Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Kansas
The Absence of Presence
Demo

Northern Crown
In a Pallid Shadow
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

15/08/20
PROSANCTUS INFERI
Hypnotic Blood Art

19/08/20
SILVER KNIFE
Unyielding / Unseeing

20/08/20
TIM BOWNESS
Late Night Laments

21/08/20
EXPANDER
Neuropunk Boostergang

21/08/20
VISION DIVINE
9 Degrees West to the Moon (ristampa)

21/08/20
BLUES PILLS
Holy Moly!

21/08/20
THE TANGENT
Auto Reconnaissance

21/08/20
UNLEASH THE ARCHERS
Abyss

21/08/20
VORACIOUS SCOURGE
In Death

21/08/20
REASONS BEHIND
Project - M.I.S.T.

CONCERTI

19/08/20
PALAYE ROYALE
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

26/08/20
GRAHAM BONNET & ALCATRAZZ + GIRLSCHOOL + ASOMVEL
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

27/08/20
WOLFMOTHER + HARDCORE SUPERSTAR (SOSPESO)
PIAZZA DUOMO - PRATO

04/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA (SALA SINOPOLI) - ROMA

05/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
2DAYS PROG - VERUNO (NO)

06/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
POLITEAMA GENOVESE - GENOVA

10/09/20
THE HOLLYWOOD VAMPIRES
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

11/09/20
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

12/09/20
DOMINE + AEHTER VOID + CHAOS FACTORY
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

12/09/20
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
TRAFFIC CLUB - ROMA

Hypocrisy - Osculum Obscenum
03/12/2016
( 2238 letture )
Ci misero esattamente un anno gli Hypocrisy a rilasciare il seguito del bestiale debutto Penetralia, album spietato e che si distaccava completamente dal death metal tipico della Svezia.
Per nulla interessati a cambiare le carte in tavola, e con un album che probabilmente era pronto già da tempo, il gruppo guidato da Peter Tägtgren continua il discorso iniziato sul debutto. Il death metal degli svedesi è ancora una volta di chiaro stampo americano, andando a trarre ispirazione innanzitutto dalle sonorità dei Deicide. Puntando tutto su assalti frontali, growl infernale, continui rimandi al thrash più spietato ed una costruzione dei pezzi tanto basilare quanto efficace, i quattro appaiono ancora lontani da come li conosciamo oggi, nonostante qualche timida apertura a quello che sentiremo con il successivo The Fourth Dimension, disco che vedrà la luce esattamente un anno dopo. Si tratta di un album che puntando tutto sulla semplicità dei riff, sulla loro immediatezza e sulla capacità di creare atmosfere infernali e degne del titolo dato al disco, si lascia ascoltare tutto d’un fiato regalando delle vere e proprie gemme come Pleausre of Molestation, la title-track, Inferior Divinities, Infant Sacrificies e la conclusiva Althotas. Pur con l’aggiunta di qualche momento un po’ più melodico e qualche cambio di ritmo, Osculum Obscenum è un disco praticamente identico al debutto in cui troverete gli stessi elementi che ve lo hanno fatto apprezzare. Si potrebbe piuttosto dire come il songwriting sia complessivamente migliorato, facendo suonare il disco meno sfrontato e leggermente più quadrato. Piccolezze, è vero, ma sono piccoli indizi che specialmente oggi dimostrano come il gruppo avesse intenzione di staccarsi da determinati approcci compositivi.

Darkness is my art!

