Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
BBC Archives
Clicca per ingrandire
Beast Over Hammersmith
Clicca per ingrandire
Best of the B'Sides
Clicca per ingrandire
Eddie`s Archive, prima edizione
Clicca per ingrandire
Eddie`s Archive, seconda edizione (2003)
Clicca per ingrandire
L'anello con l'effige di Eddie
Clicca per ingrandire
Shot glass
Clicca per ingrandire
il box set
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

CONCERTI

19/11/17
CRIPPLED BLACK PHOENIX + EARTH ELECTRIC + JONATHAN HULTEN
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

19/11/17
ROCK TOWERS FESTIVAL
ESTRAGON - BOLOGNA

19/11/17
BACKYARD BABIES + GUESTS
LAND OF FREEDOM - LEGNANO (MI)

19/11/17
SOULS OF DIOTIMA
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

Iron Maiden - Eddie`s Archive
21/11/2016
( 1072 letture )
Quando un prodotto discografico è fatto con passione e qualità lo si capisce immediatamente, e se questa sensazione viene poi confermata in toto da un esame più approfondito dell’oggetto in questione ecco che il feticista musicofilo che è in noi raggiunge uno stato di eccitazione elevatissimo che gli fa brillare le pupille; e questo fu quanto accadde nel novembre del 2002 allorché, quasi contemporaneamente alla raccolta Edward the Great, i mitici Iron Maiden decisero di fare un “regalo” ai propri fan -in particolare a quelli di vecchia data- pubblicando il cofanetto Eddie’s Archive. Il metalhead che passava davanti al negozio di dischi non poteva rimanere indifferente allo sguardo di quegli occhi rossi che lo scrutavano dalla vetrina, ingolosendolo a scoprire cosa celava lo scrigno metallico su cui capeggiava la faccia del mitico Eddie; e di carne al fuoco ce n’era davvero tanta, potendo vantare la bellezza di ben settantasette brani distribuiti su tre doppi CD (tutti con una qualità audio ineccepibile) per una durata superiore alle sei ore. Inoltre il piatto era ulteriormente arricchito da alcuni gadget, vale a dire una pergamena numerata con stampato sopra il family tree della band infilata in un anello raffigurante l’effige di Eddie e un bicchierino da shot (volgarmente detto cicchetto) recante anch’esso il faccino della mascotte del gruppo. Uscito originariamente come box set a tiratura limitata, la prima edizione recava il numero di serie sull’albero genealogico, ma vista l’enorme richiesta venne ristampato l’anno successivo e, onde non deprezzare il valore della prima versione, venne eliminata la numerazione sulla pergamena (in cui veniva specificato che si trattava di una seconda edizione, così come sul fondo del cofanetto stesso) e venne pure cambiato il colore del velluto dell’interno da blu a rosso. La confezione era eccelsa, e il contenuto?

