Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ne Obliviscaris
Urn
Demo

Rust
Rust
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
HOUSTON
III

CONCERTI

18/11/17
EXTREME NOISE TERROR + GUESTS
CSO RICOMINCIO DAL FARO - ROMA

18/11/17
HELLOWEEN
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

18/11/17
BE THE WOLF + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

18/11/17
MORTUARY DRAPE + SULFUR + PRISON OF MIRRORS
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

18/11/17
CELESTIA + IMAGO MORTIS + BLAZE OF SORROW
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

18/11/17
HAVENLOST + DISEASE ILLUSION
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

18/11/17
ANIMAE SILENTES + VORTIKA
MOLIN DE PORTEGNACH - FAVER (TN)

18/11/17
DOMINANCE + CRISALIDE
BE MOVIE - SANT'ILARIO D'ENZA (RE)

18/11/17
UNMASK + KILLING A CLOUD
TEATRO LO SPAZIO - ROMA

19/11/17
CRIPPLED BLACK PHOENIX + EARTH ELECTRIC + JONATHAN HULTEN
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

Freedom Call - Master of Light
23/12/2016
( 1429 letture )
Corrono spediti verso la doppia cifra i Freedom Call, storica band tedesca oramai sinonimo di garanzia che dopo l’ultimo apprezzato Beyond, risalente al 2014, arriva puntuale al nono album in studio: Master of Light. Mettiamo le mani avanti: siete in cerca di idee fresche, innovazione, costante ricerca ed ammodernamento del sound? Beh, in tutta probabilità non stareste nemmeno leggendo la recensione di un lavoro di questi quattro irriducibili del metallo teutonico. Ma se ciò che bramate è invece qualità, coinvolgimento totale e quel pizzico di sana spensieratezza che non guasta mai, allora state pur certi che troverete terreno fertile. Il quartetto di Norimberga, capitanato dal solito ed irrefrenabile frontman Chris Bay, prosegue con il pilota automatico inserito sul sentiero del buon “happy power” sfornando altre dodici splendide composizioni che faranno la gioia di tutti i fan della band e grosso modo di qualsiasi appassionato di musica metal, avvolta nel suo abito più “soft”, ma fatta come Dio comanda. Il disco si presenta infatti proprio come il muscoloso guerriero raffigurato sulla sua cover: sfacciato, energico ed ammiccante verso il suo pubblico.

Nemmeno il tempo di calare il dito sul tasto play e ci ritroviamo immediatamente catapultati nel mondo Freedom Call a trecentosessanta gradi. Chorus maledettamente catchy ad introdurre un vero e proprio inno all’heavy metal con un divertente videoclip a cavallo tra autocelebrazione ed autoironia che nel bene o nel male mette d’accordo tutti. Insomma, Metal Is for Everyone. Hammer of the Gods continua sulla falsa riga del suo predecessore e grazie ad una strofa ai limiti di una sigla di cartone animato rischia di spaccare subito la platea in chi getta la spugna già dopo il primo ascolto e chi invece non lo farebbe praticamente mai. Noi siamo tra i secondi. Poco da segnalare per la successiva A World Beyond, almeno per chi ha ben impressa in testa la definizione di power metal melodico, niente di più e niente di meno. Decisamente più elaborata, invece, Masters of Light, brano azzeccato che alterna momenti cadenzati su cui il singer Chris Bay si esibisce in un’interpretazione vagamente teatrale ed improvvisi strattoni farciti di cori pomposi e doppia cassa. Altro prevedibile bollino di classica produzione power su Kings Rise and Fall, che ci consegna però ad uno degli episodi più emozionanti tra i dodici in questione: Cradle of Angels. Classica semi-ballad che non può proprio non piacere, gestita da sei delicatissime corde di chitarra acustica ed esplosione di cori -è il caso di dirlo- angelici, che confezionano un refrain davvero toccante prima di un assolo tiratissimo e quindi una chiusura dal sapore romantico. Con Emerald Skies i Freedom Call si guadagnano ufficialmente l’autorizzazione per aprire una scuola di scrittura di ritornelli e dare ripetizione ad una buona percentuale dei colleghi sulla piazza, perché diciamocelo, dà quasi fastidio la naturalezza con cui questi quattro musicisti riescono costantemente a sfornare melodie a dir poco trascinanti. Discorso analogo per la seguente Hail the Legend, così come per la scanzonata e a tratti eroica Rock the Nation, mentre Ghost Ballet ci delizia con un’atipica combinata di coristica epicheggiante distesa su un tappetone di elettronica e riffing massiccio per uno dei brani più curiosi e riusciti del lotto. Chiudono il cerchio l’helloweeniana Riders in the Sky e la più sfarzosa e festaiola High Up, che non fanno calare di un millimetro l’altissima media qualitativa mantenuta in questi cinquanta minuti passati in compagnia di un gruppo che se approcciato alla giusta maniera diventa semplicemente una garanzia assoluta. Neanche a dirlo, il lavoro di Bay e compagni è ricamato da una produzione praticamente impeccabile che fa risaltare alla perfezione tutto quanto: voce, ritmica, cori, solismo. Tutto. Ogni singolo ritornello da manuale viene enfatizzato fino all’ultima sillaba e le melodie si stampano in testa con una facilità disarmante.

