Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Death SS
Rock `N` Roll Armageddon
Demo

Third Island
Omelas
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/09/18
SOULLINE
The Deep

20/09/18
THE THREE TREMORS
The Three Tremors

21/09/18
THERAPY?
Cleave

21/09/18
VOIVOD
The Wake

21/09/18
JOE BONAMASSA
Redemption

21/09/18
MAYAN
Dhyana

21/09/18
Slash feat Myles Kennedy And The Conspirators
Living The Dream

21/09/18
SUPEFJORD
All WIll Be Golden

21/09/18
THE CRUEL INTENTIONS
No Sign of Relief

21/09/18
LYNYRD SKYNYRD
Live In Atlanta

CONCERTI

18/09/18
BATUSHKA + DARKEND
TRAFFIC LIVE - ROMA

18/09/18
VOIVOD + NIGHTRAGE
LOCOMOTIV CLUB - BOLOGNA

19/09/18
BATUSHKA + DARKEND
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

19/09/18
VOIVOD + NIGHTRAGE
LARGO VENUE - ROMA

19/09/18
DEMILICH + GUESTS
SPAZIO LIGERA - MILANO

20/09/18
BATUSHKA + DARKEND
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

20/09/18
VOIVOD + NIGHTRAGE
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

20/09/18
KORMAK + STILEMA + AMRAAM
LET IT BEER - ROMA

21/09/18
KARMIAN + DEMIURGON +HERCESIS
Associazione Culturale EKIDNA - SAN MARTINO SECCHIA (MO)

22/09/18
FLESHGOD APOCALYPSE + GUESTS
AFTERLIFE LIVE CLUB - PERUGIA

Phil Campbell and the Bastard Sons - Phil Campbell and the Bastard Sons
06/12/2016
( 1773 letture )
Philip Anthony Campbell, chitarrista britannico, è e sarà indissolubilmente associato al mito dei Motörhead, in quanto compagno fedele di Lemmy sin dall’album No Remorse del 1984. Oggi, come ben sappiamo, Lemmy e i Motörhead non ci sono più ed è piuttosto inutile ribadire il durissimo colpo per tutto il mondo della musica, non solo metal, che questo avvenimento ha portato. Tra le altre cose, c’era l’interrogativo sul prosieguo della carriera dei due componenti rimasti, poiché molti si sono chiesti come i due membri del gruppo avrebbero reagito a quanto accaduto e a dove e come avrebbero guardato oltre dopo questo stravolgimento esistenziale. Se il biondo batterista Mikkey Dee si è abbastanza velocemente unito agli Scorpions, in sostituzione di James Kottak impegnato a curare il proprio stato di salute, il chitarrista Philip Campbell ritorna sulle scene con un gruppo nuovo di zecca che, dopo un primissimo rodaggio con il moniker Phil Campbell All Star si è trasformato in un gruppo a “conduzione famigliare”, cambiando di conseguenza il nome della band in Phil Campbell and the Bastard Sons. Nelle file della band, infatti, ad esclusione del cantante Neil Starr, troviamo i tre figli del chitarrista, rispettivamente: Todd alla chitarra, Tyla al basso e Dane alla batteria.