BBC Archives si apre con quattro tracce che rappresentano una vera e propria chicca per i fan, in quanto troviamo in line up Tony Parsons e Doug Sampson in una session registrata il 14 novembre 1979 per la trasmissione radiofonica Friday Rock Show (prima ancora della realizzazione del debut album) di assoluto pregio e interesse storico. Seguono quindi due concerti entrambi registrati al Reading Festival, uno nel 1980 con ovviamente Paul Di’Anno alla voce, mentre quello dell’82 vede al microfono un giovanissimo Bruce Dickinson: a proposito dell’esibizione dell’80, va notato come sia presente, oltre ai pezzi del primo album, anche una versione di Killers -allora inedita, essendo uscita sul disco omonimo nell’81- con un testo leggermente diverso; infine troviamo un estratto dallo storico Monsters of Rock di Donington, tappa del mitico Seventh Tour of a Seventh Tour, con una band rodata e ormai avvezza a spadroneggiare sui palchi di tutto il mondo dinanzi a folle oceaniche di fan adoranti. Con questo doppio gli Iron Maiden vanno ad aggiungersi all’elite di gruppi inglesi che hanno registrato album per la BBC, tra i quali Queen, Led Zeppelin e Dire Straits (e scusate se è poco).
Ma il meglio deve ancora arrivare: Beast Over Hammersmith è la gemma più splendente dell’intero set; qui è documentato lo strabiliante concerto all’Odeon di Londra del 1982. Impagabile l’apertura con l’intro registrata di Murders in the Rue Morgue a cui subentra la fantastica rullata di un Clive Burr in forma stratosferica, una vera e propria goduria per l’ascoltatore così come Transylvania e Phantom of the Opera cui quasi non si riesce a star dietro tanto sono suonate velocemente. Altre rarità sono rappresentate da Another Life, Drifter, The Prisoner e soprattutto una sorprendente Total Eclipse, mentre di contro Iron Maiden va ad aggiungersi alle quattro (!) versioni presenti su BBC Archives, ma va benissimo così.
Best of the B’Sides (la cui copertina è a dir poco geniale) racchiude qualche live, alcuni inediti (come Burning Ambition, dove ritroviamo Doug Sampson alle pelli e Invasion, retro del singolo Women in Uniform che invece è stata omessa dalla raccolta in quanto non è un lato B) moltissime cover tra cui Jethro Tull, The Who e gli Zeppelin con una più che dignitosa Communication Breakdown, non disdegnando nemmeno il prog -che già a fine anni '80 entrerà a far parte del sound della band- con l’epica King of Twilight dei Nektar. Direttamente dal periodo Somewhere in Time ecco far capolino le synth-guitar su Reach Out, cantata da Adrian Smith, un brano in stile AOR scritto da Dave Colwell degli FM, il quale partecipò insieme ai Maiden e altri musicisti al side project The Entire Population of Hackney (degli stessi FM è invece That Girl, B-side del 45 giri Stranger in a Strange Land) e assai efficaci anche i remake in studio di Prowler e Charlotte the Harlot con Bruce al microfono (molto coinvolgente pure la sua versione live di Futureal originariamente cantata da Blaze Bayley). A proposito del buon Blaze, oltre a Judgement Day e Justice of the Peace risalenti alle session di The X Factor, merita una menzione speciale la bellissima cover di Doctor Doctor degli UFO, pezzo scelto dai Maiden come intro ad ogni proprio concerto.

Eddie’s Archive è un pezzo da collezione di valore assoluto, uno di quegli oggetti che arricchiscono decisamente la discografia di ogni appassionato, uno scrigno contenente un vero e proprio tesoro: quanto di meglio si potesse desiderare per avere ulteriore conferma del perché gli Iron Maiden sono considerati la più grande band heavy metal al mondo.



