. Cmq riguardo quest'album, non c'è niente da dire, grandissimi Scorpions, i migliori, resteranno nel mio cuore per sempre...
NoRemorse
Lunedì 8 Giugno 2009, 20.55.40
8
Leggendario! ce l'ho originale! che acquisto! Can't Live Without you, no one like you, Blackout, China White! che album!
ricky
Sabato 9 Febbraio 2008, 18.49.08
7
blackout è mostruoso.....
mayblitz
Lunedì 22 Gennaio 2007, 0.18.38
6
grandi Scorpions , un disco che si ascolta ancora con grande libidine....!!!!
Francesco Gallina
Lunedì 8 Gennaio 2007, 9.26.59
5
Lo ascoltavo spesso, bello.
Frank-catch22
Sabato 6 Gennaio 2007, 20.13.28
4
Disco epocale, copertina magnifica, bella la recensione, spero di rivederli al più presto dal vivo in Italia!!!!
Zagor76
Giovedì 4 Gennaio 2007, 19.07.34
3
Thanks, troppo gentili
Morgoth
Giovedì 4 Gennaio 2007, 18.33.46
2
Grande disco! Forse il migliore della "seconda era" degli Scorpions, un vero "masterpiece" Buona anche la rece, però il solo di Can't live without you dovrebbe essere di Jabs.
Il Mentalista
Giovedì 4 Gennaio 2007, 0.08.55
1
Leggendario. Non saprei quale scegliere tra questo e il successivo Love at First Sting... Grande Salvuzzo
INFORMAZIONI
1982
EMI
Hard Rock
Tracklist
1. Blackout
2. Can't Live Without You
3. No One Like You
4. You Give Me All I Need
5. Now!
6. Dynamite
7. Arizona
8. China White
9. When the Smoke is Going Down
Line Up
Klaus Meine (Voce)
Rudolf Schenker (Chitarra)
Matthias Jabs (Chitarra)
Francis Buchholz (Basso)
Herman Rarebell (Batteria)
 
RECENSIONI
80
74
75
80
61
86
95
95
80
94
84
91
80
ARTICOLI
01/08/2019
Live Report
SCORPIONS
LUCCA SUMMER FESTIVAL - Piazza Napoleone, Lucca (LU), 27/07/2019
30/07/2018
Live Report
SCORPIONS
Arena di Verona, 23/07/2018
04/07/2016
Live Report
SCORPIONS
MEO Arena, Lisbona, 28/06/2016
14/11/2015
Live Report
SCORPIONS + GUESTS
Roma / Assago (MI), 9-11/11/2015
07/03/2015
Articolo
SCORPIONS - URAGANO TEDESCO
La recensione
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]