Con una copertina dalla grafica chiaramente ispirata alla nota serie televisiva Sons of Anarchy, questo EP, edito dalla Motörhead Music, contiene cinque tracce di energico rock’n’roll, bilanciato da pezzi tirati e altri lenti per un prodotto di sicuro impatto in cui si manifestano ovviamente le influenze del passato, senza disdegnare però un’attitudine moderna e per niente nostalgica. Ne è la prova l’opener Big Mouth che, attraverso liriche semplici ed immediate, unite ad una struttura lineare e scorrevole, ma impreziosita da assoli taglienti, restituisce un brano in grado di portare il buon umore e di scuotere positivamente l’ascoltatore. Stesse positive sensazioni con la successiva Spiders, pezzo più cadenzato in cui il chitarrista riesce ad esprimere molto bene le proprie qualità nell’assolo centrale, ben più articolato rispetto a quello precedente. Si torna su coordinate più veloci ed aggressive con la successiva Take Aim, indubbiamente l’episodio più trascinante e rock’n’roll dei cinque, sul quale è impossibile stare fermi. Di chiara influenza Motörhead in apertura, la successiva No Turning Back che, dopo un avvio vigoroso sostenuto da un drumming energico e un cantato incalzante, subisce nella parte centrale un rallentamento poco convincente, ma che ben presto viene dimenticato grazie a un bell’assolo che riporta l’umore sulle coordinate iniziali. Chiude questo EP Life In Space, un frammento dal retrogusto leggermente southern rock grazie alla chitarra acustica e al cantato dolce e pulito di Neil Starr, elementi che generano e confezionano un brano con delle forti sfumature malinconiche e riflessive. Emozioni diametralmente opposte a quanto ascoltato precedentemente in scaletta, ma, collocato in chiusura, pone fine in maniera pacifica e rilassata a questo mini CD.

Che Phil Campbell non avrebbe appeso la chitarra al chiodo, in fondo era ben chiaro a tutti e la scelta di proseguire la propria carriera con questo progetto ci pare un’opzione da monitorare con attenzione. Cinque brani possono solo essere un assaggio delle potenzialità della band, ma, conoscendo l’eclettico chitarrista, ci pare che la scelta di uscire sul mercato con questo EP sia volta soprattutto a tornare prepotentemente on the road per macinare live shows in giro per il mondo. Come possiamo dargli torto? In fin dei conti, questo è quello che il buon Phil ha fatto nei suoi ultimi trent’anni e che probabilmente vuole continuare a fare.