VOTO RECENSORE
s.v.
VOTO LETTORI
89.5 su 2 voti [ VOTA]
brus
Domenica 14 Maggio 2017, 19.27.59
14
PEr qui intendo il Beast over... ovviamente
brus
Domenica 14 Maggio 2017, 19.27.31
13
Qui Bruce( e nel bootleg live al Palladium new york 82) è a livelli vocali paurosi non più eguagliati. Già nel tour del 1983 aveva perso parecchio,forse a causa dei molti concerti
venom
Mercoledì 18 Gennaio 2017, 18.41.27
12
Edizione stupenda x i collezionisti.(come me)e cmq contiene un live spettacolare e un ottima racvolta d bside
Matocc
Domenica 4 Dicembre 2016, 17.04.25
11
@ klostridiumtetani : quello assolutamente sì
klostridiumtetani
Domenica 4 Dicembre 2016, 17.01.55
10
@Matoc guarda, non ci metto la mano sul fuoco, ma ricordo un sito di collezionismo di cui non ricordo assolutamente l'URL, la cifra di stima del suddetto cofanetto era di 900 e rotti euro. Poi si sa che nel collezionismo non c'è niente di ben definito. In ogni caso , secondo me, visto le chicche che ci sono (specialmente nei primi due doppi) è destinato a salire di valore, quindi chi ce l'ha se lo tenga stretto
Matocc
Domenica 4 Dicembre 2016, 16.39.32
9
@ klostridiumtetani : guarda sicuramente non te lo regalano ma non penso stia a quelle cifre, cercando sul web si trova a meno. io sono stato fortunato l'ho trovato 1 anno fa in un negozio di dischi usati, prima edizione in condizioni perfette e rompendo le scatole sono riuscito a farmi togliere dei begli € , ma ripeto ho avuto un gran q @ Argo : vero, anche se effettivamente sarebbe la c side essendo presente sul cd single di can i play with madness (ho pure quello eh eh ) e non sul 45 in vinile
klostridiumtetani
Domenica 4 Dicembre 2016, 15.59.12
8
@Psychosys, è vero che all'epoca era un esborso non da poco ma se sei riuscito ad accalappiarti la prima edizione ora hai in mano una piccola fortuna. Nel giro dei collezionisti mi sembra si parli di una cifra intorno ai 1000 euro...
Argo
Domenica 4 Dicembre 2016, 13.43.22
7
Sono possessore di questi cd già da qualche anno e li trovo assolutamente fantastici: il live dell'Hammersmith è il top dei Maiden live ufficiali, da avere. Quello delle b-side è il cd dei Maiden che ascolto più spesso, ma ha una grave mancanza tra le b-side di Seventh Son, e cioè Massacre.
Burning Eye
Domenica 4 Dicembre 2016, 10.56.50
6
Ciao @Diego, la scaletta è bellissima, quello che intendevo è che Live After Death può beneficiare anche degli estratti dei due dischi in studio successivi. Poi non dirò mai abbastanza quanto per me i suoni siano splendidi e Bruce sia a livelli cosmici!
Diego
Lunedì 28 Novembre 2016, 9.53.42
5
@Burning Eye, non mi sembra che la scaletta sia inferiore a LAD... il sunto, quasi perfetto, dei primi tre album! Ovviamente il cofanetto è presente nella mia collezione
Christian death rivinus
Lunedì 28 Novembre 2016, 9.06.00
4
Semlicemente..una raccolta bellissima,con inediti e perle musicali di rara bellezza,voto strapositivamente ottimo....anche se per me i live piu' belli t Restano live after death e maiden england
Burning Eye
Lunedì 28 Novembre 2016, 0.03.40
3
Il Beast Over Hammersmith qui contenuto rimane tra le cose migliori partorite dai Maiden. Per me è incommensurabilmente superiore al Live After Death tranne che (per ovvi motivi) per la scaletta.
Psychosys
Lunedì 28 Novembre 2016, 0.03.21
2
Tante rarità, un pezzo da collezione ad un prezzo assolutamente proibitivo per quel che ricordo. Un paio di belle chicche riproposte (Justice Of Peace, Judgment Day, Drifter e Prowler) ed un paio di pezzi... tralasciabili (Communication Breakdown e Total Eclipse, bello comunque sentirla live).
il Marchese Del Grillo
Domenica 27 Novembre 2016, 23.08.30
1
Primo!!! un saluto a tutti!
INFORMAZIONI
2002
EMI
Heavy
Tracklist
BBC Archives
CD 1

BBC Radio 1 Friday Rock Show (1979)

1. Iron Maiden
2. Running Free
3. Transylvania
4. Sanctuary
Reading Festival (1982)
5. Wrathchild
6. Run to the Hills
7. Children of the Damned
8. The Number of the Beast
9. 22 Acacia Avenue
10. Transylvania
11. The Prisoner
12. Hallowed Be Thy Name
13. Phantom of the Opera
14. Iron Maiden
CD 2
Reading Festival (1980)

1. Prowler
2. Remember Tomorrow
3. Killers
4. Running Free
5. Transylvania
6. Iron Maiden
Monsters of Rock, Donington (1988)
7. Moonchild
8. Wrathchild
9. Infinite Dreams
10. The Trooper
11. Seventh Son of a Seventh Son
12. The Number of the Beast
13. Hallowed Be Thy Name
14. Iron Maiden