Non solo in termini di sonorità ma anche di tematiche, Osculum Obscenum chiude la prima fase degli svedesi, che dal successivo album in poi esploreranno sonorità più melodiche e in un certo senso sperimentali, realizzando dischi che se paragonati ai primi due, sembrano scritti e pensati da persone totalmente diverse. Nonostante sia apprezzato più dagli amanti delle sonorità grezze (e che magari non hanno mai digerito il percorso successivo), Osculum Obscenum resta in ogni caso uno dei dischi simbolo di quel periodo florido e da molti considerato d’oro della musica estrema.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
91.42 su 7 voti [ VOTA]
Pacino
Venerdì 9 Dicembre 2016, 10.56.14
13
ah, questo non l'avevo commentato, molto buoni i primi Hypocrisy, ma anche quelli dopo, pur non amando troppo il Death melodico, per me le 2 cose ( Death Metal e melodia) non sono il massimo messe insieme, ma loro mantengono sempre una certa dose di brutalità, essenziale nel suddeto genere. Voto 83
NihilisT
Venerdì 9 Dicembre 2016, 9.42.48
12
secondo me,diversi gradini sotto Penetralia..
Klunkk
Venerdì 9 Dicembre 2016, 8.44.12
11
No niente volevo arrivare a 11 commenti cosi ho vinto e lambru ha perso
Klunkk
Domenica 4 Dicembre 2016, 11.59.57
10
Questo uscito nel 93 ..........e l'ultimo end of .....non hanno perso la loro magia grandissimi .....peter santo subito
Steelminded
Sabato 3 Dicembre 2016, 19.40.38
9
Abducted è il terzo capolavoro infatti. Avevo omesso.
Undercover
Sabato 3 Dicembre 2016, 17.28.49
8
Secondo in classifica personale dopo "Abducted", rimane un discone da paura, come del resto continuo a non essere d'accordo con quel misero "72" rifilato a quell'altro disco stupendo che è "Penetralia".
enry
Sabato 3 Dicembre 2016, 15.50.37
7
Grande disco, io poi degli Hypocrisy non butto via niente, tanto che ho tutti i loro album...almeno 85, anche se il mio preferito resta Abducted. Grande band, quasi infallibile.
lisablack
Sabato 3 Dicembre 2016, 13.30.43
6
I primi anni 90 per il death sia scandinavo che americano, sono usciti album da urlo, e questo è uno dei tanti di quel periodo leggendario, per me.
Steelminded
Sabato 3 Dicembre 2016, 13.26.21
5
Questo è un capolavoro del death scandinavo al pari di entombed e dismember. Lo vado dicendo da sempre se prendete i miei commenti ad altri degli hypo. Insieme all'altrettanto eccezionale penetralia, il meglio della discografia hypocrisy. Minimo 90. Grande lambruscore.
lisablack
Sabato 3 Dicembre 2016, 13.23.23
4
Io non ti massacro di sicuro...una bomba di album questo! Altroche' che tempi!
LAMBRUSCORE
Sabato 3 Dicembre 2016, 13.07.55
3
Se penso che capolavori del genere avranno -se va bene- 10 commenti, mentre qualsiasi scoreggia partorita da quel gruppo che una volta io chiamavo Metallica, ehm, meglio che non continuo, commento volutamente provocatorio, massacratemi pure adesso..
Doom
Sabato 3 Dicembre 2016, 12.45.51
2
Bello cavolo...Quando gli Hypocrisy facevano pure death metal! Per me il meglio verra dopo già a partire dalla Quarta dimensione, ma sia questo che Penetralia sono due gioiellini storici del Death europeo che ovviamente conservo gelosamente in originale nella mia collezione. Per me ci stà un 7,5 per i contenuti...ma dato che è storico arrivo pure ad 8.
LAMBRUSCORE
Sabato 3 Dicembre 2016, 9.39.25
1
Minimo 90, per questo gioiello del Death scandinavo, da mettere su a manetta senza tante balle, solo un mio parere, ovvio.
INFORMAZIONI
1993
Nuclear Blast
Death
Tracklist
1. Pleasure of Molestation
2. Exclamations of a Necrofag
3. Osculum Obscenum
4. Necronomicon
5. Black Metal
6. Inferior Devoties
7. Infant Sacrifices
8. Attachment to the Ancestor
9. Althotas
Line Up
Masse Broberg (Voce)
Peter Tägtgren (Chitarra, Tastiere)
Mikael Hedlund (Basso)
Lars Szöke (Batteria)
 
RECENSIONI
80
81
72
84
86
90
88
80
72
ARTICOLI
03/11/2006
Articolo
HYPOCRISY
La biografia
24/07/2005
Intervista
HYPOCRISY
Parla Peter Tagtgren
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]