VOTO RECENSORE
65
VOTO LETTORI
71.5 su 6 voti [ VOTA]
gabriele
Lunedì 19 Marzo 2018, 11.20.18
16
Li ho visti ieri sera a San Donà. Sono divertenti e hanno un buon tiro. Phil sempre preciso e puntale senza fronzoli, come tradizione motorhead. Non aggiungono nulla al panorama r'n'r metal, ma neppure tolgono. E' un piacere vedere un artista come Campbell, dopo 31 anni di motorhead, calcare ancora i palchi di piccoli club e non far mancare nula ai suoi fans, come tradizione rock insegna. Tanta energia e bravura. Un piacere averli ascoltati quasi in forma "privata", visto che c'erano solo 100 persone. Ho acquistato il mini cd autografato. Una bella serata tutta. Con un pò di nostalgia per quel sound non più riproducibile... ahi Motorhead, quanto mi mancate.
AL
Lunedì 28 Agosto 2017, 15.26.11
15
Dal vivo i pezzi rendono di più però comunque stancano alla svelta. 60 perchè è Phil Campbell.
Elluis
Giovedì 8 Dicembre 2016, 15.39.38
14
Nei prossimi giorni avrò modo di ascoltarlo, sono molto curioso...... @The King la copertina è molto simile anche a Sonic Brew dei BLS, tutte più o meno simili in stile bikers.
Fabio Rasta
Mercoledì 7 Dicembre 2016, 11.05.23
13
x yogh: non si capisce. Spiegati meglio.
yogh
Martedì 6 Dicembre 2016, 19.01.41
12
considerando il fatto che è stato anni a fianco di lemmy ,certe dichiarazioni non mi stupiscono
Fabio Rasta
Martedì 6 Dicembre 2016, 15.41.32
11
Credo che Pacino (Al???)abbia ragione. Da quel poco che so di Phil C. mi è sempre parso una persona abbastanza umile. Lemmy poi non ha mai sopportato gli sboroni, mentre invece hanno collaborato x 30 e rotti anni. Forse coi figli di mezzo... Peccato mi dite il cantante non all'altezza. Nel R'n'R il cantante è tutto. Pensa uno col fisico di un pallanuotista, bello come Paul Newman, col carisma di Jim Morrison e un uccello piccolissimo quando deve andare con una donna? Guai!!!. Di Ian Paice chissà perchè invece non stento a crederlo. Saluti!
d.r.i.
Martedì 6 Dicembre 2016, 15.15.27
10
In effetti ho letto che ha dichiarato che a parte Johnson tutto il resto è merda, figlio compreso ovviamente
Pacino
Martedì 6 Dicembre 2016, 14.52.13
9
che lo consideri male intendo.
Pacino
Martedì 6 Dicembre 2016, 14.51.05
8
questo non lo penso, volevo solo farti questa domanda...
LAMBRUSCORE
Martedì 6 Dicembre 2016, 14.42.04
7
Pacino, io ho letto un'intervista in un sito italiano, c'era scritto così, poi magari è stato interpretato male, fa niente, non è che adesso io lo consideri male, ahah, forse gli è solo scappata...
Pacino
Martedì 6 Dicembre 2016, 14.25.11
6
più paraculati lo sono al sicuro i suoi figli, ma gliel'hai sentita dire questa frase o l'hai letta? Perchè occhio che sul web girano tante fregnacce e sono messe in continuazioni parole in bocca alla gente, ma se é vero ha detto una grande cazzata senza dubbio. Il disco si fa ascoltare, la voce non mi entusiasma troppo, confermo il 65 del recensore.
LAMBRUSCORE
Martedì 6 Dicembre 2016, 11.30.14
5
Joe91, un'opinione è un conto, dire che tutto il resto è merda è un altro conto, chiudo qua la mia polemica.
Joe91
Martedì 6 Dicembre 2016, 11.11.44
4
@Lambruscore. E' la sua opinione, perchè non dovrebbe essere corretta? Comunque parlava specificatamente di artisti nuovi.
LAMBRUSCORE
Martedì 6 Dicembre 2016, 10.27.00
3
@Joe91. Lo ascolterò. Quello che non è corretto, è dire che quello lì sia l'unico valido, ma che cazzata ha sparato Campbell? Siamo seri...
Joe91
Martedì 6 Dicembre 2016, 8.52.26
2
Ho sentito il disco, e il voto mi sembra giusto. Ci fosse stata la voce di Lemmy su alcuni di quei brani il voto sarebbe salito di almeno 20 punti comunque! @Lambruscore L'hai almeno sentito questo chitarrista degno di nota? Io si, si chiama Justin Johnson e mi sta regalando delle giornate meravigliose da quanto l'ho scoperto
LAMBRUSCORE
Martedì 6 Dicembre 2016, 6.31.14
1
Non ho ancora ascoltato il disco. Dico che per me ha fatto parte di una delle più grandi band di tutti i tempi, solo che in una recente intervista l'ha sparata grossa. Ha detto che i suoi figli sono ottimi musicisti, ci può stare, mentre in giro c'è solo merda, c'è solo un chitarrista degno di nota, non ricordo il nome e non mi interessa...un'altra boiata del genere, anni fa, l'aveva sparata Ian Paice, dicendo che il futuro della musica era suo figlio...si è visto. Tutto il rispetto per i musicisti, molto meno per le loro sbruffonate...
INFORMAZIONI
2016
Motörhead Music
Heavy Rock
Tracklist
1. Big Mouth
2. Spiders
3. Take Aim
4. No Turning Back
5. Life in Space
Line Up
Neil Starr (Voce)
Phil Campbell (Chitarra)
Todd Campbell (Chitarra)
Tyla Campbell (Basso)
Dane Campbell (Batteria)
 
RECENSIONI
s.v.
65
ARTICOLI
26/03/2018
Intervista
PHIL CAMPBELL AND THE BASTARD SONS
Il rock è un affare di famiglia
20/03/2018
Live Report
PHIL CAMPBELL AND THE BASTARD SONS + GORILLA PULP
Jailbreak Live Club, Roma, 16/03/2018
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]