Beast Over Hammersmith
CD 1

1. Murders in the Rue Morgue
2. Wrathchild
3. Run to the Hills
4. Children of the Damned
5. The Number of the Beast
6. Another Life
7. Killers
8. 22 Acacia Avenue
9. Total Eclipse
CD 2
1. Transylvania
2. The Prisoner
3. Hallowed Be Thy Name
4. Phantom of the Opera
5. Iron Maiden
6. Sanctuary
7. Drifter
8. Running Free
9. Prowler

Best of the B’Sides
CD 1

1. Burning Ambition
2. Drifter (live)
3. Invasion
4. Remember Tomorrow (live)
5. I’ve Got the Fire
6. Cross-Eyed Mary
7. Rainbow’s Gold
8. King of Twilight
9. Reach Out
10. That Girl
11. Juanita
12. The Sheriff of Huddersfield
13. Black Bart Blues
14. Prowler ’88
15. Charlotte the Harlot ’88
CD 2
1. All in Your Mind
2. Kill Me Ce Soir
3. I’m a Mover
4. Communication Breakdown
5. Nodding Donkey Blues
6. Space Station No.5
7. I Can’t See My Feelings
8. Roll Over Vic Vella
9. Justice of the Peace
10. Judgement Day
11. My Generation
12. Doctor Doctor
13. Blood on the World’s Hands (live)
14. The Aftermath (live)
15. Futureal (live)
16. Wasted Years ’99 (live)
Line Up
Bruce Dickinson (Voce)
Paul Di’Anno (Voce)
Blaze Bayley (Voce)
Dave Murray (Chitarra)
Adrian Smith (Chitarra, Voce)
Janick Gers (Chitarra)
Dennis Stratton (Chitarra)
Tony Parsons (Chitarra)
Steve Harris (Basso)
Nicko McBrain (Batteria)
Clive Burr (Batteria)
Doug Sampson (Batteria)
 
RECENSIONI
72
80
81
81
90
s.v.
s.v.
69
53
90
69
81
75
71
99
86
85
99
80
90
95
83
85
92
96
ARTICOLI
27/07/2016
Live Report
IRON MAIDEN + THE RAVEN AGE
Lisbona/Assago (MI), 11-22/07/2016
24/01/2015
Articolo
IRON MAIDEN
757 Stranger in the... Maiden - La logistica della Bestia
14/03/2013
Articolo
IRON MAIDEN
Run to the Hills: In Memory of Clive Burr
11/05/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Paul Di'Anno, la biografia
13/04/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Nicko McBrain, la biografia
19/03/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Janick Gers, la biografia
18/02/2012
Articolo
IRON MAIDEN
The Voice Of The Beast, # 4
11/02/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Dave Murray, la biografia
01/02/2012
Articolo
IRON MAIDEN
The Voice Of The Beast, # 3
24/01/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Adrian Smith, la biografia
14/01/2012
Articolo
IRON MAIDEN
The Voice Of The Beast, # 2
08/01/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Steve Harris, la biografia
04/01/2012
Articolo
IRON MAIDEN
The Voice Of The Beast, # 1
23/10/2011
Articolo
IRON MAIDEN DALLA A ALLA Z
La recensione
06/10/2011
Articolo
IRON MAIDEN
Bruce Dickinson, la biografia
20/04/2011
Articolo
IRON MAIDEN
Nel nome di Eddie
07/01/2011
Articolo
IRON MAIDEN
Le Origini Del Mito - Lettura, analisi e critica
20/08/2010
Articolo
IRON MAIDEN
Sia santificato il loro nome
14/02/2008
Editoriale
IRON MAIDEN!
Vinci 2 t-shirt esclusive
03/07/2007
Live Report
IRON MAIDEN + MOTORHEAD + MACHINE HEAD
Stadio Olimpico, Roma, 20/06/2007
22/03/2003
Articolo
IRON MAIDEN
La biografia
10/10/2002
Articolo
IRON MAIDEN
Le interviste del Rock in Rio
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]