Niente da dire, i Freedom Call l’hanno fatto di nuovo, hanno partorito l’ennesimo lavoro che, lungi dall’essere un’opera pionieristica o dal diventare una pietra miliare del genere trattato, conferma le illimitate risorse compositive di una band in perenne spolvero e praticamente infallibile nel proprio campo d’interesse. Maestri.



VOTO RECENSORE
85
VOTO LETTORI
78 su 12 voti [ VOTA]
VALERIO
Venerdì 11 Agosto 2017, 11.02.24
12
Recentemente, in campo letterario, ha preso piede un movimento culturale chiamato citazionismo: essendo oramai la letteratura completamente inflazionata da una produzione ipertrofica a livello mondiale, ha poco senso cercare difficili originalità, ma si rende invece più interessante saper estrapolare il meglio di quanto già prodotto, citandolo in modo opportuno attraverso una rielaborazione. In campo musicale, assistiamo allo stesso identico fenomeno: la composizione è a tal punto ipertrofica che solo un ingenuo potrebbe pensare di aver composto un paio di accordi mai suonati prima sulla faccia della terra. I Freedom Call hanno perfettamente compreso questo fenomeno e, in questo album, troviamo numerose citazioni: HELLOWEEN, METALLICA, IRON MAIDEN, MANOWAR sono solo quelle più famose. L’album si apre con uno splendido e doveroso inno al metal, e già lì occorre inchinarsi alla semplice genialità di questo gruppo. I brani successivi sono di buon livello, anche se occorre riconoscere che, sul finale, si ha la sensazione di una perdita di tensione, con canzoni un po’ ripetitive e ridondanti. Nel complesso comunque un ottimo lavoro, voto 81.
Caspio
Domenica 1 Gennaio 2017, 13.35.08
11
Buon anno a tutti !!!!!! Ma' peccato capitale e' stato far terminare l' anno senza aver recensito l' ultimo monumentale album dei grandiosi " THEOCRACY " !!!!!! Spero di trovare tale recensione in questi giorni.
Bregor
Giovedì 29 Dicembre 2016, 15.01.09
10
Sonata Arctica e Freedom Call dischi dell'anno!!! Buon 2017 a tutti!🙂
Voivod
Mercoledì 28 Dicembre 2016, 9.39.52
9
E' un genere che non ascolto quasi più, ma questo album non è niente male! La copertina in effetti è ignobile...
fabio pinci
Martedì 27 Dicembre 2016, 21.49.53
8
Concordo su ogni parola; non sbagliano un colpo.
ProgMan
Sabato 24 Dicembre 2016, 17.32.22
7
Vitadatrasher sei un pappagallo 😂
Vitadathrasher
Sabato 24 Dicembre 2016, 15.04.46
6
Copertina ridicola, ma rispecchia pure la loro immagine. Musica da sette, ma non di più. Solite buone cavalcate, trite e ritrite.
Vitadathrasher
Sabato 24 Dicembre 2016, 15.04.39
5
Copertina ridicola, ma rispecchia pure la loro immagine. Musica da sette, ma non di più. Solite buone cavalcate, trite e ritrite.
Vitadathrasher
Sabato 24 Dicembre 2016, 15.04.15
4
Copertina ridicola, ma rispecchia pure la loro immagine. Musica da sette, ma non di più. Solite buone cavalcate, trite e ritrite.
Vitadathrasher
Sabato 24 Dicembre 2016, 15.04.01
3
Copertina ridicola, ma rispecchia pure la loro immagine. Musica da sette, ma non di più. Solite buone cavalcate, trite e ritrite.
xXx
Sabato 24 Dicembre 2016, 14.25.22
2
vero. copertina schifosa ma musica spettacolare. voto 87
Radamanthis
Venerdì 23 Dicembre 2016, 22.14.21
1
Questo disco ha solo una cosa brutta: la copertina! Il resto è favoloso! Voto 88
INFORMAZIONI
2016
Steamhammer/SPV
Power
Tracklist
1. Metal Is for Everyone
2. Hammer of the Gods
3. A World Beyond
4. Masters of Light
5. Kings Rise and Fall
6. Cradle of Angels
7. Emerald Skies
8. Hail the Legend
9. Ghost Ballet
10. Rock the Nation
11. Riders in the Sky
12. High Up
Line Up
Chris Bay (Voce, Chitarra)
Lars Rettkowitz (Chitarra, Cori)
Ilker Ersin (Basso, Cori)
Ramy Ali (Batteria, Cori)
 
RECENSIONI
80
79
72
75
68
68
ARTICOLI
07/06/2015
Intervista
FREEDOM CALL
Respiriamo senza vivere
17/05/2015
Live Report
SONATA ARCTICA + FREEDOM CALL + TWILIGHT FORCE
Estragon, Bologna - 11/05/15
05/01/2013
Intervista
FREEDOM CALL
Siamo una band divertente!
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]